cacao del sabato

I GERMOGLI

Carissimi,
dopo l’esperienza entusiasmante dei nostri estrattori di succhi e degli essiccatori, ambedue presenti nel nostro catalogo ormai da anni, ci siamo resi conto che ci mancava un prodotto davvero importante per chi, come noi, sa che “siamo ciò che mangiamo”: i germogliatori.

I Germogli

Bella scoperta, direte voi… E’ vero, di germogli in cucina si parla da decenni, noi ricordiamo bene esperimenti semi-fallimentari (nel senso che i semi sono proprio falliti…) condotti ancora negli anni ‘80 con vaschette piene di garze imbevute di acqua e semini che nella migliore delle ipotesi stentavano a crescere, nella peggiore ammuffivano. Archiviata l’esperienza, ci siamo adattati ad acquistare le vaschette di germogli di soia quando presenti (e freschi…) nei banchi dei supermercati o a farne incetta le volte che riusciamo a mettere piede in un negozio bio.
Di germogli abbiamo ricominciato a sentire spesso parlare da quando usiamo l’estrattore, durante le nostre ricerche in rete per trovare nuove idee e ricette, e ci siamo resi conto oggi ancor più di allora – complici forse anche gli studi che in questi ultimi anni e in questo campo si sono sempre più specializzati – che le proprietà dei germogli sono davvero tante e straordinarie. Minerali, vitamine, proteine, enzimi…

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Sostieni il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus

C’è un sacco da fare, ma proprio un sacco. Questo fine settimana siamo a Fa’ la Cosa Giusta Umbria con il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus.
Lì portiamo le creazioni delle nostre straordinarie Paola e Ornella, poi le stampe di Dario e i disegni di Jacopo, meravigliosi.
Tutte queste cose ci servono per raccogliere un po’ di fondi per il nostro amato Comitato e in particolare per poter aiutare il finanziamento di alcuni progetti a cui teniamo molto.

Sostieni il Nuovo Comitato Il Nobel per i disabili Onlus

Abbiamo un paio di richieste da parte di altrettante associazioni per l’acquisto di un pulmino attrezzato per il trasporto di persone disabili. 
Una è un piccolo coro di Roma, l’Associazione Culturale Artivendole, il progetto coinvolge persone in cura presso i Centri di Salute Mentale.
L’altra è una cooperativa a cui Franca e Dario avevano donato un pulmino quando è nato il Comitato Nobel per i Disabili, nel 1999.

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Le fatiche di Ercole

Le fatiche di Ercole

Carissimi, 
questa settimana vi presentiamo un libro per ragazzi scritto da Sergio Parini e disegnato da Jacopo Fo. Si tratta de Le Fatiche di Ercole edito da Gallucci Editore, grandiosa casa editrice per bambini e ragazzi.
Ercole è il primo supereroe della storia. Da più di tremila anni si narrano le due dodici avventure mozzafiato: credi che sia facile sconfiggere un drago con sette teste che sputano veleno?
Divertente, con disegni bellissimi...
Ecco qui il prologo, buona lettura!

Prologo
Tanto tanto tempo fa, in Grecia, un paese famoso per gli dèi potentissimi, le donne sagge e i guerrieri coraggiosi, viveva un ragazzo. Il suo nome era Ercole. Era figlio del re degli dèi, Zeus, e di una principessa greca, Alcmena, celebre per la sua bellezza. Ma la regina degli dèi, Era, la moglie Zeus, era gelosa di Ercole, perché era nato dall’amore tra suo marito e un’altra donna. 
Quando voleva, Era sapeva essere molto cattiva e crudele. Pensa che, quando Ercole era appena nato, lei scese dall’Olimpo, l’altissima montagna dove viveva con gli altri dèi, apposta per mettere due enormi serpenti velenosi nella sua culla. 
Ma non aveva fatto i conti con quel bambino. 

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Bio o non bio? Ma soprattutto: consumatori o persone?

Bio o non bio? Ma soprattutto: consumatori o persone?

Siamo abbonati ad Altroconsumo ormai da anni. Appena il giornale arriva in Redazione si arriva quasi allo scontro fisico pur di accaparrarsi la prima lettura. 
Negli anni non siamo stati sempre d’accordo con le analisi della rivista e proprio man mano che il tempo passava ci siamo resi conto che in molti casi l’aspetto del risparmio economico prendeva il sopravvento sulla qualità del prodotto. 
Perché, diciamocelo, non si leggono gli articoli, si leggono le tabelle e via...
Nell’ultimo numero la copertina ci ha fatto sobbalzare dalla sedia; come sarebbe a dire: Non crediamo in Bio?
Accidenti, questa è grossa. Vuoi vedere che hanno scoperto che il bio è una truffa?
Niente di tutto questo. Il sottotitolo già spiega tutto: “Le analisi dicono che non sono più nutrienti né più salutari degli altri prodotti”.
La prima reazione per chi da anni lotta per un’alimentazione più sana, soprattutto a base di prodotti biologici è dire: ma sono impazziti!?!
Calma, ragioniamo.
Psicologicamente è un colpo, se credi per anni in una cosa e questa ti viene polverizzata in un nanosecondo da quelli che ritieni stiano dalla tua parte, come minimo ti prende male. Niente di peggio del fuoco amico. Ma non siamo poi noi che diciamo che le fedi assolute sono pericolose?
Calma, ragioniamo.
Leggiamo l’articolo, guardiamo le tabelle.
Intanto vediamo che i prodotti bio analizzati sono verdure che arrivano dai supermercati bio di Roma e Milano. E già qui potremmo discutere, hanno scelto due delle città più care d’Italia.
E quindi senz’altro il prezzo di quegli ortaggi è alto rispetto agli stessi comperati nei normali supermercati.
La tabella relativa alle fragole indica che quelle bio non hanno pesticidi mentre quelle non bio li hanno.. poi sono nei limiti di legge, per carità, in molti casi ben al di sotto ma comunque ci sono. E chi lo sa che tipo di danni può fare un accumulo di pochi pesticidi alla volta nel nostro organismo? Tra l’altro chi vive a Milano già si sopporta polveri sottili, inquinamento, smog e quant’altro come se fumasse 12 sigarette al giorno (bambini compresi), se aggiungiamo anche una modica quantità di pesticidi...

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

La regina Elisabetta II è la più lunga del reame

La regina Elisabetta II è la più lunga del reame

Mercoledì 9 settembre la regina Elisabetta II d'Inghilterra diventerà la monarca britannica più a lungo sul trono: 63 anni e 217 giorni di regno.
Frantuma così il precedente record della regina Vittoria!
La regina Elisabetta ha però deciso di non festeggiare l'evento. Usciranno solo 5 nuove monete con la sua effige, una nuova biografia nelle librerie e il primo ministro David Cameron le farà omaggio in un discorso alla camera dei Comuni.
(Fonte: Repubblica)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI OGGI

Chiamatele Persone con disabilità - Di Gabriella Canova

Chiamatele Persone con disabilità

24 agosto pomeriggio
Ad Alcatraz c’è il Festival dell’Immaginazione, è pomeriggio e fa un caldo pesante, afoso, si preannuncia un gran temporale. Sono seduta davanti alla palestra con il mio lavoretto a punto croce su telaio, che mi serve a tener impegnate le mani, aver qualcosa da fare per tacitare il senso di colpa per tutto quello che mi sto godendo senza aver fatto praticamente nulla di organizzativo e tutti quelli che passano dicono: “Fai il tombolo?” 
“No” rispondo “Punto croce”.
Sì, perchè il tombolo è un’altra cosa. Non che mi interessi in particolar modo puntualizzare ma son due cose diverse. Anche due immaginari diversi. Ci si immagina la signora dalle lunghe gonne e la crocchia davanti a un camino con il tombolo... oddio magari pure col punto croce... Ma le parole sono importanti e non è tombolo!
“E che stai facendo?” 
“Un sampler” 
“Eh?”
“Un imparaticcio...”
“Ahhh”
“Un quadretto”
“Ah! Bello!”
Ce la posso fare. 
Intanto, seduti fuori dal bar vedo due signori, uno giovane e uno più anziano in sedia a rotelle con una ragazza. Bevono qualcosa, parlano tra di loro. Normali clienti che passano di qui l’estate per conoscere Alcatraz e godersi un po’ di colline. 
Dopo un po’ si avvicina Giuliana e mi dice che quei signori vogliono parlare con me del Nuovo Comitato Nobel per i Disabili; molto volentieri. 
Ci accomodiamo dietro la palestra, davanti all’affresco di Dario Fo sul San Francesco, un’opera d’arte stupenda. 

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Il Teatro fa bene - I Diari

Il Teatro fa bene - I diari

Carissimi, continuiamo con i racconti della nostra avventura africana. 

INCONTRO CON ALVIM COSSA

A cena incontriamo Alvim Cossa
Piccola parentesi sul Teatro do Oprimido, o Teatro degli Oppressi. Si tratta di una metodologia teatrale nata in Brasile negli anni sessanta per dar voce a tutti coloro si trovavano in situazioni di oppressione, soprattutto operai e contadini.
Una delle tecniche più utilizzate del teatro degli oppressi è il coinvolgimento diretto del pubblico nello spettacolo. Coinvolgimento che può arrivare anche a cambiare il finale di una rappresentazione per adattarlo alla situazione del momento e del luogo.
Durante la cena a cui partecipa anche Giulio Borgnolo di Eni, Alvim ci racconta come viene organizzato il lavoro nella sua associazione: ogni spettacolo nasce da una discussione di gruppo, il teatro degli oppressi deve far riflettere e tratta di temi importanti e complessi. Cerca di sensibilizzare la gente all’uso dei preservativi, parla di Aids, di prostituzione, violenza, salute. Ai vari gruppi partecipano sia donne che uomini e si recita soprattutto in portoghese.
Alvin è serio e parla con orgoglio del suo lavoro.
Domani li vedremo all’opera…
In albergo, prima lezione di portoghese: buonanotte, boa noite!

