Vacanze estive alla Libera Università di Alcatraz

inquinamento

Spolveriamoci: come evitare 54 mila morti per inquinamento

Spolveriamoci

Il 18 maggio 2016 il gruppo di EcoFuturo, all’interno dell’iniziativa “Spolveriamoci”, ha presentato in Senato un decalogo per combattere l’inquinamento delle città.
Di seguito l’intervento di Jacopo Fo, sotto il decalogo e poi tutti i video dell'evento.

 

DECALOGO PER MUOVERSI SENZA SOFFOCARE

EcoFuturo SpolveriamociPRIMO: ANDARE A PIEDI E IN BICI
La più bella risposta in città è andare a piedi, poi certamente andare in bicicletta ma il tributo di sangue dei pedoni e dei ciclisti è palese nelle statistiche e nelle cronache, per questo occorre che i soggetti deboli vengano protetti da scelte urbanistiche e di politica dei trasporti coerente. Ovvero bassa velocità di norma a 30 km/h e al massimo 50 km/h escluso le tangenziali veloci, inoltre piste ciclabili in tutte le forme possibili, aree pedonali/ciclabili (anche il ciclista deve dare la precedenza ai pedoni sempre, utilizzando luci e campanelli e una ragionevole velocità) zone a traffico limitato, strade a protezione rafforzata.

SECONDO: ANDARE ELETTRICI
L'uso dei mezzi elettrici a partire da biciclette, motorini, veicoli senza patente a due posti, auto, furgoni, autobus è la madre di tutte le battaglie e subito le zone a traffico limitato devono essere aperte solo ai mezzi interamente elettrici sempre e con la semplice comunicazione inoltre devono essere autorizzate senza complicazioni, il montaggio di colonnine o prese di ricarica privata e pubblica in ogni dove, con concessione di spazio parcheggio dedicato solo ai veicoli elettrici davanti alla colonnina. La colonnina privata deve essere messa a disposizione di tutti obbligatoriamente, previo accordo oneroso ma regolato da accordo pubblico. Favorire in ogni modo lo sviluppo della riconversione delle vecchie auto endotermiche con il kit a motore elettrico.

TERZO :MEZZI PUBBLICI E CAMION PRIVATI SOLO A BIO GNL
La maggior parte delle polveri sottili deriva dai motori pesanti a gasolio, oggi sono in commercio Autobus e Camion a GNL che riducono di oltre il 70% le polveri sottili senza perdere potenza e consentendo autonomie di percorrenza molto importanti.Sono da tempo in uso anche gli autobus a metano compresso (CNG) occorre un provvedimento del governo centrale che escluda dalle gare di acquisto di nuovi mezzi il motore a gasolio e benzina in maniera definitiva. I tempi di una simile rivoluzione sarebbero però lunghissimi a causa dei problemi finanziari ma finalmente abbiamo a disposizione tecnologie tutte italiane per la trasformazione dei motori a gasolio in circolazione in motori bi-fuel (metano GNL e gasolio) e per la sostituzione dell'intero motore da gasolio a gas. Grazie al costo inferiore del metano rispetto al gasolio una riconversione di tutti i motori con questi sistemi si ripaga con il risparmio indotto sul consumo di gasolio. Il gas metano può essere prelevato dalla rete ma la vera svolta è la produzione di biometano liquido rinnovabile dal compostaggio dei rifiuti umidi urbani e dalla filiera del #biogasfattobene che, in una nuova alleanza città campagna, senza uso di chimica e mantenendo lo stesso livello di produzione food, è in condizione di autoprodurre gran parte del fabbisogno di biometano liquido necessario alla mobilità. (Km percorribili per ettaro).

QUARTO: CONDIVIDERE
Car sharing elettrico, noleggio elettrico per entrare in città e comunque condivisione su ogni uso anche periferico delle automobili. Bike sharing e Bike sharing elettrico. Ridurre l'occupazione di suolo pubblico da autovetture private è fondamentale per restituire l'uso facile e non pericoloso della città agli esseri umani e agli animali. Bla Bla Car e tutte le altre app per muoversi insieme saranno alleati per un futuro in cui la mobilità non sia assolutamente inefficiente dal punto di vista energetico.

QUINTO : ASFALTI DRENANTI E SENZA PETROLIO
Un asfalto senza bitume e drenante non aumenta la temperatura a terra, ingloba le polveri sottili e le dilava con le piogge, sottraendole al rilancio fatto dai pneumatici che generano deleteri fenomeni di risospensione.
Un asfalto senza petrolio ci aiuta a combattere le isole di calore urbano anche con la variazione di colore, evitando che per la gran parte degli acquazzoni non avvengano fenomeni di allagamento immediato.

SESTO: RISCALDARE E RAFFRESCARE CON LA GEOTERMIA
Gli impianti di riscaldamento possono essere riconvertiti con le pompe di calore e se ci sono gli spazi per fare sonde (oppure pozzi in aree in eccesso idrico come Milano) la riconversione regina è costituita dallo scambio geotermico. La geotermia a bassa temperatura ci dà sia calore d'inverno che fresco d'estate, combattendo l'isola di calore all'esterno degli edifici, determinata oggi dagli impianti di condizionamento tradizionali.

SETTIMO: TELERISCALDARE E COGENERARE
L'uso dei combustibili fossili o bio per il semplice riscaldamento è una bestemmia ecologica e economica. Cogenerazione e trigenerazione devono essere resi obbligatori per tutte le strutture pubbliche e per tutte le istituzioni come banche, ospedali ecc. Occorre una linea finanziaria di prestito che svincoli gli enti pubblici dal patto di stabilità per questa riconversione, capace di portare immediati benefici economici ed infiniti benefici per la lotta alle polveri sottili e agli inquinanti cittadini.

OTTAVO: RINVERDIRE
Il verde in ogni spazio disponibile è un alleato fondamentale per ombreggiare, per assorbire CO2, per riprodurre ossigeno. Il verde va ripiantumato in ogni spazio residuale cittadino,vanno ricoperti tutti i muri di scarso valore come vanno inerbiti tutti i tetti che ne abbiano la giusta conformazione. Il riequilibrio cromatico, l'effetto barriera su rumore ed inquinante oltre alle caratteristiche di Carbon Captur rendono la presenza intensiva in ogni micro o grande spazio urbano una delle strategie basilari per la rinascita ecologica delle città .

NONO: ABBANDONARE GLI EQUIVOCI
Chiedere auto euro 6 e autorizzando nel contempo le minicar diesel superinquinanti.
Incentivare con i fondi del trasporto pubblico locale gli autobus scoperti per i tour turistici nei centri storici a gasolio.
Consentire ancora l'acquisto di Taxi non elettrici a metano o ibridi.
Dare nuove licenze di taxi anche a chi non ha una auto elettrica.
Consentire le consegne con mezzi a gasolio nelle zone a traffico limitato

DECIMO: POTENZIARE I TRASPORTI PUBBLICI
“Last but not least”, potenziare i trasporti pubblici ovviamente senza motorizzazioni a gasolio e renderli flessibili alle esigenze orarie e territoriali. Far girare autobus vuoti è un contributo all'inquinamento e non la sua soluzione. Integrare l'offerta di pubblico trasporto con le offerte dei taxi (solo con i possessori di taxi eco) con i siti di condivisione come Bla Bla Car, My Cicero e le numerose altre esperienze di condivisione di veicoli.

Fonte: Ecquologia

 

TUTTI I VIDEO DI SPOLVERIAMOCI

Spolveriamoci al TG2 del 19/05/2016

Intervista a Mario Tozzi, Primo Ricercatore del CNR e divulgatore ambientale

Intervista alla Sen. Laura Puppato (PD)

Intervista a Valerio Rossi Albertini, Fisico, Ricercatore del CNR e divulgatore TV

Intervista a Piero Gattoni Presidente CIB (Consorzio Italiano Biogas)

Intervista ad Annalisa Corrado (Green Italia)

Intervista al Sen. Gianni Girotto (M5S)

Intervista ad Alessandro Giubilo (Pres. Ass. ASSIEME)

Spolveriamoci 18/5/2016, auto elettriche a Roma e introduzione di Fabio Roggiolani (Ecofuturo - Vice Pres. Giga)

Valerio Rossi Albertini - Motori elettrici e polveri sottili

Valerio Rossi Albertini - Motori elettrici e... di WeeklyScienceNews


Smog, inquinamento e salute pubblica: da Di Pietro e Vendola solo promesse. Dal M5S fatti?

MilanoLa mia idea è semplice e neanche tanto nuova. Visto che non si riesce a smuovere la situazione italiana con l’opposizione in Parlamento, tempio dell’inciucio olistico, facciamo come Martin Luther King: cambiamo il Paese prendendoci i diritti civili con strumenti pacifici.

In Italia ci sono parecchie leggi che sono abbastanza buone ma che non vengono applicate.
Abbiamo una legge che vieta di praticare interessi da usura.
Abbiamo leggi che stabiliscono limiti per lo smog nelle città.
Leggi che stabiliscono che un casco da motociclista non si deve accartocciare al primo urto.
Leggi che vietano alle aziende di proporre contratti capestro…

Anni fa proposi pubblicamente a Di Pietro, di usare qualche milione di euro del finanziamento dei partiti, che Idv riceveva, per pagare un gruppo di avvocati, di tecnici e di ricercatori che raccogliessero prove delle malvessazioni e violazioni di leggi e regolamenti e ogni settimana lanciassero una campagna legale con denunce presso la Magistratura.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Emergenza smog: Milano è inquinata, colpa dei milanesi!

Emergenza smog: Milano è inquinata, colpa dei milanesi!

Finalmente la tv si è accorta che Milano e Roma sono camere a gas. Perché non piove, dicono.
Balle.
Sono anni che il movimento ecologista denuncia la truffa delle rilevazioni sugli inquinanti. Ma cosa vuoi che ti misuri una centralina se piazzi i tubi di aspirazione a quattro metri d’altezza?
Fammi i prelievi dell’aria ad altezza di passeggino, sulla circonvallazione e poi dimmi quanti giorni all’anno lo smog è oltre tutti i limiti di decenza. Ma le hai viste tu le madri infuriate che vanno con i passeggini di fronte al Comune a protestare per la beffa delle centraline segna smog? Non le hai viste perché non ci sono andate a disturbare il Pisapia! Povera creatura anche lui!
Ma l’indecenza sull’inquinamento è illimitata… L’hai sentita la storia che, secondo uno studio commissionato dal Sole 24 ore, Milano sarebbe la seconda città più vivibile d’Italia?
Sono stato a Milano per Natale e ho visto cose che voi umani neppure immaginate: ho visto giovanette piacenti fare lo jogging sulla circonvallazione!!!
Da paura. M’è venuto il catarro solo a guardarle.
Ma cos’hai nella testa? Brioches?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Giornalisti disonesti, economisti ubriachi, politici collusi…

Perché in Italia è così difficile che si parli della realtà? Sono sinceramente scandalizzato per il livello di servilismo e cecità dominante tra l’enorme pletora di gente che va in televisione a parlare.
Ma dove vivono? Non ho sentito quasi nessuno intervenire sulla questione dell’Ilva, per decenni. I media hanno bellamente censurato centinaia di comunicati sulla disastrosa situazione sanitaria di Taranto. Le associazioni di cittadini che si muovevano per difendere la salute e la legalità sono stati completamente ignorati. Adesso, grazie solo all’intervento della magistratura, finalmente i media si sono accorti di questa mattanza. Ma tra i signori dei media non ce n’è uno che si senta in dovere di spendere una parola di autocritica per questi 40 anni di silenzio peloso! Ora tutti questi scrivono tonnellate di parole sagge sull’Ilva, ma intanto continuano a tacere sulle altre piaghe ambientali nazionali.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Earth overshoot day: cattive e buone notizie

Pianeta TerraOggi è l'Earth overshoot day, il giorno in cui il consumo di risorse oltrepassa la capacità del nostro pianeta di rigenerarle. In pratica in 9 mesi abbiamo esaurito le risorse di 365 giorni e di questo passo, spiega il Global footprint network, entro una quarantina d'anni avremo bisogno di un'altra Terra per sostentarci.
La buona notizia è che c'è! L'hanno scoperta alcuni astronomi dell'università di Ginevra, si trova a 36 anni luce da noi e grazie alla distanza dalla sua stella è il corpo celeste più abitabile finora conosciuto. In più ha una massa 3,6 volte superiore a quella terrestre. Buon inquinamento a tutti!
(Fonti: Ansa e IlPost)

Leggi le altre notizie di Cacao di oggi


Greenpeace fa i nomi

L'Associazione ambientalista ha pubblicato la classifica delle aziende piu' inquinanti del nostro Paese.
Centrale Enel di Brindisi, centrale Edison di Taranto, raffineria di Sarroch in Sardegna e l'ILVA di Taranto sono i quattro impianti industriali piu' inquinanti con un totale di 29,3 milioni di tonnellate di CO2 emesse nel 2009.
I dati dimostrano che c'e' stata una riduzione generale delle emissioni, da 538,6 milioni di tonnellate di anidride carbonica del 2008 a 502 milioni del 2009, ma rispetto al 1990, 516,9 milioni, la riduzione e' solo del 3%, meno della meta' degli obiettivi di Kyoto.
Per vedere la classifica completa clicca qui
(Fonte: Ecquologia.it)