Gli anni del Male

Dal 25 ottobre una mostra a Roma celebra il più famoso settimanale satirico italiano.

Solo 4 anni di pubblicazioni, dal 1978 a metà del 1982 sono bastati a un gruppo di autori per rivoluzionare il panorama satirico italiano e rimanere nella memoria dei più a oltre 40 anni di distanza.

La mostra curata da Angelo Pasquini, Mario Canale, Giovanna Caronia Carlo Zaccagnini, con i suggerimenti dall’aldilà di Vincino Gallo si apre venerdì 25 ottobre e chiuderà il 7 gennaio 2020 al We Gil di Roma.

L’invenzione delle fake news

Il Male è rimasto famoso soprattutto per i suoi falsi, perfette copie di giornali nazionali che riportavano notizie assolutamente false ma verosimili.

Come racconta Jacopo Fo (uno dei fondatori della rivista) nel suo libro Com’è essere figlio di Dario Fo e Franca Rame edito da Guanda: “Ad esempio, quando l’Italia fu eliminata dai mondiali di calcio del 1978, in semifinale, dall’Olanda, realizzammo un falso del Corriere dello Sport con un titolo a caratteri cubitali: ’Annullati i mondiali!’ Una cazzata epocale, ma il falso era tecnicamente perfetto. Centosessantamila italiani comprarono una copia del nostro giornale e fecero lo scherzo a milioni di connazionali. A Napoli ci furono addirittura caroselli di auto con bandiere tricolori, clacson, mortaretti e il falso del Corriere dello Sport agitato dai finestrini. Un bordello nazionale.»
Continua a leggere...

 

Categorie: