Soccorriamo i miliardari che soffrono!

Spendono 100mila dollari per una serata con una modella e poi non ci provano neanche!

Ci sono decine di migliaia di associazioni impegnate nella solidarietà verso ogni sorta di diseredati. Non esiste nessuna onlus che abbia l’obiettivo di portare conforto ai miliardari. Mi sembra una grave carenza: tutti hanno diritto alla felicità!

L’idea che i miliardari non abbiano bisogno di aiuto perché possiedono miliardi (non milioni, miliardi!) è un retaggio cattocomunista.
Il dolore psicologico non è commisurato al livello di sofferenza reale, ognuno patisce il proprio dolore in modo assoluto. Il fatto che sia meglio piangere su una Roll Royce che piangere in tram è inoppugnabile ma non lenisce la sofferenza degli uomini più ricchi del pianeta.

Un libro appena uscito alza la cortina che nasconde questo mal de vivre.
Ashley Mears è una sociologa dell’Università di Boston che ha un passato da fotomodella di successo. Ha frequentato per anni i locali più alla moda del pianeta, dove i paperoni passano la serata spendendo dai 5mila ai 100 mila dollari a botta. Ashley Mears nel suo libro si concentra sulle modelle che sono la vera attrattiva di questi locali, magrissime, non sono pagate e frequentano questi luoghi per sentirsi importanti, lusingate dal lusso che viene offerto loro gratis. Il libro si concentra sui meccanismi psicologici che inducono le modelle a fare da esca per i ricconi e i ricconi a gasarsi per la presenza di queste magrissime fanciulle, simbolo dell’essere alla moda, e a fare a gara tra loro per vedere chi spende di più. Il titolo del volume è molto esplicativo: «Very Important People: Status and Beauty in the Global Party Circuit» (Persone molto importanti: status e bellezza nel party globale).

Pone varie domande tipo: come mai i miliardari godono nell’essere circondati da modelle anoressiche, che generalmente non cercano di portarsi a letto?
Come mai invece le cameriere di questi locali sono formose e (si sospetta) che siano invece bersaglio sessuale dei magnati suddetti?
Continua a leggere...

 

Categorie: