People For Planet

Abbonamento a feed People For Planet People For Planet
Aggiornato: 2 ore 29 min fa

‘Murtaja Qureiris, l’Arabia Saudita non metterà più a morte il ragazzino arrestato a 13 anni’

6 ore 15 min fa

Poche ore fa, ai primi accenni di proteste internazionali e mentre le Ong per i diritti umani iniziavano a lanciare i loro appelli, un funzionario del governo dell’Arabia Saudita ha dichiarato che Murtaja Qureiris, il ragazzino arrestato nel settembre 2014 all’età di 13 anni, non verrà messo a morte e potrebbe essere rilasciato nel 2022.

Una decina di giorni fa la Cnn aveva diffuso il video di una protesta di ragazzini in bicicletta organizzata nel 2011 nella Provincia orientale, abitata prevalentemente dalla minoranza sciita, storicamente discriminata dalla famiglia sunnita al potere. In primo piano, sulla sua bicicletta, c’era proprio Murtaja. Dopo l’arresto il ragazzino è stato tenuto in isolamento per un mese nel carcere minorile di al-Damman. Lo hanno picchiato, sottoposto a intimidazioni, ingannato promettendogli la libertà se avesse confessato.

Lo hanno accusato di una serie di reati, alcuni dei quali commessi quando aveva appena 10 anni: partecipazione a manifestazioni contro il governo, presenza ai funerali del fratello Ali Qureiris ucciso nel 2011, adesione a un’organizzazione terrorista, lancio di bombe Molotov contro una stazione di polizia e uso delle armi da fuoco contro le forze di sicurezza.

Nel maggio 2017, pur avendo solo 16 anni, Murtaja è stato trasferito alla prigione per adulti al-Mabaheth, sempre ad al-Damman.

Il processo è iniziato nell’agosto 2018 e solo in quell’occasione il ragazzo ha potuto incontrare un avvocato.

Continua a leggere su ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Categorie: Altri blog

Ecoballe in Campania: paghiamo una penale di 120.000 euro al giorno per non risolvere il problema

8 ore 25 min fa

Il comitato dei ministri del Consiglio d’Europa è ‘preoccupato’ perché solo “una minima parte delle ecoballe accumulate prima del 2009″ in Campania sono state rimosse e “sollecita le autorità italiane ad attuare senza ulteriori ritardi il piano per rimuovere questo tipo di rifiuti.

Ecoballe: il vocabolo ha il prefisso eco perché si riferisce alla raccolta differenziata dei rifiuti, ovvero al recupero e al riciclo del rifiuto. Questo termine infatti identifica i cilindri di grosse dimensioni in cui si compattano i rifiuti solidi urbani una volta trattati perché diventino CDR – Combustibile Derivato dai Rifiuti –, ovvero eliminando le parti non combustibili e le materie organiche. I rifiuti idonei, in particolare quelli a base di materie plastiche, vengono ridotti in pezzi, quindi aggregati in grandi blocchi compattati in strati di pellicola plastica, le ecoballe appunto. (sapere.it)

Le ecoballe di cui si parla sono 5.500.000 (cinque milioni e mezzo!) accatastate nelle province di Napoli e Caserta tra il 2001 e il 2009. Viste da vicino appaiono come delle surreali cattedrali dell’inquinamento del territorio.

Nel 2015 l’Unione Europea ha inflitto all’Italia una multa di 20 milioni più 120mila euro al giorno fino a quando il nostro Paese non risolverà il problema. Uno strumento di pressione sul governo italiano per sollecitare una soluzione che però non ha dato esiti. Finora abbiamo già pagato 200 milioni di multa (oltre al costo di fitto dei terreni) e continuiamo a pagare 120.000 euro al giorno, tutti i giorni.

L’idea di un termovalorizzatore che bruci le ecoballe (in realtà molto poco eco, perché realizzate non differenziando il contenuto come si sarebbe dovuto fare) sembra tramontata per i dubbi sull’impatto ambientale.

Nel 2016 il presidente del consiglio Renzi e il presidente della Regione Campania De Luca lanciarono un piano alternativo che prevedeva il trasporto altrove delle ecoballe, per la serie “nascondere la spazzatura sotto il tappeto” ma non ha avuto seguito.

I 5Stelle propongono ora di aprire a una a una le ecoballe e di differenziarne il contenuto. Operazione titanica, costosissima e dagli esiti incerti (si può differenziare il contenuto a distanza di anni? Le ecoballe contengono tra l’altro anche rifiuti organici…)

Adesso il Consiglio Europeo ha dato tempo al governo italiano fino al 16 dicembre 2019 per “spiegare dettagliatamente come intende smaltire i rifiuti, comprese le informazioni sulla capacità degli impianti, sulle strategie a lungo termine per assicurarne l’efficienza e sui meccanismi di monitoraggio.”

Fonti: ansa.it – corriere.it – ilnapolista.it – sapere.it

Immagine copertina: disegno di Armando Tondo

Categorie: Altri blog

Eduardo Kobra: famoso per i suoi murales caleidoscopici

10 ore 15 min fa

Eduardo Kobra è uno “street artist soldier”, come si definisce nella bio del suo profilo Instagram. Soldier perché combatte in prima linea per dire la sua su temi come la guerra e la questione climatica. Lo street artist brasiliano (San Paolo, 1976) ha iniziato a sperimentare l’arte dei graffiti su strade, muri e facciate urbane dal 1987, utilizzando combinazioni di tecniche diverse come la pittura coi pennelli, l’aerografo e gli spray. I suoi murales sono riconoscibili a colpo d’occhio, e colpiscono per i colori vivaci e caleidoscopici accostati a stencil in bianco e nero. Tra i temi affrontati da Kobra la lotta contro l’inquinamento, il riscaldamento globale, la deforestazione e la guerra.

Continua a leggere su ARTUU.IT

Categorie: Altri blog

Groenlandia: chi nega il “climate change” dovrebbe vedere queste foto

11 ore 50 min fa

È vero che la stagione dello scioglimento dello strato di ghiaccio va da giugno ad agosto, in particolare a luglio. Ma quest’anno, per via di temperature superiori anche di 40 gradi rispetto alla norma, al 13 giugno il 40% della Groenlandia aveva già perso ingenti quantità di ghiaccio. Uno photo choc di una spedizione di cani con slitte che corrono a tutta velocità sull’acqua invece del ghiaccio: per chi avesse dubbi sulle conseguenze del riscaldamento globale, lo scatto che sta facendo il giro del mondo è la prova tangibile dello scioglimento accelerato dello strato di neve in atto nel nord-est della Groenlandia.

Fonte: canale Twitter Rasmus Tonboe

La fotografia è stata scattata il 13 giugno da gruppi di ricercatori impegnati in una missione di recupero di attrezzature mentre con i cani da slitta hanno attraversato fiordi parzialmente fusi. Un’immagine davvero insolita che ritrae due traini di husky con le zampe immerse nell’acqua blu cristallina, in quello che appare un immenso lago sovrastato da un cielo terso e circondato da monti marrone scuro con sopra sole poche tracce bianche di neve. Continua a leggere  [Fonte: Perché la foto delle slitte sull’acqua in Groenlandia è un segnale allarmanteAGI.IT di Veronique Viriglio]

Clima & Ambiente sulla stampa nazionale:

  • SHIV SOMESHWAR: “IL CLIMA PEGGIORA, SERVE UNA CARBON TAX GLOBALE”. In Lapponia le temperature hanno superato i 30°C, le concentrazioni di gas serra, continuano ad aumentare nonostante l’Accordo di Parigi. Intervista «Sono preoccupato», spiega Shiv Someshwar, direttore delle politiche climatiche per il Center for Sustainable Development della Columbia University

La crisi climatica peggiora. In questi giorni in Lapponia le temperature hanno superato i 30°C. La concentrazione di CO2 ha varcato la soglie delle 415 parti per milione, segno che le concentrazioni di gas serra continuano ad aumentare nonostante l’Accordo di Parigi. «Sono preoccupato», spiega Shiv Someshwar, direttore delle politiche climatiche per il Center for Sustainable Development della Columbia University e advisor del Sustainable Development Solutions Network (SDSN) delle Nazioni Unite. Someshwar è stato protagonista della riunione del Comitato Scientifico di Fondazione Merloni del 13 e 14 giugno a Fabriano nell’ambito della XIII Conferenza Annuale delle Città Creative UNESCO. Ed ha rilasciato un’intervista in esclusiva a La Stampa per fare il punto sui progressi nella lotta per fermare il cambiamento climatico.

La crisi climatica sta peggiorando? “Negli anni passati abbiamo avuto una riduzione delle emissioni di gas serra. Con il ritorno della crescita economica sono tornate a salire. Questo è estremamente preoccupante a quattro anni dall’Accordo sul Clima di Parigi, che ci chiede di stabilizzare la temperature a 2°C, con l’obiettivo di aumentare l’ambizione a 1,5°. La gente forse non capisce che noi attualmente siamo a +1,06°C, e abbiamo meno di un grado di aumento a disposizione. Quindi quando la stampa parla di due gradi di aumento, deve essere chiara su questo punto: lo spazio – e il tempo – di manovra sono limitati. Mitigare le emissioni è un processo complesso, che interessa molteplici settori. Per fare ciò abbiamo pochissimo tempo e serve un’azione congiunta di tutti i paesi”. Continua a leggere l’intervista [Fonte: LASTAMPA – Di Emanuele Bompan

  • CARBON TAX: COS’È? PERCHÉ È IMPORTANTE? La Carbon tax è una tassa applicata sui prodotti energetici, o più in generale sui servizi relativi al settore energetico, per i quali si registrano emissioni di Anidride carbonica nell’atmosfera. È stata introdotta alla fine degli anni ’90 con l’articolo 8 della legge n.448 del 23 dicembre 1998.

L’obiettivo di questa eco-tassa, ancora tanto discussa e mai attuata realmente, è quello di ridurre i danni ambientali e indurre stati e consumatori finali a preferire soluzioni più ecologiche e quindi meno inquinanti, ponendo, per la prima volta in maniera significativa, l’accento sul concetto di danno ambientale e responsabilità.

L’Unione Europea ha mostrato sin dalla sua nascita particolare attenzione alle questioni legate all’ambiente, introducendo la Carbon Tax per tutti gli stati membri e l’Emission Trading sul Carbonio, che differisce dalla Carbon Tax per il prezzo, variabile a seconda dell’andamento del mercato, e non fisso. In  generale, l’importo da pagare cresce all’aumentare dell’inquinamento prodotto. Purtroppo al momento in Italia la Carbon Tax è rimasta solo una proposta realmente mai concretizzata, nonostante sia necessaria una rivisitazione dei regimi fiscali in fatto di carburanti da un punto di vista energetico e ambientale. Continua a leggere [Fonte: TECNOACCISE]

  • TRANSIZIONE ECOLOGICA: PERCHÉ IL TIFO VA A MACRON E NON AI GILET GIALLI. I francesi sono arrabbiati ma il governo francese va avanti per la propria strada. “Comprendo le paure dei cittadini ma non cedo alle violenze. Abbiamo fatto troppo poco sul clima”. Con queste parole il Presidente francese Macron ha presentato il suo piano per l’energia che prevede la chiusura di tutte le centrali a carbone entro il 2022, il passaggio dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e pulite e la riduzione del 50%  entro il 2035 della quota di energia nucleare, che l’Italia importa a caro prezzo. La traduzione suona più o meno così: “gilet gialli, fatevi da parte, ché qui deve passare la transizione ecologica”.

C’è chi pensa che Macron stia facendo il lavoro sporco di cui la Francia aveva bisogno ma che nessuno era pronto a sostenere. È sceso in politica, ha preso i voti promettendo di cambiare le cose, lo sta facendo. Senza guardare in faccia nessuno, conscio che tale condotta gli varrà il congedo dalla carriera politica a fine mandato. Altri, più maliziosi, sottolineano che l’indice di impopolarità del Presidente è compromesso da tempo, perciò tira dritto, perché non ha nulla da perdere. Vero, solo in parte però. Macron non ha nulla da perdere, ma il proposito di imporre una tassazione sulle emissioni di CO2 di 56€ per tonnellata entro il 2020 e di 100€ per tonnellata entro il 2030 lo aveva annunciato già nel 2015, quando aveva eccome qualcosa da perdere. La decisione del governo francese di alzare le imposte nette (imposte/sussidi) di benzina e gasolio, nata per ridurre le emissioni di CO2 in un’ottica tanto nazionale quanto sovranazionale di salvaguardia del pianeta, è stata accolta con frustrazione dai cittadini francesi, già esasperati dall’aumento dell’IVA e della disoccupazione. Continua a leggere [Fonte: PEOPLEFORPLANET – Di Stela Xhunga]

Foto di JChristophe_Andre da Pixabay

Categorie: Altri blog

Nonna orgogliosa del nipote gay, il cartello è virale

14 ore 45 min fa

Oggi (15 giugno nrd) Avellino scenderà in strada per l’atteso Pride, anticipato sui social da una dolcissima nonna campana, presto diventata virale. Eleonora, nonna di 85 anni, ha voluto sostenere il proprio nipote omosessuale, attraverso un cartello che ha ovviamente fatto furore sui social.

Sono una nonna orgogliosa di suo nipote, anche se ama un uomo! A voi che ve ne fotte? L’amore si fa col cuore.

Il nipote in questione è Antonio De Padova Battista, vice-presidente dell’associazione LGBT Apple Pie, che ha condiviso su Facebook il meraviglioso messaggio, ringraziando nonna Eleonora.

Continua a leggere su GAY.IT

Categorie: Altri blog

Urologia e andrologia: le eccellenze ospedaliere a cui rivolgersi

15 ore 14 min fa

Uno è l’insieme degli organi e delle strutture anatomiche che si occupano della produzione e dell’eliminazione dell’urina. L’altro è l’insieme degli organi deputati alla riproduzione. Data la loro vicinanza e l’utilizzo di tratti e condotti in comune, all’apparato urinario e a quello genitale si fa spesso riferimento con la terminologia di “apparato uro-genitale”. Le aree specialistiche principali che si occupano degli organi che formano questi due apparati sono la nefrologia (che si interessa delle patologie che riguardano i reni), l’urologia (che tratta la prevenzione, la diagnosi e la cura delle malattie dell’apparato urinario) e l’andrologia, che si occupa dell’apparato genitale maschile e dei disturbi legati alla sfera della sessualità.

Per sapere quali sono in Italia i migliori ospedali a cui rivolgersi per le problematiche relative all’apparato uro-genitale abbiamo realizzato una classifica dopo aver consultato il portale www.doveecomemicuro.it, motore di ricerca sulla salute a cui i cittadini possono far riferimento per mettere in fila le strutture migliori.

Valutazioni istituzionali e parametri dettagliati

Nello stilare l’elenco delle strutture sanitarie d’eccellenza alle quali rivolgersi per curare per una certa patologia, oppure per sottoporsi a una visita specialistica o a un determinato intervento chirurgico, il portale incrocia diverse informazioni (più di 800 mila) e si basa su valutazioni istituzionali (come quelle effettuate dal Programma nazionale valutazione esiti realizzato dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali per conto del ministero della Salute), di certificazioni provenienti da fonti scientificamente accreditate (tra cui il Centro Nazionale Trapianti e il Breast Center Certification), e su parametri dettagliati (numero dei ricoveri, tassi di mortalità, casi in cui è stato necessario un secondo intervento, ecc).

I migliori centri per l’apparato uro-genitale maschile

La classifica dei primi 10 centri d’eccellenza per la cura dell’apparato urinario e genitale è stata realizzata sulle valutazioni effettuate dagli utenti e aggiustata in base al numero delle aree specialistiche attive nelle strutture. 

1. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, azienda ospedaliera

2. Ospedale Mater Salutis, Ospedale a gestione diretta

3. Ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli, ospedale privato equiparato pubblico

4. Humanitas Gavazzeni, ospedale privato accreditato Ssn

  • via Mauro Gavazzeni, 21 – 24125 Bergamo (BG)
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 035 4204111
  • sito web https://www.gavazzeni.it/
  • aree specialistiche: nefrologia, urologia e andrologia 

5. Casa di Cura Villa Igea di Acqui Terme, casa di cura privata accreditata Ssn

  • strada Moirano, 2 – 15011 Acqui Terme (AL) 
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 0144 311034
  • sito web http://www.villaigea.com/
  • aree specialistiche: nefrologia, urologia e andrologia

6. Casa di Cura Villa Serena di Città Sant’Angelo, casa di cura privata accreditata Ssn

  • viale L. Petruzzi, 42 – 65013 Città Sant’Angelo (PE)
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 085 95901
  • sito web https://www.villaserena.it/
  • aree specialistiche: urologia e andrologia, fisiopatologia della riproduzione

7. Clinica Sedes Sapientiae, casa di cura privata

  • via Giorgio Bidone, 31 – 10125 Torino (TO)
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 011 4677
  • sito web http://www.clinicasedes.it/
  • aree specialistiche: urologia e andrologia, fisiopatologia della riproduzione 

8.Ospedale Sacro Cuore Don Calabria, ospedale privato equiparato pubblico

  • via Don Sempreboni, 5 – 37024 Negrar (VR)
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 045 6013111
  • sito web https://www.sacrocuore.it/
  • aree specialistiche: urologia e andrologia, fisiopatologia della riproduzione 

9. Casa di Cura Giovanni XXIII, casa di cura privata accreditata Ssn

  • via Giovanni XXIII, 7 – 31050 Monastier di Treviso (TV)
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 0422 8961
  • sito web https://www.giovanni23.it/
  • aree specialistiche: urologia e andrologia

10. Casa di Cura Policlinico di Monza, casa di cura privata accreditata Ssn

  • via Amati, 111 – 20900 Monza (MB)
  • per info e prenotazioni chiamare il numero 039 28101
  • sito web https://www.policlinicodimonza.it/
  • aree specialistiche: urologia e andrologia 

Immagine di copertina: Foto di StockSnap da Pixabay

Categorie: Altri blog

Plastica, ogni settimana ne ingeriamo 5 grammi con acqua e cibi: “Come mangiare una carta di credito”

Mar, 06/18/2019 - 21:30

Uno studio dell’Università australiana di Newcastle rivela che ogni anno ingoiamo oltre 250 grammi di plastica. Le maggiori contaminazioni nell’acqua, sia di rubinetto che in bottiglia, e in birra, sale, pesce e frutti di mare. Marco Lambertini del Wwf: “È necessaria un’azione urgente a livello di governi, di imprese e di consumatori, e un trattato globale con obiettivi globali”.

Ogni settimana ingeriamo fino a 2000 minuscoli frammenti di plastica, una quantità equivalente al peso di una carta di credito. A dirlo è lo studio “No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People” dell’Università australiana di Newcastle e commissionato dal Wwf, che combina i dati di oltre 50 precedenti ricerche. Secondo lo studio la maggior parte delle particelle ingerite sono sotto i 5 millimetri di grandezza e molte si trovano nelle acque di tutto il mondo, sia in quella di superficie che in quella delle falde. Nelle acque degli Stati Uniti e dell’India ne sono state riscontrate il doppio rispetto a quelle di Europa e Indonesia.

Continua a leggere su ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Categorie: Altri blog

La Misteriosa Foresta Polacca con 400 Alberi di Pino Arcuati

Mar, 06/18/2019 - 19:00

Situata alle porte di Nowe Czarnowo nella regione della Pomerania Occidentale, in Polonia, si trova una foresta conosciuta in lingua locale come “il Bosco Storto”, una delle più insolite dell’Europa centrale. Il particolare che rende questo bosco decisamente strambo è la tipica piegatura degli alberi di Pino alla base del fusto, inclinata di circa 90° gradi, che crea un ampio arco rivolto verso l’alto.

I 400 pini che compongono la foresta hanno tutti la base piegata e rivolta a nord, e la data in cui sono state piantate le conifere risale a quasi un secolo fa, nel 1930.

Fonte: vanillamagazine.it

L’ipotesi maggiormente accreditata, per spiegare la particolarissima forma degli alberi che non ha altri eguali al mondo, è che sia stata usata una qualche forma di tecnica o attrezzo per piegare artificialmente gli alberi, ma metodo e scopo rimangono, a oggi, completamente sconosciuti.

Un’ipotesi sul motivo della piega è che si volesse realizzare del legno piegato già naturalmente, utilizzandolo in seguito nell’industria del mobile o per la costruzione di mezzi di trasporto come navi o carri.

Continua a leggere e guarda la gallery su VANILLAMAGAZINE.IT

Categorie: Altri blog

Cannabis, svelato il mistero: i primi a fumarla 2.500 anni fa furono i cinesi

Mar, 06/18/2019 - 16:30

Un gruppo di ricercatori tedeschi e cinesi ha scoperto in antiche tombe i resti di piante selezionate per avere potenti capacità psicoattive. “L’uso come stupefacente, dalle aree montuose dell’Asia centrale orientale si è poi diffuso nelle altre regioni del mondo”

In Cina 2mila e cinquecento anni fa si fumava la cannabis. Questa pianta, spesso al centro di polemiche politiche, basta vedere cosa sta accadendo in Italia per la versione ‘light’, da anni tiene impegnati storici e archeologi, che cercano di capire quando e come è stata usata, in agricoltura, non solo per ricavarne cibo, tessuti e corde ma, in particolare, per sapere quando è iniziato il suo uso come sostanza psicoattiva. Ora, finalmente, un gruppo di ricercatori tedeschi e cinesi, guidati da Nicole Boivin, del Max Planck Institute per la scienza della storia umana di Jena, è riuscito a fare chiarezza stabilendo una data. 

Già in passato, in antiche tombe cinesi risalenti a circa siemila anni fa, sono state trovate tracce di canapa: secondo gli archeologi, i decori su alcuni vasi di terracotta furono effettuati premendo delle corde di canapa sull’argilla fresca. Altre importanti informazioni sull’importanza della canapa in Cina, sono poi arrivate da sepolture più recenti scoperte negli anni ’70 e risalenti al mille avanti cristo: gli abitanti dell’antica Cina avevano imparato a tessere e filare la canapa, affrancandosi dalla dipendenza di pelli animali, ricavando vestiti e calzature, questo anche grazie all’aver imparato a riconoscere che le piante maschili producevano una fibra migliore, mentre le femmine producevano semi alimentari.

Si è infatti scoperto che le prime comunità neolitiche di coltivatori che stanziavano sul Fiume Giallo e sul Wei, erano soliti seminare cannabis, insieme a miglio, grano, fagioli e riso. A testimonianza di ciò, c’è anche uno dei primi trattati su l’agricoltura cinese, risalente a circa 2500 anni fa, che nomina la canapa come la più grande e antica coltura tradizionale dell’antica Cina. 

Continua a leggere su REPUBBLICA.IT

Categorie: Altri blog

Taser su soggetti TSO

Mar, 06/18/2019 - 15:39

Il sindaco di Verona, alla domanda sul quando ritiene che sia opportuno utilizzare la pistola a impulsi elettrici, porta ad esempio i casi in cui le forze dell’ordine devono avere a che fare con soggetti per i quali è richiesto il TSO (trattamento sanitario obbligatorio).

Il TSO è una misura presa in casi di necessità e di urgenza, e può essere disposta per qualunque ragione sanitaria.

Data l’invasione nella sfera personale dei soggetti trasportati contro la loro volontà presso le strutture ospedaliere, è prescritto che debba essere svolto nel rispetto della dignità della persona, anche perché il fine ultimo è la tutela della loro salute. Come si può anche solo pensare che una misura così delicata, una extrema ratio, possa essere corroborata dall’utilizzo del taser contro chi riversa in stato di abbandono tale da richiedere l’aiuto dei medici?

Tra tutti gli esempi che il sindaco di Verona (che sia lui non stupisce) poteva portare, perché puntare contro i più indifesi? Ci sentiamo davvero più sicuri con questi decreti sicurezza?

Il malato psichiatrico in una buona parte dei casi è un soggetto molto più pericoloso e imprevedibile di uno in condizioni lucide. Certe forme di schizofrenia possono rendere anche il soggetto più minuto inarrestabile. Quindi in determinati casi l’unica misura efficace che non metta a repentaglio l’incolumità di chi è chiamato a fermarli è proprio il taser, sostiene qualcuno. Misura efficace che tuttavia non tiene conto del fatto che il più delle volte non si è a conoscenza di eventuali patologie cardiache che rendono estremamente pericoloso l’utilizzo del taser.

Il taser è stato utilizzato per la prima volta a Firenze l’11 settembre 2018 contro una persona con evidenti problemi psichiatrici: un ragazzo di 24 anni, senzatetto, che solo pochi giorni prima era stato dimesso dal reparto di psichiatria.

Girava nudo alla Fortezza da Basso, infastidendo dei passanti che hanno chiamato i carabinieri. Ecco allora che i prodi ed impavidi esponenti delle forze dell’ordine hanno impugnato il loro nuovo giocattolino (considerato arma di tortura dall’Onu) paralizzando a terra il ragazzo.

Il Ministro Salvini si rallegrò della cosa, annunciando taser anche nelle carceri e nei treni. Taser ovunque, dunque, per una società del nemico sempre più insicura.

L’impressione è di trovarsi davanti uno Stato che anziché fornire un’ assistenza psicologica, liquida come un problema di ordine pubblico a suon di scarica elettrica in corpo ogni problema.

