libri

Quasi per caso una donna: Cristina di Svezia

 

ASCOLTA QUI L'AUDIO DELLA CONFERENZA STAMPA

 

 

Libri Dario Fo Quasi per caso una donna: Cristina di Svezia

Cristina di Svezia, nata e cresciuta in un’Europa travolta dalla Guerra dei Trent’anni, si troverà più volte al crocevia di questioni religiose e di potere, di politica e di sesso, dando prova di essere una spericolata protagonista del suo tempo. Educata dal padre a sostenere il peso e le responsabilità di un ruolo tipicamente maschile, Cristina sceglierà di assumere atteggiamenti e abiti da uomo e amerà soprattutto le donne. Si circonderà di filosofi e artisti, da Cartesio a Pascal a Molière. Lasciato il trono di Svezia si convertirà al cattolicesimo per trasferirsi a Roma, dove darà vita al movimento artistico che, alla sua morte, nel 1689, porterà alla fondazione dell’Accademia dell’Arcadia.

Edito da Guanda QUASI PER CASO UNA DONNA è in libreria dal 2 gennaio 2017, pubblicato nella collana “Narratori della Fenice”. 160 pagine attraverso le quali Dario Fo ci racconta la storia di una donna emancipata, una regina indipendente e insofferente a ogni vincolo, che ha molto da raccontare al mondo di oggi.

Sant'Ivo alla Sapienza ai tempi di Cristina di Svezia era sede dell'università dove la regina, durante la sua permanenza in città, si recava a seguire le lezioni. Per l'occasione verranno esposti al pubblico alcuni documenti d'archivio relativi alla storia della nostra protagonista.

L'ingresso alla conferenza stampa è libero fino a esaurimento posti.
Per maggiori informazioni scrivere a info@francarame.it

Categorie: 

La peggior scena di sesso in un romanzo

Erri De Luca ha vinto il premio "Bad Sex in Fiction Award" assegnato dalla rivista Literary Review per la descrizione di un rapporto sessuale nel libro “Il giorno prima della felicità”.
De Luca ha fatto come Bob Dylan e non si è presentato alla premiazione ma ha dichiarato: “Sono lusingato. Si tratta di un’insperata pubblicità. Una trovata strepitosa, ringrazio la rivista…”.
(Fonte: Ansa.it)

LEGGI LE ALTRE BUONE NOTIZIE DI CACAO DI OGGI


Il Deus ridens di Dario Fo

Carissimi,
questa settimana parliamo di un libro di Dario Fo, scritto con Giuseppina Manin e uscito a marzo di quest’anno: si tratta di Dario e Dio, a cui Micromega dedica un bellissimo articolo di Michele Martelli. Ne pubblichiamo una parte e di seguito un brano del libro stesso.
Buona lettura!

Il Deus ridens di Dario Fo
di Michele Martelli

Dario Fo era ateo, l’aveva dichiarato ripetutamente, nato e cresciuto in una famiglia di tradizioni laiche e socialiste, mai stato credente: un ateo anarchico pronto a sbeffeggiare ogni forma e tipo di potere, come recita la motivazione del Premio Nobel attribuitogli nel 1997: «Perché, seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo dignità agli oppressi». Non era stato cacciato, insieme a Franca Rame, dalla tv di Stato democristiana nel 1962, colpito da anatema nel 1977 dal cardinal Poletti e dal Vaticano, esecrato da preti e deputati dc come un guitto nemico dei valori cattolici e religiosi? Mistero buffo, il suo capolavoro? Un’opera da Indice dei libri proibiti, un autore eretico da mandare, in altri tempi, al rogo. (...)

CONTINUA A LEGGERE CACAO del sabato