Altre notizie dai nostri siti

Gruppo d’acquisto ecobonus 110%

People For Planet - Lun, 02/22/2021 - 15:00

Come capire se si è nelle condizioni di accedere al Superbonus? Quali sono le strutture che rientrano in questa misura? Ma anche, come funziona il sismabonus e come eseguire i lavori nel modo corretto.

Approfondiremo anche una delle ultime novità relative agli edifici collabenti, più conosciuti come ruderi.

Alcatraz Channel

Parliamone con Maurizio Fauri, ingegnere e docente dell’Università di Trento in Sistemi elettrici per l’energia, l’ingegnere Antonio Visentin e il Dott.re Giancarlo Merlino che approfondirà le parte più tecnico e fiscali di questa misura.

Per informazioni sul gruppo d’acquisto: info@alcatraz.it

Categorie: Altri blog

Impacco pre shampoo rinforzante all’uovo

People For Planet - Lun, 02/22/2021 - 10:00

Dal canale YouTube DMNow by Donna Moderna ecco un tutorial per realizzare un impacco fortificante all’uovo da utilizzare prima dello shampoo. Ci occorreranno balsamo, miele, olio…e ovviamente un uovo.

Un rimedio imparato dalle nostre nonne con ingredienti naturali reperibili facilmente in casa.

DMNow by Donna Moderna

Leggi anche:
Vivere a “rifiuti zero” con eleganza
Burrocacao fai da te con solo 2 ingredienti
La maschera per le mani fai da te contro le screpolature

Categorie: Altri blog

Covid-19, le novità dei Dpcm nel “sistema Draghi”

People For Planet - Lun, 02/22/2021 - 08:30

I provvedimenti di apertura e chiusura delle attività saranno stabiliti e comunicati almeno una settimana in anticipo rispetto all’entrata in vigore, con un accordo tra Regioni e Parlamento. È questa al momento la principale novità del “Metodo Draghi” e, se sarà possibile rispettarla, sarà certamente un bel cambiamento. Importante per i singoli cittadini come e più per chi manda avanti una qualsiasi attività. Alle misure di tipo sanitario continueranno poi naturalmente ad affiancarsi quelle di tipo economico, per far fronte alla crisi finanziaria causata dalla pandemia, in particolare per alcuni settori.

Ok ai colori, ma con le varianti…

L’andamento della pandemia e le libertà individuali continueranno ad essere riassumibili con il sistema dei colori, utilizzato finora. I parametri per stabilire il livello di rischio potrebbero invece essere diversi: a partire già dal prossimo Dpcm. In sostanza, le zone rosse causati dalle varianti del virus saranno più ampie, come misura cautelare relativa alla virulenza delle mutazioni stesse.

Spostamento tra le Regioni

Sarà approvato oggi il decreto per prorogare il divieto di spostamento tra le Regioni per 30 giorni – fino a 27 marzo – e poi l’esecutivo comincerà a mettere a punto l’elenco delle nuove regole operative dal 6 marzo.

Le chiusure e i ristori

Altro grande cambiamento del sistema Draghi dovrebbe essere quello di modificare i settori da far ripartire e quelli che devono invece seguire “un regime più stringente per specifici contesti territoriali”, come richiesto dalle Regioni. Insomma una revisione che dia una classificazione più precisa delle riaperture possibili in base agli indici di circolazione di covid-19, in modo da salvare tutto il salvabile.

Risarcimenti più cospicui e veloci sul fronte ristori è l’altro punto apprezzato ieri dai governatori, insieme alla necessità di “garantire sempre i risarcimenti sia nel caso di provvedimenti restrittivi di livello nazionale che regionale”. È infatti successo nei mesi scorsi l’impensabile, ovvero che alcuni amministratori locali, o gli stessi governatori, abbiano ritardato o evitato misure di contenimento e chiusure proprio per non dover poi risarcire i gestori delle attività. Quel che serve dunque è un chiarimento “sulle competenze statali e regionali al fine di allinearne la tempistica e la relativa efficacia”.

Un solo portavoce del Cts

Proprio come gli Usa pendono dalle labbra dell’immunologo Anthony Fauci, delegato a parlare a nome del presidente in merito di virus, il Comitato tecnico-scientifico cambierà composizione e il numero dei suoi componenti sarà prima di tutto ridotto e, soprattutto, parleranno per mezzo di un unico portavoce. Questa l’ultima richiesta da parte dei leder regionale.

Covid-19, si sveglia ascoltando She’s A Rainbow dei Rolling Stones

Covid-19, le varianti rendono inutili i tamponi rapidi?

Categorie: Altri blog

Stop al dolore alla schiena con gli esercizi posturali

People For Planet - Lun, 02/22/2021 - 08:00

Questa settimana la nostra esperta di ginnastica posturale ci propone una manciata di esercizi di allungamento per sciogliere i muscoli e le articolazioni del bacino. Servono, infatti, a mobilizzare il tratto lombare e a prevenire dolori e contratture dovute a posture sbagliate. Gli esercizi proposti da Lorenza Dacò, laureata in Scienze motorie ed esperta di ginnastica posturale, vanno eseguiti ogni volta che vi sentite bloccate nella zona bassa della schiena. Bastano 3 minuti per stare molto, molto meglio!

Continua a leggere su 3GoodNews

Categorie: Altri blog

Gaza: 20mila dosi dello Sputnik| Bitcoin +90% nel 2021 | Stati Uniti verso 500mila morti | Grillo: sì alla ricandidatura della Raggi

People For Planet - Lun, 02/22/2021 - 06:25

Corriere della Sera: La provincia di Brescia oltre la soglia della fascia rossa. In un giorno 704 nuovi casi, un terzo di tutta la Lombardia;

Il Giornale: Prorogato divieto di spostarsi: Regioni chiuse altri 30 giorni;

Il Manifesto: Tra «ritorni» e sguardo al futuro, Usa e Cina sempre più distanti;

Il Mattino: A Gaza arrivano 20mila dosi del vaccino russo, lo Sputnik;

Il Messaggero: Cashback a metà, verso il blocco del superpremio: bonus da 1.500 euro congelato fino a dicembre;

Ilsole24ore: Bitcoin, la nuova corsa all’oro: record frantumati, +90% nel 2021 – Superata la soglia di 1.000 miliardi – La criptovaluta brucia energia quanto l’Argentina (e spesso va a carbone);

Il Fatto Quotidiano: Reddito di cittadinanza ai clochard grazie all’aiuto di Sant’Egidio: “Così possono affittare una stanza e a volte trovare lavoro” – Le storie;

La Repubblica: Stati Uniti verso 500mila morti, più che nei due conflitti mondiali e nella guerra del Vietnam;

Leggo: Beppe Grillo benedice la ricandidatura di Virginia Raggi: «Roma ha bisogno ancora di te»;

Tgcom24: Iran, accordo raggiunto con l’Aiea: ok alle verifiche per tre mesi;

Categorie: Altri blog

Barefoot: non siate timidi, camminare scalzi fa bene alla salute!

People For Planet - Dom, 02/21/2021 - 17:00

Chiamiamolo “barefoot”, chiamiamolo “gimnopodismo” se preferiamo un termine italiano, oppure non chiamiamolo affatto: ci sono individui in tutto il mondo che, ad un certo punto della vita, decidono di sbarazzarsi delle scarpe e, per brevi periodi del giorno o per intere giornate, camminano scalzi.

Tutto qui. Non si tratta di un vero e proprio movimento, non esistono vere regole se non quelle dettate dal buon senso e dal desiderio ancestrale di ritornare a contatto con la natura nell’ottica di trarre anche benefici per la salute.

I primi scalzisti

Pare che il barefooting sia nato in Nuova Zelanda e si sia poi diffuso negli Usa, per approdare quindi in Europa. In questo senso, si configura più come una moda, un’abitudine che conferisce originalità e attira sguardi. Camminare scarsi è sovversivo. Non a caso, molti artisti, cantanti e attori spesso decidono di salire sul palco o percorrere scalzi i red carpet.

Allo stesso modo, anche le persone comuni che camminano scalze per le vie cittadine vanno controcorrente, non c’è dubbio. Altrettanto chiaro è il motivo per cui una persona scalza attira su di sé tutti gli sguardi: trasgredisce regole comuni (ma precisiamo che non si tratta di una pratica illegale, ovviamente!).

Proprio gli sguardi e l’essere fuori dal comune genera un certo timore in chi decide per la prima volta di osare, di togliersi le scarpe e tentare questo nuovo tipo di interazione con il mondo esterno. La vergogna è un’emozione umana e naturale, per avviarsi a questa pratica è necessario sopirla progressivamente. I canoni della società, frutto di secoli di radicamento, prevalgono su molti scalzisti potenziali, ma il trucco per vincere la paura può essere quello di avvicinarsi progressivamente alla meta: per i più timidi esistono dei sandali ad hoc (strisce di cuoio senza suola), che danno agli altri l’impressione di indossare calzature vere e proprie, ma allo stesso tempo consentono all’individuo di sentirsi scalzo e di praticare il barefooting al riparo da occhiate indiscrete.

Le etichette sociali sono spesso un ostacolo enorme: ai barefooters è stata persino affibbiata quella di feticisti. A noi piace di più definirli bonariamente “stravaganti”, anche perché, una volta approfonditi i motivi alla base della loro scelta, ci sembra tutto piuttosto comprensibile e interessante.

Camminare scalzi fa bene alla salute

Su molti siti Web e gruppi che parlano dell’argomento ricorre una situazione tipo: immaginiamo di rientrare a casa, stanchi dopo una giornata intensa, e focalizziamoci sulla sensazione che proviamo nel preciso istante in cui ci togliamo le scarpe. Ecco, quello è uno dei motivi che potrebbe farci prendere in considerazione provare il barefooting. Oppure possiamo immaginare la sensazione che proviamo quando al mare passeggiamo sulla sabbia, o quando appoggiamo i piedi sull’erba del giardino. È piacevole, nessuno direbbe il contrario. Ma questo non basta a convincerci: uscire di casa senza scarpe è tutta un’altra storia!

Più convincenti sono sicuramente le spiegazioni che riguardano la sfera della salute. Le scarpe tolgono sensibilità ai nostri piedi e, pur essendo progettate e modellate per adattarsi non solo alla nostra forma ma anche ai nostri movimenti e all’equilibrio generale del corpo, ci portano a modificare la nostra postura. Tendono, in particolare, a spostare il nostro baricentro in avanti, con una conseguente modifica della distribuzione del peso sulla muscolatura del piede; siamo soprattutto noi, insomma, ad adattarci a qualcosa di non naturale e non viceversa. Camminare scalzi, al contrario, sollecita la muscolatura in modo naturale, ci permette di distribuire il peso in maniera corretta, consente una migliore circolazione sanguigna e favorisce la traspirazione.

E con l’estetica come la mettiamo? Tutti potremmo pensare che se camminassimo per ore scalzi per la città, sui marciapiedi ruvidi ad esempio, a lungo andare le nostre piante diventerebbero dure e callose. Non è così. Secondo quanto dicono gli esperti (o meglio, i camminatori scalzi convinti), il rischio è soltanto quello di provocarci qualche vescica per colpa della troppa impazienza di iniziare e di percorrere lunghi tragitti da un momento all’altro. Come per tutto, ci vuole allenamento. E non dimentichiamo un vantaggio importante: camminare scalzi fa bene all’umore e allevia lo stress.

Regole generali per diventare scalzisti: rischi e igiene

La prima regola, come dicevamo, è il buon senso. Un sentiero costellato di ciottoli acuminati non è certo il luogo ideale per prendere confidenza con questa pratica. Ma i marciapiedi attorno a casa possono rivelarsi un terreno ideale per cominciare, riassaporando il contatto con il suolo per brevi periodi di tempo.

Anche quando camminiamo con normali calzature ai piedi possiamo inciampare su buche e asperità del terreno, per lo stesso motivo se togliamo le scarpe dobbiamo fare attenzione. In questo senso, indossare scarpe o non indossarle non fa la differenza. I rischi potenziali che corre un barefooter sono facilmente intuibili: tagli e infezioni, ustioni o conseguenze del congelamento. È tutto evitabile con un po’ di attenzione e ponendosi in ascolto del proprio corpo. Giorno dopo giorno, l’esperienza arriverà in soccorso: gli scalzisti di vecchia data sanno riconoscere in tempo i pericoli e li aggirano. Non servono raccomandazioni per sapere che camminare su una spiaggia sotto il sole cocente non è l’ideale, la stessa regola vale a maggior ragione per chi ha desiderio di non inforcare ciabatte o infradito seguendo una scelta di vita.

Stesso ragionamento quando nevica: sappiamo che il ghiaccio è freddo, non occorre un test, e sappiamo anche che è scivoloso. Alcuni barefooters ormai si spingono oltre i propri limiti e spesso li superano, molte immagini mostrano persone che camminano scalze su percorsi che ci sembrano inaccessibili persino con le scarpe ai piedi. Con il tempo i piedi si abituano, diventano più spessi e ci si sente più sicuri di sé. I piedi degli scalzisti diventano via via più elastici, assolutamente non più callosi o esteticamente “brutti” di prima, al contrario di quanto si potrebbe immaginare.

Altro problema: quanto sporco si accumula sui piedi se usciamo senza scarpe? Molto, ovviamente, ma ciò non significa che sia un pericolo per la nostra salute. Se camminiamo in aree naturali sarà il fango o l’erba a sporcare i nostri piedi, ma in città? È utile sapere che il nero di cui i nostri piedi si tingeranno alla fine di una camminata sulle strade urbane deriva sì dalle emissioni prodotte dai veicoli, ma non è nocivo; non si tratta, per semplificare, delle polveri pericolosissime per la salute che riescono a penetrare fino ai nostri polmoni. I microbi in strada hanno vita breve, come spiegano dal Club dei Nati scalzi, a meno che non decidiamo di camminare nelle fogne… Insomma, una bella lavata e i nostri piedi torneranno come prima anche dopo aver percorso qualche chilometro in città.

L’alpinista scalzo

Alcune persone, appunto, sembrano nate per superare i propri limiti. C’è anche uno scalzista famoso tra loro, o “l’alpinista scalzo” come ormai è stato ribattezzato. Niente scarponi, nemmeno sul Kilimangiaro né sul monte Bianco, né durante la discesa dell’Etna con temperature al suolo attorno ai 600 gradi centigradi e nemmeno risalendo l’Aconcagua in Argentina a 7 mila metri e con 25 gradi sottozero. Antonio Peretti, o Tom Perry come tutti lo conoscono, è una leggenda. Anche il Dalai Lama e Papa Francesco hanno voluto incontrarlo. In tutto il mondo porta il suo messaggio di sostenibilità e lotta al degrado, all’inquinamento, ai rifiuti, e il suo invito a non sottovalutare le sfide – ambientali in primis – che il genere umano si trova di fronte per sopravvivere negli anni a venire.

50 buoni motivi per diventare scalzisti

The barefoot book – 50 great reasons to kick off your shoes è uno dei libri che potrebbero incoraggiare chi non osa fare il grande passo di togliersi le scarpe. Se non basta immaginare la sensazione dell’erba morbida sotto ai piedi, questo volume di Daniel Howell potrebbe essere d’aiuto. Nella descrizione che compare su Amazon, tra i buoni motivi citati vi sono le problematiche relative alla salute derivanti dalla nostra “addiction” (dipendenza, come fosse una droga) all’indossare calzature: funghi, batteri, ginocchia e schiena che gridano aiuto a causa della posizione scorretta che infliggiamo al nostro corpo per via delle scarpe. L’alternativa si chiama, appunto, barefoot. Per la maggior parte di noi nemmeno questo libro sarà convincente al punto da farci subito uscire di casa a fare un giro scalzi, ma sarà sicuramente una lettura interessante. Per il resto, se proprio uscire senza scarpe non rientra tra le nostre aspirazioni maggiori, possiamo comunque farlo al riparo delle mura domestiche. Il nostro corpo ne gioverà.

Immagine di copertina: Disegno di Armando Tondo

Categorie: Altri blog

Elimina l’ansia con un semplice esercizio

People For Planet - Dom, 02/21/2021 - 15:00

Dal canale YouTube AlmaPhysio andiamo a vedere un esercizio di respirazione fondamentale per risolvere stati ansiosi, di stress e nervosismo adatto a tutti.

Una pratica che concilia anche il sonno. Sappiamo che lo stress è causa di tante patologie dell’era moderna, e ne riconosciamo di diversi tipi, tra cui:

  • Stress psicologico, che porta a pensieri negativi con ripercussioni sulla sfera emozionale;
  • Stress fisico, quando si sente vero e proprio dolore, che può diventare anche cronico;
  • Stress spirituale, spesso collegato alla paura della morte.

Nel video ecco una strategia che ci consenti di gestire e tenere sotto controllo questi stati d’animo.

AlmaPhysio

Leggi anche:
Come essere felici ogni singolo giorno
L’insostenibile desiderio di cambiare
La creatività è un comportamento, di Stefano Scozzese

Categorie: Altri blog

Bill Gates: nei Paesi ricchi si dovrebbe mangiare solo carne sintetica

People For Planet - Dom, 02/21/2021 - 10:00

Volete davvero salvare il pianeta dal disastro climatico? Iniziate a mangiare carne sintetica. Parola di Bill Gates.

Il cofondatore di Microsoft ha esortato le nazioni ricche a passare alla carne sintetica al 100% per affrontare le emissioni di gas serra che guidano il cambiamento climatico globale.

Nel suo nuovo libro, “Come evitare un disastro climatico”, il filantropo miliardario sottolinea che è ancora possibile per l’umanità evitare il disastro cambiando completamente stile di vita.

Una scelta consapevole per i Paesi più ricchi

Per Bill Gates, dovrebbero essere i Paesi più ricchi a passare alla carne sintetica, in quanto sono più avanzati sia politicamente che tecnologicamente e dove il consumo di carne è molto elevato.

E’ molto improbabile, infatti, che le nazioni povere possano permettersi di acquistare carne sintetica, in quanto i costi sono molto elevati.

Se questo cambiamento di stile alimentare avvenisse, le emissioni di metano diminuirebbero significativamente.

ùSecondo la Fao, la produzione di metano negli ultimi vent’anni è aumentata del 10%, e le principali fonti sono due: le industrie e gli allevamenti intensivi.

Gli scienziati avvertono che questa è una soglia pericolosa da superare per l’umanità, che porta a un aumento del rischio di disastri naturali a causa di interruzioni ecologiche che causerebbero carestie e migrazioni di massa.

Bill Gates è consapevole che il mercato della carne sintetica è abbastanza elitario ma ci si può abituare tranquillamente alla differenza di gusto.

Tuttavia, ha aggiunto, aziende come Impossible e Beyond, stanno cercando di introdurre dei prezzi competitivi, in modo tale da rendere la carne sintetica accessibile a un numero più ampio di persone.

Voi fareste questo cambiamento?

Leggi anche:
La carne sintetica sfamerà il mondo?

Boom di carne vegetale negli Usa (sì, c’entra il Coronavirus)

Si chiama Jackfruit e sa di porchetta, giubilo tra i vegani

Categorie: Altri blog

Cistite solidale

People For Planet - Dom, 02/21/2021 - 08:00
La storia

Quando avevo 18 anni mi venne una noiosissima cistite. Andai da uno specialista che mi prescrisse antibiotici, ma senza risultati apprezzabili: ogni volta che urinavo o eiaculavo, i dolori persistevano. Mi rivolsi a un medico, che mi fece fare nuove analisi e mi prescrisse altri antibiotici più forti e specifici.
Nessun risultato.
Consultai un terzo specialista che mi consigliò iniezioni di antinfiammatori, ricostituenti e antibiotici. Niente. Un quarto aggiunse, ad antibiotici e antinfiammatori, uno psicofarmaco rilassante e il massaggio prostatico, quest’ultimo consiste nella pratica barbara di infilarti un dito nel sedere e schiacciare la prostata, provocandoti un male cane.
Guarii completamente.
Ma dopo sette giorni i bruciori ripresero.
Visitai un quinto luminare che mi centrifugò di pasticche. Alla fine della cura urinando perdevo sangue. Il sesto medico mi consigliò di rinunciare ai rapporti sessuali.

Alla fine mio padre mi accompagnò da uno dei più grandi urologi del paese, il professor Dell’Adami che per mia fortuna si rivelò di tutt’altra pasta. Mi rifece fare le analisi, appurò che c’era un’infezione batterica ma la cosa non lo interessò più di tanto. Per lui l’infezione non era la causa ma l’effetto di uno squilibrio dell’intero apparato genitale.
Quando funziona, il nostro corpo è perfettamente in grado, da solo, di sconfiggere una piccola infezione. Quindi non si occupò dei batteri, con i quali, nonostante gli antibiotici, convivevo ormai da due anni.
Fu invece il primo a chiedermi se studiavo molto. Gli dissi che lavoravo. Facevo il disegnatore, otto-dieci ore al giorno stavo seduto al tavolo. Mi disse che il mio problema colpiva soprattutto quelli che stanno seduti a lungo come i camionisti e gli studenti di medicina. Il sangue circola male, si crea eccessivo calore e va in tilt la valvola che determina l’uscita di urina o di liquido seminale. Era un disturbo che aveva scoperto dopo anni di ricerche.
Mi prescrisse di camminare, di stare seduto a lungo nella vasca d’acqua calda (immerso fino al bacino) e di procurarmi un cuscino di crine di cavallo bucato nel centro (a ciambella). Non guarii ma iniziai un lento miglioramento. Però era troppo lento. Mi rivolsi così a una pranoterapeuta, una signora anziana che mi metteva del ghiaccio sul pisello dicendomi: «Non ti preoccupare, potrei essere tua nonna». Non ebbi risultati e così, come molti che sono afflitti da malattie ormai croniche, resistenti a qualsiasi cura, intrapresi un lungo pellegrinaggio.

Durante un viaggio in Cina andai da un agopuntore e tornato in Italia mi recai da un altro… ne visitai cinque, ma nessuna delle loro cure ebbe un effetto risolutivo, sebbene ne ricavassi un sollievo momentaneo.
Feci due cure omeopatiche, mi fecero bene ma non guarii. Andai da un paio di maghi che mi tolsero il malocchio e mi prescrissero preghiere e talismani.

Provai svariati infusi di erbe, impacchi, supposte d’aglio, clisteri di olio e lavanda, bagni d’erbe aromatiche. Smisi di mangiare carne, uova, latte, formaggi, dolci e cioccolato.

Provai la macrobiotica. Sperimentai massaggi indiani, automassaggio cinese, rilassamento yoga, medicine tibetane e meditazione zen. Ma dopo quattro anni avevo ancora, spesso, violenti bruciori urinando e raggiungendo l’orgasmo.

Di tutte le decine di medici che mi avevano curato a nessuno era venuto in mente di chiedermi come facessi l’amore. Il mio problema stava nel fatto che ero un fantastico eiaculatore precoce: eiaculavo alla velocità della luce.
E, purtroppo, il sistema che avevo scoperto per aumentare i miei tempi di copula era quello di contrarre il basso ventre. Questo comportamento insano era aggravato dal fatto che avevo “il vizio” di contrarre quella zona anche nei momenti di tensione, mentre disegnavo e mentre compivo degli sforzi fisici. Ero molto ansioso e questo atteggiamento si manifestava anche nel mio modo di far l’amore. A causa della paura del dolore che accompagnava l’eiaculazione, non riuscivo ad abbandonarmi completamente neanche durante l’orgasmo. Si era creato un circolo vizioso. Iniziai a rendermi conto di tutto questo facendo l’amore con una meravigliosa giovane rivoluzionaria femminista che mi disse: «Calmati, tesoro!». E mi spiegò che potevamo fare l’amore con meno ansia e uno spirito più giocoso. Tranquillizzato dal suo piglio materno, riuscii a lasciarmi andare e, dopo anni, sperimentai i primi orgasmi senza dolore.

Così finalmente (sono un po’ tardo) mi resi conto che c’era un rapporto diretto tra il mio stato di tensione emotiva e muscolare e l’infiammazione. Se riuscivo a rilassarmi, a distrarmi, a lasciarmi andare morbidamente e senza ansia, il dolore non si manifestava. Ma farlo era per me molto difficile.
Ero ormai un giovane di 23 anni, molto esigente e perfezionista, facile al malumore e alla rabbia; spesso ero incapace di stare con gli altri e mi rinchiudevo a rimuginare, in solitudine, sulle mie sfighe esistenziali. Un musone insomma. Con saltuari scatti isterici.
Poco più tardi, verso i 24 anni, mi resi conto che non mi andava più di vivere in città. Mi trasferii in campagna e ritrovai una certa tranquillità passeggiando a lungo nei boschi. Stavo meglio. Mangiavo molte verdure e molto riso integrale biologico. Ogni tanto mi tornavano lievi bruciori, soprattutto nei periodi di maggior lavoro e tensione. Mi curavo divorando carciofi crudi e cipolle lesse e stendendomi per ore a rilassarmi, respirare e muovere le gambe e il bacino al rallentatore. Facendo l’amore limitavo i coiti e mi dedicavo piuttosto a pratiche sessuali più passive nelle quali non era necessario che io durassi a lungo. Il fatto di sapere esattamente dove fosse la clitoride mi permetteva di comportarmi così senza peraltro lasciare insoddisfatta la mia ragazza.
I numerosi calci in faccia ricevuti dalla vita mi avevano via via insegnato a essere meno ansioso e aggressivo. Un po’ di distacco fa molto bene. Non ha senso prendersela per questioni di poco conto. Spesso non ha senso incazzarsi neanche per le storie importanti.
Se incazzarsi non serve a niente, perché farlo? Tanto le cose vanno comunque come devono andare. Anzi spesso prendersela troppo peggiora la situazione. Invece, se sei un po’ più distaccato, ragioni meglio e la tua calma ha un effetto pacificatore sugli altri.
Arrivare a capire questo fu comunque un processo che richiese molto tempo. La svolta definitiva arrivò in seguito a un aggravamento dei sintomi. Erano passati 20 anni dall’inizio della mia malattia e potevo considerarla quasi guarita.
In quel periodo iniziai a fare conferenze in pubblico e a cantare in un gruppo di rock demenziale. Ogni volta che dovevo affrontare una platea ero colpito da un attacco fulminante di emorroidi e contemporaneamente la cistite ricominciava a ululare. Dopo lo spettacolo, a causa della paura e della tensione, ero in condizioni dolorosissime e vergognose, visto che nessuno si esime dal prendere in giro chi è afflitto da questo malanno. Non ci voleva molto a capire che i due disturbi erano intimamente collegati. Così mi trovai a dover restare a letto per giorni e a pensare di sottopormi a un intervento.
Per mia fortuna, dopo due anni di questa recrudescenza dolorosa, scoprii che adoravo far l’amore a lungo, senza preoccuparmi dell’erezione e dedicandomi invece a rilassare, respirando profondamente, tutto il ventre fino al pube e all’ano. Fu questa tecnica di amore in totale abbandono psicologico e muscolare che liquidò finalmente sia le emorroidi che i residui di cistite.
In realtà, nonostante gli infiniti tentativi, non ero mai riuscito a rilassare veramente la zona genitale. Farlo senza sapere come procedere è veramente difficile. Alla fine ci riuscii, in parte, con la respirazione profonda, in parte immaginando che la zona compresa tra pube, ano e vescica fosse come un palloncino pieno d’acqua.
È un sistema un po’ stupido ma funziona. Ascoltare come la forza di gravità deforma questo palloncino dentro di sé in modo diverso a secondo delle posizioni che si assumono. Cercare di rilassare il palloncino e di abbandonarlo alla pressione dell’attrazione terrestre. Così riuscii finalmente a raggiungere uno stato di totale decontrazione.
Fu allora che mi accorsi che facevo sempre la pipì troppo in fretta. Non svuotavo mai fino in fondo la vescica e questo contribuiva a mantenere contratto il muscolo pubococcigeo. Imparando a svuotarmi fino in fondo e praticando l’esercizio del palloncino, iniziai a vivere con i muscoli pelvici rilassati. Fu così che ritrovai la piena salute di tutta l’area e, finalmente, riuscii ad avere rapporti sessuali totalmente appaganti (solo ogni tanto nei giorni di tempesta, quando la furia degli elementi si abbatte sul veliero del mio cuore e la paura mi artiglia il petto sento lieve un piccolo bruciore. Ma è così lieve che non è un problema, semmai è un primo campanello d’allarme che mi fa capire quando chiedo troppo a me stesso).

In breve si tratta di:

• Regolare la dieta.
• Imparare a fare pipì fino in fondo.
• Rilassare la zona ano-genitale.
• Respirare e praticare l’esercizio del palloncino.
• Non contrarsi durante i rapporti sessuali.
• Praticare l’automassaggio.
• Seguire una specifica dieta alimentare: acqua molto leggera, molte verdure, in particolare sedano, carciofi crudi o cotti, cipolle lesse.

I consigli di Antonella Concina

ALIMENTAZIONE
Bere molta acqua e tisane diuretiche. Eliminare asparagi, pomodori, spezie e gli alimenti irritanti quali bevande alcoliche, caffè, tè, bevande gassate. Bere succo di limone e preferire mele, porri (ottima la minestra), rape crude. Aggiungere all’alimentazione yogurt e fermenti lattici.

IMPACCHI
Si possono fare degli impacchi al basso ventre con le foglie di cavolo-verza (2-3 strati) da tenere tutta la notte.

OLIGOELEMENTI E INTEGRATORI
Si possono alternare le fiale di rame-oro-argento a quelle di manganese-rame. Vitamina C e Vitamina A.

FITOTERAPIA
Infuso di: foglie di betulla 20 g, foglie di uva ursina 20 g, epilobio 15 g, verga d’oro 15 g, tarassaco 15 g, ginepro 15 g, un cucchiaio da tavola per tazza bollente.

OLI ESSENZIALI
Caieput, 2-4 gocce in un po’ di miele, 3-4 volte al giorno. Eucalipto, 2-4 gocce in un po’ di miele, 2-3 volte al giorno Pino, 3-5 gocce in un po’ di miele, 3-4 volte al giorno.

 

Categorie: Altri blog

Ballando con il cuore… abbracciando la vita

People For Planet - Sab, 02/20/2021 - 17:00
flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_87"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/87/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/87/output/tangoterapia_sigla.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/87/tangoterapia_sigla.mp4' } ] } }) Video di Oriana Boselli.

È sabato mattina, ci troviamo all’interno dell’ICC, l’Istituto Clinico Cardiologico di Roma; i partecipanti del laboratorio di tango-terapia “Balliamo col cuore” arrivano puntuali, chi da diverse parti di Roma, altri direttamente dal reparto di degenza dalla struttura, dove hanno da poco subito interventi cardiochirurgici.

L’ambiente è rilassato, cordiale, sereno: c’è posto per i sorrisi, gli abbracci e due chiacchiere; si capisce subito che non è il solito contesto medico di riabilitazione con camici bianchi e musi lunghi.

Le due terapeute che conducono il corso, la dottoressa Lucilla Croce (psicologa dell’equipe della riabilitazione cardiologica presso l’ICC) e la dottoressa Delia Caridi, fanno accomodare i partecipanti seduti in cerchio per due parole iniziali, a seguire si comincia con esercizi di riscaldamento per poi andare su quelli più specifici che riguardano i linguaggi del tango.

Le psicoterapeute adattano gli esercizi in base ai partecipanti: oggi c’è un paziente che ha subito un importante intervento al cuore da soli dieci giorni. Gli esercizi che si basano sul linguaggio tanghèro pongono l’attenzione sulla ricerca dell’altro attraverso lo sguardo, detto “mirada”, la connessione emotiva e dei corpi, la camminata consapevole, gli abbracci, la respirazione.

Questa è solo una piccolissima parte di tutto il lavoro, perché quello che emerge spontaneamente sono i vissuti emotivi.

Le emozioni sono difficili da descrivere, bisogna viverle in prima persona, perché ognuno di noi sperimenterà vissuti diversi all’interno di un contatto con un’altra persona.

Alla fine si torna seduti in cerchio e si esprimono le sensazioni provate, ci si confronta sull’esperienza, aiutati dalle psicoterapeute nella rielaborazione dei vissuti. In questo momento di condivisione le prime parole sono: “Mi sono distratto dalla vita quotidiana, dai problemi dalla malattia e mi sono fermato ad ascoltare il mio corpo, il mio respiro, le sensazioni che trasmetto e che provo in un abbraccio”.

Una partecipante che aveva avuto un recente lutto ha detto che questi momenti le donano serenità, rilassatezza e senso di condivisione e che anche grazie a questo, è riuscita a superare un brutto momento di depressione.

In questi incontri si esce dalla solitudine, dai propri vissuti legati alla malattia e da paziente si torna ad essere ‘persona’.

Questo laboratorio è uno spazio interiore, un lusso che ci si concede raramente.

Chiedo alla dottoressa Lucilla Croce, psicologa, psicoterapeuta, specialista in Psicologia della Salute, e ideatrice del progetto “Balliamo col cuore”: “Cosa è la tango-terapia?”

“E’ utile precisare che un laboratorio di tango-terapia non è una lezione di tango finalizzata solo all’apprendimento dei passi, non si approfondiscono più di tanto gli aspetti tecnici ed estetici delle figure. La tango-terapia utilizza principalmente gli strumenti del tango argentino (il ballo, la musica, i codici, la sua filosofia, la sua cultura) per poter esplorare le proprie risorse individuali, il proprio stile di contatto e di relazione con se stessi e con gli altri. La psicologia e il tango, sotto molti aspetti, hanno in comune lo stesso linguaggio: ascolto, fiducia, relazione, contatto, ruoli, sono tutte tematiche che ritroviamo in entrambe le discipline. Il tango, in ultima analisi, è una metafora della vita. Il termine ‘terapeutico’ in questo caso, si riferisce alla possibilità di promuovere un senso di benessere personale, che agisce a livello bio-psico-sociale, grazie anche a una maggiore consapevolezza di sé, attraverso l’esperienza che passa dal corpo e dall’incontro con l’altro. Il corpo rappresenta il nostro essere nel mondo, è la nostra ‘struttura’ e ha una sua memoria, che registra, conserva, mostra e dimostra ciò che siamo”.

Per questo nel tango è impossibile mentire, perché nel linguaggio del corpo ritroviamo tutte le nostre esperienze, le nostre memorie, le nostre rigidità e la capacità o meno di saperci fidare e affidare all’altro. La possibilità di mettersi in ascolto del nostro corpo, consente di entrare in contatto con quei segnali complessi a cui non dedichiamo quasi mai la giusta attenzione, come gli stimoli sensoriali, propriocettivi e cinestetici. Questi stimoli vissuti nella consapevolezza possono essere integrati a livello cognitivo, permettendo una maggiore comprensione di sé.

Anche lo yoga, il pilates e le varie forme di ginnastica usano il corpo per conseguire un miglioramento del benessere, ma nella tango-terapia il corpo non esegue soltanto esercizi individuali, qui il corpo si relaziona anche con un partner e con un gruppo di persone più ampio.

“Il ballo del tango – continua la dottoressa Croce –  stimola l’ascolto dell’altro, diventa un potente strumento di dialogo intimo tra due corpi, che devono conoscersi e riconoscersi per poter generare un movimento quasi all’unisono, che nasce da un’improvvisazione, dall’essere presenti ‘nel qui e ora’. La magia del tango è tutta in quel miracoloso fluire che può derivare solo da una comunicazione profonda, una connessione che scaturisce dall’incontro autentico di due identità”.

In questo laboratorio, in particolare, si parte dalla necessità di una riabilitazione fisica e psicologia delle persone che hanno avuto esperienze di patologie legate al cuore, per poi ampliare lo sguardo sulla promozione del benessere della persona in generale e in relazione con gli altri. Nel caso specifico, gli incontri sono infatti aperti a tutti, familiari e amici dei pazienti, ma anche a chi problemi (medici) di cuore non ne ha. Questo permette una maggiore integrazione tra le persone, indipendentemente dal loro stato di salute, per evitare che ci si etichetti o si venga etichettati come ‘pazienti’ o peggio ancora come ‘malati’.

Chi può partecipare a questi laboratori?

Tutti possono approcciare a questo tipo di esperienza, seguiti da professionisti esperti, che, oltre alla conoscenza del tango, sappiano gestire le dinamiche di gruppo e i vissuti, anche di profonda entità emotiva, che possono emergere. Inoltre non è necessario saper ballare né essere in coppia.

Quali benefici porta?

I principali benefici riconosciuti da questo tipo di esperienza sono prima di tutto in termini di benessere generale, comprendendo la persona nella sua totalità e non focalizzando l’attenzione (come ancora fa la medicina ufficiale) solo sulla parte dolente del paziente, spesso senza considerarne gli aspetti psicologici e sociali.

Questo ballo mette in moto le emozioni e tutti i muscoli del nostro corpo, si sono riscontrati benefici a livello motorio, cardiovascolare, neurologico e psicologico.

Nell’abbraccio e nel movimento, accompagnato dalla musica che trasporta corpi ed emozioni, si producono endorfine e viene stimolato l’ormone dell’attaccamento emotivo, l’ossitocina.

Dall’intervista al cardiologo promotore del laboratorio di tango-terapia all’interno dell’ICC, il dottor Massimo Romano, responsabile della riabilitazione cardiologica, emerge una profonda consapevolezza dei benefici di questo approccio.

“Come nasce il progetto d’inserire la tango-terapia in questo specifico contesto medico, quello della riabilitazione cardiologica?

“Questo progetto nasce dal bisogno di andare oltre la semplice riabilitazione medica e fisioterapica dei pazienti cardiopatici o cardiochirurgici.

Inizialmente la riabilitazione cardiologica si focalizzava sulla ricerca di un recupero meccanico, respiratorio e muscolare, ma ci siamo accorti che questo non bastava. Nella nostra pratica clinica è chiaramente emersa la necessità anche di un recupero psicologico, perché l’uomo è qualcosa di più, è emozione, sensazione.

La tango-terapia ci permette di ripristinare il benessere personale come emozione psicofisica dell’individuo, in rapporto alla coppia, alla famiglia, agli altri, al gruppo e in ultima analisi, all’universo di cui siamo parte.”

Senza dubbio un medico illuminato, proveniente dalla medicina occidentale e ufficiale, che non tratta i pazienti come macchine a cui aggiustare pezzi rotti, ma vede la persona intera nella sua complessità.

Categorie: Altri blog

Diventare vegani: 15 cose utili da sapere

People For Planet - Sab, 02/20/2021 - 15:00

Dal canale YouTube Cucina Botanica, Carlotta ci fornisce una guida completa su ciò che c’è da sapere sull‘alimentazione vegana e vegetale!

Nel video inizieremo a risponde alle domande più generiche come: Cosa si mangia in una dieta vegana? Sino a comprendere modalità e tempi in cui è possibile convertirsi a questa dieta e stile di vita.

Cucina Botanica

Leggi anche:
Salvia in vaso, come avere successo!
Alla ricerca delle erbe selvatiche commestibili di febbraio
Come essiccare fiori in maniera naturale

Categorie: Altri blog