Indice del blog, argomenti principali Tutto sullo Yoga Demenziale Fumetti, disegni, arte
Le notizie di Cacao I migliori video della rete, teatro, Jacopo Fo, Dario Fo Tutti gli articoli di Jacopo Fo

2-4 ottobre, Libera Università di Alcatraz, Festival dell’Arte Irregolare

2-4 ottobre, Libera Università di Alcatraz, Festival dell’Arte Irregolare

Dal 2 al 4 ottobre si terrà alla Libera Università di Alcatraz il primo

FESTIVAL DELL’ARTE IRREGOLARE arteirregolare.comitatonobeldisabili.it

Un mostra-evento per raccontare l’arte differente e la bellezza nascosta che non trova spazio nei consueti canali espositivi.

Iniziata nell’ottobre del 2014 con l’apporto del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Azienda USL-Bologna, questa straordinaria esperienza coinvolge oggi oltre 30 artisti Irregolari per decine di opere.
Durante il Festival ne parleremo con gli artisti stessi, con operatori ed esperti del settore quali il Prof. Giorgio Bedoni e i direttori del Dipartimento di salute mentale di Bologna e Piacenza.
Sono previsti crediti ECM.
Qui il programma dell’evento, in particolare della giornata del 3 ottobre.

Per informazioni e prenotazioni potete scrivere a gabriella@alcatraz.it

http://arteirregolare.comitatonobeldisabili.it/

Un maiale sul divano

È successo nell’agriturismo Genna ’e Corte in località Stunnu nel comune di Laconi, in Sardegna.
Il suino dormiva placidamente sul divano dell’agriturismo davanti agli occhi stupefatti di ospiti e proprietari. L’animale selvatico, di circa due quintali doveva essersi introdotto nel locale in piena notte e non gli è sembrato vero di trovare un giaciglio così comodo.
E chiamalo scemo.
(Fonte: Il Messaggero)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

Droga: la gettano dalla finestra, colpiscono gli agenti

Il fatto è avvenuto a Reggio Emilia, quartiere di Santa Croce: arriva la Polizia che aveva fermato uno spacciatore, i complici nell'appartamento decidono di buttare 900 gr. di marijuana fuori dalla finestra. Sarebbe andato tutto bene se il pacco non avesse colpito un agente piazzato in cortile.
Lo spacciatore è stato arrestato e lanciato a giudizio mentre pare che le persone all'interno dell'appartamento fossero estranee all'attività di spaccio.
(Fonte: Gazzettadireggio.gelocal.it)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

Gli IgNobel 2016: tutti i premi

Assegnati i premi IgNobel 2016, i premi scientifici più irriverenti dell’anno che premiano le ricerche che fanno prima ridere e poi pensare. Buona lettura!
IgNobel 2016 per la Riproduzione all'egiziano Ahmed Shafik per aver studiato l’effetto dell'uso dei pantaloni di poliestere, di cotone o di lana sulla vita sessuale dei ratti.
Le conclusioni? “I pantaloni di poliestere hanno generato, a differenza degli altri, un potenziale elettrostatico sul pene e sullo scroto che può spiegare la diminuzione dell’attività sessuale degli animali”.
L'IgNobel 2016 per la Chimica è andato alla Volkswagen, capace di risolvere il problema dell’inquinamento automobilistico producendo automaticamente meno emissioni quando le automobili sono sottoposte a test.
IgNobel 2016 per l'Economia a Mark Avis e colleghi della Massey University neozelandese e della University of Birmingham nel Regno Unito per uno studio sulla personalità dei sassi allo scopo di creare un nuovo indice di marketing per le vendite al dettaglio.
IgNobel per la Fisica a Gabor Horvath, della Eotvos University, per uno studio sul fatto che i cavalli bianchi sono meno soggetti degli altri alle punture dei tafani e sul fatto che alcuni insetti, in particolare gli anisotteri, prediligano le lapidi di colore nero.
IgNobel per la Medicina al dottor Christoph Helmchen, del Dipartimento di Neurologia all’Università di Luebeck per aver scoperto che si può alleviare il prurito sul lato sinistro del corpo guardandosi allo specchio e grattandosi il lato destro. (...)

