Vuoi costruire una casa ecologica? Facciamo un Gruppo d’Acquisto?

Corso Casa ecologica ad Alcatraz

 

VIDEO: Jacopo Fo, come è fatta una casa ecologica

 

OGGI UNA CASA IN CLASSE ENERGETICA “A” COSTA CIRCA IL 20% IN PIU’ RISPETTO A UNA CASA A BASSA EFFICIENZA … MA UNA CASA NON ISOLATA CONSUMA ENERGIA E SOLDI COME UN TRATTORE E A VOLTE E’ PERSINO MALSANA.
QUEL MAGGIORE COSTO INIZIALE SI RECUPERA IN POCHI ANNI E FA RISPARMIARE DENARO PER DECENNI.
UNA CASA ECOLOGICA HA COSTI DI RISCALDAMENTO BASSISSIMI, PRODUCE L’ENERGIA ELETTRICA DI CUI HAI BISOGNO, GRATIS, DURA DI PU’, E’ PIU’ CONFORTEVOLE E SANA.

L’USO DI NUOVE TECNOLOGIE, COME IL LEGNO LAMELLARE O I TRIPLI VETRI, PERMETTE DI RAGGIUNGERE ALTISSIMI LIVELLI DI QUALITA’ A COSTI CONTENUTI.

VUOI COSTRUIRE UNA CASA ANTISISMICA, ATOSSICA, CHE TI FA RISPARMIARE ENERGIA?
VUOI SPENDERE I TUOI SOLDI PAGANDO IL GIUSTO E AVENDO VERAMENTE QUEL CHE VOLEVI COMPRARE?

Casa<br />
in legno lamellare Alcatraz


Possiamo aiutarti! Semplicemente perche' lo abbiamo gia' fatto…

Casa in legno lamellare AlcatrazAd Alcatraz, infatti, non solo abbiamo tagliato il 90% delle spese energetiche grazie a una serie di interventi (ristrutturazioni, sostituzione di tetti e pavimenti, rifacimento degli impianti di riscaldamento, installazione di pannelli solari termici e fotovoltaici) ma abbiamo anche costruito una casa ex novo ad alta efficienza energetica dotata dei migliori comfort, seguendo i principi della bioarchitettura.
E oggi siamo in grado di mettere a tua disposizione la nostra esperienza!

I risultati del nostro progetto sono stati cosi' entusiasmanti che ci e' venuta l’idea di creare una sorta di gruppo d’acquisto sul modello di quello del fotovoltaico. E come abbiamo fatto allora, quando abbiamo iniziato l’avventura che finora ha portato all’installazione di circa 150 impianti, intendiamo oggi partire con una proposta ancora solo descrittiva, rinviando l’operativita' al momento in cui vi saranno sufficienti adesioni per poter costituire un gruppo con sufficiente potere d’acquisto.

Questo articolo ha dunque lo scopo di lanciare il nostro progetto e vedere se c’e' un interesse sufficiente per giustificare una simile impresa.

Vediamo punto per punto l’idea che vorremmo sottoporti:

1 - Destinatari della proposta:
In una prima fase intendiamo partire con coloro che sono gia' in possesso di un progetto edile accompagnato da concessione edilizia. Solo successivamente, quando cioe' avremo la certezza di essere sufficientemente organizzati per poter seguire un progetto di casa nuova fin dall’inizio, estenderemo il Gruppo d’Acquisto alle adesioni per ristrutturazioni e progetti ex novo.

2. Oggetto della proposta:
Prima fase:
Il nostro studio di consulenza tecnica valuta il progetto edile e propone tutti gli accorgimenti necessari per il raggiungimento dello standard ecologico “A” (pannelli solari termici e fotovoltaici, pompe di calore, impianto geotermico, riscaldamento a pavimento ,doppio impianto idrico con utilizzo dell’acqua piovana per gli sciacquoni del wc, tetti, pareti e fondamenta ventilate, isolamento termico, impianto elettrico stellare con disgiuntori, costruito in modo che quando non c’e' consumo di corrente i fili elettrici non restino in tensione e quindi non ci sia dispersione, il che e' un bene anche per la salute).
Questa consulenza prende in considerazione anche la scelta dei materiali, consigliando prodotti atossici e a basso impatto ambientale.

Seconda fase (solo eventuale):
Per chi ha avuto la consulenza, ne e' rimasto “innamorato” e decide di affidarsi a noi per la costruzione della casa secondo i parametri indicati e con i materiali che i nostri tecnici hanno consigliato.
In questa fase viene fornito un preventivo dei costi “chiavi in mano” e si procede alla costruzione della casa.

Come abbiamo accennato, questo servizio di consulenza/costruzione nasce,  per ora, solo per le costruzioni ex novo con un progetto finito. Ma la nostra idea e', ovviamente, quella di estenderlo, al fine di offrire indicazioni precise anche a chi vuole ristrutturare, seguendo i dettami della bioedilizia e tagliando i costi energetici e a chi parte, oggi, con un terreno nudo e crudo e manca ancora del progetto.

Prima di concludere la proposta, va subito chiarito che la consulenza non potra' essere gratuita, dal momento che ogni singolo progetto verra' analizzato da un ingegnere specializzato e la valutazione di efficienza energetica sara' personalizzata. Ovviamente cercheremo di contenere al massimo il costo di questa consulenza iniziale ma esso non sara' del tutto eliminabile.
L’obiettivo rimane quello di offrire proposte precise e chiare, aiutando in tutte le scelte costruttive, dalle fondamenta al tetto.
Crediamo che una consulenza di questo tipo valga veramente molto perche' puo' contribuire a evitare errori che costerebbero, in fase di costruzione, ben di piu'.
Dalla mia esperienza, ormai trentennale, di restauri e costruzioni ho imparato che una buona consulenza iniziale e' preziosa perche' puo' permettere di risparmiare, offrendo al contempo risultati finali migliori.
Il problema fondamentale quando si parla di edilizia e' che le case devono durare decenni e l’affare migliore e' quello di evitare brutte sorprese negli anni.

Costruire ecologico: come siamo arrivati fin qui e dove vogliamo arrivare

Ad Alcatraz abbiamo ristrutturato case antiche, di pietra, ricostruendo tetti e pavimenti, sostituendo gli impianti di riscaldamento e dotandole di pannelli solari. Ma abbiamo anche costruito una casa nuova cercando di creare un modello di casa in classe energetica A con i migliori comfort.
Abbiamo valutato tutte le alternative tecnologiche e alla fine abbiamo scelto di costruire in pannelli costituiti da 5 strati di legno lamellare, rivestiti con materiale isolante e parete ventilata.
In questo modo, si costruiscono case in 6 mesi, con strutture portanti parzialmente prefabbricate successivamente rifinite in pietra ricostruita, legno, mattone, intonaco. Il risultato finale non ha niente da invidiare a una casa tradizionale, anzi.
Il legno lamellare e' un materiale eccezionale da tutti i punti di vista e, in particolare, offre le piu' alte garanzie antisismiche.

Ora stiamo lavorando per trasformare le scelte che abbiamo fatto in uno standard di qualita' certificato dal punto di vista dell’ecologia dei materiali, della statica e dell’efficienza energetica. Stiamo elaborando il progetto di una casa tipo di 100 metri quadrati che possa servire da riferimento per le tecniche e per i costi.
Di questo progetto Alcatraz Casa Arcobaleno potremmo declinare tre versioni, corrispondenti a tre fasce di costi, partendo da un modello base che raggiunge perfettamente gli standard di classe A e di alto comfort e sviluppando poi due versioni con costi piu' alti (ad esempio, la presenza di una serra con triplo vetro coibentato con gas, o di un ascensore interno alzano notevolmente il costo di una costruzione). L’idea e' che il progetto Alcatraz Casa Arcobaleno costituisca la base progettuale delle consulenze del gruppo d’acquisto, e che sulla base del capitolato d’appalto esemplificato da questa casa si possa strutturare il lavoro di consulenza che vogliamo proporre.

PER RIASSUMERE
Intendiamo offrire una consulenza a pagamento su un tuo progetto edilizio gia' esistente per la costruzione di una casa nuova. In un secondo momento intendiamo estendere questo servizio a case da ristrutturare e a situazioni che partono ancor prima dell’elaborazione del progetto. 
Nel caso di una casa con struttura di legno lamellare siamo in grado di offrirti un preventivo chiavi in mano e la relativa costruzione.

Nel caso di una costruzione con materiali tradizionali (mattoni e cemento) possiamo fornire una valutazione energetica e dei costi ma in questa prima fase non siamo in grado di offrire una proposta commerciale da parte di una ditta di nostra fiducia. Questo perche' la velocita' di costruzione di una casa con struttura in lamellare e' talmente rapida che le ditte con cui abbiamo rapporti sono in grado di agire in tutta Italia. Non abbiamo invece rapporti consolidati con aziende che possano fare lo stesso con materiali tradizionali.

Solo per alcune zone d’Italia inizieremo poi a offrire anche il supporto di un progettista che, eventualmente, studi la costruzione da zero insieme al committente, servizio che in un secondo momento contiamo di estendere in tutt’Italia.
 
TI PIACE L’IDEA???
Se ti interessa puoi mandarci una tua pre-adesione specificando se hai gia' un progetto realizzato e se si tratta di una nuova costruzione o di una ristrutturazione. Ti terremo al corrente degli sviluppi di questo progetto.
Indirizza a casaarcobaleno@mercidolci.it

 

PS Alcatraz propone un seminario sulla CASA ECOLOGICA IL 17-19 LUGLIO vedi http://www.jacopofo.com/case-ecologiche-convenienza-ecologia-risparmio-e... Tag:la biorchitettura conviene, bioclimatica, bioclimatizzazione, casa naturale, casa ecologica, eco casa, abitazione, ristrutturazione rispettosa dell'ambiente, casa atossica, veleni domestici, casa asciutta, sana, togliere l'umidità dalla casa, pareti ventilate, tetti ventilati, isolamento termico, riscaldamento, risparmiare, calore, energia, casa antisismica legno lamellare.

 

 


Commenti

ho inviato una mail a casaarcobaleno@mercidolci.it ma mi è tornata indietro

che faccio???

C'è stato un disguido tecnico ma adesso funziona.
Scusaci.
Rispedisci la mail..

ho un progetto per costruire una casa singola, circa 150 mq, e da circa 1 mese il comune mi ha rilasciato il permesso di costruire.

sono ormai anni che sogno di potermi costruire una casa con struttura portante in legno e da perfetto ignorante in materia (anche la maggior parte dei tecnici di qui ne sanno ben poco) ho iniziato ad interessarmi alle tecniche che si possono usare per costruire una buona casa in legno, ma le cose più interessanti sono emerse quando ho iniziato a guardare da vicino i materiali con cui queste case si possono costruire: legno, ok! ma quale legno?, proveniente da dove?, essicato come?, piante abbattute in quale mese dell'anno? in luna calante o crescente?...Lo so, possono sembrare domande da paranoico, ma stare ad ascoltare persone che da secoli per tradizione usano il legno per costruire, sentire con che passione ti parlano di queste cose, ti fa capire che il legno non è solo legno, è un materiale vivo e da trattare come tale.

Faccio un passo indietro per spiegarmi meglio. durante la mia ricerca ho notato che quasi tutti mi parlavano di legno lamellare per fare una buona costruzione: stabile, non fessura, certificato, ottimo per costruzioni antisismiche (vedi pannelli x-lam), sottoposto a trattamenti (essicazione artificiale, microonde per l'essicazione delle colle ecc) che lo rendono inattaccabile dai classici parassiti del legno. Le mie esperienze dirette però mi dicevano altro: il tetto della casa dei miei nonni (casa con più di 100 anni) è ancora lì da più di un secolo, possente, massiccio; a quando risale invece l'uso del lamellare?

Lavorando presso un ufficio ambiente comunale so che il legno lamellare, essendo legno accoppiato con colle, va smaltito in modo appropriato, non è compostabile (come il legno in natura) e non può neppure essere ridotto in pellet perchè le colle bruciando rilasciano sostanze pericolose. Ho notato anche che nei nostri parchi  i giochi per bambini fatti con il legno lamellare tendono nel tempo a laminarsi, ovvero si può verificare lo scollamento tra i vari strati del lamellare con conseguente perdita delle proprietà statiche; quelli fatti in legno massiccio invece tendono a fessurarsi, cioè si creano delle fessure tra le fibre del legno stesso, più o meno ampie, senza per questo comprometterne la statica. (Nota: ovviamente sul mercato esistono diverse qualità di legno lamellare ed è chiaro che chi costruisce giochi per parchi gode immensamente nel venderne uno nuovo ogni 10 -12 anni, ma esiste la certezza che tra 30 anni un buon lamellare sia ancora integro?)

Un'ultima considerazione sulle colle usate per assemblare il legno lamellare. Che io sappia queste colle sono tutte sintetiche (le uniche naturali sono quelle alla caseina, ma non conosco ditte che le usino per i loro lamellari) notevolmente migliorate nel corso degli anni, tant'è che tutti fanno notare le bassissime emissioni di formaldeide; quello che invece pochi dicono è che le colle conteneti formaldeide sono stete sostituite con colle contenenti isocianato: in proposito un chimico mi ha detto "equivale a piantarsi un chido in un dito per togliersi una scheggia"

Ho crecato di riassumere quel poco che ho imparato in anni, questo perchè mi piacerebbe tantissimo che, come nascente gruppo di acquisto, si volgesse l'attenzione verso altre tecnologie di costruzioni in legno, come ad esempio i pannelli ad incastro o pannelli assemplati a secco.

Sono ovviamente interessato all'iniziativa e spero possa partire quanto prima

Walter

E' un ottima iniziativa perchè sono più le persone disposta a costruire in modo ecocompatibile di quanti professionisti sanno farlo, a partire dai tecnici che già hanno le loro difficoltà.
Quindi ci risentiamo quando metto mano alla mia piccola ristrutturazione energeticamente efficiente, e quando voi potrete affrontare anche le ristrutturazioni, come dicevate.
Volevo solo aggiungere che costruire bene, in modo ecologico, non solo salva la tasca, la salute e l'ambiente in generale, ma è anche molto confortevole. In pratica abitavo in una vecchia casa dove consumavo molto e si gelava dl freddo d'inverno e non vi dico d'estate il caldo, spendendo molto in gasolio, oggi con pochi soldi, in una casa di 5 anni fa spendo molto meno e sto molto meglio d'invern e d'estate. Una casa che adotti tutte le tecnologie di ecosostenibilità e risparmio energetico è altrechè una rivoluzione economica e sociopolitica mondiale, anche esageratamente confortevole e salutare. 

Diego - CartaRomana

Ciao Jacopo,

mi sono appena iscritto al tuo blog/sito per contattarti, avrei preferito farlo per e-mail, ma non ho trovato alcun indirizzo sul sito. Ciò nonostante ti seguo da anni e mi ricordo di aver letto non senza traumi i tuoi libri sul sesso quando ancora ero in stato pericolosamente adolescenziale. Innanzitutto mi presento: vivo in Finlandia da qualche anno, mi sono appena laureato in un'università finlandese e convivo con una ragazza finlandese.

Come potete intuire, in Finlandia d'inverno fa un po' freddino. Le case però sono molto calde. Mi sono reso conto che qui fabbricano finestre a triplo vetro che sono magnificamente isolanti e di ottima qualità (in legno, che praticamente non richiedono manutenzione) e che costano veramente pochissimo se paragonate ad esempio a modernissime finestre in alluminio di fabbricazione tedesca. Veramente il prezzo è irrisorio e sorprendente.

Poi un'altra cosa: esiste un'azienda che produce turbine per produrre energia eolica che sono fino al 50% più efficienti delle normali pale eoliche. L'inventore di queste turbine (mi pare che il brevetto risalga agli anni '70) vive tra l'altro in un ecovillaggio nel centro della Finlandia.

Ecco, se sei interessato, ti prego di farmi sapere, io personalmente credo ci siano delle belle opportunità da sfruttare.

 

Ciao,

Luigi

 

Grazie.
Potresti però darci qualche riferimento? Dove troviamo contatti per finestre e pale eoliche che citi?

Qualche giorno fa Walter ha scritto su questo blog sollevando alcune questioni molto interessanti, che abbiamo girato ai tecnici di Service Legno. Riportiamo di seguito la risposta che abbiamo ricevuto, di cui ringraziamo Enrico.

Ciao,

la domanda è certamente complessa e articolata e cercherò di rispondere nel modo di più semplice comprensione. Se vorrai girare la mia risposta per me va benissimo.

Sì , è vero… tutte le  colle utilizzate per incollare il legno alle quali viene richiesta garanzia di durata e resistenza hanno come componente l’isocianato!

Nel parquet, nel lamellare dei serramenti, nelle cucine, in molti tavoli dell’IKEA, nei tetti etc etc etc  vengono utilizzate queste colle.

La quantità però è decisamente irrilevante e considerando poi che non sono sostanze volatili, mi sembra di “guardare la pagliuzza al confronto della trave”.

Anche il cartongesso fatto appunto di carta e di gesso (due sostanze diciamo reciclabili e naturali ) viene considerato come non riciclabile.

Si è scelto di utilizzare dei pannelli incollati anzichè incastrati o posati a secco per molti motivi che vanno dalla statica alla sicurezza del comportamento nel tempo. La durabilità, di qualsiasi struttura, dovrebbe far parte del progetto e della progettazione! Uno dei dati che volevamo inserire nello studio dei nostri materiale era ed è la garanzia e la sicurezza  sulle strutture. Questo lo rendiamo possibile in quanto le strutture verticali non sono a contatto con l’esterno e sono appunto incollate. Inoltre da non sottovalutare l’incollaggio del legno obbliga i produttori ad essiccare le tavole con una percentuale di umidità inferiore al 18%  rendendo il legno inattaccabile da funghi e parassiti(tarli).

ma esiste la certezza che tra 30 anni un buon lamellare sia ancora integro? Si ! esiste la certezza che nessun ottimo lamellare se sottoposto agli agenti atmosferici resista 30 anni!!!!  Il legno fa parte della terra e alla terra ritorna.  L’unica maniera per conservarlo, anche per 1500 anni, è non fargli prendere luce e h2o.   Prendi un albero immergilo nell’aqua e ci potrai costruire sopra una città ( Venezia). Costruisci una pompeiana, non coprirla con un telo e dopo quattro anni… non trovi più niente.

Per quanto riguarda le panchine, il sig. Walter ha perfettamente ragione… Le panchine fatte in “PINO SVEDESE” e impregnate in autoclave hanno una durata di 8-9 anni…. Ma non perché si scollano, ma perché il legno come sostanza naturale si degrada se sottoposto ad acqua e sole (raggi UV).

Esempio
panchina  in legno pino durata 8 anni costo 300 euro
panchina in legno teak durata 15 anni costo 2000 euro
panchina in acciaio durata 30 anni costo 5000 euro

….a voi la scelta se pensare prima ai costi o alla durabilità…. Noi abbiamo scelto 30 anni di garanzia!.