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Il teatro fa bene

Il teatro fa bene

Carissimi,
come avrete ormai capito siamo immersi in questo progetto fantastico che coinvolge tutti noi, Medici con l'Africa Cuamm e Eni Foundation. 
Trovate tutte le informazioni e potete seguire i nostri progressi sul sito www.ilteatrofabene.it
sulla nostra pagina Facebook
Restate connessi!
Simone Canova

Simone, vuoi andare in Mozambico?
E' un giorno qualunque, nel cuore dell'Umbria, alla Libera Università di Alcatraz. 
Lavoro qui da diversi anni, mi occupo di buone notizie, come rispondo sempre a chi mi chiede di cosa mi occupo.
Incrocio Jacopo Fo che alla Libera Università di Alcatraz è il padrone di casa; saluti di rito, poi la frase destabilizzante della giornata: "Simone, vuoi andare in Mozambico?".
Ecco, cominciava così, per me, autore di questo diario di viaggio, l'avventura del Teatro Fa Bene.

A dire il vero già da qualche tempo, ogni tanto, spuntava il nome del Mozambico. Voci di corridoio parlavano di presunti corsi di teatro nel Paese africano per promuovere la sanità e la salute e la buona alimentazione. Anzi, nel corso dei mesi precedenti era successo che un paio di volte Jacopo mi avesse parlato di questo progetto... ma per me era una delle 15.837 idee che avremmo potuto realizzare un giorno, forse...

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Parliamo di Africa

Parliamo di Africa

Carissimi, 
in questi giorni siamo immersi nell'Africa e non solo per il caldo. Non possiamo anticiparvi ancora nulla ma non dovrete aspettare troppo, sia sul Cacao della Domenica, sia su quello di lunedì avrete tutte le informazioni su questo straordinario progetto che ci porterà a vivere i prossimi mesi in modo veramente emozionante: speriamo che voi abbiate voglia di seguirci e soprattutto di partecipare. 

E visto che ormai qui si parla africano, si legge africano, si mangia africano e si ascolta musica africana, in questo sabato di luglio vi vogliamo parlare... indovinate un po'? di Africa. Riprendiamo un libro che abbiamo amato come pochi: Schiave Ribelli, scritto da Jacopo Fo e da Laura Malucelli per raccontare che Eva era nera e pure Adamo. Erano neri i primi agricoltori, i primi costruttori di canali, i primi faraoni e i primi imperatori cinesi.
Sull'Africa ci hanno raccontato solo bugie. Prima dell'arrivo degli schiavisti c'erano civiltà matriarcali comunitarie molto evolute e non si conosceva la parola "prostituta". 
Nessuno racconta che queste popolazioni, guidate da donne straordinarie, riuscirono a resistere ai colonialisti. 
Nessuno racconta come le schiave nere deportate in America capeggiarono migliaia di ribelli che sbaragliarono gli eserciti europei e poi, nel cuore dell'Amazzonia, di Cuba e Haiti, crearono territori liberi dove vissero per secoli senza contatti con i bianchi. Nessuno dice che l'Africa sta rinascendo grazie anche a un incredibile movimento di gruppi di aiuto, cooperative, ecovillaggi, banche del microcredito. E ancora una volta sono le nipoti di Eva nera a ispirare la rinascita. 
Buona lettura!

Schiave ribelli

SCHIAVE RIBELLI

Introduzione
Se vuoi capire l'Africa e il suo popolo è meglio partire da come si presenta, in questo continente, la natura. Racconta Basil Davidson nel suo libro La Civiltà africana:
"Niente in Africa è fatto a metà. Le dimensioni sono sempre grandi e spesso estreme, Vi sono deserti tanto estesi da poter inghiottire metà delle terre emerse europee, dove al caldo intenso del dì si alterna il freddo pungente della notte...

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO

Il Nettare degli Dei

Il Nettare degli Dei

Sin dall’antichità il vino è stato considerato una bevanda salubre e, se bevuto con moderazione, è in grado di  apportare grandi benefici al nostro organismo. Bere un bicchiere di buon vino è un vero toccasana per la salute del sistema cardio e cerebro-vascolare, grazie alla presenza di polifenoli, una sorta di elisir di lunga vita. 
Diversi studi hanno dimostrato quali siano i benefici che l’organismo può trarre dal consumo di un bicchiere di vino a pasto: e meglio ancora se questo è biologico! Questa bevanda tanto bramata e utilizzata durante l’era Romana, se consumata con giusta moderazione durante i pasti principali o per un brindisi in compagnia, ci fa sentire meno ansiosi, abbassa la pressione sanguigna, ha un effetto antiossidante e antinvecchiamento e agisce positivamente sul colesterolo, i trigliceridi e, non ultimo, contrasta l’osteoporosi. Ebbene sì, consumare vino nelle giuste quantità può aiutarci a stare meglio. 
L’estate è appena iniziata, e così la voglia di trascorrere le calde serate in compagnia di amici o parenti, magari in giardino, sul terrazzo o semplicemente seduti su un prato a guardare le stelle. E perché non accompagnare questi momenti con un buon bicchiere di vino biologico che rallegra le serate (e fa tanto bene alla salute…)?

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO