Il Santo Padre e Dario Fo

Franca Rame In fuga dal SenatoOccavolo! M’hanno censurato di nuovo il papà!

Mi sta tanto simpatico Papa Francesco, che ha proprio l’aria di un cristiano, che ci sono restato male oggi, quando si è saputo che qualcuno, nella Santa Sede, ha deciso di negare a mio padre la possibilità di recitare al Teatro della Concordia, a Roma…E mica gratis… Pagavamo…
Era tutto pronto, stavo per firmare l’accordo e ci dicono nisba!
Ma è mai possibile?
Ma chi ha deciso? È un colpo di mano delle falangi dello Ior?
Tra l’altro Dario non voleva recitare niente di scandaloso, anticlericale o simili… Si tratta dello spettacolo che ha scritto su mia madre e il libro che lei ha ultimato pochi giorni prima di morire, nel quale racconta la sua vita e in particolare la sua breve e traumatica esperienza parlamentare (Fuga dal Senato).

Certo essere censurati ancora a 50 anni di distanza da Canzonissima fa impressione… D’altra parte gli spazi televisivi e teatrali per i miei ci sono stati solo a sprazzi. Negli anni ’70 arrivarono a far saltare gli spettacoli persino quelli della corrente sovietica del Pci…E mi ricordo quando, alla fine degli anni ’80, a mia madre saltarono decine di teatri…Portava in giro Sesso grazie, tanto per gradire. I periodi di agibilità televisiva poi si sono sempre alternati a periodi di ostracismo…17 anni no, 5 sì, 5 no…
E il Nobel non ha certo migliorato la situazione…Dal 2007 tutti gli spettacoli realizzati dai miei sono stati rifiutati da tutte le tv…

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO