Che cosa stiamo combinando per far soffrire Berlusconi.

(Le rivoluzioni che non appassiscono sono fatte di piccoli passi.)

Il nostro primo progetto e' quello di potenziare la nostra forza di comunicazione e quella dei siti che come noi sono impegnati per migliorar questo cavolo di mondo.
Per questo il blog cambia forma.
Ed e' solo l’inizio di una grande offensiva mediatici (scusate il termine OFFENSIVA MEDIATICA ma da piccolo ho fatto la rivoluzione comunista e m’e' restato il trauma)
Nei prossimi giorni concluderemo un processo di cambiamento di http://www.jacopofo.com .
Aprendo la homepage troverai tutti gli articoli miei. Avrai poi la possibilita' di vedere una homepage con gli articoli di Cacao (http://www.jacopofo.com/blog/149), un’altra con tutti i video (http://www.jacopofo.com/taxonomy/term/41) e una con i fumetti (http://www.jacopofo.com/?q=taxonomy/term/16).
In alto al centro ci sono 6 rettangoli che linkano a 6 diversi settori del blog.
Tra questi troverai un corposo settore indice (http://www.jacopofo.com/indice_blog_jacopo_fo) che ti da' modo di vedere quali articoli sono stati pubblicati su un certo argomento e ti da' la possibilita' di goderti solo i video di un attore o su un tema. Entro marzo svilupperemo ulteriormente quest’area inserendo un indice per argomenti ancora piu' completo. Ormai in rete abbiamo piu' di 5000 articoli e centinaia di video e vignette che altrimenti rischiano di diventare introvabili.
A giorni modificheremo anche la grafica del sito cercando di facilitare ulteriormente la navigazione attraverso una serie di coloratissimi bottoni tematici che troverai sulla colonna di sinistra e che sono un ulteriore proposta di percorso.
Infine in fondo sulla colonna di sinistra trovi un nuovo servizio: in tempo reale hai gli ultimi articoli e le ultime immagini da un gruppo di blog che abbiamo selezionato.
Un’altra iniziativa che continua nella direzione di creare una connessione maggiore tra i siti etici, che chissa' perche' non amano tanto socializzare, e' http://www.stradaalternativa.it/ che ha ormai raggiunto i 220 aderenti che scambiano spazi pubblicitari gratuitamente e che hanno spostato verso i siti di questa catena 40mila visitatori.
Una strategia che sta dando buoni risultati insieme alla decisione di aprire un settore del blog  dedicato ai video e alla musica.
Negli ultimi 6 mesi abbiamo avuto un incremento del 30% dei visitatori arrivando a 100mila ingressi al mese. Nell’insieme, i nostri 15 siti e le mailinglist, raggiungono 200mila persone al mese. Oggi siamo al cinquantaduesimo posto nella classifica Technorati dei blog italiani. Al terzo posto, dopo http://www.beppegrillo.it e http://www.danieleluttazzi.it/, nella nostra categoria.
Ma soprattutto ci da' grande soddisfazione l’alta qualita' dei dibattiti che si stanno tenendo in questo periodo sul blog. Nelle migliaia di commenti incontriamo persone che hanno voglia di ragionare pacatamente, comunicare e prendere iniziative concrete. Sia che si parli del gioco dei regali (http://www.jacopofo.com/forum/58) che dell’ecologia, dell’ingerenza del Vaticano o dei problemi sentimentali (http://www.jacopofo.com/forum/71) si parla per capirsi, non per fare le risse come in tv.
E’ poi da notare che da questo dibattito non escono solo parole ma anche iniziative concrete e vincenti.
Siamo molto orgogliosi dei risultati ottenuti bloccando la legge che aboliva in modo retroattivo gli incentivi fiscali del 55% per investimenti in efficienza energetica come siamo contenti di aver contribuito alla battaglia per l’approvazione dei decreti attuativi dei finanziamenti al 100% per mini eolico, idrico e biomasse (http://www.jacopofo.com/ecologia_campagna_risparmio_energetico_detrazioni_55%25). Ugualmente ci da' soddisfazione aver contribuito alla diffusione in Italia della comicoterapia, del movimento degli abbracci gratis, dei flash mob situazionisti, dell’uso dell’olio di colza, dei riduttori di flusso.
E, ovviamente, siamo molto soddisfatti dei primi 68 impianti solari fotovoltaici che siamo riusciti a collegare alla rete e che stanno iniziando a fruttare migliaia di kilowatt gratis ai nostri associati e lauti premi statali in grado di coprire al 100% i costi interamente anticipati da Banca Etica. Quando abbiamo detto che ci avremmo provato neanche noi eravamo sicuri di riuscirci (e lo dicemmo chiaramente). Invece ci siamo riusciti e stiamo lavorando su altri 200 impianti.
Siamo sempre piu' convinti che questa via, la strategia dei piccoli passi realizzabili veramente, sia vincente e sia l’unica speranza per reagire alla crisi morale del nostro paese. Per questo stiamo impegnandoci al massimo per migliorare la qualita' del nostro lavoro.
Per questo vi chiediamo di continuare a sostenerci come state facendo: dando gambe alle notizie, diffondendole sulla rete, aderendo alle catene ribelli e alle consociazioni.
Circa 500 persone hanno aderito alla Libera Universita' di Alcatraz versando 27 euro di quota associativa. Questo e' il denaro che ci permette di continuare la nostra presenza in rete.
Altre 12mila persone ci hanno sostenuto scegliendo di comprare i prodotti ecologici di http://www.commercioetico.it/, e anche su questo terreno stiamo vedendo che la qualita' e la trasparenza alla lunga danno i loro frutti.
Lentamente ma costantemente stanno aumentando le famiglie che hanno scelto di risparmiare denaro e dargli un valore diverso, aderendo al nostro gruppo d’acquisto di telefonia etica, gestito da una cooperativa sociale (http://www.commercioetico.it/servizi/telefonia/index.htm) e al nostro gruppo d’acquisto per la fornitura di corrente elettrica proveniente da fonti rinnovabili (http://www.commercioetico.it/energia-rinnovabile/index.html).
E chi ha scelto la qualita' e l’esperienza che ormai possiamo mettere in campo non si e' trovato nei guai come alcuni che hanno scelto altre proposte di contratto di fornitura elettrica che sulla carta erano piu' convenienti della nostra ma poi sono saltate per aria. Gli anni ci hanno insegnato a non proporre mai di piu' di quel che siamo certi di poter offrire. Non e' una politica che paga alla svelta ma alla lunga paga.
Ora ci stiamo avventurando in un nuovo incredibile progetto: la costruzione dell’Ecovillaggio Solare, all’interno dei 4 milioni di mq del parco di Alcatraz. Vorremmo realizzare un prototipo di villaggio a misura d’uomo, di donna e di bambino, con alcuni servizi collettivi (lavanderia, sala feste, laboratori…) che abbia un impatto positivo sull’ambiente e consumi energetici bassissimi, soddisfatti dalla produzione autogestita di elettricita' (http://www.jacopofo.com/ecovillaggio-solare-ambiente).
Un grande progetto, se ci riusciamo.
Ma ci han detto che mettendo un piede davanti all’altro e non smettendo di farlo, si arriva lontani.

Grazie a tutti per il sostegno e la fiducia che ci regalate continuamente.

Jacopo Fo


Commenti

E' da quando vi conosco (estate '05) che vi stimo, v'apprezzo e "combatto" coi miei limiti al vostro fianco!

Continuate così che lo siete!

Commento non illuminante ma mi scappava...