Pesticidi e agricoltura biologica

Al Comune di Toronto, in Canada, e' stato riconosciuto il diritto di legiferare autonomamente in materia di uso di pesticidi, diritto a cui si era opposta l'associazione dei produttori di diserbanti, che ha voluto portare il caso fino alla Corte Suprema, perdendo.
Il Comune ha percio' deciso che dalla prossima primavera i cittadini proprietari di giardini e orti privati non potranno usare pesticidi, tranne il caso in cui sia in atto una grave infestazione di piante parassite. Da settembre 2007 l'uso improprio di erbicidi sara' punito con ammende.

C'e' anche chi del Non uso di pesticidi ha fatto una ragione di vita. Sono i membri della neonata Associazione poeti biologici lucani (CON.PRO.BIO LUCANO). Secondo quanto riporta Greenplanet si tratta di menestrelli dell'agricoltura biologica e del mangiare come Dio comanda.
L'obbiettivo dell'Associazione e' raggruppare gli agricoltori bio lucani sotto un proprio marchio e regolamento, promuovendo la vendita diretta dei prodotti al pubblico.
Alla base di questa, e di altre iniziative simili, vi e' la consapevolezza che il prezzo di un prodotto diminuisce riducendo i vari passaggi tra produttore e consumatore.
Cosi' un formaggio si puo' comprare direttamente dal Consorzio che lo produce. In questo modo si promuove anche il turismo locale.

(Fonte: Greenplanet)