Altre notizie dai nostri siti

I lunedì de La Contessa

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 02/20/2017 - 13:44

“- Permesso, Ubaldo?
Scusa se violo la tua stanza
ma ne ho abbastanza!
- Contessa… Dove va con quello scatolone?!
- E’ ora di trovare una soluzione!
Quindici giorni di raffreddore così
non lo sentivo da quel dì!
Devi guarire, basta soffrire!
- Magari… ma lasci stare
non c’è niente da fare…
- Senti, moribondo,
ora si affronta la questione a tuttotondo.
Ho fatto una ricerchina…
- Aiuto…!!! Dov’è la tachipirina?
- Tze! Senti me! E metti a verbale
che è tutto efficace e naturale!
Ho portato l’occorrente e ogni ingrediente…
- … per una terribile pozione in quello scatolone…
- Non ti lamentare e stai a guardare.
Vedi che bella
questa tela di flanella?
- Ricerchina all’avanguardia dritta dritta
dalla soffitta...
- …per avvolgere la borsa dell’acqua calda…
-… che com’è noto è scoperta da poco…
- Ma tu non ce l’hai sulla schiena o sul petto
ci scommetto!
E poi…:
pentolino, asciugamano, fornelletto…
olio essenziale di eucalipto
per i fumenti è perfetto.
Inalare e liberare!
Poi sciroppo di cipolle…
- Già mi vengono le bolle…
- Sono antinfiammatorie
anche per le vie respiratorie.
Inoltre tisana con zenzero e cannella…
- Odio pure quella…
- Senza dimenticare l’aromaterapia:
una tazza di sali inglesi
olio di lavanda e menta…
- Contessa, senta...
- Ah, e l’aglio…
se non mi sbaglio…
Allora, da cosa cominci?
Decidi tu!
- Grazie per la concessione…
E… eee… ETCIU’!
Ma, di grazia, mi fa dire la mia?
- Chi te lo impedisce
non si capisce…
- Ci provo da ore…
E’ venuto il dottore!
Si tratta di allergia
e non di raffreddore…
Ma sono stoicamente pronto
alla sua reazione
e a un nuovo scatolone.”

La Contessa

Il porta a porta del sindaco di Sarzana

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 02/20/2017 - 13:38

A Sarzana, paese ligure di 22mila abitanti al confine con la Toscana, il sindaco Alessio Cavarra ha iniziato a girare casa per casa parlando con i residenti, ascoltando le loro necessità, informandoli sui lavori del Comune.
Il progetto durerà un anno, un mese per ogni quartiere.
Repubblica lo ha seguito per un giorno (di seguito il VIDEO)

In Olanda semafori per chi è distratto dallo smartphone

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 02/20/2017 - 13:29

Nella città olandese di Bodegraven l’amministrazione ha installato un nuovo sistema di segnaletica stradale per chi cammina a testa bassa smanettando sullo smartphone. Il colore della luce semaforica è proiettato a terra con strisce luminose verdi, rosse, gialle, visibili anche senza alzare lo sguardo.
Presto l’app che avvisa se vi sta arrivando un pianoforte in testa. Di seguito il video.
(Fonte Repubblica)

15 anni fa la favola di Steven Bradbury (per non dimenticare che bisogna crederci!)

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 02/20/2017 - 13:25

Il 16 febbraio 2002 a Salt Lake City si svolge la giornata del pattinaggio su ghiaccio short track alle Olimpiadi invernali. Fra i concorrenti l’australiano Steven Bradbury, classe 1973, sfavorito.
Esce subito dalla gara dei 1.500 mt. Nei quarti di finale dei 1000 mt arriva terzo, sarebbe fuori, ma la giuria squalifica il secondo arrivato e ripesca Steven.
Semifinale: i tre favoriti cadono, uno squalificato. Steven, ultimo, accede alla finale!
Finale: Steven è dietro a tutti, in ritardo, ma all’ultima curva i quattro in testa si trascinano per terra uno con l’altro.
Steven Bradbury vince il primo oro olimpico per l’Australia nello short track. E diventa una leggenda!!!
Di seguito il video della sua impresa

Dario Fo e Franca Rame: la nostra storia, stasera su Rai5 alle 21:15

Le Buone Notizie di Cacao - Lun, 02/20/2017 - 13:18

Inizia il racconto vero e proprio della vita di Dario e Franca.
Una vita in teatro quella di Franca che recita, per la prima volta, a sei giorni di vita in braccio alla mamma. E Dario cresciuto a Porto Valtravaglia ascoltando le storie dei soffiatori di vetro e dei pescatori.
Rivedremo Dario che recita “Storia della tigre e altre storie” e Franca in un lungo brano di “Sesso? Grazie, tanto per gradire”.
Da non perdere il racconto di Jacopo delle marachelle che combinavano i fratelli Fo.
Per vedere Rai5 sul web

La bellezza è fondamentale, qualunque cosa tu fai è arte

Le Buone Notizie di Cacao - Sab, 02/18/2017 - 16:55

Pubblichiamo oggi la seconda parte dell’intervento di Jacopo Fo al Convegno “Le Chiavi Mentali per accendere l’Autoimprenditorialità” organizzato da ScintillaeMattone a Trieste il 16/10/2015

Alla fine della prima parte di questo intervento ho parlato di passione, del fatto di godere nel fare ciò che stiamo facendo… Beh, credo che la disciplina venga da sé, se la disciplina è auto-imposta per passione.
Mi rendo conto di avere un grande privilegio: mi alzo la mattina e mi dico: “Cosa faccio oggi? Mah... non lo so, non lo so!” Cosa faccio stamattina? Cosa faccio nel pomeriggio? Non lo so. (…)

CONTINUA A LEGGERE CACAO DELLA DOMENICA

Prodotti Bio ed Ecologici: alcuni miti da sfatare

Le Buone Notizie di Cacao - Sab, 02/18/2017 - 15:24

Carissimi,
oggi ritorniamo a parlarvi di Mamma Chimica.
Intanto congratulazioni a Sara per la bellissima intervista sul sito di mammeonline che potete leggere qui
Questa settimana vi proponiamo un brano dal libro scritto da Fabrizio Zago, chimico industriale, l’ideatore del Biodizionario e un’autorità nel campo della cosmesi e detergenza ecobio, nonché consulente per Ecolabel.
E in più è pure simpatico, butta via!

“Molte volte mi chiedo a cosa servano i detergenti BIO mentre mi spiego benissimo perché esistano quelli ECO.
La domanda è semplice e come tutte le domande semplici prevede una risposta del tipo “perché non ci ho pensato prima?”. Ecco, io vorrei che riflettessimo tutti assieme, su questa domanda: “Ma a un pavimento cosa interessa: essere lavato con l’aloe vera o l’olio essenziale di rosmarino?” Possiamo rivolgere la stessa domanda anche a una finestra o alla carrozzeria dell’automobile. La risposta che otterremo è la stessa: non gliene può importare di meno.
C’è quindi una filosofia produttiva bio che non ha nessun fondamento, non accontenta il pavimento e non contribuisce al miglioramento del pianeta, anzi spreca risorse di inestimabile valore come oli essenziali oppure che vengono da molto lontano come l’aloe utilizzando materiali fossili per il loro trasporto.
La vera, l’unica necessità che abbiamo è di produrre detergenti “Sostenibili” in cui non ci siano né i sostenitori (a tutti i costi) del tutto bio (che abbiamo visto non serve a nulla) né che sia un concentrato di derivati petroliferi, allergeni e disturbatori endocrini.
Sarà mai possibile avere prodotti di questo tipo? Io credo assolutamente di sì! E per dirlo guardo anche alla mia storia personale durante la quale ho visto che partendo praticamente da solo - adesso ci sono decine di aziende, posti di lavoro che si occupano di salute del pianeta - 15 anni fa mi sono messo a creare e pubblicare il Biodizionario.
Buon risultato quindi? Sì, ottimo ma a attenzione che assieme ai puri di cuore sono nati anche tantissimi “Eco- furbi” persone, società e fabbricanti che fino al giorno prima inquinavano alla grande e poi, improvvisamente, si sono redenti proponendosi come i salvatori della patria e presentando detergenti super verdi. Ma ci credete voi? Io no, e infatti le formule sono verdi solo nel nome ma non nella sostanza e di questo mi rammarico molto perché trovo che non ci sia nulla di peggio che prendere in giro le persone di buona fede.
A fianco degli ecofurbi (e biofurbi) ci sono poi coloro che hanno avuto la folgorazione divina e che propongono sistemi di lavaggio assurdi.
Ecco alcune pratiche che che fanno sorridere (se non ci fosse da piangere).
L’aceto: questo prodotto, presente in ogni casa, è indicato come il miglior anticalcare per disincrostare rubinetterie, lavelli e pentole. Inoltre è ecologico, naturale e disponibile a poco prezzo.
Che sia economico è possibile, che sia naturale non è certo, dato che ci sono dei prodotti contraffatti che usano acido acetico (di sintesi) allungato con acqua. Ma che sia ecologico proprio no! L’acido acetico è quasi 5 volte più inquinante dell’acido lattico e ben 54 volte più dell’acido citrico. Inoltre, l’acido acetico è molto corrosivo per i metalli, anche per l’inox e quindi lo può intaccare liberando vari metalli tra cui il nichel a cui moltissime persone sono sensibili.
L’acqua della pasta: sarebbe un ottimo detersivo per i piatti. L’unica cosa buona dell’acqua che si ottiene dopo aver scolato la pasta è che è molto calda ma non ha praticamente nessun potere detergente. Certo è preferibile riutilizzarla dato che contiene ancora molta energia sotto forma di calore ma se volete avere delle stoviglie veramente ben lavate dovete usare un detergente apposito. Se è ecologico, meglio!” (...)
(continua)

Permetteteci…

Le Buone Notizie di Cacao - Sab, 02/18/2017 - 15:21

Oggi è il compleanno di un nostro carissimo lettore che compie 60 anni!
E’ anche un grande, grande amico
Auguri Stefano!

Dario Fo e Franca Rame: la nostra storia (IN PRIMA SERATA!)

Le Buone Notizie di Cacao - Sab, 02/18/2017 - 15:12

Siamo stati promossi in prima serata!!! La seconda puntata del documentario “Dario Fo e Franca Rame: la nostra storia” andrà in onda lunedì 20 febbraio su Rai5 alle 21:15 e non più alle 22.
Con la seconda puntata inizia il racconto vero e proprio della vita di Dario e Franca.
Una vita in teatro quella di Franca che recita, per la prima volta, a sei giorni di vita in braccio alla mamma. E Dario cresciuto a Porto Valtravaglia ascoltando le storie dei soffiatori di vetro e dei pescatori.
Rivedremo Dario che recita “Storia della tigre e altre storie” e Franca in un lungo brano di “Sesso? Grazie, tanto per gradire”.
Da non perdere il racconto di Jacopo delle marachelle che combinavano i fratelli Fo.
Per vedere Rai5 sul web raiplay.it/dirette/rai5

"In fuga dal Senato" di Franca Rame al Teatro Comunale di Cesenatico

FrancaRame.it - Sab, 02/18/2017 - 13:47

In occasione della Festa della Donna, Mario Pirovano e Sara Bellodi recitano al Teatro Comunale di Cesenatico lo spettacolo "In Fuga dal Senato" di Franca Rame, portato in scena per la prima volta nel 2013 da Dario Fo.

Mercoledì 8 marzo 2017 alle ore 21.00. Per maggiori informazioni clicca qui

 

 

Argomento: Compagnia Teatrale Fo Rame - C.T.F.R.Anno: 2017
Categorie: Altri blog

"In fuga dal Senato" di Franca Rame al Teatro Comunale di Cesenatico

Il blog di Dario Fo - Sab, 02/18/2017 - 13:44

In occasione della Festa della Donna, Mario Pirovano e Sara Bellodi recitano al Teatro Comunale di Cesenatico lo spettacolo "In Fuga dal Senato" di Franca Rame, portato in scena per la prima volta nel 2013 da Dario Fo.

Mercoledì 8 marzo 2017 alle ore 21.00. Per maggiori informazioni clicca qui

 

 

Categorie: Altri blog

Mario Pirovano porta in scena Mistero Buffo di Dario Fo a Biella

FrancaRame.it - Sab, 02/18/2017 - 13:38

Il 18 Febbraio 2017 alle ore 20.30 presso il Teatro Sociale Villani di Biella.

Per anni Dario Fo ha condotto ricerche sulla cultura popolare indagando su testi in lingua volgare, in latino ed in lingue neolatine. Li ha tradotti, riscritti, riadattati fino a dar loro una chiave teatrale, sotto forma di giullarate.
I giullari recitavano nei mercati, nelle piazze, nei cortili e qualche volta addirittura dentro le chiese. E di giullarate è composto “Mistero Buffo”, lo spettacolo più famoso di Dario Fo, sulle radici del teatro popolare, quello dei giullari, della commedia dell’arte e dei misteri. Il termine “mistero” è usato già nel II°, III° secolo dopo Cristo per indicare una rappresentazione sacra.
Un mistero buffo è dunque uno spettacolo grottesco, una rappresentazione che nasce dal popolo, un mezzo di espressione popolare ma anche di provocazione e di agitazione delle idee. Il “Mistero Buffo” di Dario Fo è stato riproposto dal ’69 ad oggi in oltre 5.000 allestimenti in Italia e all’estero e viene ormai considerato un ‘classico’ del Novecento. Numerose sono le giullarate che compongono il”Mistero Buffo”: “Le Nozze di Cana”, “La Resurrezione di Lazzaro”, “Dedalo e Icaro”, “Caino e Abele”, “Il Grammelot di Scapino”, “Il Grammelot dell’Avvocato Inglese”, “La fame dello Zanni”, “Bonifacio VIII”, “La nascita del villano”, “Il cieco e lo storpio”, “Il matto e la morte”, “Rosa fresca aulentissima”, “La strage degli innocenti”, “Il primo miracolo di Gesù Bambino” “Maria alla Croce” (con Franca Rame) ed altre ancora. La lingua in cui vengono recitate è un particolare insieme di dialetti delle regioni settentrionali e centrali dell’Italia, una lingua sempre perfettamente comprensibile grazie alla forza della gestualità che accompagna la narrazione. Si tratta di un monologo senza scenario, senza musica, senza costumi, che sollecita l’immaginazione e la partecipazione degli spettatori al punto da rendere quasi visibile, sulla scena, una molteplicità di personaggi, di oggetti e di luoghi.

Pirovano ci presenta quattro di queste giullarate: – “La fame dello Zanni” racconta, utilizzando anche il grammelot, la storia di una fame atavica attraverso gli sproloqui e le contorsioni di uno Zanni (nome con cui venivano indicati i contadini del Cinquecento nelle campagne del Veneto). – “La Resurrezione di Lazzaro” è la descrizione parodistica del miracolo più popolare del Nuovo Testamento, vissuto come grande happening del tempo. La drammaticità del momento si intreccia alla comicità delle diverse situazioni e dei diversi personaggi a cui la voce dell’ attore dà vita. – “Il primo miracolo di Gesù Bambino” è il poetico racconto tratto dai Vangeli apocrifi che descrive come il piccolo Jesus, che fa volare gli uccellini di argilla fatti dai compagni, reagisce alla prepotenza di chi glieli distrugge. – “Bonifacio VIII” ci presenta il Pontefice prima nella magnificenza della sua vestizione, poi nel suo incontro-scontro con Gesù. E’ il classico anacronismo medioevale teso a sottolineare l’immensa differenza tra i due.

Lo spettacolo è uno straordinario impasto comico-drammatico. I continui richiami all’attualità, che fanno da cornice ai quattro brani, svelano il presente con le sue false ingenuità ed ipocrisie, regalando al pubblico momenti di riflessione e anche di incontenibile comicità.

Ingresso: settore unico 15€. (più diritti di prevendita)

Prevendite:

Cigna Dischi, via Italia,10 (Biella)
tel. 015 21802, 9-12,30 e 15-19,30

Papermoon, via Galimberti 37, (Biella)
tel. 015 405395, dal lunedì al sabato 8.30-19

Libreria Arcadia, via Mazzini, 88 (Cossato)
tel. 015-927148 dal martedì al sabato 9,15-12,15 e 15,30-19.

Il Contato del Canavese
tel. 0125/641161
www.ilcontato.it
biglietteria@ilcontato.it
segreteria@ilcontato.it

 

Argomento: Compagnia Teatrale Fo Rame - C.T.F.R.Anno: 2017
Categorie: Altri blog

Mario Pirovano porta in scena Mistero Buffo di Dario Fo a Biella

Il blog di Dario Fo - Sab, 02/18/2017 - 13:36

Il 18 Febbraio 2017 alle ore 20.30 presso il Teatro Sociale Villani di Biella.

Per anni Dario Fo ha condotto ricerche sulla cultura popolare indagando su testi in lingua volgare, in latino ed in lingue neolatine. Li ha tradotti, riscritti, riadattati fino a dar loro una chiave teatrale, sotto forma di giullarate.
I giullari recitavano nei mercati, nelle piazze, nei cortili e qualche volta addirittura dentro le chiese. E di giullarate è composto “Mistero Buffo”, lo spettacolo più famoso di Dario Fo, sulle radici del teatro popolare, quello dei giullari, della commedia dell’arte e dei misteri. Il termine “mistero” è usato già nel II°, III° secolo dopo Cristo per indicare una rappresentazione sacra.
Un mistero buffo è dunque uno spettacolo grottesco, una rappresentazione che nasce dal popolo, un mezzo di espressione popolare ma anche di provocazione e di agitazione delle idee. Il “Mistero Buffo” di Dario Fo è stato riproposto dal ’69 ad oggi in oltre 5.000 allestimenti in Italia e all’estero e viene ormai considerato un ‘classico’ del Novecento. Numerose sono le giullarate che compongono il”Mistero Buffo”: “Le Nozze di Cana”, “La Resurrezione di Lazzaro”, “Dedalo e Icaro”, “Caino e Abele”, “Il Grammelot di Scapino”, “Il Grammelot dell’Avvocato Inglese”, “La fame dello Zanni”, “Bonifacio VIII”, “La nascita del villano”, “Il cieco e lo storpio”, “Il matto e la morte”, “Rosa fresca aulentissima”, “La strage degli innocenti”, “Il primo miracolo di Gesù Bambino” “Maria alla Croce” (con Franca Rame) ed altre ancora. La lingua in cui vengono recitate è un particolare insieme di dialetti delle regioni settentrionali e centrali dell’Italia, una lingua sempre perfettamente comprensibile grazie alla forza della gestualità che accompagna la narrazione. Si tratta di un monologo senza scenario, senza musica, senza costumi, che sollecita l’immaginazione e la partecipazione degli spettatori al punto da rendere quasi visibile, sulla scena, una molteplicità di personaggi, di oggetti e di luoghi.

Pirovano ci presenta quattro di queste giullarate: – “La fame dello Zanni” racconta, utilizzando anche il grammelot, la storia di una fame atavica attraverso gli sproloqui e le contorsioni di uno Zanni (nome con cui venivano indicati i contadini del Cinquecento nelle campagne del Veneto). – “La Resurrezione di Lazzaro” è la descrizione parodistica del miracolo più popolare del Nuovo Testamento, vissuto come grande happening del tempo. La drammaticità del momento si intreccia alla comicità delle diverse situazioni e dei diversi personaggi a cui la voce dell’ attore dà vita. – “Il primo miracolo di Gesù Bambino” è il poetico racconto tratto dai Vangeli apocrifi che descrive come il piccolo Jesus, che fa volare gli uccellini di argilla fatti dai compagni, reagisce alla prepotenza di chi glieli distrugge. – “Bonifacio VIII” ci presenta il Pontefice prima nella magnificenza della sua vestizione, poi nel suo incontro-scontro con Gesù. E’ il classico anacronismo medioevale teso a sottolineare l’immensa differenza tra i due.

Lo spettacolo è uno straordinario impasto comico-drammatico. I continui richiami all’attualità, che fanno da cornice ai quattro brani, svelano il presente con le sue false ingenuità ed ipocrisie, regalando al pubblico momenti di riflessione e anche di incontenibile comicità.

Ingresso: settore unico 15€. (più diritti di prevendita)

Prevendite:

Cigna Dischi, via Italia,10 (Biella)
tel. 015 21802, 9-12,30 e 15-19,30

Papermoon, via Galimberti 37, (Biella)
tel. 015 405395, dal lunedì al sabato 8.30-19

Libreria Arcadia, via Mazzini, 88 (Cossato)
tel. 015-927148 dal martedì al sabato 9,15-12,15 e 15,30-19.

Il Contato del Canavese
tel. 0125/641161
www.ilcontato.it
biglietteria@ilcontato.it
segreteria@ilcontato.it

 

Categorie: Altri blog

Il più bel cane del mondo?

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 02/17/2017 - 11:27

Nella notte tra il 14 e il 15 febbraio si è conclusa la 141esima edizione del “Westminster Kennel Club Dog Show”, la più importante mostra e gara di bellezza di cani degli Stati Uniti. Il vincitore del concorso è stata Rumor, una femmina di pastore tedesco di 5 anni.
Il premio a tutti per l’immensa pazienza. Dalle foto si vede chiaramente che avrebbero voluto essere da un’altra parte.

Studiare serve!

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 02/17/2017 - 11:24

Wang Enlin è un contadino cinese. Proviene da una famiglia povera e da bambino aveva frequentato la scuola solo per tre anni ma quando un’industria chimica gli ha inquinato i terreni ha pensato che studiare legge gli sarebbe servito per rivendicare i suoi diritti.
La storia è lunga, nel 2001 i terreni di Wang e dei suoi vicini sono stati inondati dai rifiuti tossici della Qihua Group. A causa dell’inquinamento non è stato più possibile coltivare.
Grazie alle prove raccolte negli ultimi 16 anni e allo studio, Wang e i suoi vicini hanno vinto la prima causa. Il tribunale ha stabilito che gli abitanti del villaggio dovranno ricevere da Qihua Group un risarcimento danni pari a circa 100 mila euro.
Una commedia di Dario Fo e Franca Rame si intitola: “L’operaio conosce 300 parole, il padrone 1000, per questo lui è il padrone”. Wang ha dimostrato che quando l’operaio studia riesce a vincere sul padrone.

C’è Luisa?

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 02/17/2017 - 11:18

Un’idea semplice e geniale per proteggere le donne dalle molestie nei locali pubblici arriva dalla Germania. Basta che la ragazza che si sente minacciata si rivolga al personale del locale dicendo “Ist Luisa da?” che significa “C’è Luisa?” e immediatamente viene accompagnata in un luogo sicuro, oppure le viene chiamato un taxi o in casi più gravi la polizia.
L’idea è di Frauen-Notruf Münster, associazione contro la violenza sulle donne di Münster ed è stata pubblicizzata attraverso locandine nei bagni femminili dei locali.
Una sorta di Safeword contro i deficienti.
(Fonte: berlinocacioepepemagazine.com)

Pubblicità Dario e Franca seconda puntata

Le Buone Notizie di Cacao - Ven, 02/17/2017 - 11:14

Che vite quelle di Dario Fo Franca Rame!
Una vita in teatro quella di Franca che recita per la prima volta a sei giorni di vita in braccio alla sua mamma. E Dario è cresciuto a Porto Valtravaglia ascoltando le storie dei soffiatori di vetro e dei pescatori.
Rivedremo Dario che recita Storia della tigre e Franca in un lungo brano di “Sesso? Grazie, tanto per gradire”. Da non perdere il racconto di Jacopo delle marachelle che combinavano i fratelli Fo.

Milano tropical

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 02/16/2017 - 12:06

Davanti al Duomo di Milano questa mattina fanno bella mostra di sé palme e banani.
Il bando del Comune per la sistemazione delle aiuole è stato vinto da Starbucks e l’architetto è Marco Bay. Le nuove piante resteranno nella piazza per i prossimi 3 anni e saranno accompagnate da altre piante fiorite a seconda delle stagioni.
Si attendono con ansia le canne cinesi in autunno.
Chissà cosa ne pensa Salvini.
(Fonte: Ansa.it)

Le mani che parlano a Treviso

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 02/16/2017 - 12:02

Si chiama così Talking hands, il progetto che si sta attuando a Treviso negli spazi del Centro Sociale Django. 15 richiedenti asilo lavorano in un laboratorio dove vengono realizzate case giochi per bambini. La prima collezione si chiama Rifùgiati e sono coloratissime casette, dei rifugi per i giochi dei bambini. Racconta Fabrizio Urettini, organizzatore del progetto: “Usiamo materiali di riciclo che vengono valorizzati grazie a texture caratteristiche dei paesi d’origine di chi lavora nel laboratorio: sono loro stessi a immaginarle e realizzarle. Le hanno reinterpretate in chiave contemporanea dando vita così a delle micro architetture domestiche, delle tane che esprimono il naturale bisogno dei piccoli di crearsi un rifugio”.
(Fonte: Vita.it)

Quando si dice sfortuna…

Le Buone Notizie di Cacao - Gio, 02/16/2017 - 11:53

Aengus Meldon stava correndo la finale degli 800 metri dei campionati universitari di atletica leggera in Irlanda quando un elastico utilizzato per la gara nel salto con l’asta è finito sulla pista e gli si è impigliato sulle gambe. Il commentatore ha urlato "E' stato attaccato da Spiderman!"
(Fonte: Repubblica)