Altre notizie dai nostri siti

Ora legale: come combattere insonnia e malumore legati al cambio

People For Planet - Lun, 04/01/2019 - 11:24

Incide anche sull’umore: dagli esperti i consigli per ridurre i disturbi e favorire un buon riposo 

Mentre il Parlamento Europeo ha approvato l’abolizione del passaggio da ora solare a ora legale, ma a partire del 2021, si è nuovamente giunti al tradizionale momento di inizio primavera che richiede lo spostamento delle lancette dell’orologio in avanti di un’ora. Si tratta di una tradizione ormai radicata e apparentemente automatica per molti, ma in realtà l’arrivo dell’ora legale porta con sé diversi effetti indesiderati: secondo Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente di Eurodap (Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico), sarebbero addirittura 7 italiani su 10 a accusare stanchezza, insonnia e cattivo umore come conseguenza del cambio d’orario.

Perché l’ora legale peggiora sonno e umore

Se aprile inizierà con il piede sbagliato in termini di umore non c’è da preoccuparsi troppo, poiché potrebbe rientrare perfettamente nella normalità. Il passaggio all’ora legale, fissato tradizionalmente per l’ultima domenica di marzo, porta un cambiamento nei ritmi biologici delle persone che può acutizzare “problemi psicofisici preesistenti e, in individui che hanno difficoltà ad addormentarsi e presentano ansia e depressione, influenza il peggioramento”, come spiega Vinciguerra. Così, da uno studio Eurodap che ha preso in esame le esperienze di oltre 600 persone tra 18 e 67 anni, è emerso che il 70% degli italiani intervistati soffre di insonnia in seguito allo spostamento delle lancette, il 76% percepisce un peggioramento della produttività sul lavoro e accusa sbalzi di umore, mentre addirittura 9 su 10 l’arrivo dell’ora legale ha un effetto negativo sul proprio stato psicofisico.

I consigli per sentirsi meglio

Non basterebbe dunque la prospettiva di godersi un po’ di luce in più per evitare quei problemi del sonno che, inevitabilmente, agiscono poi anche sull’umore, peggiorandolo. Tuttavia, una volta trovata una stabilità, l’ora legale può avere anche effetti positivi poiché come spiega Elena Iacobelli, vicepresidente Eurodap, la maggiore esposizione alla luce aiuta ad aumentare i livelli di serotonina, che “ci rasserena e migliora il sonno, fondamentale per la nostra vita”. Per ridurre al minimo i disturbi legati al cambio d’orario, quindi, gli esperti consigliano di dormire in ambienti adatti, senza rumori, evitando inoltre l’assunzione di eccitanti prima del sonno ma anche l’utilizzo notturno di smartphone e tablet, che inibendo la produzione di melatonina a causa della luce degli schermi potrebbero peggiorare la qualità del riposo. 

FONTE: SKYTG24.IT

Categorie: Altri blog

Troppe leggi per essere violate

People For Planet - Lun, 04/01/2019 - 07:54

Millecinquecento anni dopo Winston Churchill tuonava: «Se esistono diecimila norme si distrugge ogni rispetto per la legge».

Semplificandovela: la legge e la giustizia possono essere parenti che non si parlano nemmeno a tavola, fare leggi non vuol dire farle rispettare.

Perdonatemi l’excursus storico ma era doveroso perché oggi, nel XXI secolo, assistiamo, come stessimo fissi a guardare un notiziario h24, allo spettacolo della giurisprudenza e della legislazione  che insieme definiscono (da un ventennio a questa parte) un complesso di regole internazionali che dovrebbero aiutare a evitare la mala gestione delle imprese, soprattutto se rivestono un carattere di utilità pubblica. Soprattutto se sono banche, soprattutto se appartengono al magico mondo della finanza, abitato da quegli squali che come Bianconigli conoscono ogni tipo di scappatoia. Sono davvero cosi furbi oppure gli è permesso?

La delicatezza del ruolo delle banche, per gli effetti che queste hanno sugli andamenti dell’economia, ha determinato negli ultimi anni la più alta produzione della storia di norme e adempimenti, che riguardano specificatamente i cda e i collegi sindacali.

Le norme, oggi, disciplinano quasi tutto: criteri di onorabilità e professionalità che i membri degli organi devono possedere, modalità di nomina degli amministratori, i compiti che gli organi possono o non possono assumersi, modalità di lavoro interne, gestione del confitto d’interessi, criteri di determinazione delle remunerazioni, organizzazione dei sistemi di controllo.

Hanno normato anche il modo in cui dall’interno di una banca si può denunciare, la gestione dei whistlerblower.

Risultato? Pare che non funzioni molto. Probabilmente la storia insegna più di quanto si creda e la cronaca mi è alleata mentre batto queste parole.

Gli squali, i Bianconigli di cui sopra, seguono le loro strade andando di porticine in porticine e nessuno li vede, nessuno ne parla realmente, nessuno ne parla prima che siano già scappati.

Nonostante i tanti vincoli (formali) sulle modalità di governo delle stesse, dobbiamo rilevare poi che ci sono pochi limiti agli investimenti o alle scelte strategiche delle banche

Non è assolutamente vietato alle banche proporre derivati speculativi e nemmeno viene limitato il loro uso in proporzione ad altri strumenti. Non è assolutamente vietato effettuare finanziamenti a realtà collegate agli esponenti aziendali apicali.

Nella pratica questa bizzarra modalità genera due conseguenze negative: da un lato il blocco di qualsiasi innovazione (anche se positiva per la gestione della banca) per la paura di assumersi responsabilità e dall’altro la pratica di “addomesticare” le procedure in modo che siano formalmente corrette ma che, allo stesso tempo, consentano di fare operazioni potenzialmente pericolose.

La violazione delle norme da parte delle banche non risulta così difficile da compiere nel breve periodo e soprattutto si può avere la speranza (come nel gioco d’azzardo) di riuscire a rimettere a posto le cose prima che qualcuno se ne accorga.

Le multe sono viste come un costo associato alle attività di business. Non vanno al cuore del problema e non sono efficaci nel far cambiare i comportamenti perché rimangono in atto forti incentivi a perseguire le stesse pratiche. Gran parte delle sanzioni finiscono poi nelle casse del tesoro e solo una piccola percentuale (5%) viene riconosciuta alle vittime delle frodi.

Vi è infine un altro fatto tecnico che ci fa capire perché le prassi di “cattivo governo” siano frequenti e resistenti. La vigilanza interviene soprattutto quando i fatti sono già accaduti: in pratica quando i buoi stanno già scappando dalla stalla (attraverso le porticine).

Se fai una legge e ciò che vuoi proibire non è affatto proibito, devi prenderne atto, devi studiare nuove modalità di controllo, altrimenti dipendi da loro (quelli che vuoi punire). La mano che dà è al di sopra di quella che riceve. Lo diceva già Napoleone: «I finanzieri non hanno patriottismo né decenza, il loro unico obiettivo è il profitto».

Innanzitutto, come già vi dicevo, bisogna agire quando hanno le mani nel sacco. Più che norme c’è bisogno di tempestività, magari innalzando le soglie di attenzione sui segnali che il mercato ci invia (vedi caso Banca Popolare di Bari) e utilizzando maggiormente altri parametri di controllo come la qualità del credito, la onorabilità degli amministratori e i compensi degli stessi.

Gli amministratori, questi devono essere indipendenti e per esserlo devono essere scelti non come lista di minoranza artificialmente costruita ma con call “pubbliche”.

Continuando, il sistema di allerta e di vigilanza deve essere più chiaro e meno formale in situazioni critiche, essere in grado di non dare autorizzazioni a emissioni di strumenti finanziari in situazioni di criticità aziendali, di seguire il modello della Sec statunitense, di mettere in atto obblighi formativi per i consiglieri non solo sui temi tecnico finanziari.

Arrivo, dunque, all’etica: elemento mancante. L’etica non si può controllare mi direte, stabilire un sistema morale è immorale, non possiamo far nascere una psicopolizia. Tutto vero, ma possiamo diversificare le competenze all’interno degli organi collegiali, ammettere esponenti con conoscenza di altri settori. Essere differenti vuol dire essere liberi, liberi dal mondo in cui non si è cresciuti, garantire una sana dialettica. Possiamo immaginare che a formare l’onorabilità degli amministratori ci siano anche esperienze di volontariato e/o filantropiche. Potremmo allargare la conoscenza relazionale dei consiglieri: chi li propone, chi li elegge, le loro storie.

Portare la finanza più vicina ai cittadini, consentire un controllo dal basso, allargare la conoscenza del modo di operare di una banca ai soci.

Per chiudere, al di là di eventuali scelte di tipo normativo bisognerebbe permettere semplicemente più facile fare la cosa giusta e più difficile quella sbagliata.

Più che di legislazione vigente abbiamo bisogno di una legge del senso comune, una crescita socio-culturale.

Categorie: Altri blog

Proroga agli incentivi per gli impianti a biogas per aziende agricole o allevamenti

People For Planet - Dom, 03/31/2019 - 15:27

Una proroga per 2 anni, per questo tipo di alimentazione, mentre sono state prorogate di un anno (fino al 31 dicembre 2019) le detrazioni sull’efficienza energetica e quelle del 50% sulle ristrutturazioni edilizie.

L’incentivo per il biogas coinvolge gli impianti con potenza elettrica non superiore a 300 kW, i quali potranno continuare ad accedere agli incentivi secondo le “vecchie” procedure, modalità e tariffe previste dal DM 23 giugno 2016.

Questi impianti, oltre al requisito indicato di potenza elettrica massima, devono “far parte del ciclo produttivo di un’impresa agricola o di un allevamento, realizzati da imprenditori agricoli anche in forma consortile, e la cui alimentazione deriva per almeno l’80% da reflui e materie derivanti dalle aziende agricole realizzatrici e per il restante 20% da loro colture di secondo raccolto (…)”.

L’accesso agli incentivi, inoltre, “è condizionato all’autoconsumo in sito dell’energia”.

In sintesi sono ammissibili i finanziamenti se

  • La potenza massima dell’impianto è pari a 300 kW.
  • Il soggetto responsabile proponente dell’iniziativa deve essere un imprenditore agricolo o un consorzio d’imprenditori agricoli.
  • L’impianto deve essere alimentato per 80% da reflui e/o sottoprodotti provenienti da attività di allevamento e per il 20% da culture di secondo raccolto.
  • L’energia prodotta deve essere consumata in sito.

Tutto ciò sarà applicabile fino all’emanazione del futuro decreto di incentivazione sulle rinnovabili elettriche (“Decreto FER 2”), che comprenderà le fonti escluse dal “Decreto FER 1”. Questa proroga servirà dunque da “ponte” fino alla pubblicazione del decreto FER2 che regolamenterà per almeno un biennio il regime incentivante per gli impianti di produzione da fonte rinnovabile con tecnologie non mature, innovative o suscettibili di innovazione, ovvero significativamente costose e che comprenderà anche il biogas.

L’ammissione agli incentivi potrà avvenire tramite accesso diretto oppure tramite registro, nel limite di un costo annuo di 25 milioni di euro. Il primo bando sarà pubblicato, a strettissimo giro, entro il 31 marzo 2019

Il GSE, Gestore Servizio Elettrico nazionale, formerà la graduatoria delle domande iscritte a registro nel suo sito internet, secondo  criteri  predefiniti di priorità.

Questa misura andrà a sostenere le iniziative relative ai piccoli impianti, mentre  per gli impianti di medie, grosse dimensioni, con il DM 2 Marzo 2018, il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha attivato un altro sistema incentivante per la produzione di biometano e biocarburanti.

Entro un anno dalla data di entrata in esercizio dell’impianto, il produttore deve procedere con la registrazione sul portale e l’attivazione della procedura che consentirà il riconoscimento della qualifica relativa all’impianto mediante portale dedicato sul sito del GSE.

Entro 120 giorni dalla data di ricevimento dell’istanza, il GSE valuterà la domanda e determinerà il quantitativo di CIC (certificati di immissione in consumo di biocarburanti) rilasciabili, mensilmente, in funzione dei dati tecnici dichiarati nell’istanza.

Per quanto riguarda gli impianti di biogas esistenti c’è la possibilità di convertire il sistema a Biometano destinando parte o tutta la produzione di gas e beneficiando degli incentivi previsti dal suddetto decreto. E’ possibile inoltre mantenere anche quota parta di incentivo sull’energia elettrica prodotta.

Gli incentivi sono destinati ad impianti che entrano in esercizio entro il 31 dicembre 2022, per un periodo massimo di 10 anni dalla data di decorrenza dell’incentivo.

Il prezzo del CIC, previsto per il biometano avanzato immesso nella rete, corrisponderà a quello medio ponderato con le quantità, registrato sul mercato a pronti del gas naturale (MP-GAS) gestito dal GME nel mese di cessione ridotto del 5%. Per quanto riguarda i biocarburanti avanzati diversi dal biometano, Il GSE riconosce il valore dei corrispondenti CIC attribuendo a ciascun certificato un valore pari a 375 euro a certificato per la quantità massima annua.

Fonti:

http://www.nextville.it/approfondimenti/153

Incentivi Biometano e Biocarburante DM 2 marzo 2018
Categorie: Altri blog

Quei pirati dell’Amistad

People For Planet - Dom, 03/31/2019 - 10:00

Questa storia inizia nel 1839, quando dei cacciatori di schiavi catturano centinaia di africani nella terra dei Mende, l’attuale Sierra Leone, costa nord-occidentale dell’Africa. I prigionieri vengono inviati all’Avana, a Cuba, per essere venduti come schiavi. Due proprietari di piantagioni di canna da zucchero, Don Jose Ruiz e Don Pedro Montez, ne comprano cinquantatré, quarantanove maschi adulti e quattro bambini, di cui tre femmine e un maschio. Il 26 giugno i prigionieri vengono trasportati sulla goletta “Amistad”, un due alberi battente bandiera spagnola, con destinazione Porto Principe a Cuba. La “Amistad” non era una nave negriera e, se possibile, le condizioni in cui vengono tenuti i prigionieri sono ancora peggiori.

Qualche giorno dopo la partenza, Sengbe Pieh, un uomo Mende di 25 anni, che in seguito verrà chiamato Joseph Cinque, riuscì a liberarsi e a liberare gli altri. Presero il controllo della goletta uccidendo il capitano e il cuoco e ordinarono a Ruiz e Montez di dirigersi a est, verso l’Africa. Due membri dell’equipaggio riuscirono a calarsi su una scialuppa e a fuggire, raggiungendo poi l’Avana e dando l’allarme. Ruiz e Montez fecero finta di obbedire, ma navigavano verso est solo di giorno, e di notte verso nord-ovest, prima nei Caraibi e poi verso la costa orientale degli Stati Uniti. La navigazione durò settimane. Il 24 agosto 1839, il brigantino statunitense “Washington” intercettò la nave al largo di Long Island, New York. Pieh e i suoi compagni fuggirono dalla nave, ma furono catturati a terra e poi portati in prigione a New Haven, nel Connecticut, dove la schiavitù era ancora tecnicamente legale, con l’accusa di omicidio e pirateria.

CONTINUA SU COMUNE-INFO.NET

Categorie: Altri blog

5 perle direttamente dal Congresso di Verona

People For Planet - Sab, 03/30/2019 - 23:24

La XIII° edizione del World Congress of Families, il Congresso a Verona, sta regalandoci perle di rara e impensabile umanità nonché spunti di riflessione. Eccone 5, a futura memoria di queste giornate, giunte al termine, infine.

RISORSA LEGHISTA A PIEDE LIBERO

Verona, centro città. Un uomo, in evidente stato di alterazione, forse da sé stesso, prima acclama il segretario della Lega, poi applaude e urla “MATTEO SALVINI UNO DI NOOOOI”, poi aggredisce verbalmente gli omosessuali, poi cerca lo scontro con una donna che si identifica come agente della Polizia che cerca di riportarlo alla calma, inutilmente, infine, prima di essere allontanato da alcuni uomini che intervengono, urla alla poliziotta “cogliona”. Un capolavoro di decadenza intellettiva e umana condensato in pochi minuti, il tempo di farci un video, che si può vedere cliccando qui.

ADINOLFI TORNA, CI MANCHI

Tutti parlano dello scontro tra Mario Adinolfi e la figlia, ma la vera notizia è che Adinolfi ha fatto la cosa meno adinolfiana che potesse fare, ha infatti bollato il congresso di Verona come una manfrina politica di stampo salviniano meloniano, e ha invitato Salvini, Meloni & friends a smettere “di giocare ai generali” ma di andare a firmare il reddito di maternità. Il cattolicissimo e polemico Adinolfi da tempo preme per approvare il reddito di maternità, e per questo ha ricevuto il plauso di  Barbara Alberti, Vladimir Luxuria, il vescovo di Viterbo Lino Fumagalli, ma non di Pillon. Già perché l’organizzatore della XIII° edizione del World Congress of Families (Wcf), Pillon, colui che invita le donne a fare figli e a dedicarsi alla casa, è contrario al reddito di maternità. Come se non bastasse, Pillon ci fa pure rimpiangere Adinolfi. Che pazzo mondo.

 ‘A FAMMIGGHIA SPACCA-GOVERNO

“A Verona ci sono i ‘fanatici’ che affrontano il tema della famiglia con l’odio verso il prossimo e la discriminazione”, dice Luigi Di Maio. “Se parlare di mamme e papà vuol dire essere sfigati, io sono orgoglioso di esserlo. Odio? Sì fuori c’è odio. Di Maio sbaglia piazza”, replica Matteo Salvini, e rilancia, stavolta su un tema davvero importante e politico: le adozioni internazionali. Vincenzo Spadafora e Giuseppe Conte “devono fare di più”, affonda Salvini, che evidentemente ha dimenticato che la delega alle adozioni internazionali è in capo al ministro leghista Lorenzo Fontana. Tangibile l’irritazione di Palazzo Chigi, che risponde: “Il presidente del Consiglio ha solo mantenuto  le funzioni di presidente della Commissione per le adozioni internazionali (…) Spetta quindi a Fontana adoperarsi, come chiesto da Salvini, per rendere le adozioni più veloci e dare risposta alle 30.000 famiglie che aspettano”. Quando si dice un governo unito, in cui si respira aria di casa, di famiglia.

CANCRO AL SENO, RIPARTIRE DALLE BASI: UNA LAUREA IN LETTERE, SUBITO

“Se non avete figli avete un rischio parecchio più alto di cancro al seno”. Così Babette Francis, fondatrice dell’organizzazione pro-life Endeavour Forum e relatrice a Verona. La frase ripresa dai giornali però è stata pronunciata nel 2016, in una conferenza a Tbilisi, in Georgia, non a Verona. La dichiarazione è stata comunque pubblicata da TPI con il titolo “Il cancro colpisce le donne che non fanno figli” e ha subito fatto discutere, dando il gancio al Congresso di Verona che immediatamente hanno pubblicato via Facebook:

“Siamo lieti di comunicarvi che la frase è scientificamente provata. Di questo studio, condotto su più di 300mila donne, ne parlarono anche le testate italiane nel 2015 quando fu pubblicato”.

Con ogni evidenza i social media manager del Congresso di Verona non afferrano la differenza tra una frase del tipo “il tumore colpisce chi non ha figli” e la “riduzione dell’incidenza” di tumore al seno fra le donne che hanno avuto una gravidanza in giovane età. Riduzione, per altro, POSSIBILE, non “scientificamente provata”, come spiega il professor Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Umberto Veronesi e direttore della Senologia Chirurgica presso l’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) di Milano, in questo video. Pietà, qualcuno regali a questi social media manager una laurea in lettere, anche in Albania, va benissimo.

PASTA DEL CAPITANO

La curiosità, si sa, è donna, e chi scrive si chiede: finito l’intervento al congresso, con chi avrà mangiato la pasta il capitano? Sui social, nessuna prova indiziaria, nessuna foto di pastasciutte sbrodolanti mal impiattate. Con chi avrà cenato e discusso di famiglia sabato sera? Con la prima moglie e il primo figlio? Con la seconda compagna e la seconda figlia? Con l’ex Isoardi? Con la figlia di Verdini?

La foto di copertina è di Margherita Aina e riprende un momento della manifestazione trasfemminista di sabato 30 a Verona

Categorie: Altri blog

Il Parlamento Europeo vota lo stop alla plastica usa e getta

People For Planet - Sab, 03/30/2019 - 14:58

Il Parlamento ha da poco approvato in via definitiva una nuova legge che vieta l’uso di articoli in plastica monouso come piatti, posate, cannucce e bastoncini cotonati, introduce nuove responsabilità per i produttori e pone degli obiettivi di riciclo agli Stati Membri.

La direttiva è stata approvata con 560 voti favorevoli, 35 contrari e 28 astensioni. Il testo, che è ora in attesa della lettura del Consiglio Europeo, prevede alcune norme molto chiare riguardo ai prodotti in plastica.

I prodotti vietati

Dal 2021 saranno vietati: posate e piatti di plastica monouso (forchette, coltelli, cucchiai e bacchette); cannucce di plastica; bastoncini di plastica per palloncini; contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso; plastiche ossi-degradabili (cioè quelle che si degradano polverizzandosi a contatto con determinati elementi, ma che non si biodegradano completamente perchè non sono fatti di materiale di provenienza vegetale). Infine, saranno vietati i bastoncini cotonati (cotton-fioc) fatti di plastica. Quest’ultimo è un divieto che in Italia è già in vigore dal 1 gennaio di quest’anno 2019, e che abbiamo adottato per primi in tutta l’Unione.

Nuovi obiettivi di raccolta e riciclaggio

La legge fissa anche nuove soglie da raggiungere per la raccolta dei rifiuti in plastica e per il loro riciclaggio: entro il 2029 gli Stati dovranno raccogliere per il riciclo il 90% delle bottiglie di plastica. Inoltre le bottiglie dovranno avere almeno il 25% di contenuto riciclato entro il 2025 e il 30% entro il 2030.

“Chi inquina paga”: maggiore responsabilità per i produttori

L’accordo rafforza anche l’applicazione del principio della “responsabilità estesa del produttore”, che tradotto in soldoni significachi inquina paga”, uno dei pilastri della strategia europea sull’Economia Circolare, e che già si applica su alcuni prodotti come i rifiuti elettronici (RAEE).

Significa sostanzialmente che coloro che producono oggetti che hanno un forte impatto ambientale contribuiscano a studiare soluzioni per renderli sempre più riciclabili o riutilizzabili e che si facciano carico, già dall’inizio, dei costi dello smaltimento futuro che questi avranno.

Queste azioni dovranno anche comprendere attività di sensibilizzazione e di informazione del pubblico sulla pericolosità di disperdere i prodotti nell’ambiente, pericolo che dovrà essere anche chiaramente indicato in etichetta.

Questo nuovo regime si applicherà ad esempio anche ai filtri di sigaretta e agli attrezzi da pesca persi in mare, per garantire che i produttori sostengano i costi della raccolta.

La relatrice del provvedimento Frédérique Ries (del gruppo liberale ALDE), ha dichiarato: «Questa legislazione ridurrà il danno ambientale di 22 miliardi di euro, il costo stimato dell’inquinamento da plastica in Europa fino al 2030. L’Europa dispone ora di un modello legislativo da difendere e promuovere a livello internazionale, data la natura globale del problema dell’inquinamento marino causato dalle materie plastiche. Ciò è essenziale per il pianeta.»

Secondo la Commissione europea, oltre l’80% dei rifiuti marini è costituito da plastica. I prodotti coperti da questa legge costituiscono il 70% di tutti i rifiuti marini e si spera di poter vedere presto i primi risultati.
Se volete leggere direttamente la direttiva, che è tradotta anche in Italiano, la trovate qui, pubblicata sul sito del Parlamento Europeo.

Categorie: Altri blog

Lagane e ceci

CuoreBasilicata - Sab, 03/30/2019 - 13:13
Livello di difficoltà: BASSOCosto: BASSOTipologia: PRIMI PIATTI, RICETTE TRADIZIONALIINGREDIENTI

Per la pasta:

  • 500 g di farina 00
  • 3 uova
  • sale q.b.
  • acqua q.b.

Per il condimento:

  • 200 g di ceci secchi
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 foglia di alloro (facoltativo)
  • peperoncino macinato q.b.
  • 1 cucchiaio di polvere di peperone “crusco” dolce
  • 6-7 pomodorini
  • sale q.b.
PREPARAZIONE

Disponete a fontana la farina, aggiungendo un pizzico di sale e dell’acqua quanto basta. Lavorate la pasta fino a renderla liscia ed elastica. Aiutandovi con un matterello, stendete la pasta in una sfoglia piuttosto sottile. Lasciate asciugare la sfoglia per circa 10 minuti.

Tagliate poi la pasta a strisce larghe circa 2-3 cm in modo da formare le vostre lagane.

Dopodiché cuocete i ceci (precedentemente messi in ammollo per 12 ore) e mettete da parte un po’ dell’acqua di cottura.

Cuocete la pasta e, a cottura ultimata, scolatela.

Versate dell’olio in una padella e mettetevi a soffriggere l’aglio, l’alloro, il peperoncino, la polvere di peperone e i pomodorini spezzettati. Aggiungete nella padella con il soffritto le lagane e i ceci cotti, insieme ad un mestolo di acqua di cottura. Fate cuocere ed insaporire per qualche minuto. Amalgamate per bene e servite caldo.

CURIOSITÀ

È un piatto tipico della Basilicata, diffuso in questa regione già al tempo della dominazione romana. Infatti il poeta Orazio, nato a Venosa nel 65 a.C., scrive nelle sue Satire: “inde domum me ad porri et ciceris refero laganique catinum” (quindi mi ritiro in casa, al mio piatto di porri, ceci e lagane).

Categorie: Altri blog

Italia Sicilia Gela – sogni, speranze e contraddizioni.

Gela Le Radici del Futuro - Sab, 03/30/2019 - 12:08

Devo ammetterlo: ieri sera avevo un po’ di timore. Ho partecipato alla premiére della web series Italia Sicilia Gela tenutasi al Teatro Eschilo. Un progetto realizzato da Jacopo Fo srl, che ha ricevuto il sostegno di Eni, patrocinao del Comune di Gela. Sette episodi, sette personaggi che raccontano la vita in città e si raccontano. Prossimamente sarà disponibile sul sito di Gela: Le radici del futuro. A presentare vi è proprio Jacopo Fo, che accenna a quanto non sia stato semplice selezionare i protagonisti.

Da una prima visione del trailer ero abbastanza convinta si trattasse di un prodotto dal taglio qualitativamente azzeccato in termini di regia, montaggio, audio e fotografia.

Il clima emotivo che ha sempre inondato Gela non è mai stato dei più miti. Spesso l’atmosfera si è mostrata turbolenta e incostante. Quello che infatti speravo era che non si trattasse di un tentativo disperato di riabilitare la reputazione di questo territorio attraverso racconti stucchevoli e, per certi versi, ipocriti. Temevo di ritrovarmi di fronte a una serie di sviolinate al mare e di commenti sul perché non bisognerebbe mai lasciare questa città di sole, cuore, amore, per poi essere smentiti dalla realtà dei fatti precedenti e successivi alle riprese di questa docu-serie.

Ma fortunatamente, il regista Iacopo Patierno è stato bravo nel deludere le mie non troppo alte aspettative, tanto che adesso posso permettermi di recensirla.

Se avessi delle competenze registiche e dovessi girare un film sul mio luogo d’origine, cercherei di darvi un taglio malinconico e al contempo di speranza, concentrandomi sui sogni e i conflitti personali dei vari personaggi. Italia Sicilia Gela sposa su vari punti questa mia visione.

Con nonchalance, già dal primo episodio l’attenzione è posta sui personaggi che raccontano di sé, accennano alle loro vite e descrivono i sentimenti (spesso contrastanti) che nutrono per la città. Senza mai andare troppo oltre, in circa venti minuti ad episodio, si cerca di cogliere l’essenziale, cercando di offrire qualche pillola di ottimismo, ma senza tralasciare le problematiche che attanagliano Gela e si insidiano in chi la vive. Traspare in qualche modo anche una bellezza collaterale, che non risulta mai sfacciata. Un profondo dissidio interiore è il sentimento che s’impossessa del cuore e dell’animo di moltissimi gelesi.

Sette persone comuni cercano di descrivere con leggerezza questa realtà, e tra questi vi è gente che si è spesa in prima persona e ne ha viste di cotte e di crude. Si chiede loro di descrivere la città come una persona. Gela è come una mamma che ti abbraccia e ti protegge. Come un fidanzato che ami ma con cui hai un rapporto conflittuale. Come una ragazza che cerca la sua strada. E non solo.

Si chiede ai protagonisti di confessare i propri sogni, e mi stupisce sentire esprimere anche i desideri più ingenui.

La narrazione è un crescendo per lo spettatore, la cui attenzione aumenta al proseguire degli episodi. Non tutte gli aspetti negativi vengono citati, ma non ce n’è bisogno, basta semplicemente sottintenderli. La chicca sono le rare immagini d’archivio che ci mostrano i bagni di sangue degli anni più bui e violenti, quando la mafia sembrava dominare tiranna. Ed è qui che ci ricordiamo d’un tratto che abbiamo superato tempi ben peggiori in cui i morti per strada non facevano più notizia. Gela avrebbe ancora il potenziale per migliorare, se solo gli abitanti volessero migliorare sé stessi.

Infine, ci ricorda l’importanza del sorriso di un bambino, perché ai bambini bastano i loro occhi per colorare le mura spoglie che li circondano.

fonte articolo: cosenostrenews.it

L'articolo Italia Sicilia Gela – sogni, speranze e contraddizioni. proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Legittima difesa, cosa cambia?

People For Planet - Sab, 03/30/2019 - 11:00

A Otto e mezzo, programma di Lilly Gruber e Paolo Pagliaro su La 7 si parla del Decreto Sicurezza

Categorie: Altri blog

Italia Sicilia Gela’, web serie prodotta da Jacopo Fo

Gela Le Radici del Futuro - Sab, 03/30/2019 - 09:23

A via la prima di “Italia Sicilia Gela”, la web serie diretta dal giovane regista campano Iacopo Patierno prodotta da Jacopo Fo nell’ambito del progetto “Gela le radici del futuro”.
Il battesimo ufficiale si è tenuto al teatro Eschilo della cittadina nissena. Dopo la proiezione, un talk tra pubblico e protagonisti ha chiuso la serata.
La web serie è stata realizzata grazie al contributo di Eni e ha come mission quella di raccontare una Gela diversa da quella dell’immaginario collettivo.

La web serie, che si articolerà in tre stagioni da sette episodi ciascuna, ruota attorno a storie di uomini e donne, che ciascuno nel loro campo, stanno contribuendo a diffondere un’immagine diversa della cittadina nissena. Il format è quello delle interviste nelle quali ciascuno racconta la propria esperienza.
Nella prima stagione, che sarà disponibile sul web a partire dal prossimo mese di aprile, si raccontano le storie di un giovane sacerdote che per volontà di Papa Francesco apre a Gela la “casa della Misericordia”, un centro al servizio dei meno abbienti.

Fonte Articolo: adnkronos.com

L'articolo Italia Sicilia Gela’, web serie prodotta da Jacopo Fo proviene da Gela Le radici del Futuro.

Categorie: Altri blog

Le cose di cui avrei avuto bisogno per la mia famiglia

People For Planet - Sab, 03/30/2019 - 09:00

La mia famiglia è composta da un amato compagno di vita, un figlio piccolo e una gatta grassoccia, oltre ad alcuni meravigliosi amici.
Non siamo sposati, lavoriamo tutti e due, nostro figlio va alla scuola materna. Probabilmente di figli ne avremmo fatti volentieri più di uno, se fossimo stati in condizioni economiche migliori.

Le cose di cui avrei avuto bisogno, se mi avessero chiesto, sono semplici:

Un congedo di maternità decente, possibilmente più lungo, sicuramente non decurtato al 30%. A me è andata bene perché ho un datore di lavoro davvero invidiabile, ma per tutte ci vorrebbe la possibilità di scegliere, senza essere ricattate, senza il rischio di perdere il lavoro. Servirebbe, per tutti i padri, anche un congedo di paternità umano, non di quindici ridicoli giorni.
Un contributo economico decente per le spese indispensabili. Per esempio pannolini non tassati al 22% come i diamanti (Edit, avevo scritto tartufi in origine, ma giustamente mi fanno notare che loro sono tassati al 5%), magari una fornitura di pannolini lavabili, che aiuterebbero anche l’ambiente.
Un numero congruo di asili nido, prezzi decenti, una certa flessibilità nella scelta.
Un’assistenza più umana anche dopo il parto, per esempio con delle visite a domicilio, anche a prezzi agevolati, per consigli sul benessere della madre, sull’allattamento, sulle tante domande dei primi giorni.
– Per tutte ci vorrebbero la possibilità di tornare al lavoro a tempo parziale se così si desidera, un aiuto economico concreto se si preferisce liberamente restare a casa per curare i figli, una maggiore semplicità nel reperire le informazioni su quello cui si ha diritto e su come si può ricevere aiuto. 
Non apro nemmeno il capitolo dei genitori con figli disabili, perché so che la situazione è piuttosto drammatica.

Le cose di cui non ho mai sentito il bisogno, per aiutare la mia famiglia, sono ugualmente semplici:

– Non mi serve e non mi aggiunge niente negare ad altri tipi di coppie gli stessi diritti, che siano persone sposate in chiesa, coppie omosessuali, madri o padri single, famiglie arcobaleno. 
– Non desidero una piccola mancia per aver fatto il mio ‘lavoro’ di madre per la patria, né mi interessa un ‘reddito di maternità purché me ne stia a casa’. Quello che mi serve è poter scegliere se, come e quando avere figli, e poterlo fare senza andare in rovina, perdere il lavoro o essere costretta a parcheggiare mio figlio in un asilo per dodici ore perché devo per forza lavorare per vivere.
– Non mi serve negare il diritto di tutte le donne alla loro autodeterminazione. Se una donna decide di abortire deve poterlo fare in sicurezza, secondo le leggi di uno stato laico, con medici non obiettori, senza ramanzine, predicozzi e giudizi morali. Se una donna decide di avere dieci figli o decide di non averne nessuno, è e rimane una questione sua. Se una donna ha delle difficoltà ad avere figli e ne vorrebbe, dovrebbe poter essere assistita in un percorso medico, senza spenderci i risparmi di una vita. Se una famiglia, qualunque sia la sua composizione, desidera adottare dei figli ed è idonea a farlo, dovrebbe poterlo fare senza le assurde tempistiche, i costi apocalittici e le difficoltà che ci sono ora.

Vedete, sarebbe stato semplice pensare alla famiglia in maniera normale. Un partito di sinistra, se esistesse, ci farebbe le barricate, per aiutare chi nonostante tutto, incredibilmente, tra milioni di difficoltà e in un tripudio di giudizi altrui non richiesti, decide di far nascere nuove vite e di prendersi cura degli uomini e delle donne di domani.
Sarebbe stato semplice, ma in Italia il battaglione della destra riconosce un’unica famiglia, bianca, italiana, cattolica, sposata, eterosessuale. Non fa niente nemmeno per lei, ma in compenso si affanna a negare diritti a tutte le altre, e per farlo meglio si riunisce insieme ai peggio oscurantisti mondiali e alle altezze reali. Un partito di sinistra normale, d’altro canto, in Italia non esiste.

Grazie a Paola Ronco per averci concesso di pubblicare il suo post che potete vedere in orIginale QUI

Categorie: Altri blog

Clima, Ocasio-Cortez scuote i deputati: “Tema elitario? Ditelo a chi muore avvelenato”

People For Planet - Sab, 03/30/2019 - 09:00

Non ha passato neppure il voto procedurale al Senato Usa il ‘Green New Deal’, risoluzione sospinta dalla giovane deputata democratica Alexandria Ocasio-Cortez per rendere ‘verde’ l’economia Usa e combattere il cambiamento climatico.

Intervendendo in aula, la deputata ha puntato il dito contro chi mette banche e compagnie petrolifere davanti alla salute dei cittadini: il suo discorso accorato, che partendo dai problemi ambientali arriva alle disuguaglianze sociali e al modo in cui queste vengono affrontate dalla politica, è diventato virale sui social media.

”Un anno fa ero una cameriera in un ristorante di tacos, da un mese ho avuto la mia prima assicurazione sanitaria”, ha spiegato. ”Voi dite che i problemi climatici sono elitari, ma pensate che siano elitari anche i bambini con rare forme d’asma del South Bronx? O i bambini di Flint, con il piombo nel sangue?”, ha detto, riferendosi a una delle città più contaminate del Midwest americano.

Nata nel Bronx da una famiglia di migranti portoricana, Alexandria Ocasio ha 29 anni ed è la più giovane dei rappresentanti democratici al Congresso.

FONTE: REPUBBLICA.IT

Categorie: Altri blog

Legittima difesa, ecco la nuova legge in cinque punti

People For Planet - Ven, 03/29/2019 - 17:00

Via libera definitivo alla legittima difesa, che dopo l’approvazione alla Camera ha avuto anche il via libera dal Senato. Provvedimento bandiera della Lega, il testo, redatto in 9 punti, non riguarda solo la nuova formulazione dell’articolo 52 del codice penale, che regola, appunto, la legittima difesa, ma prende in esame anche i reati contro il patrimonio e il delitto di violazione di domicilio, inasprendo le pene previste. Vediamo cosa cambia nello specifico.

CONTINUA SU ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Categorie: Altri blog

Un Congresso contro le donne

People For Planet - Ven, 03/29/2019 - 15:35

Ci sono molte cose da dire per spiegare il Congresso Mondiale delle Famiglie, al via oggi a Verona, Italia. Qui trovate anche un sunto della storia delle organizzazioni, dei partiti politici e degli Stati che storicamente appoggiano questo movimento internazionale. Due aspetti tuttavia di questo congresso rappresentano il cuore del discorso, e caso vuole che siano anche gli aspetti che conosco meglio: il femminismo e la comunicazione.

Il Congresso è il tentativo di abbassare o magari annullare i diritti e le libertà delle donne, che da sempre fanno sentire minacciata una certa tipologia d’uomo. Purtroppo in genere una tipologia d’uomo potente, politicamente ed economicamente. I loro tentativi trovano conferma e sostegno nelle persone perché viviamo in società patriarcali, quelle in cui siamo cresciuti con un’idea netta sulla divisione dei ruoli, senza tener conto delle infinite sfumature che invece caratterizzano l’essere umano. Lo vediamo ovunque: nelle pubblicità, nelle sit-com, nei programmi tv, nei giochi per bambini, e di conseguenza nel numero di iscritti femmina alla Facoltà di Fisica o Matematica; o di iscritti maschi alle facoltà di Lettere o Pedagogia; ma anche nel numero di parlamentari donna o in quello di sindaca, amministratrice delegata e via dicendo. È poi il motivo per cui il significato delle parole cambia livello di prestigio a seconda che siano declinate al maschile o al femminile: maestra o maestro, ad esempio. Come sappiamo, poi, le poche donne che hanno ruoli di potere oggi in Italia guadagnano il 30% in meno dei pari-ruolo maschi. Su questo terreno sorge la lotta al femminismo: un terreno che considera le donne per forza materne e comprensive e gli uomini padri lucidi e autoritari.

Il WCF infatti riunisce «il movimento globale» antiabortista, antifemminista e anti-LGBTQI per sua stessa definizione: è chiaro quindi che è prima di tutto un movimento contro le donne e contro gli uomini che non assecondino le credenziali richieste da una società patriarcale (e siano dunque troppo femminili). Ne troviamo conferma nella stizza diffusa, nel sentire comune, verso la parola “femminista”, che invece è una parola che dovrebbe suonarci dolce come l’odore di primavera. Attacco, senza aggiunta di ulteriori commenti, il perché, scritto nel blog spagnolo http://mulheresrebeldes.blogspot.com/2011/04/agradecelo-una-feminista.html, divenuto virale e tradotto per noi da Anita Silviano:

  • Se sei donna e puoi votare, ringrazia una femminista.
  • Se ricevi un salario uguale a quello di un uomo che fa lo stesso tuo lavoro, ringrazia una femminista.
  • Se sei potuta andare all’Università invece di lasciare gli studi dopo la maturità, perché i tuoi fratelli potessero studiare mentre “tu devi solo pensare a sposarti”, ringrazia una femminista.
  • Se puoi fare qualsiasi lavoro, non solamente un “lavoro per donne”, ringrazia una femminista.
  • Se puoi ricevere e dare informazioni sul controllo della fertilità senza andare in galera per questo, ringrazia una femminista.
  • Se sei una donna medico, avvocata, giudice, ministra, legislatora, ringrazia una femminista.
  • Se puoi giocare professionalmente in uno sport, ringrazia una femminista.
  • Se puoi indossare i pantaloni senza essere scomunicata dalla tua chiesa o messa al bando dalla società, ringrazia una femminista.
  • Se al tuo datore di lavoro è proibito molestarti affinché tu vada a letto con lui, ringrazia una femminista.
  • Se sei violentata, però il giudizio non riguarda la lunghezza del tuo vestito o il tuo fidanzato precedente, ringrazia una femminista.
  • Se inizi un’attività commerciale e puoi ottenere prestiti spendendo il tuo nome, ringrazia una femminista.
  • Se stai sotto processo e ti è permesso di testimoniare in tua difesa, ringrazia una femminista.
  • Se possiedi una proprietà che è solamente tua, ringrazia una femminista.
  • Se hai diritto al tuo salario anche se sei sposata o convivi con un uomo, ringrazia una femminista.
  • Se ottieni la custodia dei/delle tuoi /tue figli e figlie dopo un divorzio o una separazione, ringrazia una femminista.
  • Se voti per chi credi migliore, senza che nessuno ti dica per chi, ringrazia una femminista.
  • Se hai voce su come educare e curare i/le figli e figlie piuttosto che subire il controllo completo di tuo marito o di suo padre, ringrazia una femminista.
  • Se tuo marito ti picchia e ciò è reato e viene arrestato, invece di subire una predica su come deve essere una buona sposa, ringrazia una femminista.
  • Se ottieni un master dopo l’università, ringrazia una femminista.
  • Se puoi allattare il tuo bebé discretamente in un luogo pubblico e non essere arrestata, ringrazia una femminista.
  • Se ti sposi e i tuoi diritti umani non scompaiono dentro i diritti di tuo marito, ringrazia una femminista.
  • Se hai il diritto di rifiutare di avere rapporti sessuali con tuo marito, ringrazia una femminista.
  • Se hai il diritto a che le tue registrazioni mediche confidenziali non siano divulgate agli uomini della tua famiglia, ringrazia una femminista.
  • Se hai il diritto di leggere i libri che desideri, ringrazia una femminista.
  • Se puoi testimoniare in tribunale sui crimini o danneggiamenti commessi da tuo marito, ringrazia una femminista.
  • Se decidi di essere madre o no, senza dover seguire i dettami di un marito o di uno stupratore, ringrazia una femminista.
  • Se puoi sperare di vivere fino ad ottanta anni (o più) invece di morire a 20 0 30 a causa delle innumerevoli gravidanze, ringrazia una femminista.
  • Se puoi vederti come un essere umano completo e non come una eterna minore che ha bisogno di essere controllata da un uomo, ringrazia una femminista.

Sul diritto all’aborto, non credo siano necessarie troppe parole, visto che anche Matteo Salvini stamattina ha accantonato questo aspetto super-estremo – diciamo così – del Congresso, lasciandolo in bocca ad altri e commentando lapidario: «Aborto e divorzio non si toccano». Perché è poi vero che si è tradizionalisti – specialmente nella destra italiana – solo fino al punto in cui fa loro comodo (Salvini ha divorziato dalla prima moglie, ad esempio, e ha avuto una figlia nel corso di una successiva convivenza). Diverso il parere di Massimo Gandolfini, leader del Family day, che sempre stamani all’apertura dei lavori ha detto: «L’aborto è un omicidio, la legge 194 non aiuta”». Legge fortemente sotto attacco anche dal Ddl Pillon, sul quale servirebbe un discorso a parte.

Comunque, l’odio dei congressisti verso le donne va molto oltre l’infangare la parola femminista. Un esempio su tutti lo spiega bene questo post de Le Amazzoni Furiose, già virale in questi tristi giorni.

«Anche noi donne colpite dal cancro al seno siamo nel mirino del Congresso Mondiale delle Famiglie. Nel corso di ogni edizione la nostra malattia viene indicata come il risultato del non avere figli da giovani, del non averli allattati o di aver abortito volontariamente. Babette Francis, fondatrice dell’organizzazione Endeavour Forum, sarà presente a Verona a ripetere quanto già detto nel 2016 a Tblisi dove, rivolgendosi alle donne che “si vantano di preferire la carriera alla famiglia” le ha invitate ad essere “consapevoli che se non avete figli avete un rischio parecchio più alto di ammalarvi di cancro al seno”. Un discorso conclusosi con la sua personale “risposta” al problema del cancro al seno: “fate tanti bambini, a 20 anni invece che a 30, e allattateli il più a lungo possibile”». Firmato Tovarisch Graziuschka.

Non credo sia necessario spiegare che una donna che fa figli a 20 anni e li allatta il più a lungo possibile non potrebbe mai diventare, ad esempio, una Giorgia Meloni, che sta partecipando al congresso, e anzi non potrebbe se non con estrema difficoltà proprio lavorare o anche solo terminare gli studi. È quindi implicito che l’obiettivo del Congresso è ridurre la donna a un essere limitato, chiuso e pre-cluso, sottomesso. Ma: per il nostro bene, su base strettamente inventata (ovvero a-scientifica).

Qui parte e si sviluppa il discorso comunicazione. Prendiamo Elena Donazzan, assessora all’Istruzione e al Lavoro della Regione Veneto. Alla conferenza stampa di presentazione del WCF, ha detto: «Guardate le donne… eccole le donne. Noi siamo a favore di tutte le donne». «Mi dispiace per chi tenta di trasformare questo nostro incontro (…) in un incontro “contro” quando si tratta di un incontro “per” i genitori e i loro figli», ha aggiunto Toni Brandi, presidente di ProVita (che appunto non si chiama ControL’aborto, come dovrebbe). «Si parlerà di diritti, salute e dignità di tutte le donne, che lavorino o che abbiano deciso di essere madri, e dei diritti e della salute dei bambini». «Senza la famiglia, la società intera viene a perdere le sue fondamenta, per questo è necessario incentivarla sia dal punto di vista culturale e educativo, sia attraverso aiuti economici e agevolazioni fiscali».

Capito? Loro parlano dei diritti di tutti, anche delle donne che lavorano, e che – ci informano – sono un’altra categoria rispetto alle madri, e, poverine, con maggiori probabilità moriranno di una brutta malattia perché hanno figliato tardi e allattato poco. Oltre al fatto che se tutte facessero come loro, la società “perderebbe le sue fondamenta”: morirebbe implodendo su stessa! Insomma, dietro una comunicazione aperta e inclusiva, si cela la mannaia. E un’altra minaccia:

«Vigileremo sui contenuti delle campagne elettorali dalle elezioni europee e non transigeremo sui valori che porteranno avanti», ha aggiunto Coghe, vicepresidente del XIII Congresso.

Il linguaggio del Congresso è, in una parola, un linguaggio melenso, destinato a persone culturalmente non raffinate, fatto di slogan teoricamente aperti e nei fatti sessisti, e tutto il racconto è insomma impostato in termini positivi: nessuno è contro nessuno, noi vi amiamo, siamo belli e colorati e lavoriamo per il vostro benessere. Voi da parte vostra non dovete però scegliere il male, ecco.

La strategia comunicativa è chiara: rovesciare le parole tipiche dei diritti umani dando loro un significato opposto e così modificando il vocabolario tipico di chi veramente lotta per i diritti, intorbidendo le acque, facendo confusione. Al Congresso partecipano persone che non fanno altro che dissimulare i loro veri obiettivi, costruiscono false teorie scientifiche, genuine fake-news, per attaccare i diritti esistenti, passando invece con un’immagine angelica di redentori, perseguitati e discriminati.

Questo è stato ad esempio il senso dell’intervento di questa mattina di un giornalista famoso come Giuseppe Cruciani, povero lui, che ha sottolineato proprio questo aspetto: «Io non sono uno di voi perché quello in cui credete non lo condivido, ma oggi mi sento uno di voi perché qualcuno vorrebbe fermare questo Congresso, impedirvi di parlare», ha detto. Insomma, si tenta di far passare dalla parte della ragione questi poveri perseguitati che nella realtà invece minano la nostra democrazia e i diritti civili delle persone, il progresso, la libertà e il rispetto reciproco tra individui. Tra l’altro, le critiche più diffuse a questo evento non attaccano tanto il Congresso delle Famiglie, quanto la significativa partecipazione di tre ministri del governo italiano (il ministro dell’Interno e vice presidente del Consiglio Matteo Salvini, il ministro per la Famiglia e la Disabilità Lorenzo Fontana, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti). E, appunto, di Giorgia Meloni, ma anche del senatore della Lega Simone Pillon, del presidente della Regione Veneto Luca Zaia e del sindaco di Verona Federico Sboarina. Persone elette per rappresentare tutti, per sostenere e difendere le fondamenta della democrazia, e che invece qui portano avanti l’esatto contrario.

Categorie: Altri blog

Padova: doppio tumore (fegato e polmone) bruciato con il calore

People For Planet - Ven, 03/29/2019 - 15:03

Si chiama tecnica di termoablazione con microonde e consente di distruggere le cellule tumorali senza intervento chirurgico. La particolarità sta nel fatto che in questo caso le due metastasi sono state bruciate in contemporanea su due organi diversi

Ne abbiamo parlato con il prof. Emilio Quaia, direttore Istituto Radiologia; dott. Michele Battistel, radiologo interventista; dott. Giulio Barbiero, radiologo interventista 

VEDI L’INTERVISTA SU RAINEWS.IT

Categorie: Altri blog

Arriva in Italia l’app antispreco da oltre otto milioni di utenti

People For Planet - Ven, 03/29/2019 - 10:55

Con oltre otto milioni di utenti in 9 paesi europei, in vetta alle classifiche sul App Store e Google Play, arriva anche in Italia l’app danese antispreco Too Good To Go. L’app permette a bar, ristoranti, forni, pasticcerie, supermercati e hotel di recuperare e vendere online – a prezzi ribassati – il cibo invenduto “troppo buono per essere buttato”. I ristoranti biologici EXKi e i negozi Carrefour Italia sono tra i primi punti vendita aderenti al progetto. Anche Eataly partecipa con un pilota dedicato al punto vendita di Milano Smeraldo. Ogni anno solo in Italia si sprecano oltre 10 milioni di tonnellate di cibo, pari a circa 15 miliardi l’anno.

I ristoratori e i commercianti di prodotti freschi iscritti all’applicazione possono mettere in vendita le Magic Box, delle “bag” con una selezione a sorpresa di prodotti e piatti freschi, rimasti invenduti a fine giornata e che non possono essere rimessi in vendita il giorno successivo. D’altra parte, i consumatori possono acquistare con un semplice tap sull’applicazione pasti a prezzi minimi, tra i 2 e i 6 euro, impegnandosi allo stesso tempo nella lotta agli sprechi e nella tutela dell’ambiente, considerando che ogni Magic Box acquistata permette di evitare l’emissione di 2 chilogrammi di Co2: basta geolocalizzarsi e cercare i locali aderenti, ordinare la propria Magic Box, pagarla tramite l’app e andarla a ritirare nella fascia oraria specificata per scoprire cosa c’è dentro.

Per limitare l’uso di imballaggi, i negozi aderenti a Too Good To Go incoraggeranno i clienti stessi a portare da casa contenitori e sacchetti propri. 
“Il nostro obiettivo è creare la più grande rete antispreco in Italia: a oggi sono state oltre 11 milioni le Magic Box acquistate in Europa, il che ha permesso a livello ambientale di evitare l’emissione di più di quasi 23 milioni di tonnellate di CO2”, spiega Eugenio Sapora, Country Manager di Too Good To Go per l’Italia. “Punto di partenza è Milano, dove hanno già aderito numerosi ristoratori, bar e pasticcerie”.

“La lotta allo spreco alimentare è da sempre al centro di numerose iniziative concrete, promosse a livello mondiale da Carrefour Gruppo nella strategia della Transizione Alimentare. Fondamentale è che sempre più persone siano consapevoli dell’importanza della riduzione degli sprechi, oltre che di una corretta alimentazione”, afferma Alfio Fontana, responsabile Csr Carrefour Italia. “È importante inoltre il coinvolgimento di tutti gli stakeholder, con particolare attenzione ai nostri clienti. La proposta di soluzioni pratiche come l’app Too Good To Go consente di accelerare il raggiungimento dell’obiettivo di riduzione dello spreco alimentare, esigenza non solo sociale, ma anche ambientale”.

Nel capoluogo lombardo, a preparare le Magic Box sarà anche to.market, con l’obiettivo di affrontare la lotta allo spreco alimentare in una logica di sistema e coinvolgendo l’intera filiera, dalla produzione al consumatori, passando per la distribuzione. Tra gli altri, nella rete di Too Good To Go presenti anche i Tramezzini Veneziani di Tramè e i prodotti del micropanificio artigianale Le Polveri.

Ogni anno sono circa 1,3 miliardi le tonnellate di cibo che vengono gettate nella pattumiera: se gli sprechi alimentari fossero un paese, sarebbero il terzo più grande produttore di gas serra, considerando che anche tutte le risorse necessarie per produrlo. Le inefficienze nel settore indicano inoltre che la perdita e lo spreco di cibo nel mondo arriveranno, entro il 2030, a quota 1,2 trilioni l’anno. “Too Good To Go è nato dalla semplice intenzione di risolvere il problema quotidiano dello spreco di cibo, che ha delle ripercussioni importanti dal punto di vista sociale, economico e ambientale. L’app offre a ciascuno di noi l’opportunità di impegnarsi nella lotta agli sprechi, permettendo ai ristoratori di conquistare nuovi clienti e ai consumatori di provare nuovi prodotti a prezzi minimi”, sottolinea Mette Lykke, ceo di Too Good To Go.

FONTE: ILSOLE24ORE.COM

Categorie: Altri blog

Perché caleranno le bollette di gas e luce

People For Planet - Ven, 03/29/2019 - 08:00

Dal primo aprile le bollette di luce e gas si ridurranno del 10 per cento circa. Lo ha fatto sapere Arera, l’Autorità di regolazione per l’energia, spiegando che «le riduzioni sono prevalentemente legate alla contrazione dei prezzi delle materie prime nei mercati all’ingrosso dell’energia, nazionali ed internazionali».

Arera ha precisato che il calo delle bollette dell’elettricità sarà dell’8,5 per cento e che quello del gas sarà del 9,9 per cento. I dati sono stati calcolati sulla “famiglia tipo”, che ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno e una potenza impegnata di 3 kW; per il gas i consumi sono di 1.400 metri cubi annui. Gli effetti concreti: al lordo delle tasse e nell’anno scorrevole, cioè compreso tra il primo luglio 2018 e il 30 giugno 2019, per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo sarà di 565 euro; nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo per la bolletta del gas sarà di circa 1.157 euro. L’Unione Consumatori ha spiegato che il calo delle bollette si tradurrà in un risparmio di 168 euro annui: 50 per la luce, 118 per il gas. Ma, dice Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Consumatori, va comunque calcolato che «il calo del prezzo del riscaldamento è un risparmio solo teorico, visto che dal 15 aprile i caloriferi saranno spenti in quasi tutta Italia».

motivi della riduzione dell’energia elettrica sono dovuti a un calo della spesa per l’energia (-12,2 per cento), che deriva a sua volta da una riduzione del prezzo di acquisto dell’elettricità rispetto alle stime utilizzate dall’Arera nel precedente aggiornamento tariffario (l’Arera fissa e aggiorna il “prezzo energia” ogni tre mesi tenendo conto di quanto viene speso per gli approvvigionamenti sul mercato all’ingrosso e delle stime su quanto prevede di spendere nei mesi successivi). Il calo effettivo in bolletta, però, non sarà del 12,2 per cento ma inferiore, perché sono aumentati gli oneri di sistema, altra voce che compone la bolletta: gli oneri generali di sistema, imposti dalla legge, prevedono sussidi di vario genere, tra cui incentivi alle rinnovabili, promozione dell’efficienza energetica, messa in sicurezza del nucleare e sussidio alle Ferrovie dello Stato.

Per quanto riguarda il gas naturale, la variazione complessiva della spesa è legata soprattutto alla diminuzione della componente CMEM, che corrisponde al costo previsto per l’acquisto del gas che verrà poi rivenduto ai clienti. Questa diminuzione riflette il calo delle quotazioni all’ingrosso nei mercati sia in Italia che in Europa.

Le associazioni dei consumatori hanno riconosciuto la buona notizia della riduzione delle bollette, ma giudicano ancora insufficiente il calo: un po’ per i precedenti incrementi delle tariffe e un po’, come dice Federconsumatori, per «l’aumento della spesa per gli oneri di sistema del 3,72 per cento che invece di diminuire come ripetutamente abbiamo richiesto, aumenteranno nuovamente». Per Federconsumatori, infatti, gli oneri di sistema sono «una vera e propria tassa occulta attraverso la quale gli utenti continuano a sostenere i costi per gli incentivi alle fonti energetiche rinnovabili, alle agevolazioni dirette alle imprese energivore, per lo smantellamento delle centrali nucleari e per le tariffe speciali a favore delle ferrovie».

Commentando le riduzioni, il Ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio ha parlato di «un segnale importante per le famiglie italiane che incoraggia verso scelte di politica energetica che fanno bene all’ambiente e non danneggiano il portafoglio». Dando la notizia dei cali in bolletta e della reazione di Di Maio, oggi Repubblica ha pubblicato in prima pagina il titolo “La bolletta elettorale”. E nell’articolo che lo accompagna si sostiene che la diminuzione delle tariffe sia un «regalo» fatto al governo «dall’Autorità per l’Energia (il cui presidente, Stefano Besseghini, è stato scelto da questa maggioranza)».

Su questo è intervenuto su Twitter Carlo Stagnaro, direttore dell’Osservatorio sull’economia digitale dell’Istituto Bruno Leoni e a capo della segreteria tecnica della ex ministra dello Sviluppo economico Federica Guidi, durante il governo Renzi. A quel tempo, Stagnaro si era occupato, tra l’altro, del decreto “taglia bollette”. Per Stagnaro l’attacco di Repubblica è «scorretto per almeno due ragioni». Perché Arera «non ha agito per compiacere» il governo, ma «ha solo svolto correttamente il suo lavoro (nel rispetto di quanto previsto dalle leggi e dalla disciplina di settore)» (i motivi della riduzione, dice, sono di natura tecnica) e perché Repubblica «tratta Arera come se fosse il braccio operativo del ministero dello Sviluppo economico. Ma l’Autorità è un organismo indipendente, la cui autonomia deriva dalle direttive europee e che deve al Parlamento, non al Governo, la sua legittimazione». Il presidente di Arera Stefano Besseghini e gli altri membri del collegio, ricorda infine Stagnaro, hanno ricevuto il via libera bipartisan per la nomina «dai due terzi delle Commissioni parlamentari competenti, non dal governo».

FONTE: ILPOST.IT

Categorie: Altri blog

Desertificazione e cambiamenti climatici

People For Planet - Ven, 03/29/2019 - 02:43

Un suolo desertificato, infatti, perde quasi completamente la propria biodiversità, perde la possibilità di essere coltivato e viene abbandonato; la conseguenza è sotto gli occhi di tutti: migliaia di “profughi climatici”.

Si tratta di un processo irreversibile se misuriamo il tempo secondo le logiche umane. E si tratta di un fenomeno in crescita, che riguarda vaste zone del Pianeta e che si tenta di limitare, anche perché la sua diffusione sta incrementando l’inurbamento e la povertà di nazioni spesso già in precario equilibrio economico.

La desertificazione è un fenomeno che interessa oltre cento paesi minacciando la sopravvivenza di circa un miliardo di persone. La situazione è particolarmente seria nelle zone aride dove è minacciato circa il 70% delle aree, corrispondenti a un quarto dell’intera superficie terrestre emersa.

Ma il problema è largamente presente anche nelle aree temperate. Il fenomeno è noto dal 1992 quando durante il vertice di Rio sullo stato del Pianeta si posero le basi per la creazione della Convenzione delle Nazioni Unite per la Lotta alla Desertificazione (UNCCD), partita poi con la prima conferenza mondiale tenutasi a Roma nel 1997.

La lotta alla desertificazione si articola in una serie di azioni che riguardano sia il livello locale, sia quello internazionale ma una questione deve essere chiara: l’azione contro la desertificazione deve essere messa in atto ora, senza aspettare, se mai avverrà, la riduzione delle emissioni climalteranti.

Si tratta di operazioni, quindi, di adattamento ai cambiamenti climatici e non di mitigazione. Una delle zone più interessate ai processi di desertificazione è l’Africa sub-sahariana dove si sta tentando di arginare il fenomeno con la realizzazione di una striscia arborea, lunga 7000 chilometri e larga 15, che dovrebbe attraversare tutto il continente africano interessando undici paesi, dall’Oceano Atlantico a quello Indiano.

Ma la lotta alla desertificazione è complessa. In alcuni casi, per esempio, l’utilizzo agricolo massiccio dei terreni può portare all’accelerazione dei processi di desertificazione perché se vengono utilizzate cattive pratiche d’irrigazione si può aumentare la salinità del suolo aggravando la situazione. Per questa ragione è necessario un mix di soluzioni che vanno dal rimboschimento all’agricoltura, magari utilizzando tecniche d’irrigazione derivate da quelle tradizionali.

«Le conoscenze tradizionali e locali fanno sempre parte di un sistema complesso e quindi non possono essere ridotte a una lista di soluzioni tecniche e circoscritte a un insieme di applicazioni distinte secondo i risultati da ottenere. La loro efficacia dipende da interazioni tra più fattori. Questi vanno accuratamente considerati se si vuole comprendere i successi storicamente realizzati tramite le conoscenze tradizionali e comprenderne la logica per una riproposizione contemporanea», scrive Pietro Laureano, architetto e urbanista, consulente Unesco per le zone aride, la civiltà islamica e gli ecosistemi in pericolo. In questo senso è necessario un approccio olistico, che non lasci nulla al caso e che studi le tecniche utilizzate in passato coniugandole, con la dovuta attenzione, con le nuove tecnologie. «I metodi tecnologici moderni procedono per separazione e specializzazione i saperi tradizionali uniscono e integrano. Nella concezione moderni foresta, agricoltura e città sono tre insiemi completamente separati che rispondono a bisogni distinti: legname, cibo, abitazione. Ad essi corrispondono sistemi scientifici specializzati: la silvicoltura, l’agricoltura, l’urbanistica», prosegue Laureano. Ed è chiaro un esempio citato dallo studioso italiano.

A Shibam, una città-oasi di terra cruda, nello Yemen del sud, la planimetria della città è organizzata per poter raccogliere, tramite un apposito sistema, gli escrementi degli abitanti, indispensabili per trasformare le sabbie in terreno fertile. È un principio simile a quello che vediamo in natura, dove ogni residuo di un sistema è utilizzato da altri sistemi e non esiste il concetto di rifiuto o la possibilità di ricorrere a risorse esterne. «Le tecniche polifunzionali, il multiuso, hanno garantito occasioni di riuscita anche nelle avversità. La collaborazione e la simbiosi attraverso il riuso di tutto quello che viene prodotto all’interno del sistema ha permesso l’autopoiesi, l’autoriproduzione, lo sviluppo autopropulsivo, indipendente da fattori esogeni o occasionali» aggiunge ancora Laureano.

Detto ciò non è detto che si debbano escludere tecnologie più moderne, da affiancare a quelle tradizionali, come per esempio i sistemi d’irrigazione per l’agricoltura con prelievi da fiume grazie a fonti rinnovabili come il fotovoltaico. Succede in Senegal, per esempio, dove la Ong italiana Green Cross Italia ha avviato un progetto di irrigazione agricola tramite il fotovoltaico nel quale è prevista anche la formazione per la manutenzione di questi sistemi, e ciò consente alle persone di acquisire capacità in grado di aprire nuovi sbocchi nel mondo del lavoro. E di moltiplicare l’applicazione delle metodologie d’irrigazione tramite le rinnovabili, aumentando così il raggio d’azione delle attività di contrasto alla desertificazione.

Immagine di copertina: Armando Tondo

Categorie: Altri blog

E’ definitivo: l’Europa conferma il divieto per la plastica usa e getta entro il 2021

People For Planet - Gio, 03/28/2019 - 15:01

Il Parlamento ha approvato in via definitivala nuova legge che vieta l’uso di articoli in plastica monouso.

La direttiva è stata approvata con 560 voti favorevoli, 35 contrari e 28 astensioni.

L’accordo rafforza inoltre l’applicazione del principio “chi inquina paga”, introducendo una responsabilità estesa per i produttori.Questo nuovo regime si applicherà ad esempio ai filtri di sigaretta dispersi nell’ambiente e agli attrezzi da pesca persi in mare, per garantire che i produttori sostengano i costi della raccolta.

“Questa legislazione ridurrà il danno ambientale di 22 miliardi di euro, il costo stimato dell’inquinamento da plastica in Europa fino al 2030. L’Europa dispone ora di un modello legislativo da difendere e promuovere a livello internazionale, data la natura globale del problema dell’inquinamento marino causato dalle materie plastiche. Ciò è essenziale per il pianeta”, ha dichiarato la relatrice Frédérique Ries (ALDE, BE).

Le nuove norme stabiliscono anche che l’etichettatura informativa sull’impatto ambientale di disperdere per strada le sigarette con filtri di plastica sarà obbligatoria.

Ciò dovrà valere anche per altri prodotti come bicchieri di plastica, salviette umidificate e tovaglioli sanitari.

La lista dei prodotti vietati nell’UE entro il 2021:

posate di plastica monouso (forchette, coltelli, cucchiai e bacchette)
piatti di plastica monouso
cannucce di plastica
bastoncini cotonati fatti di plastica
bastoncini di plastica per palloncini
plastiche ossi-degradabili, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso

FONTE: GREENME.IT

Categorie: Altri blog

Biscotti al finocchio

CuoreBasilicata - Gio, 03/28/2019 - 14:58
Livello di difficoltà: BASSOCosto: BASSOTipologia: PRODOTTI DA FORNO, TARALLIINGREDIENTI
  • 500 g di farina 00
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 60 g di strutto (in alternativa, olio extravergine di oliva)
  • sale q.b.
PREPARAZIONE

Disponete la farina a fontana e aggiungete all’interno i semi di finocchio, il sale, l’uovo, il lievito, lo strutto e dell’acqua.

Impastate il tutto (aggiungendo altra acqua se necessario) fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo. Il composto dovrà riposare per circa un’ora a temperatura ambiente, coperto da un canovaccio umido.

Nel frattempo, in una pentola portate a bollore dell’acqua che utilizzerete successivamente per la cottura dei biscotti.

Prelevate piccole porzioni di impasto che andrete a stendere in modo da ricavare dei cilindri di 1-2 cm di diametro e 20 cm circa di lunghezza. Prendete le estremità dei vostri cilindri di pasta e sovrapponetele, facendo una leggera pressione per attaccarle tra loro. Le forme da scegliere variano da quella classica del tipico tarallo fino alla tradizionale sagoma ad “8”.

Immergete delicatamente i biscotti nell’acqua bollente. Appena saliranno a galla, scolateli con l’aiuto di una schiumarola e sistemateli su un canovaccio pulito.

Disponete i vostri biscotti al finocchio su una teglia ben coperta da carta da forno. Infornateli a 200 gradi per 25 minuti circa. Una volta che avranno assunto una colorazione dorata, sfornateli e lasciateli raffreddare completamente prima di consumarli.

CURIOSITÀ

In Basilicata esiste un vastissimo assortimento di biscotti sia dolci che salati, aromatizzati con spezie o ricoperti di glassa, e dalle forme e grandezze più disparate (le ricette possono variare addirittura da famiglia a famiglia!). La variante a base di semi di finocchio accompagna perfettamente formaggi tipici, salumi e buon vino locale.

Un tempo, tra le massaie lucane vi era l’abitudine di preparare biscotti in occasioni importanti come matrimoni, festività religiose e compleanni.

Categorie: Altri blog