Enrico Martini

ringrazio il Sign. Enrico per la cortese risposta ed il blog per essersi interessato alle questioni da me sollevate; su tanti punti sono d'accordo ma su altri rimango perplesso: continuo a chiedermi "perchè usare un sistema (di cui non sono qui a discutere l'ottima qualità) quando ne esistono altri (ne conosco un paio di cui non dico i nomi per non fare pubblicità) altrettanto certificati e ottimi e che per di più non usano colle?" la mia indole ecologista forse è esasperante ma se un gruppo inizia a cercare prodotti di un certo tipo ne stimola la produzione e contemporaneamente disincentiva l'uso di colle di sintesi e la loro produzione (poi magari un giorno vi racconto cosa succede intorno ad una fabbrica di produzione di dette colle)

saluti

Walter

In riferimento alla panchina: senza dubbio sceglierei il pino svedese visto che con 1200 euro (cioè un quinto del costo di una singola panchina d'acciaio) posso cambiare ben quattro panchine e tirare avanti per 32 anni. Senza considerare che il legno è un materiale molto più comodo, eticamente e anche esteticamente più bello dell'acciaio, riciclabile o trasformabile o riusabile, magari per scaldare casa. Inoltre, abbattuto un pino per fare una panchina, in Svezia ne ripiantano altri due e quindi la materia prima più che rinnovarsi addirittura si moltiplica. Così, dopo otto anni, se mi sono stancato del design della vecchia panchina me ne faccio una nuova completamente diversa creando lavoro per chi la produce e la disegna. Insomma, vedo solo cose positive.

E' ovvio che quando si parla di legno o di qualsiasi altro materiale o argomento, i concetti cambiano a seconda della situazione. Credo sia diverso parlare di legno riferendosi ad una panchina piuttosto che a un muro, un portone o una finestra.

Jacopo, ti prego di contattarmi privatamente per le finestre finniche e le turbine eoliche se sei interessato.

E' possibile per te recuperare il mio indirizzo di posta elettronica senza che debba scriverlo qui?

Ciao,

Luigi

Salve,

l'idea del gruppo mi piace, ma purtroppo al momento non ho un progetto pronto. mi prenoto però per la lista d'attesa!!

la domanda centrale che vorrei proporre è la seguente: per quale motivo avete scelto il legno lamellare e non i tronchi? ho sentito parlare benissimo del sistema di costruzione con i tronchi...ma quando si tratta di commercio non si può mai essere sicuri! avendo letto della vostra esperienza, e fidandomi della vostra parola, vi chiedo dunque un parere informato: come mai avete scelto come soluzione il legno lamellare? quali vantaggi offre rispetto ai tronchi?

la mia idea è quella di costruirmi una casetta di legno, e girando per le vostre pagine ho visto che avete davvero molta esperienza riguardo ecosostenibilità e risparmio energetico. spero quindi di poter usufruire della vostra consulenza, magari anche venendovi a trovare ad Alcatraz! ...i miei nonni sono a Spoleto, e una gitarella la farei davvero con piacere!

spero di ricevere presto una vostra risposta, grazie!
M.A.

I tronchi hanno una capacità di isolamento molto più basso a parità di spessore, rispetto alle pareti a strati isolanti di diversi materiali. Il lamellare è la struttura portante, poi ci sono gli strati di isolamento e la parete ventilata..

Ciao,
anche se non si tratta di un fabbricato in legno volevo segnalarvi un blog dove vengo illustrati tutti i passaggi costruttivi di una casa passiva in laterizio:
www.casapassiva.wordpress.com
Alberto

Io sono amministratore di una piccola srl.
Abbiamo iniziato con la vendita di ceramiche e arredo bagno, per poi proseguire con la vendita di porte e finestre, ma il nostro obbiettivo è da sempre stato la casa ecologica.
Molti sono i siti dove si possono acquistare case ecologiche e i clienti sono interessati sopratutto al chiavi in mano, ma di solito questa formula ha come svantaggio la limitata scelta di rifiniture.
La nostra idea è stata quella di acquisire esperienza nel settore delle rifiniture. Oggi, grazie a questa esperienza, riusciamo a dare al cliente la casa chiavi in mano e con un'ampia possibilità di rifiniture, ad un prezzo inferiore rispetto ai nostri fornitori.
Noi, per la realizzazione delle strutture, ci affidiamo a delle fabbriche.
Abbiamo sia la soluzione in struttura di legno lamellare, sia la struttura di cemento armato a pannelli prefabbricato. Entrambe le strutture sono antisismiche (il ns cemento armato ha un rck400) e, grazie anche alla struttura a pannelli prefabbricati che riducono i ponti termici al minimo, garanzie termo-acustiche che possono far diventare la casa di classe A.
Dico possono perchè non basta costruire con determinate tecniche, ma bisogna scegliere anche il modo migliore per poter ridurre al minimo i costi energetici.
Per esempio fare una casa ecologica con grandi vetrate, anche con Uw basso, è un controsenso. La scelta del triplo vetro con gas argon si renderebbe necessaria e come scelta non è il massimo dell'economicità.

Se si scelgono finestre misure "standard", non si è per forza obbligati a scegliere il triplo vetro.
Per la nostra provincia, che richiede Uw a partire da 2.0 W/m2K, scegliere un costoso triplo vetro, non mi sembra tanto intelligente, perchè poi dipende da che tipo di infisso si sceglie.
Alluminio taglio termico, che io sinceramente sconsiglio vivamente
(attenzione perchè c'è ancora chi vende alluminio r40 che ha un costo molto basso e allettante, ma che è pessimo come trasmittanza termica)
Legno o legno alluminio
(alluminio esterno per proteggere il legno dalle intemperie)
e infine la finestra in PVC, che ad oggi è la più economica nel rapporto qualità prezzo.

Per quanto riguarda il PVC bisogna stare attenti a cosa si sta comprando.
Normalmente il PVC ha un'anima in acciaio, ma attenzione perchè ci sono prodotti che non ce l'hanno e l'acciaio è importante per la struttura della finestra.
Poi bisogna stare attenti alle camere del profilo in PVC.
Sono le camere che abbassano la trasmittanza termica della struttura dell'infisso.
Si parte da PVC a 3 camere, ma questo lo sconsiglio.
Un PVC 5 o 6 camere con vetro 4B.E./20/4 può bastare per arrivare a un UW compreso tra 1,0 W/m2K e 1,6 W/m2K (se si aumenta troppo la specchiatura della finestra, il valore si alza)

Vetro 4B.E./20/4 significa: B.E. sta per basso emissivo (volendo si può mettere sia dentro che fuori) e i numeri si riferiscono ai millimetri (anche se non sono precisamente quelli) 4 è riferito ai vetri e 20 alla camera che si forma tra i due vetri che, volendo, può essere riempita con gas argon.
Per le porte-finestre o finestroni, va messo il vetro antinfortunistico (è come il vetro delle automobili, che se si rompe non vi tagliate)
I vetri si possono scegliere anche blindati.

Noi normalmente consigliamo o il legno o il legno/alluminio o il PVC.
Il legno per sua natura è ottimo, ma il prezzo è molto più elevato rispetto al PVC.
Per chi non può spendere tanto, il PVC diventa l'unica soluzione, ma di solito questo succede quando vendiamo solo le finestre per le ristrutturazioni. Con una spesa contenuta, si riesce a migliorare l'efficienza termica della casa.

Le porte interne non influiscono sulla tenuta termica della casa, ma il portone d'ingresso si, quindi bisogna scegliere un buon portone.
Io consiglio un portone blindato, che potete rivestire anche con pannelli di legno.
I portoni partono da 600 euro in su e anche per loro viene rilasciato un certificato per la trasmittanza termica.

Il nostro obbiettivo, come azienda, è quello di diffondere il più possibile l'idea che oggi si può costruire una casa risparmiando.
I nostri preventivi per le case, solitamente stanno in linea con quelli delle case tradizionali (spesso anche più bassi).
Con il grezzo avanzato (al tetto e intonacate fuori) stiamo
con le strutture in legno sui 450-500€/mq
con le strutture in cemento armato sui 600-700€/mq

poi sarà la scelta delle rifiniture che fa variare il prezzo.
Le case chiavi in mano possono partire dai circa 750€/mq in su per strutture in legno. Per il cemento armato stiamo sui 900€/mq
Ovviamente questi prezzi si potrebbero anche abbassare se si scelgono materiali di scarsa qualità, ma la scarsa qualità non è mai un buon affare.

Insomma, oggi si può costruire in modo intelligente e bisogna farlo capire alla gente.
Amo il mio lavoro, perchè nel mio piccolo cerco di cambiare questo mondo e spero di poter insegnare ad altri a fare altrettanto.
Non c'è bisogno di costruire centrali nucleari.
Dobbiamo imparare a consumare meno.
Il futuro è il fotovoltaico
Noi siamo fortunati perchè siamo italiani e non dobbiamo dimenticarci che "chist' è 'o paese d' 'o sole!!!"

Le cose che dici sono molto interessanti e credo che potresti essere un valido aiuto per tutti coloro che vogliono costruirsi una casa senza farsi rapinare.
Io ho intenzione di costruire una casa con prefabbricati in legno. Avrei bisogno di contattarti per un preventivo.
il mio indirizzo e mail è calini.claudio@gmail.com .
Attendo fiducioso di essere contattato.

Ciao sto ristrutturando casa a Venezia,praticamente l unica cosa che rimane sono tetto e muri , potresti dirmi dove trovo queste finestre in pvc di cui parli nel post ? Anzi se hai altre idee sarei felice di leggerle grazie. . Cristiano.ve@libero.it. A Venezia nn ci lasciano mettere pannelli solari !!!!! Politica di cacca!!!

Ciao, Ho letto con interesse il tuo commento. Volendo costruirmi una casetta in legno di 65 mq abitabili, avrei bisogno di un preventivo. Potresti contattarmi al seguente indirizzo valentina964@hotmail.com ?
Grazie anticipatamente.
Valentina

salve,
volevo avere un chiarimento.
ma se il legno è un isolante perchè con il riscaldamento a pavimento avete fatto la scelta di utilizzare un pavimento di parquet?
non era meglio delle mattonelle?sicuramente si sarebbe riscaldato in modo moolto più veloce aumentando quindi ulteriormente il risparmio.
se vi è mai capitato di andare in alcune case dove c'è il parquet ovunque ma nn magari in bagno dove ci sono le mattonelle, quest'ultima stanza tempo mezz'ora e sarà calda il resto della casa ci metterà molto più tempo...il legno ISOLA e ISOLA TUTTO pure il caldo!
oppure perchè non avete optato per il poco utilizzato riscaldamento a parete? uguale a quello a pavimento ma nelle pareti...
se ci pensate l'importante è avere la parte superiore del corpo calda e nn l'inferiore...me lo insegnavano da piccola quando andavo in montagna!
attendo spiegazioni al riguardo perchè la cosa mi interessa molto.
grazie

Ciao a tutti, ho letto con molto interesse il vostro articolo in quanto stavo decidendo di costruire la mia casa in bioedilizia, ho trovato informazioni molto utili e prezzi chiari sul sito http://www.prezzicaseinlegno.it Ve lo consiglio, è molto completo e fornisce informazioni utili e assistenza da tecnici specializzati per la costruzione di case in legno! Vi consiglio inoltre Urban Green che fornisce soluzioni chiavi in mano o al grezzo avanzato in tutta Italia