CONTINUA A LEGGERE CACAO DI OGGI

Fare la figura del fesso a Matera

Fare la figura del fesso a Matera

E' una delle città più belle del mondo, unica.
Non a caso è diventata Patrimonio dell’Umanità per l’Unesco e Capitale Europea della Cultura 2019.
Ci sono andato con Eleonora per una vacanza romantica. La vista sulla città vecchia (i Sassi) all’alba è qualche cosa che si sposa deliziosamente con sdilinquimenti emozionali… Sublime.
Meraviglioso! E il cibo pure. All’Osteria Pico ho assaggiato i peperoni secchi fritti nell’olio d’oliva vero che sono da arresto immediato!
Cammini per le stradine, in mezzo alle case scavate nel tufo, ed è una specie di massaggio al cervello. Tutto perfetto.
Siccome però volevo vantarmi con Eleonora e sedurla un po’, ho cercato di fare bella figura per via che io Matera l’avevo studiata prima. Così le facevo da Cicerone narrando di neolitico e paleocristiani. Siamo così andati a visitare la ricostruzione di come erano i Sassi una volta e mi sono trovato di fronte alla miseria nera nella quale si viveva lì fino a 60 anni fa, intere famiglie dividevano un’unica grotta buia e angusta con asino, maiale, pecore e galline. Sicuramente meritevole che si racconti la condizione disumana del recente passato. Ma io volevo anche far vedere a Eleonora la genialità della culture matriarcali antichissime. Quindi mi sono avvicinato alle guide, giovani fanciulle avvenenti, chiedendo: “Dove si può vedere il sistema idrico dei sassi con la condensazione dell’acqua?”

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Dario Fo e Camilleri: è meglio mangiare bio e non fumare o fare arte?

di Jacopo Fo
Ho iniziato a mangiare bio nel 1974. Che onestamente era dura riuscirci. Per 10 anni quasi non ho toccato carne (alla carbonara non resisto)... E certamente mangiare sano, poco e con poca carne, mi ha fatto bene.
Però poi guardo Camilleri che fuma un treno di sigarette al giorno e mangia come un puma estremista e mio padre, che fino ai 60 si sparava minimo 40 sigarette al dì e per un suo principio religioso non aerava mai le stanze... A Milano, che già di base c'era lo smog da carbone... Che se poi ti fumi l'ultima sigaretta a letto e non arieggi te la rifumi 20 volte durante la notte.... Che mio padre inoltre è pure famoso nel teatro italiano per essere riuscito a mangiarsi un piatto spaventoso di cassoeûla giusto prima di andare in scena. Una roba che, fisiologicamente. non si può fare... Tutti gli attori prima di uno spettacolo si fanno un cappuccino, una brioscina, un'insalatina al massimo... Perché se mangi di piu' poi rutti da bestia e il piloro ti impazzisce. Mio papà una cassoeûla!!! Che è lì che poi ha inventato il Gramelot...
Li guardo e mi chiedo: ma com'è che sono ancora vivi e vegeti e in più sono i due autori italiani più prolifici in assoluto?
Mio padre lavora 9 ore al giorno minimo, dorme 11 ore e ha una vitalità enorme.
E per 70 anni ha cambiato città ogni giorno per 4 mesi all'anno e mangiato nei ristoranti (a volte assassini nati) per almeno 180 giorni...
La questione credo sia semplice. Senza voler togliere nulla alla dieta sana e al fatto che non fumare fa bene, bisognerebbe riscrivere la scala delle priorità.
Cibo sano e non fumare valgono 100 punti. Ma avere la passione per l'arte e una vita sociale intensa vale almeno 500 punti.
Bisognerebbe che i medici iniziassero a prescrivere sulla ricetta medica, a fianco delle medicine: tutti i giorni dopo i pasti svolgere attività appassionanti, chiacchierare con gli amici, giocare e fare arte.
Le statistiche dell'OMS peraltro confermano questa elementare verità: chi campa di più non sono i miliardari ma gli artisti e gli scienziati.
E sarebbe bene ricordare anche che regalare qualche cosa agli altri è molto più salubre di una settimana di dieta macrobiotica.
Che se lo sapessero gli avari e gli egoisti...

Viale delle Giuste: il bando di concorso

Amici lettori,
abbiamo già parlato su Cacao del progetto/concorso “Il Viale delle Giuste” che la Libera Università di Alcatraz sta portando avanti con l'associazione Toponomastica Femminile e il sostegno della Federazione Nazionale Insegnanti (FNISM) per creare, ad Alcatraz, un viale intitolato a 40 donne “Giuste” che, pur avendo contribuito allo sviluppo socio-culturale del territorio e del Paese intero, sono state poi dimenticate. Il progetto coinvolgerà scuole e università, gli studenti dovranno selezionare i nomi delle 40 Giuste e ricostruirne la storia.
La newsletter di Cacao segue e seguirà passo passo il progetto, in questo numero pubblichiamo il bando ufficiale del concorso.

“Sulle vie della parità”, IV Edizione, anno 2016/2017.

Il concorso, indetto da Toponomastica femminile e sostenuto da FNISM, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, agli atenei e agli enti di formazione, è finalizzato a riscoprire e valorizzare il contributo offerto dalle donne alla costruzione della società. Attraverso attività di ricerca-azione si chiede di:
- riscoprire figure femminili che, pur avendo contribuito allo sviluppo socio-culturale del territorio e del Paese intero, sono state poi dimenticate e proporle per nuove intitolazioni; il lavoro individuerà uno spazio (strada, giardino, rotonda, pista ciclabile, sentiero, edificio, aula, biblioteca...) che non abbia ancora una propria intestazione, da dedicare a una o più figure femminili considerate meritevoli. La proposta sarà accompagnata da repertorio fotografico che consenta di riconoscere il luogo prescelto;
- individuare e descrivere percorsi culturali e itinerari di genere femminile - sulla base di intitolazioni già esistenti - in grado di riportare alla luce le tracce delle donne nella storia e nella cultura del territorio, e proporle come modelli di valore e di differenza sui quali riflettere e ai quali attingere nell’opera complessa della costruzione dell’identità maschile e femminile.

Ragionando sulle intitolazioni presenti e assenti, le/gli studenti impegnate/i nella ricerca-studio saranno stimolate/i a sviluppare il lavoro in modo autonomo, critico e responsabile. Il carattere trasversale della toponomastica e dell’analisi del territorio offre numerose opportunità didattiche di integrazioni interdisciplinari e nel contempo permette a bambine e bambini, a ragazze e ragazzi di sviluppare forme di cittadinanza attiva e di partecipazione alle scelte di chi amministra la città, nel rispetto dei valori dell’inclusione e dell’integrazione. (...)

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Dalle energie rinnovabili il 23% dell'elettricità mondiale

Scrive Rinnovabili.it: “Oggi le fonti alternative, idroelettrico compreso, rappresentano oltre il 30% della potenza elettrica installata a livello globale, coprendo il 23% del mix produttivo di elettricità.”
I dati arrivano dal rapporto 2016 del World Energy Council.
Continua Rinnovabili.it: “La relazione conferma alcuni elementi storici: l’energia idroelettrica e quella ottenuta dalla biomassa continuano a dominare il settore delle rinnovabili, lasciando a fotovoltaico ed eolico un risicato 4% del totale. Tuttavia sono proprio questi due ultimi settori ad aver segnato i record maggiori, sia in termini di investimenti che di tasso annuale di crescita media (rispettivamente al 23% e 50% negli ultimi 10 anni).”

CONTINUA A LEGGERE LE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI

Il micro asilo nido comunale Franca Rame

Inaugurato a Petrosino (Trapani) il micro asilo nido comunale “Franca Rame”
Il micro asilo nido comunale intitolato a Franca Rame di Petrosino, Trapani, ospita già 12 bambini di età compresa tra i tre mesi e i tre anni e sorge presso l’ex scuola San Giuliano, ristrutturata nel 2015 dopo un incendio.
“Vedere oggi questa scuola così bella è davvero un segno di rinascita, dedicata alla generazione migliore di Petrosino, ovvero i nostri bambini. Tanta emozione, quindi, ma soprattutto la voglia di offrire un servizio pubblico che dia civiltà a una comunità.” ha commentato il sindaco Gaspare Giacalone.
(Fonte: Marsalanews.it)

CONTINUA A LEGGERE LE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI