Indice del blog, argomenti principali Tutto sullo Yoga Demenziale Fumetti, disegni, arte
Le notizie di Cacao I migliori video della rete, teatro, Jacopo Fo, Dario Fo Tutti gli articoli di Jacopo Fo

Prossimi appuntamenti alla Libera Università di Alcatraz

Prossimi appuntamenti alla Libera Università di Alcatraz

Vuoi scrivere un libro sulle streghe con me?

L'idea che abbiamo della stregoneria deriva in gran parte dai verbali dell'Inquisizione che otteneva confessioni con la tortura.
La stessa idea di stregoneria è totalmente sbagliata: non è mai esistita come ce la raccontano.
I pazzi sadici dell'Inquisizione erano convinti di lottare contro sette demoniache che adoravano il demonio, si congiungevano simbolicamente con lui, a volte durante orge sfrenate, e praticavano una serie di riti blasfemi a base di crocefissi capovolti, ostie profanate e altre nefandezze.
Gli studiosi hanno da tempo dimostrato ampiamente che i riti demoniaci furono inventati dagli inquisitori e solo dopo che i verbali vennero resi pubblici ci furono gruppi che si misero a praticare i riti che venivano descritti; a imitazione quindi non delle reali pratiche delle cosiddette streghe ma di quanto la propaganda papalina raccontava su di esse.

Per capire chi erano le donne accusate di stregonerie bisogna raccontare la storia dell'impetuosa scalata al potere intrapresa dalla Chiesa Cattolica durante il crollo dell'Impero romano e nel Medioevo.
Dopo che il Cristianesimo diventò religione dell'Impero iniziò una lotta spietata contro le eresie. Il papato si dedicò alla distruzione di tutti i culti cristiani che non ne riconoscevano l'autorità e non si inchinavano ai dettami e ai dogmi via via proclamati dalla Chiesa di Roma.
La proporzione di questa scalata al potere religioso assoluto è poco nota nella sua interezza. Per secoli qualunque dissenso venne soffocato e si arrivò a muovere vere e proprie guerre contro i cosiddetti eretici accusandoli di ogni sorta di peccato e di blasfemia. Centinaia di migliaia di buoni cristiani vennero massacrati o torturati, incarcerati, privati di proprietà e diritti, spesso tacciati di essere adoratori del demonio.
Tanto per rendere l'idea della proporzione di questa lunghissima guerra alle eresie basti pensare che si arrivò a deviare una crociata organizzata per liberare il Santo Sepolcro in terra di Palestina indirizzandola invece nel sud-ovest della Francia allo scopo di sterminare gli eretici di fede catara, colpevoli solo di rifiutare l'idea che il potere fosse stato dato ai re da Dio.
Le ragioni di questa guerra non erano di certo religiose. Il Papato combatteva per accaparrarsi le ricchezze che derivavano dal monopolio dell'unica fede.
Non tolleravano le dissidenze cristiane, figurarsi se potevano restare inattivi di fronte alla sopravvivenza di culti pagani... Perché questo erano essenzialmente le streghe: donne che praticavano la tradizione sciamanica come sacerdotesse di culti antichi, spesso precedenti all'Impero Romano e alla sua cultura spietatamente patriarcale e ad esso sopravvissuti.
Ma a questo bisogno si aggiunse ben presto la necessità di far fronte a una colossale minaccia: le parole del Vangelo avevano infatti dato vita a un movimento che proponendo di vivere secondo gli insegnamenti del Cristo, propugnava la creazione in Terra di una società paritaria basata sull'amore, la solidarietà e la spiritualità. Quindi senza nobili che possedevano la vita dei contadini e ogni cosa, senza guerre, senza accumulo di ricchezze e miseria.
In tutta Europa centinaia di migliaia di persone si organizzarono in comunità, non riconobbero più i diritti dei feudatari e smisero di pagare le tasse. E ovviamente questi territori liberi conobbero enorme prosperità una volta sollevati dai soprusi dei nobili.
Quindi, come al solito, dietro alle questioni religiose si nascondeva la semplice difesa del potere.
La minaccia era grave: nell'alto Medioevo ancora sopravvivevano comunità "barbariche" amministrate da assemblee simili a quelle delle tribù celtiche e germaniche primitive.
Tale resistenza era tanto radicata che si arriva alla proclamazione della repubblica svizzera agli inizi del 1300 e il territorio libero del Dithmarschen, situato nel sud ovest della penisola danese (Jutland), una specie di repubblica contadina indipendente dal potere feudale, resiste fino alla metà del 1500. Quindi il pericolo che altre zone sfuggissero al potere feudale era assolutamente concreto.

La successiva caccia alle streghe aveva le stesse ragioni pratiche.
L'obiettivo era di sterminare le ultime sacche di resistenza dei cristiani comunitari.
C'era poi la volontà di eliminare anche i residui dei culti precedenti al Cristianesimo.
Ma vi era anche un'altra questione. In molte zone neppure la cultura maschilista dell'Impero Romano era riuscita a far sparire le tracce dell'antica cultura matriarcale. Qua e là le donne erano ancora le uniche depositarie delle conoscenze relative alla gravidanza e al parto. Ancora esistevano donne che erano una via di mezzo tra una levatrice, un medico shamano e la vecchia saggia del villaggio. Depositarie delle conoscenze mediche ed erboristiche ma anche persone influenti che prendono pubblicamente la parola nelle dispute.
Ed è contro questa categoria "professionale" in concorrenza con l'autorità dei maschi, dei medici e soprattutto dei preti, che l'Inquisizione si scatena, individuando in queste donne le ultime depositarie di una cultura altra, intrisa di rifiuto del potere e che rivendicava il diritto a un dialogo diretto con la divinità creatrice senza sacerdoti traduttori.
La repressione fu talmente dura che oggi pochi conoscono il modo di pensare di queste donne e il modello del mondo sul quale fondavano la loro pratica medica.

Mi piacerebbe mettere insieme le molte ricerche specialistiche su questo tema e realizzare un libro divulgativo.
Ti interesserebbe partecipare?
Come abbiamo già fatto per il libro sui Seminole e quello sulle rivolte degli schiavi neri in Brasile, organizzeremo un laboratorio via web, lavorando a distanza e incontrandoci poi qualche volta di persona. La partecipazione è libera e gratuita. Si richiede voglia di lavorare e di cooperare. Se come è successo per i lavori precedenti ci saranno guadagni verranno equamente divisi a seconda del lavoro svolto da ognuno.
Se ti interessa scrivi a elena chiocciola alcatraz punto it.

Jacopo Fo

Regalati un disegno di Jacopo Fo e finanzia il Nuovo Comitato Nobel per i disabili!

COD. colori-077

Jacopo ci regala continuamente magnifici disegni, fantastici, colorati, portafortuna a un prezzo straordinario, che vuoi di più?
Abbiamo un archivio quasi sterminato e ora proveremo, sì proveremo perché sarà durissima :-), a mettere in vendita tutto questo patrimonio.
Ogni giorno, qui sul blog, un disegno di Jacopo in vendita!

I soldi raccolti con la vendita di questi disegni di Jacopo andranno a finanziare le future attività del Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.

Per acquistare manda una mail a gabriella@alcatraz.it.
CODICE QUADRO: colori-077
- Disegni su cartoncino 400 gr/mq - 26x36 cm. - 50,00 euro cad. (57,90 con spese di spedizione)

Coordinate bancarie
BONIFICO BANCARIO intestato a Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus
BANCA POPOLARE ETICA Iban IT15L0501803000000000137020
Codice Bic CCRTIT2T84A

VAGLIA POSTALE: Beneficiario Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili
Indirizzo Località Santa Cristina, 53 - 06024 Gubbio (Perugia)

PAYPAL clicca qui

Clicca qui per vedere tutti i disegni in vendita

Giotto o non Giotto

Giotto o non Giotto

Carissimi, 
lunedì prossimo 20 aprile alle 21, su Rai 5, andrà in onda la seconda parte dello spettacolo-lezione di Dario Fo: Giotto o non Giotto. Riprendiamo anche noi dal libro edito dalla Franco Panini Editore e parliamo degli affreschi del Maestro toscano alla Cappella degli Scrovegni a Padova.
La parola a Dario Fo, buona lettura!

Giotto a Padova

Sul rovescio della grande parete d'ingresso alla Cappella degli Scrovegni sta dipinto un imponente affresco colmo di figure: si tratta del giudizio Universale aperto da una miriade di angeli che si levano in alto come un sipario. Sotto, quasi in mostra, uno dietro l'altro vediamo i dodici apostoli. In basso nel proscenio, a sinistra le anime degne, dal lato opposto i reprobi aggrediti da demoni che ne fanno scempio. Sono anime dannate, ma i loro corpi soffrono come da vivi, insomma siamo all'Inferno.
Dalla calca degli uomini eccelsi addobbati alla maniera trecentesca spunta un volto ornato da uno zuccotto giallo: secondo la tradizione dei Padovani, quello è Giotto o, meglio, il suo autoritratto.

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Manuali: costruisci il tuo ecovillaggio! (Funziona)

Che l’idea del gruppo d’acquisto per le case dia enormi vantaggi possiamo affermarlo sulla base non solo delle teorie ma anche dell’esperienza dopo che sono passati sette mesi da quando il primo gruppo di inquilini ha traslocato e dopo che il freddo invernale ha mostrato l’efficienza dei sistemi costruttivi.

Abbiamo dimostrato che unirsi per aggirare le tagliole (e i ricarichi) del mercato immobiliare conviene e si può fare (si risparmia più del 20% del costo di mercato). Nel progetto della cooperativa del gruppo d’acquisto c’era la costruzione di appartamenti in classe energetica A, con bolletta zero, grazie a un impianto fotovoltaico da 20 kw, per 8 appartamenti, e un impianto solare per l’acqua calda. Sono state invece consegnate abitazioni in classe A+ e nelle casse della cooperativa sono restati più di 50 mila euro, economizzati. Il che non è poco visto che in Italia, generalmente, se preventivi di spendere 100 alla fine spendi 120….

A questo punto speriamo che altri abbiano voglia di intraprendere iniziative analoghe. E come contributo solidale offriamo tutto il nostro lavoro di progettazione. Speriamo che possa essere utile e che faccia risparmiare ad altri tempo e denaro. Eccovi una guida sintetica con i link a tutta l’esperienza e la progettazione ormai realizzata (siamo parecchio open source).

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO

Felici in Puglia

Felici in Puglia

Per il secondo anno consecutivo l'indice iHappy, del "Corriere della Sera", assegna alla Puglia la palma di "regione più felice d'Italia". 
L'indice analizza il contenuto emotivo di circa quaranta milioni di messaggi su Twitter, raccolti ogni giorno in tutte le province italiane. Secondo questo indicatore, quindi, la Puglia con oltre il 64% dei tweet felici balza in prima posizione davanti a Umbria e Marche.

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

Regalati un disegno di Jacopo Fo e finanzia il Nuovo Comitato Nobel per i disabili!

COD. colori-076

Jacopo ci regala continuamente magnifici disegni, fantastici, colorati, portafortuna a un prezzo straordinario, che vuoi di più?
Abbiamo un archivio quasi sterminato e ora proveremo, sì proveremo perché sarà durissima :-), a mettere in vendita tutto questo patrimonio.
Ogni giorno, qui sul blog, un disegno di Jacopo in vendita!

I soldi raccolti con la vendita di questi disegni di Jacopo andranno a finanziare le future attività del Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.

Per acquistare manda una mail a gabriella@alcatraz.it.
CODICE QUADRO: colori-076
- Disegni su cartoncino 400 gr/mq - 31x45,5 cm. - 70,00 euro cad. (77,90 con spese di spedizione)

Coordinate bancarie
BONIFICO BANCARIO intestato a Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus
BANCA POPOLARE ETICA Iban IT15L0501803000000000137020
Codice Bic CCRTIT2T84A

VAGLIA POSTALE: Beneficiario Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili
Indirizzo Località Santa Cristina, 53 - 06024 Gubbio (Perugia)

PAYPAL clicca qui

Clicca qui per vedere tutti i disegni in vendita

Capelli rosa contro l'omofobia e il bullismo

Capelli rosa contro l'omofobia e il bullismo

Luke Watson è un agente di polizia di Toronto che ha deciso di cambiare il proprio look per sostenere la campagna contro l'omofobia e la discriminazione anti-gay causa di bullismo.
In occasione dell'International Day of Pink, Luke ha tinto i suoi capelli, originariamente biondi, di fucsia. Tramite Twitter, il poliziotto ha chiesto ai suoi followers di condividere la foto e ha promesso che ogni 1000 retweet prolungherà di una settimana quel colore di capelli. Da quando la storia è stata pubblicata, la fotografia ha ricevuto oltre 2.500 retweet, quindi per ora siamo arrivati a quota 15 giorni.
L'International Day of Pink è stato inventato da due ragazze canadesi della Nova Scotia, per solidarietà nei confronti di un compagno di classe gay vittima di bullismo a causa della propria camicia rosa.
(Fonte: Huffingtonpost)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

Foto dell'Anno nel 2015?

Foto dell'Anno nel 2015?

Onore al 38enne pakistano Atif Saeed per aver scattato questa foto. Durante un tour all'interno del Safari Park di Lahore è sceso dall'auto per fotografare un leone in lontananza ma l'animale, inferocito, con un paio di balzi gli è arrivato a soli tre metri di distanza. Atif è riuscito così a fare la foto della vita. Due secondi dopo era già in macchina, in India.
(Fonte: Repubblica)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

Regalati un disegno di Jacopo Fo e finanzia il Nuovo Comitato Nobel per i disabili!

COD. colori-075

Jacopo ci regala continuamente magnifici disegni, fantastici, colorati, portafortuna a un prezzo straordinario, che vuoi di più?
Abbiamo un archivio quasi sterminato e ora proveremo, sì proveremo perché sarà durissima :-), a mettere in vendita tutto questo patrimonio.
Ogni giorno, qui sul blog, un disegno di Jacopo in vendita!

I soldi raccolti con la vendita di questi disegni di Jacopo andranno a finanziare le future attività del Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.

Per acquistare manda una mail a gabriella@alcatraz.it.
CODICE QUADRO: colori-075
- Disegni su cartoncino 400 gr/mq - 28x37,5 cm. - 50,00 euro cad. (57,90 con spese di spedizione)

Coordinate bancarie
BONIFICO BANCARIO intestato a Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus
BANCA POPOLARE ETICA Iban IT15L0501803000000000137020
Codice Bic CCRTIT2T84A

VAGLIA POSTALE: Beneficiario Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili
Indirizzo Località Santa Cristina, 53 - 06024 Gubbio (Perugia)

PAYPAL clicca qui

Clicca qui per vedere tutti i disegni in vendita

Condividi contenuti