napoli

Concertone per la Terra dei Fuochi 14 luglio 2014 a Napoli

La Libera Università di Alcatraz sostiene il concertone per la Terra dei Fuochi che si terrà a Napoli, in piazza Mercato, il 14 luglio 2014.
FORZA UAGLIU'!

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie


A Napoli la Pizzeria dell'Impossibile

Lo slogan del progetto, una scuola per pizzaioli che forma ragazzi con storie difficili, è “Finché c'è Pizza c'è Speranza”. Nei locali comunali adiacenti il dormitorio pubblico di via de Blasiis ha aperto la “Pizzeria dell'Impossibile”, una scuola dove maestri pizzaioli insegnano a ragazzi provenienti dal carcere di Nisida a preparare ottime pizze cotte nel forno a legna. Queste vengono poi distribuite gratuitamente agli ospiti del dormitorio e ai bisognosi della città. A regime sforneranno un centinaio di pizze al giorno.
Il progetto è del Comune, che ha dato lo spazio, in collaborazione con l’azienda “Fratelli la Bufala” (40mila euro di investimento per ristrutturare il locale) e l’associazione “Scugnizzi” che invece gestisce il progetto nella realizzazione pratica.

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Il miracolo di De Magistris

Luigi De MagistrisPresentando il nuovo Consiglio comunale di Napoli ha annunciato che: il centro storico verrà chiuso al traffico, gli assessori non potranno più usare le auto blu per girare in città ma dovranno spostarsi a piedi o con motorini e biciclette elettriche. No all'inceneritore dei rifiuti e sì alla raccolta differenziata porta a porta per 325mila napoletani entro 90 giorni. Stop all'usa e getta nelle mense scolastiche, stop alla pubblicità cartacea non indirizzata e stop alla vendita di prodotti ortofrutticoli non defoliati. Via invece al recupero dell'invenduto col sistema del Last Minute Market e a 10 fontanelle pubbliche per l'approvvigionamento di acqua potabile “del sindaco”.
(Fonte: Greenme.it e Movimento Impatto Zero)


Aree verdi fraintese

Erba sinteticaI giardini di via Ruoppolo (Parco Mascagna), a Napoli, l'unico angolo verde del quartiere Vomero-Arenella, scrive Ecoblog, sono stati ricoperti con un terribile prato di plastica verde. Così la manutenzione è meno costosa e il Comune risparmia.
La buona notizia? In passato, quando volevano costruirci un parcheggio multipiano, il buon Marco Mascagna si incatenò a un albero bloccando le ruspe. E il parcheggio non fu più fatto. 
Oggi hanno fatto inferocire le mamme della zona.


Adotta un'aiuola a Napoli

Adotta aiuola a NapoliL'offerta del Comune di Napoli e' aperta a commercianti e aziende che vogliono farsi pubblicita' gratuitamente prendendosi cura di un'aiuola pubblica della citta'.
Dopo i lavori potranno esporre un cartello col nome dell'azienda benefattrice.
Nonostante l'iniziativa sia lodevole e faccia bene alla citta', non sta riscuotendo il successo sperato: poche le richieste e c'e' tempo solo fino al 28 luglio.
(Fonte: Ecoblog)

Fonte imm


Se a Napoli qualcuno in piu' ragionasse....

Hai presente i bus a Napoli??? Orari dei bus... Cose che voi umani non potete neppure immaginare.
A Helsinki invece hanno il sito http://transport.wspgroup.fi/hklkartta/defaultEn.aspx
che ti fa vedere sulla mappa Google della citta', dove sono tutti gli autobus, secondo per secondo. Puoi ingrandire e vedi il dettaglio delle strade, quando si fermano, quando ripartono. Scendi da casa solo quando hai visto che sta arrivando il tuo autobus. E se il figlio ritarda guardi dov'e'. Se ingrandisci ancora di piu' la mappa vedi le tette delle ragazze che scendono dal bus direttamente dal punto di osservazione del satellite. Fin dentro la scollatura. Scollature finlandesi. Come fiordi innevati.
Fantascienza?
No, Gps.
Perche' non lo fanno anche a Napoli?
E se ti dicessi che su tutti i bus di Napoli c'e' gia' montato il gps?
Mi dicono che ci vorrebbe niente a sbattere il segnale su Google.
Ma credo che sia falso. Perche' mai i bus di Napoli dovrebbero avere il gps?
Forse l'hanno messo perche' cosi' costavano di piu'.
Fonte immagine


Incentivi alla raccolta differenziata

La prima municipalita' di Napoli, quartiere di Chiaia, incentivera' la raccolta differenziata della plastica ricaricando i telefoni cellulari di coloro che inseriranno i rifiuti nelle apposite campane. Si riceve uno scontrino con un punteggio convertibile in credito telefonico.
Nei Paesi scandinavi e in diversi Stati Usa questo modello e' in funzione gia' da anni con ottimi risultati.
(Fonte: Tgcom)