droga

Storie di trafficanti

Aeroporto di Fiumicino, Roma: negli ultimi giorni la Guardia di Finanza ha arrestato 7 narcotrafficanti e sequestrato in totale circa 35 kg. di cocaina purissima.
La droga era nascosta in flaconi di shampoo e bagnoschiuma, dentro le scarpe, nella biancheria intima di una ragazza, arrotolata in due stuoie etniche.
3 kg sono stati trovati anche nelle narici di un corriere turco.
(Fonte: Ansa)


Orgia di corruzione, sesso, cocaina, indifferenza e morte.

Durante Tangentopoli arrestavano vagonate di corrotti. E la gente ballava in strada. Ci fu anche un’impennata dei rapporti orali.
In questi giorni stiamo assistendo a una serie di scandali impressionanti per la quantita' di soldi rubata.
I giornali pubblicano cifre che danno le vertigini: 300 milioni di euro (600 miliardi di lire) 1 miliardo di euro (duemila miliardi di di lire)... L’altra novita' e' che durante Tangentopoli rubavano e basta. Ora rubano, scopano e si fanno di coca. Al di fuori del popolo degli appassionati delle malefatte del potere, sembra che agli italiani non importi un gran che.
Anche perche' non hanno alternative.
Il PD non ha capito che non puo' parlare di rinnovamento e candidare, come in Campania, inquisiti (con l’avvallo di Di Pietro).
Berlusconi ha superato perfino Grillo a sinistra dichiarando che non candidera' inquisiti alle regionali.
Grillo chiedeva soltanto che i condannati fossero esclusi.
Berlusconi ha anche dichiarato che condurra' una guerra santa contro la corruzione.
Mi ha fatto venire i brividi per l’emozione.
E se controllo forse ce l’ho anche relativamente duro.
Non proprio una roba da svellere i calzoni ma si e' mosso.

Non credo che le prossime regionali ci daranno grosse novita'. Il tentativo generoso del Movimento Etico Solidale lanciato da Fabio Salviato, presidente storico di Banca Etica, non e' riuscito a coagulare una grande alleanza. La lista IDEA che ne e' scaturita si presentera' in Veneto, in Emilia e forse in alcune altre regioni in coalizione con PD e IDV (solo dove il candidato presidente regionale non e' un inquisito).
Il risultato sara' che in Veneto e in Emilia avremo una lista Di Pietro e una lista Idea in coalizione con il PD e una lista a 5 Stelle di Grillo, poi una o piu' liste comuniste. Che casino!
Dovremo aspettare le prossime politiche per sperare in una grande alleanza del popolo etico e progressista?
L’unica cosa buona e' che si renderanno conto che se ci unissimo arriveremmo oltre al 15% dei voti. In Francia e in Germania sono riusciti a farlo. Noi italiani no.
Le logiche da signori della Guerra, feudatari locali, attanaglia la politica italiana senza eccezioni.
Siamo prigionieri della cultura dei clan, delle faide, dei dogmi ideologici.
Cani che si mordono la coda in gruppo e da soli.
Ne fanno le spese alcuni italiani scelti a caso e uccisi sul posto da una frana, dalla diossina di Acerra, dal petrolchimico, da una frana, da un incidente ferroviario, uno straripamento, una frana, una rapina, una frana, una rapina, una frana…

PS
Qualcuno si e' stupito perche' ho scritto che siamo talmente nella merda, come movimento progressista, che per immaginare che la dittatura vellutata e berluscona finisca possiamo solo sperare in un’erezione di ideali nella destra.
Mi dicono che sono pazzo e che quel che dicono Fini e La Russa fa schifo. E c’e' pure il sospetto che abbiano avuto mercimonio con entita' demoniache. Maccheccazzo c'entra?!?
Sara' possibile un giorno che quando uno descrive un fatto non vuol dire che sia contento?
Sono stato accusato di essere un terrorista perche' scrivevo che l’origine del terrorismo e' la fame e il colonialismo. Ora mi accusano di provare simpatie per Fini perche' dico che e' l’unico in grado di far cadere Berlusconi.
Incredibile.
E’ chiaro che con tale profondita' di ragionamento e logica matematica andremo molto lontano. Precisamente al cesso.
 
 


Storie di spacciatori

Un benzinaio di Ribeirao Preto, nello Stato di San Paolo, in Brasile, e' stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti. I clienti, oltre alla benzina, potevano acquistare anche cocaina, marijuana o crack.
Non lo avrebbero mai scoperto se non avesse accettato anche pagamenti con carta di credito.
(Fonte: Ansa)


Il giardinaggio terapeutico

La Regione Lazio, in collaborazione con il Cirps consortium (Centro Interuniversitario di Ricerca per lo Sviluppo sostenibile), il Consorzio di Cooperative Sociali Integra, Innovazione Sostenibile e Modus Comunicazione, hanno lanciato un interessante progetto di reinserimento socio-lavorativo degli ex-tossicodipendenti, che troveranno impiego come giardinieri nelle 54 aree protette della regione.
Il progetto prevede corsi di formazioni (400 ore), orientamento professionale (ad esempio la stesura del curriculum vitae) e stage pratici di 24 mesi nelle cooperative coinvolte.
http://www.progettolavoro.org/
(Fonte: Lanuovaecologia)


Oh cazzo, si e' sospeso Marrazzo!

L’Italia e' piena di storie di cazzi pazzi che si rizzano e sprizzano a razzo.
Lassu' a palazzo si fanno il mazzo, ma poi vogliono il sollazzo.
Per fortuna le difficolta' della crisi sono alleviate da tante storie piccanti. Sembra di essere tornati ai tempi della peste del Boccaccio. E in effetti a leggere le cronache sembra il Decamerone.
Il panorama e' un mare di seni prosperosi e cosce frementi, labbra di fuoco e decolte'. E natiche. Tante natiche.
Ci sono le prostitute del Presidente (tu chiamale se vuoi escort). Ragazze sempre in abito nero, scollate e disponibili. Il Presidente le condivideva con uomini della giunta di Bari di centro sinistra ma loro ne pigliavano solo qualcuna per volta, LUI le frequentava a dozzine (i due PD da una escort per volta si mormora fossero Sandro Frisullo, ex vicepresidente della giunta regionale della Regione Puglia e Alessandro Colella, capo gestione del patrimonio della Regione pugliese).
E ti ricordi la storia di Mastella sullo yacht con fanciulle e trans? Mastella…. Che poi si seppe che in realta' non era Mastella ma un altro famoso centrista. Per ora non e' dato di sapere chi fosse, l’uccello misterioso, ma tanto in questa Italia chiacchierona alla lunga viene fuori tutto. Sapremo anche questo. Non ci risparmieranno neanche i particolari igienici.
E ci sono le orge di Tarantini a Montecarlo sopra un altro yacht, sempre a disposizione di persone potenti con la verga sull’orlo di una crisi di nervi.
Poi c’era il portavoce di Prodi, Sircana, si vide la foto di lui che era in auto e si era fermato a parlare con un trans sul marciapiede. Per non parlare dell’ormai dimenticato Lapo con cocaina, collasso e trans, che e' li' giusto per confermarci che non solo i politici han le caldane, anche quelli che poggiano il culo nel salotto buono dell’imprenditoria italica hanno la libido deflagrante.
Poi c’era quell’Alessandro Martello, protagonista della coca-story che, si disse, girava ai ministeri e c’era di mezzo, qualcuno affermo' dubbioso, perfino il viceministro dell'Economia Gianfranco Micciche'. E non dimentichiamoci vari servizi delle Iene che fecero il tampone ai parlamentari scoprendo un battaglione di cocainomani. Ma d’altra parte, si sa, la quota di cocaina che scorre nel Tevere e' spaventosa. La bianca polvere passa prima su per il naso dei capitolini e poi giu' per altre diramazioni dell’impianto di scarico umano, quindi nelle fogne, nei depuratori e infine arriva nel sacro fiume in quantita' tale che se non fosse per la leptospirosi dei ratti potresti sniffartela che ti sballa che e' un piacere. Almeno se ti piacciono le emozioni forti.

Poi c’era quell’altro, come si chiamava? Che stava alla Rai, Sottile, con la Gregoraci. Lui e lei.. Un’immagine raccapricciante che mi ha perseguitato per mesi. Ma forse lei si e' fatta solo toccare le tette e magari, al massimo, gli ha fatto qualche carezza. Ma poi si e' subito sposata con Briatore, che anche lui in gioventu' ebbe un processo per certe partite a poker truccate, con delle escort da paura che distraevano i giocatori, poveri industriali brianzoli con il pipo in fiamme… E poi c’e' Fede che minaccia Fini di tirar fuori notizie a luci rosse risalenti al 2002. E il direttore dell’avvenire Boffo costretto a dimettersi per una storia di molestie alla moglie di un amante gay (ma, si difende, le telefonate non le fece lui ma un tossicomane disintossicato, gay e attualmente morto). E per inciso lo scenario di questo scandalo e' la comunita' di Don Gelmini, vicino a Terni, e anche li' ci sono accuse, memoriali su giovani toccati da preti assatanati. Forse balle anche queste. Ma tant’e', siamo di fronte a una verticalizzazione dell’uso dell’erezione, vera o presunta, come strumento di lotta politica.
L’Italia e' preda di un’orda di signori della guerra con il pistolino sempre fuori, che si massacrano a colpi di passere, culi e scoop. Si usa il sesso per fare carriera, per inserirsi a corte, per fare affari, il sesso tuo o quello degli altri non importa. E lo puoi usare anche per distruggere gli avversari, intorpidire le acque o distrarre l’opinione pubblica dall’assalto alla diligenza dello stato da parte di una casta di pervertiti morali. Ma consoliamoci.
Questo gioco al massacro sta esplodendo. Non faranno sconti a nessuno. Scopriremo finalmente se Andreotti da bambino si masturbava sulle pubblicita' delle scarpe ortopediche e tutte le volte che un assessore ha toccato il culo a una vigilessa.
Ormai in Italia ci sono decine di migliaia di ragazze avvenenti con un video cellulare in borsetta, che sanno benissimo che la differenza tra una vita di marchette anonime e la notorieta' delle Grandi Puttane acclamate in tutto il mondo, e' schiacciare il tasto REGISTRA al momento giusto. Tutto il resto sono chiacchiere.
E pensare che credevano di essersi salvati dagli orecchi indiscreti tagliando i fondi per le intercettazioni telefoniche… (vedi: http://www.jacopofo.com/node/529)
E visto che i nostri vip di sicuro il cardellino non riescono a tenerlo nella gabbietta possiamo stare sicuri che il gioco al massacro continuera' fino alla loro estinzione. Amen. Bene. Godiamoci lo spettacolo!
Una Cazzopoli li seppellira'.
(se vuoi approfondire vedi qui http://www.jacopofo.com/nazione-salvata-dai-pompini-berlusconi-carfagna)

(Ripubblico qui una nota di ieri sull’argomento)

…Si passa dalle prime dichiarazioni di Marrazzo: "Quel filmato, se davvero esiste, e' un falso. E' stato sventato un tentativo di estorsione basato su una bufala." a quelle di oggi: "Quanto accaduto riguarda la mia sfera privata. Ai magistrati ho detto la verita'. Io sono la vittima."
Che Marrazzo sia la vittima di un ricatto organizzato da quattro mele marce dei carabinieri non c'e' dubbio. E dobbiamo applaudire i carabinieri che hanno beccato questi 4 delinquenti.
Ma tra la prima e la seconda dichiarazione ci passa la distanza che corre tra prima e dopo il crollo del Muro di Berlino!
Ma, santo Pistolino, e' mai possibile che questa gente non abbia capito come si fa? Ma chi sono i loro strateghi dell’immagine? Negano tutto per principio. Guardate invece Silvio com'e' spavaldo: "Si' e' vero, mi piacciono le donne e allora?" Lui la passera l’ammette serenamente, e' su altre storie che e' un po’ reticente…
A questo proposito vorrei ricordare la storia di Sant’Ambrogio che, per sbaglio, scopri' che le folle adorano i politici che ammettono le loro colpe.
http://www.jacopofo.com/storia-sant-ambrogio-religione-sesso-prostituzione