Coronavirus: il plasma della discordia. Infuria la polemica tra Burioni e De Donno

Teorie complottiste e guerre mediatiche all’ombra della terapia al plasma. Ma è una cura prodigiosa o solo una ipotesi promettente?

Arriva una cura che avrebbe guarito già quasi 80 pazienti ricoverati negli ospedali di Mantova e Pavia in condizioni gravissime. Risultati straordinari che ora si stanno verificando per pubblicare uno studio. Anche Padova sta iniziando la sperimentazione.

Ma l’affermarsi di questa scoperta, che potrebbe cambiare l’impatto del Covid-19, non è stata facile. Giuseppe De Donno, direttore della Pneumologia e dell’Unità di Terapia intensiva respiratoria all’ospedale Carlo Poma di Mantova e Il dottor Massimo Franchiniematologo e primario del centro trasfusioni dell’ospedale di Mantova hanno inizialmente avuto poco spazio sui media e poco sostegno da università e grandi ospedali e alcuni hanno minimizzato i risultati (costa troppo, non è sicura…).

Visto che la cura costa veramente poco e che, sostengono a Mantova, non ci sono pericoli di trasmissione di altri malanni perché il sangue è trattato in modo sicuro, questi commenti sui media hanno fatto imbestialire i due scopritori e alla fine li hanno portati all’onore delle cronache…

Ad esempio, il virologo Roberto Burioni, pur ammettendo le potenzialità dell’approccio, ha avanzato preoccupazioni per le tecniche di produzione del plasma e possibili effetti sconosciuti di queste procedure. Auspicando al contempo che si giunga alla produzione di un plasma artificiale.

De Donno ha risposto sua pagina Fb attaccando Burioni a gamba tesa.
Continua a leggere...

 

Categorie: