Legambiente

Pubblicato il rapporto “Comuni rinnovabili” 2013 di Legambiente

Legambiente: Comuni rinnovabili 2013

Nel 2012 le fonti rinnovabili, 600mila impianti in tutto, hanno coperto il 28,2% dei consumi elettrici italiani. In Italia sono ben 27 i comuni 100% rinnovabili sia dal punto di vista elettrico che termico, oltre 2.400 se si tiene conto del solo settore elettrico.
Secondo il vicepresidente di Legambiente Edoardo Zanchini: “Le fonti rinnovabili stanno ridisegnando lo scenario energetico del nostro Paese, con impianti sono sempre più affidabili e competitivi”.
Per leggere tutto il rapporto clicca qui

PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE DI CACAO CLICCA QUI


Questo sì è risparmio!

Legambiente Turismo13 mila metri cubi di acqua, 80 MWh di energia elettrica e 30 tonnellate di Co2. E' il risparmio idrico ed energetico nel 2010 delle strutture che aderiscono al progetto Ecolabel di Legambiente Turismo. Si tratta di agriturismi, B&B, alberghi che hanno adottato misure per risparmiare acqua, ridurre i consumi elettrici, riciclare i rifiuti e usare prodotti a basso impatto ambientale.
“Come molti albergatori hanno ben compreso – ha dichiarato Luigi Rambelli, Presidente Nazionale di Legambiente Turismo – la qualità ambientale, paesaggio e natura, patrimonio artistico, gastronomia, vivibilità delle località e capacità di accogliere, sono ormai i criteri più importanti per la scelta di una vacanza o di un viaggio”.
Se queste buone pratiche fossero adottate da tutto il settore turistico romano e laziale si avrebbe un risparmio di circa 4,5 milioni di metri cubi di acqua, 27mila MWh di energia e 21mila tonnellate di Co2.
Anche Alcatraz fa parte del progetto Ecolabel.
(Fonte: Corriere)


Comuni rinnovabili 2011

Secondo l'annuale rapporto di Legambiente, in Italia ci sono 20 comuni in cui l'intero fabbisogno energetico è soddisfatto con le rinnovabili.
I due esempi principali sono Morgex, in provincia di Aosta e Brunico, in provincia di Bolzano. Nel primo un impianto a biomasse da 9 megawatt e una rete di teleriscaldamento di 10 km serve tutte le utenze domestiche del paese. In più ci sono impianti idroelettrici e fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.
A Brunico invece gli impianti per il riscaldamento sono due: biomassa e biogas e la rete di teleriscaldamento si estende per oltre 120 km. Anche qui sono svariati gli impianti solari fotovoltaici e termici.
Aldilà dei casi di eccellenza, va segnalato che 964 amministrazioni comunali producono più energia elettrica di quanta ne consumino grazie ai pannelli fotovoltaici e 27 superano il proprio fabbisogno termico.
(Fonte: Ansa Ambiente)


And the winner is...

L'Oscar 2010 per il Comune piu' riciclone d'Italia, premio organizzato da Legambiente, e' andato a Ponte nelle Alpi, comune virtuoso in provincia di Belluno.
Circa 8000 abitanti e la piu' alta percentuale di raccolta differenziata, 77,8%.
In totale quest'anno Legambiente ha premiato 1.488 comuni, 200 in piu' della passata edizione.
(Fonte: Ansa Ambiente)

fonte immagine


Diamo ancora i numeri: 6.993

Sono i Comuni italiani, secondo un rapporto di Legambiente, dove e' presente almeno un impianto di produzione di energia da fonti rinnovabili.
Erano 5.580 nel 2009 e 3.190 nel 2008.
15 di questi sono Comuni 100% rinnovabili, sia dal punto di vista energetico che termico.
A Sluderno, Bolzano, ad esempio, 960 mq di pannelli solari termici, 512 kW di pannelli fotovoltaici, un impianto eolico, 4 micro impianti idroelettrici e 23 km di rete di teleriscaldamento prodotto da biomasse, rendono i 1.800 abitanti completamente eco-sostenibili.
A Tocco da Casauria (Pescara) invece le 4 pale eoliche da 3,2 MW e i 24 kW di pannelli solari fotovoltaici producono gia' piu' energia di quanta ne serva agli abitanti.
(Fonte: Ansa, dal rapporto Comuni Rinnovabili 2010)