In Italia il taser è stato introdotto in una prima fase in 6 città, nel marzo del 2018, con una circolare firmata dal capo della direzione anticrimine in base alla legge n.146/2014, in realtà dettata per gli stadi (da sempre laboratorio di pratiche repressive) e poi esteso, in una seconda fase, a tutto il territorio nazionale. Dunque Salvini ha solo potenziato e legittimato uno strumento già esistente.

Il taser non è un’arma innocua, secondo i dati di Amnesty, negli Stati Uniti ha già provocato 500 morti, e alcuni modelli tuttora in circolazione, i più vecchi e i più pericolosi, si prestano bene alla definizione di strumenti di tortura.

Un gran numero di TSO riguarda persone in perfetta salute ma con seri problemi di gestione della rabbia, resisi protagonisti di gravi episodi di violenza (esperienza personale). Senza l’uso del taser bisognerebbe comunque, purtroppo, ricorrere alla violenza col rischio di creare anche lesioni molto serie. L’errore di fondo di chi critica l’uso di questo strumento può essere pensare che la scelta sia fra taser e carezze, e invece quest’ultima intercorre fra taser e colluttazione. C’è infine una questione ancora più a monte: il taser non deve sostituire un addestramento. Se dei poliziotti in gruppo non riescono a sopraffare uno schizofrenico non armato (supponiamo il caso semplice), forse dovrebbero riconsiderare la loro “carriera”.

Quanto al Sindaco di Verona, non ha nessuna responsabilità sull’uso dei taser, le cui modalità di uso sono disciplinate da altri soggetti. Lasciamolo chiacchierare.

Foto di Ryan McGuire da Pixabay

Categorie: Altri blog

L’agnello che si crede un cane: salvato dal macello, ora Torquato vive in salotto

Mar, 06/18/2019 - 12:35

È un agnello, ma è convinto di essere un cane. E la cosa non è un problema. Torquato ha una storia eccezionale da raccontare, fatta di salvataggio, cura, rispetto degli altri e convivenza. È stato trovato agli inizi di febbraio nelle campagne di Carmiano, in provincia di Lecce: era piccolo e aveva tutte e quattro le zampe legate. Con buona probabilità sarebbe stato destinato al macello, in previsione dell’arrivo di Pasqua. A recuperarlo ci hanno pensato le guardie ecozoofile dell’Enpa (Ente nazionale protezione animali), che hanno così chiesto a una volontaria se potesse occuparsene.

E la seconda vita di Torquato è cominciata grazie a Emy Ponzini: lo ha accolto e avvicinato con molta cautela, dandogli il latte, superando la sua ritrosia, permettendogli di recuperare la postura corretta. E soprattutto, presentandogli i 20 cani con cui Ponzini vive. Torquato, che ha riconosciuto molto presto il nome che gli era stato affibbiato, ha risposto con amore e devozione, suscitando curiosità fra i tanti cani con cui divideva la cuccia.

Guarda il video su VIDEO.REPUBBLICA.IT

Categorie: Altri blog

Immaginazione Festival

Mar, 06/18/2019 - 11:12

Durante la settimana sperimenteremo cos’è per noi l’immaginazione attraverso l’esperienza ed i racconti di attori, musicisti e scrittori che grazie a questa particolare forma di pensiero hanno elaborato il proprio processo creativo.
Cercheremo di riflettere e discutere sui rapporti tra l’immaginazione e le diverse arti.
Sei giorni di incontri teorici ma anche letture, teatro, laboratori artistici e musica.
E ci racconteremo di:
Immaginazione e scrittura
Immaginazione e pittura
Immaginazione e musica
Immaginazione e filosofica
Immaginazione, teatro e cinema.

Saranno con noi Jacopo Fo, Stefano Benni, Marco Baliani, Paolo Rossi, Claudia Bottini e molti amici che hanno già dato la loro disponibilità. Stiamo lavorando, seguiteci… appuntamento al 3 agosto!

Clicca qui per maggiori informazioni e per prenotare

Segui gli aggiornamenti su Facebook

Categorie: Altri blog

La fatica di sbarazzarsi della plastica: i casi Lego e Carrefour

Mar, 06/18/2019 - 11:10

LEGO STA FACENDO FATICA A TROVARE UN’ALTERNATIVA ALLA PLASTICA Nonostante le ricerche, non ha ancora trovato una formula adatta perché i suoi mattoncini rimangano quelli che conosciamo

Da ormai sette anni Lego sta studiando un modo per produrre i suoi mattoncini con la plastica di origine vegetale. È un progetto ambizioso: la società danese lo ha adottato perché la sua storia e il suo immaginario le impongono, in un certo senso, di posizionarsi come attenta alle questioni ambientali. Ma è anche molto complicato, come ha raccontato di recente il Wall Street Journal, e finora non ci è riuscita se non nel caso di alcuni pezzi secondari. Nello specifico alberi, cespugli e foglie, introdotti sul mercato lo scorso anno e derivanti dalla canna di zucchero coltivata in Brasile. Il resto dei 50 miliardi di mattoncini che Lego produce ogni anno continua a essere prodotto con la plastica tradizionale.

Definire le “bioplastiche” non è semplice, perché al momento sono diversi i materiali che ricadono in questa categoria, più o meno impropriamente: sono in generale quelle plastiche prodotte completamente o in parte con biomasse vegetali, che possono essere biodegradabili ma possono anche non esserlo, e che possono essere prodotte a partire da fonti rinnovabili ma anche fossili. In genere derivano dalla canna da zucchero, ma possono anche essere ricavate da amido di mais, grano, scarti alimentari o fecola di patate. Sono generalmente considerate un’alternativa molto più ecosostenibile della plastica tradizionale, anche se non sono – perlomeno non ancora – un materiale propriamente a basso impatto ambientale. Anche per questo è sconsigliato utilizzare il termine “bioplastiche”, a cui viene spesso preferito “polimeri a base biologica”. Continua a leggere [Fonte: ILPOST.IT]

Il monouso nel mondo, un giro tra proteste e innovazioni

  • USA, BOOM MOVIMENTO ANTI-PLASTICA: BASTA BARBIE E LEGO Mai più Barbie nè Lego. Cresce il numero dei genitori consapevoli dell’impatto che i giocattoli industriali dei propri figli hanno sull’ambiente. Una schiera di adulti disposti a realizzare a mano, magari con l’aiuto dei nonni, i vestiti per le bambole o i mattoncini per le costruzioni o pronti riportare al negozio i giocattoli ricevuti in regalo se contengono la plastica.

Come nel resto del mondo, anche negli Stati Uniti lo zero-waste movement, il movimento che si impone uno stile di vita improntato ad azzerare i rifiuti e utilizzare nel quotidiano solo pratiche e materiali ecosostenibili, sta uscendo dalla nicchia: su Facebook c’è gruppo con oltre 100 mila iscritti, che si scambiano suggerimenti su come realizzare o dove comprare giocattoli di legno, stoffa o carta. Alcuni accettano gli oggetti di plastica solo se sono di seconda mano. Che la plastica nei giocattoli sia un problema si comprende analizzando le cifre. Continua a leggere [Fonte: La Repubblica]

  • TUTTO È PLASTICA Ecco la nuova plastica dagli scarti industriali. “L’alternativa alla plastica di origine petrolifera – ci spiega il Dr. Mario Malinconico, dell’IPCB-CNR di Pozzuoli – è la plastica da carbonio rinnovabile, biodegradabile e compostabile”. La trasformazione dei prodotti agroalimentari, pomodoro, agrumi, produce grandi quantità di scarti da cui si possono ricavare bioplastiche a basso impatto ambientale. E non solo: avete mai sentito parlare di polimeri biomedicali? [Fonte: PEOPLEFORPLANETDi Claudio Metallo
  • FARE LA SPESA: PERCHÉ NON POSSIAMO EVITARE I SACCHETTI DI PLASTICA? Portare i contenitori da casa, per ridurre i rifiuti: si può fare nei Carrefour di Belgio e Francia. E in Italia? L’iniziativa belga si è via via trasferita nei supermercati francesi della marca: la riduzione di imballaggi, della plastica e dell’usa e getta è davvero significativa e c’è da augurarsi che arrivi presto in Italia e si estenda ad altri supermercati.

È partito tutto dal supermercato Carrefour Belgio di Bierges, un progetto per ridurre il mare di rifiuti prodotti – in particolare quelli plastici – che prova a dare una soluzione al problema: invitando i clienti a portare da casa non solo i sacchetti riutilizzabili, ma anche i propri contenitori riutilizzabili (quelli per riporre gli alimenti in frigo, per intenderci) nei banchi macelleria, gastronomia e pescheria.

In due settimane questa possibilità, anzi un vero e proprio invito, è stato esteso a tutti i punti vendita del Paese: il cliente porta da casa il proprio contenitore, che sarà calcolato come tara. Una volta pesato il prodotto (un tipo solo per contenitore, per evitare contaminazioni) l’etichetta con il prezzo viene attaccata al contenitore.

Ovviamente per questioni igieniche viene precisato che gli addetti al banco possono rifiutare di utilizzare contenitori che risultino non perfettamente puliti. L’idea ricalca quella dei negozi che vendono prodotti sfusi, applicata alla vendita servita in un supermercato “tradizionale”, ed è evidente il risparmio in termini di imballaggio. Continua a leggere [Fonte PEOPLEFORPLANET – Di Elisa Poggiali]

Categorie: Altri blog

La Cucina Vegana di Manuela: i pancakes (video-ricetta!)

Mar, 06/18/2019 - 08:54

La “green chef” messinese Manuela Garaffo ci spiega come preparare degli ottimi pancakes vegani, cioè senza ingredienti di origine animale. Da provare, buon appetito!

flowplayer.conf.analytics = "UA-11693000-17"; flowplayer.conf.container = "#player_309"; p = flowplayer(flowplayer.conf.container, { splash: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/309/output/thumb.jpg', aspectRatio: "16:9", key: '$995340359991288', clip: { sources: [ { type: 'application/x-mpegurl', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/309/output/cucina-vegana-pancakes.mp4_master.m3u8' }, { type: 'video/mp4', src: 'https://cdn.peopleforplanet.it/v/video/309/cucina-vegana-pancakes.mp4' } ] } })

Categorie: Altri blog

Vacanze, l’agriturismo cresce in controtendenza (+3%)

Mar, 06/18/2019 - 08:00

In controtendenza rispetto all’andamento generale, crescono del 3% le presenze in agriturismo nell’estate 2019 spinte dal turismo verde a contatto con la natura ma anche di quello enogastronomico con la capacità di mantenere inalterate le tradizioni culinarie nel tempo che è la qualità più ricercata. E’ quanto emerge dalle prime stime della Coldiretti sulla base delle prenotazioni delle strutture associate a Campagna Amica Terranostra a integrazione dell’analisi effettuata da Cst-Assoturismo Confesercenti.

Si tratta di un aumento sostenuto dalla qualificazione dell’offerta con gli agriturismi italiani che – sottolinea la Coldiretti – offrono servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness.

Continua a leggere su COLDIRETTI.IT

Categorie: Altri blog

Sarri è l’8 settembre della Juventus

Mar, 06/18/2019 - 07:45

La notizia non è Sarri che va alla Juventus: desiderio scontato e comprensibile, coronamento di una carriera lunga e sofferta. La notizia – enorme – è la Juventus che cerca e ingaggia Sarri. Che lo sceglie come proprio allenatore. 

Dopo otto scudetti consecutivi, di cui cinque con Allegri in panchina. Dopo anni di scontro feroce sull’idea di calcio, con i bianconeri da sempre per la visione pragmatica del pallone, contrapposti proprio all’estetica di Maurizio Sarri e del Napoli dei 91 punti, la Juventus rinnega sé stessa. E firma il proprio 8 settembre.   

L’ingaggio di Sarri è una rivoluzione copernicana per il club da sempre contrassegnato dalla frase di Boniperti: “Vincere non è importante, è l’unica cosa che conta”. Andrea Agnelli, dicono convinto da Nedved e Paratici, ha di fatto ammesso che nella disputa ideologica sul modo di intendere il calcio, avevano ragione gli altri, gli avversari. E per avversari non intendiamo soltanto Sarri e il Napoli, ma anche tutti i propugnatori di un calcio spettacolare e mai più sparagnino. È come se negli ormai celebri siparietti tv tra Adani e Allegri, Agnelli fosse intervenuto e si fosse schierato con l’opinionista. In barba ai cinque campionati consecutivi vinti. E, soprattutto, con l’ossessione di quella Champions che tormenta le notti di dirigenti e tifosi bianconeri.

La Juventus di Allegri ha battuto sul campo (anche se non tutti sono d’accordo) il Napoli di Sarri ma, esonerando il livornese e chiamando il toscano di Figline, è come se la società bianconera avesse ammesso che in fondo quella vittoria non è stata rotonda, piena. Non ci azzardiamo a dire meritata, ma il senso è un po’ quello. 

Con Sarri, la Juventus ha anche deciso di sfidare il proprio mondo. Oltre alla propria storia. E non tanto per aver ingaggiato l’uomo che sfoderò il dito medio all’esterno dello Stadium. È proprio il salto in una dimensione a loro sconosciuta. Da un giorno all’altro, bisogna imparare a memoria che il gioco è più importante del risultato. Da ripetere almeno trenta volte, prima e dopo i pasti. Per ora, la risposta dei tifosi è come quella dei mercati: negativa. 

Ma – per quel che riguarda l’ambiente – fu così anche con l’ingaggio di Allegri, ripetono a cantilena dalla Juventus. È il loro nuovo mantra

Categorie: Altri blog

La casa riciclabile made in Italy

Mar, 06/18/2019 - 07:30

Pensare al fine vita di un prodotto ancor prima che quel prodotto prenda vita, riciclare tutto di un edificio e farlo sul posto, produrre rivestimenti da molti altri materiali di scarto: conosciamo insieme tre aziende italiane, innovative e circolari.

Progettare opportunamente per garantire un recupero/riciclo totale dell’oggetto è uno dei pilastri dell’economia circolare ed è l’obiettivo numero uno di Caimi Brevetti, fondata nel 1949, con sede a Nova Milanese (MB).

Caimi Brevetti è un’azienda design-oriented del settore arredamento e complementi d’arredo per l’ufficio, con numerosi riconoscimenti per il design dei suoi prodotti (dal recente German Design Award al Premio Design Europa fino al Compasso d’Oro), ma anche un’azienda che ha tra gli obiettivi non solo l’estetica, ma anche la sostenibilità e la riciclabilità.

Grazie ad un centro di ricerca e alla collaborazione con il Politecnico di Milano, l’Università di Milano Bicocca, l’Università di Genova e l’Istituto Europeo di Design, porta avanti questa filosofia privilegiando l’uso di materiali riciclabili e oggetti monomaterici o facilmente disassemblabili, in modo da agevolarne il riciclo al 100%. Inoltre con una selezione opportuna della qualità dei materiali e grazie alla bellezza dei prodotti è riuscita ad allungare la vita dei suoi prodotti, rendendo più efficiente l’uso della materia e dell’energia impiegate.

Riduzione del consumo di suolo, minore utilizzo di materie prime, riciclo dei materiali e abbattimento dei trasporti: questo è il futuro dell’edilizia ed è anche l’obiettivo di Catalyst Group, la start up fiorentina che ha messo a punto un nuovo sistema di costruzione, tutto circolare.

Una filiera di produzione dei mattoni che parte dalla demolizione dell’edificio esistente ed effettua direttamente il recupero in loco dei materiali. Questi, infatti, dopo essere stati sottoposti a controlli chimici, vengono miscelati e pressati a freddo direttamente in cantiere grazie a una pressa ad alta compressione, ottenendo nuovi mattoni.

Il processo consente di abbattere le emissioni di CO2 e di  ridurre i costi, risparmiando l’energia necessaria alla cottura dei mattoni e al trasporto dalla fabbrica al cantiere. Questo prodotto si chiama Ri-Block ed è un mattone che permette di realizzare murature senza malta e con faccia a vista.

Catalyst realizza anche Carrara-Block, mattoni bianchi ottenuti recuperando gli scarti di lavorazione del marmo di Carrara e la polvere delle escavazioni prodotte nelle Cave Apuane. E Double-Block, il mattone ottenuto dagli stessi materiali riciclati, con due facce a vista e dotato di canali che consentono l’inserimento di un’armatura per un utilizzo in funzione portante o per la costruzione di edifici di emergenza smontabili.

Tutto (o quasi) si ricicla diventando altra materia, senza sacrificare estetica, qualità e funzionalità: questo è il mantra dei rivestimenti continui di OltremateriaR con sede a S. Giovanni Marignano (RN).

Pavimenti e rivestimenti continui a base d’acqua, atossici e certificati, realizzabili in EcomaltaR o OleomaltaR, materiali eco-compatibili, di riciclo e completamente riciclabili come inerti.

Uno tra i materiali per rivestimenti in collezione, Riciclo, è realizzato in EcomaltaR ed è frutto di una ricerca mirata al reinserimento nella produzione di materiali di riciclo certificati quali marmo, cotto, madreperla, vetro, specchi, bottiglie e lampadine. Materiali che, oltre a trovare un nuovo utilizzo, donano al rivestimento un’estetica molto particolare.

Il sistema OltremateriaR non utilizza solventi, cementi e resine epossidiche, aumenta le performance, riduce la produzione di questi materiali e il prelievo di risorse naturali, creando ambienti di benessere, salubri e belli. L’Ecomalta Oltremateria non produce emissioni nocive da formaldeide e ha bassissime emissioni VOC, tanto da ottenere la certificazione quattro stelle (F**** il massimo raggiungibile) dalla Japan Building Coating Materials Association.

Altre fonti:
Rapporto 100 italian circular economy stories, Fondazione Symbola e ENEL, 2018
http://www.symbola.net/html/article/100italiancirculareconomy

L’immagine di copertina non è legata ai prodotti delle aziende citate dell’articolo: Photo by Olivier Guillard on Unsplash

Categorie: Altri blog

Berlino: arriva la prima mensa universitaria con menu 100% vegan

Lun, 06/17/2019 - 21:00

Berlino è una tra le città europee più aperte nei confronti della scelta vegana e lo dimostra questa novità: all’Università tecnica menu 100% plant based.

Si chiama Veggie 2.0 ed è la prima mensa universitaria vegana di Berlino, nata tra le mura dell’Università politecnica per offrire agli studenti un’alternativa “green” ai menu tradizionali, a prezzi decisamente accessibili. La nuova struttura – che non per niente trova spazio in una delle città più veg-friendly d’Europa –  ha preso il posto della vecchia caffetteria del campus e offre un’ampia gamma di piatti tutti 100% vegetali, partendo dagli antipasti, passando per primi piatti e secondi, fino ad arrivare a torte e dessert.

Anche se l’azienda che si occupa di preparare i menu prepara anche piatti a base di carne e pesce per altre mense universitarie della città, sul sito si legge come anche questi ingredienti siano quanto più possibile a km zero, ricavati con metodi di pesca sostenibile e rispettando gli standard minimi del benessere animale previsti in Europa per l’allevamento.

Una scelta che sembra andare incontro alle abitudini alimentari degli studenti tedeschi: da un censimento recente è emerso che su una comunità di oltre 14 mila studenti, ben il 13,5% ha scelto di eliminare le proteine animali dalla propria dieta, a fronte di un 1,6% di vegani sparsi su tutto il territorio nazionale. In generale, però, quello che emerge non è la volontà da parte di chi gestisce la mensa di creare una sorta di “nicchia” in cui i vegani possano rifugiarsi trovando i propri cibi “strani”, ma al contrario di avvicinare quanti più studenti a un’alimentazione più sana, in un’operazione di inclusione degli onnivori anziché di esclusione dei vegani e dei vegetariani.

Continua a leggere su VEGOLOSI.IT


Categorie: Altri blog

New York, passa la legge che impone i tetti verdi

Lun, 06/17/2019 - 16:00

New York non è famosa per essere una città verde. Certo, c’è Central Park a Manhattan, Prospect Park a Brooklyn, ma non è esattamente una metropoli che rimane impressa per le aree verdi. C’è tuttavia da riconoscere che molti sforzi li sta facendo, sia grazie all’amministrazione che alle iniziative dei cittadini. È notizia di poche settimane fa, passata peraltro sottotono, che i tetti verdi, ‘stratagemma’ ecologico che nella metropoli viene adottato con frequenza, diventeranno obbligatori, almeno per i nuovi edifici.

È difatti passata una nuova legge promulgata dal New York City Council che prevede che lo skyline della città rinverdirà sempre di più. Si tratta di un provvedimento incluso nel cosiddetto Climate Mobilization Act, che punta ad intraprendere una serie di iniziative per rendere la Grande Mela più sostenibile. In particolare il New Green Deal, questo il nome del passaggio dedicato ai tetti verdi, esige che tutti i nuovi edifici, residenziali o commerciali, e tutti quelli che vengono sottoposti a ristrutturazioni debbano avere il tetto ricoperto di piante. 

Continua a leggere su LASTAMPA.IT

Categorie: Altri blog

Un consiglio per gli investimenti dei propri risparmi? Se vi rispondono in 20 minuti scappate

Lun, 06/17/2019 - 14:00

Non vi dirò chi mi ha posto questa domanda, vi dirò che la persona in questione è un operatore del settore, uno che mastica finanza ed economia per lavoro. Ma e’ anche la solita domanda che, sistematicamente, mi fanno tutti quelli che mi interfacciano.

“Oltre ai risparmi, hai anche 4 ore da investire?”. La mia risposta.

Ecco il motivo per il quale ho scritto il mio ultimo libro “Soldi Gratis” (Sperling&Kupfer). Per rispondere alle domande più diffuse, per spiegare cosa evitare, su cosa investire e, soprattutto, per allenare l’intelligenza finanziaria dei risparmiatori, per dargli consapevolezza finanziaria.

Chi mi chiede su cosa investire e si aspetta una risposta al fulmicotone, probabilmente, non ha la giusta consapevolezza finanziaria, e se qualcuno (anche fosse un grande maestro dell’economia) oserebbe rispondergli in quattro e quattro otto potrebbe mandarlo in pasto ai leoni. Lo sta truffando o quantomeno gli sta fornendo una risposta sbagliata.

Sapete perché gli ho chiesto d’investire quattro ore? Perché questo è il tempo che mi è necessario per compilare un profilo di rischio della persona in questione. Se i cittadini prestassero attenzione al profilo di rischio potrebbero evitare gran parte dei loro problemi in tema di finanza. La cronaca degli ultimi anni lo ha confermato: la manipolazione del profilo di rischio è stata ed è la madre di tutte le truffe bancarie.

Il profilo di rischio è una fotografia dell’investitore, attraverso una serie di dati raccolti si riesce ad inquadrare quali possano essere i titoli in linea con le caratteristiche, le aspettative e l’attitudine a rischio del cittadino.

Con quanta frequenza vi dedicate alla gestione del vostro portafoglio investimenti? Vi sentite esperti o meno? Seguite le informazioni finanziarie? Insomma avete tempo da dedicare ai vostri investimenti? Siete propensi ad accettare una variabilità elevate dei rendimenti? È un punto fondamentale, riuscirete a controllare le vostre emozioni nei momenti negativi del mercato?
Quanti anni avete? Se siete molto giovani è bene che ci sia una certa tutela, avete poca esperienza e avete accumulato poca esperienza. Qual è la vostra professione? Se siete vicini al mondo del trading, magari ne masticate. Livello d’istruzione? Di solito si presuppone che maggiore livello d’istruzione coincide con maggiore livello di consapevolezza finanziaria. Fonte di reddito? Da dove deriva il vostro reddito farà capire la vostra elasticità nella gestione delle risorse.

Solo per rispondere a queste domande credo che occorra almeno un’ora.

Dopodiché ci sono due passaggi importanti.

Il primo riguarda l’analisi della propria situazione finanziaria e la predisposizione di un budget familiare. Il vostro reddito riesce a coprire i consumi e assicurarvi un risparmio? Che aspettative avete riguardo ai redditi futuri? Se immaginate di avere in futuro un redito in declino capirete che bisognerà essere conservativi. Nei prossimi anni in che percentuale pensate di impiegare il vostro portafoglio per spese importanti (case, automobili, terreni)?

Il secondo passaggio attiene alla fissazione degli obiettivi d’investimento. Qual è il vostro obiettivo? Volete comprare un sbarca tra 2 anni ? Volete assicurarvi una pensione dignitosa tra 15 anni? E allora dovete decidere quanto volete guadagnare in quell’arco temporale ?
Se proprio volete pensarci poco, non dimenticate queste due equazioni basiche: alto rischio alto rendimento, basso rischio basso rendimento.
Se volete correre rischi potete aspirare a grossi rendimenti, al contrario limitate le vostre aspettative.

E tutto questo può avvenire nei canonici 20 minuti che, al massimo, vi dedica un consulente finanziario prima di proporvi “l’affare del secolo”?

Se volete correre rischi, dovete conoscere i prodotti e i mercati. E il mercato non è un gioco.

Adesso riuscite a giustificare la mia risposta? Le 4 ore che ho chiesto per rispondere alla domanda di partenza?

“Ho dei risparmi da investire, su quale prodotto mi consiglia di puntare?”

Vi consiglio di investire i vostri risparmi nella “consapevolezza” e solo dopo avere le giuste informazioni e aver parlato con dei consulenti di fiducia, scegliendo insieme i prodotti su cui puntare dopo “un’intervista” fondamentale per la tutela del vostro risparmio.

Fate attenzione.

Foto di 3D Animation Production Company da Pixabay

Categorie: Altri blog