New York

Piste ciclabili contro la crisi a New York

Piste ciclabili contro la crisi a New YorkNella Grande Mela le piccole attività commerciali che si trovano in prossimità di piste ciclabili hanno visto aumentare le loro vendite del 49% Lo dimostra un nuovo studio del Dipartimento dei Trasporti di New York. In particolare, dopo la costruzione di una corsia riservata ai bikers sulla 9th Avenue, le imprese locali hanno visto aumentare del 49 per cento le proprie vendite, contro un +3 per cento registrato in media dalle attività commerciali in tutta Manhattan.

LEGGI QUI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


La New York rinnovabile

Michael BloombergIl sindaco Michael Bloomberg ha annunciato che sulle discariche di rifiuti di Staten Island e Brooklyn verranno installati impianti solari fotovoltaici. E' una delle iniziative del PlanNYC, una serie di misure ecologiche per ridurre le emissioni cittadine di gas serra del 30% entro il 2030.
I due impianti forniranno energia rinnovabile a 50mila case.
(Fonte: Rinnovabili.it)


Mobilita' sostenibile: il modello New York

Autobus ibridi New YorkNegli ultimi anni, riporta il sito Green Reporter, la citta' di New York e' diventata un vero e proprio laboratorio per la mobilita' sostenibile: diverse strade prima adibite al normale traffico d'auto sono state convertite a piste ciclabili ed e' stato notevolmente migliorato il servizio di trasporto pubblico.
Fiore all'occhiello di questa piccola rivoluzione verde sarebbero gli autobus ibridi, 1.500 quelli attualmente in circolazione. Inquinano dal 30% al 50% in meno rispetto a un normale autobus a diesel, sono assolutamente silenziosi e molto confortevoli.
(Fonte: http://greenreporter.myblog.it/)
Fonte imm


La New York etilica

A partire dal 15 agosto chi subisce o ha subito una condanna per guida in stato di ebbrezza dovra' obbligatoriamente installare nell'auto uno speciale etilometro che blocca l'accensione del veicolo se il tasso alcolico e' oltre i limiti di legge (0,25%).
Secondo le prime stime sono 4 milioni gli automobilisti che dovranno attrezzarsi.
(Fonte: TgCom)
Fonte immagine 


Paul Nawrocki ce l'ha fatta

Sessantenne, licenziato nel 2008 da un'azienda produttrice di giocattoli, ha passato gli ultimi due anni e mezzo a girare per le strade di New York con un cartello sandwich con su scritto “Almost homeless”, quasi senzatetto.
Dopo 99 settimane da disoccupato e centinaia di colloqui di lavoro ha trovato finalmente un posto.

fonte immagine


Ctrl-Alt-Canc

A causa di un errore nel sistema informatico della Polizia di New York, negli ultimi 8 anni, gli agenti hanno fatto oltre 50 irruzioni nell'appartamento di un'anziana  e innocente coppia di Brooklyn.
Per un qualche motivo, che gli analisti non sono ancora riusciti a scoprire, il software utilizza l'indirizzo di Walter e Rose Martin come periodico test dimostrativo/diagnostico del sistema.
Non volendo buttare via milioni di dollari di programma informatico stanno pensando di formattare i due vecchietti.
(Fonte: Ansa)

fonte immagine
 


Michael Bloomberg, l'ambientalista copione!

Molte amministrazioni cittadine nel mondo hanno avuto ottime idee per snellire il traffico, ridurre l'inquinamento, rendere la citta' piu' vivibile.
Bloomberg le sta copiando tutte e vuole trasformare la Grande Mela in una citta' modello “dell'era post-auto”.
Parigi ha avuto successo con il progetto Velib per promuovere l'uso della bicicletta? Il sindaco di NY ha fatto costruire nuove piste ciclabili (Broadway, Ottava e Nona Avenue piu' altre due in cantiere) e mettera' a disposizione dei cittadini 10mila biciclette.
Pronto il servizio di taxi collettivo: durante la stessa corsa il tassista preleva piu' passeggeri, riducendo cosi' i km percorsi e facendo risparmiare sui costi.
Imitando San Francisco sta per tornare anche a New York il tram di superficie, mentre sono gia' in fase di costruzione due nuove linee del metro'.
Per scoraggiare ulteriormente l'uso dell'auto privata, il limite di velocita' nell'area urbana e' stato abbassato da 30 a 20 miglia orarie (32 km/h).
A proposito delle isole pedonali Bloomberg spiega: “Quando ho fatto l'isola pedonale a Times Square i commercianti della zona erano contrari. Adesso, visto il successo dell'esperimento, con l'aumento del turismo e dello shopping, sono i commercianti di altri quartieri a chiedermi: perche' non si fa anche da noi?”
(Fonte: Repubblica)

fonte immagine