ecologia estrema

Ecologia estrema: il pettine elettronico

Si chiama LCS, e' stato messo a punto dallo staff tecnico di Medisana, azienda italiana, e permette di spidocchiare i capelli senza l'uso di sostanze chimiche.
Il pettine elettronico infatti fulmina i pidocchi con una leggera tensione elettrica, non percepibile e innocua per l'organismo umano ma letale per i parassiti.
Un colpo di aspirapolvere e il gioco e' fatto!
(Fonte: Zeusnews)
fonte immagine


Ecologia estrema: Sir Richard

Messi a punto da Matthew Gerson e Mark Kreloff sono i primi preservativi completamente ecologici, vegani, equo e solidali.
Non vi e' caseina, normalmente utilizzata insieme al lattice, e tutti gli ingredienti sono certificati Fair Trade. Ogni confezione venduta, inoltre, finanzia la donazione di un preservativo ad alcune organizzazioni sanitarie presenti in Uganda, Haiti e Thailandia.
Il packaging e' 100% riciclato, ma e' meglio non vi diciamo da cosa... http://www.sirrichards.com
(Fonte: Greenme)
Fonte immagine


Per una parete grande... ci vuole un pennello grande

Secondo quanto riporta la BBC, alcuni imbianchini sarebbero all'opera sulle Ande peruviane per dipingere di bianco le pareti rocciose, cosi' da riflettere le radiazioni solari e respingere il calore responsabile dello scioglimento dei ghiacciai.
“Una stupidaggine immensa”, come l'ha definita il Ministro dell’Ambiente, finanziata dalla Banca Mondiale con 200mila dollari.
La stessa Banca Mondiale premio' il progetto come una della “100 migliori idee per salvare il pianeta”.
(Fonte: Ecologiae)
fonte immagine


Ecologia estrema: il pallone da calcio fotovoltaico

E' stato messo a punto da una societa' di Taiwan, la GreenDix, per dimostrare quanto la tecnologia fotovoltaica sia versatile e facilmente applicabile agli oggetti di uso comune.
L'energia elettrica prodotta dai mini pannelli solari alimenta un sensore acustico che si attiva quando il pallone viene calciato.
Ieri contro la Slovacchia avrebbe potuto fare la differenza.
(Fonte: Greenme.it)
Fonte immagine


Ecologia estrema: il Bonsai fotovoltaico

Messo a punto dall'architetto Vivien Muller e presentato al Salone del Lusso di Parigi, e' alto 40 cm e fra i suoi rami sono appese 42 celle fotovoltaiche, per una superficie totale di 2.178 cmq.
I pannelli solari di Electree alimentano una presa usb con cui si puo' ricaricare il telefonino, il computer e altri piccoli apparecchi domestici.
Costa quanto 70 barili di petrolio.
(Fonte: Yeslife)
Fonte immagine


Ecologia estrema: mobili dai fondi di caffe'

La tecnologia e' stata messa a punto da un'azienda inglese, la Re-worker, che ha mischiato plastica riciclata e fondi di caffe' fino a ottenere un nuovo materiale ecologico (99% materiale riciclato), resistente e soprattutto profumato.
Si chiama “Curface” ed e' perfetto per creare mobili e sedie.
La sensazione al tatto sarebbe molto piacevole, un misto di legno e pelle.
Attenzione: non lavare con acqua calda!!!
(Fonte: Greenme)
Fonte immagine


Ecologia estrema: la lampada di sapone

E' stata presentata all'ultimo Salone internazionale del Mobile di Milano. Componenti elettrici ridotti al minimo, lampadina a LED e struttura al 97% fatta in sapone.
I led si riscaldano molto poco e questo permette al sapone e di emanare un piacevole profumo.
Piu' tecnologia pulita di cosi'!!!
(Fonte: Greenme)
fonte immagine
 


Ecologia estrema: cacca di balena contro il surriscaldamento globale

Avete letto bene, l'idea e' degli scienziati della Australian Antarctic Division, secondo cui il ferro contenuto nelle feci di balena e' uno straordinario fertilizzante per alghe di superficie, capaci di assorbire anidride carbonica.
Aumentando il numero di balene si potrebbe aumentare la produzione di fertilizzante e di piante marine, contrastando i cambiamenti climatici... per non parlare dei nuovi posti di lavoro!!!
(Fonte: Ecoblog)

fonte immagine


Ecologia estrema, o meglio perpetua!

L'urna funebre ecologica completamente biodegradabile inventata dalla designer italiana Veronika Gantioler ha vinto il concorso Talente 2010, premio per l'innovazione artigianale bandito dalla Camera di Commercio di Monaco di Baviera.
All'interno dell'urna viene posto un cilindro di torba contenente sementi. Quando col tempo il contenitore si scioglie germoglia una pianta o un albero.
Un vero e proprio inno alla vita.
(Fonte: Ecoblog)

fonte immagine