Ecologia e Ambiente

Notizie sull'Ecologia e sulla salvaguardia dell'Ambiente

Colossale mobilitazione per Franca! Ordinati 3 pacchi!!!

Ringrazio i tre eroi comunisti che hanno deciso di darci una mano a apiccicare i manifesti scaturiti dall'intenso dibattito seguito in diretta da decine di persone.
Son finiti i tempi che ci si picchiava per il diritto a fare attacchinaggio....

Giusto per farvi piangere vorrei dire che evidentemente quando progettavo una campagna di sostegno a Franca deliravo e ero in preda a allucinazioni temporali violente.
In questi giorni mi sto rendendo conto che non ho proprio il senso della realtà
Anche sul libro su Napoli, che stiamo chiudendo in, 3 immaginavo una diversa disponibilità.
Il che mi induce, insieme al fatto che sto diventando nonno e che la mia vita è a una svolta, a rimettere in discussione, per l'ennesima volta, tutta la mia strategia. Semplicemente non funziona come vorrei...o spererei.....Si riescono ad organizzare cose divertenti come la progettazione di manifesti, l'asta o il web corteo....
Ma c'è una disponibilità con una tempistica breve.
E' interesante che il più grosso successo dell'anno sia il video "Avessi saputo prima che rivinceva berlusconi" che sta marciando oltre i diecimila daunlood...dura 100 secondi.
C'è molta gente che ama riflettere come dimostrano i 3000 lettori della lettera alla Fallaci o delle video lettere....

Ovviamente se non c'è il gusto dell'azione diretta complessa non è il caso che io continui a martellare cercando qualche cosa che non esiste quasi più (con le debite indispensabili e rare eccezioni).
Onore comunista ai combattenti ma sento il bisogno di una riflessione perchè mi sembra di aver mirato male immaginando questo spazio e quello della Città segreta, come qualche cosa
che andasse a creare una sorta di gruppo di azione diretta, piccolissimo ma effciente e professionale.
Pazienza, sbagliando si impara e la realtà va amata e rispettata, se la si vuol capire, anche quando non è come si sperava.

Quindi che resta?
Riincominciare a ragionare.
L'obiettivo resta lo stesso: comunicare le genialate della Nuova Cultura Antagonista. E riuscire a costruire momenti concreti di antagonismo, come l'enciclopedia universale, commercio etico, alcatraz...
Ma a questo punto possiamo immaginare solo forme di azione molto pigre o molto rapide.
Oppure provare a cambiare il contesto: che ne direste di sette giorni a tirar fuori tronchi da un bosco?
Dico veramente. Abbiamo 50 ettari da ripulire.
In teoria potremmo aprire Alcatraz gratis per sette mesi.
C'hai un montequintali di legna quotidiana da caricarti sulla schiena per ripagare vitto e alloggio. Poi si trama contro le multinazionali fino all'alba.

Proposta due: mi metto in vacanza per sette mesi dalla rivoluzione e intanto progetto qualche cosa di intelligente.
Forse. Oppure mi riposo e basta. Ma lo faccio sognando che gli prende un colpo ai malvagi.

Evicentemente, comunque, la percezione generale è che tanto Silvio perde comunque.
Sèeriamo abbiate ragione voi......


A energia solare...

Solare 1
A Senigallia (AN) salvate 3 tartarughe marine spiaggiate a causa del freddo.
Metteranno loro pannelli solari per l'acqua calda sul carapace.

Solare 2
Nell'ultimo trimestre sono 20.000 le richieste fatte da cittadini per l'installazione di impianti solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. Questo grazie agli incentivi e alla possibilita' di rivendere al gestore l'energia prodotta in piu' rispetto al fabbisogno domestico.
(Fonte: Ansa Eco-Energia)


La Dichiarazione dei diritti delle piante

Dopo la Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo, quella per i fanciulli e quella per gli animali, potrebbe arrivare presto anche un dichiarazione per i diritti delle piante. La proposta arriva da un'associazione ambientalista venezuelana, la Avepalmas, nata per proteggere le palme del Venezuela.
La Dichiarazione, su cui stanno lavorando, ricorda a tutto il mondo la necessita' e l'importanza di tutelare alberi, piante e fiori.
Ricordiamo che le piante sono dotate di un'autocoscienza arborea sempreverde (vedi www.jacopofo.com/?q=node/1025)


Agricoltura biologica a scuola

Pollicini verdi
C'e' un modo per avvicinare i bambini alla natura e all'agricoltura, sensibilizzandoli all'ecologia e avvicinandoli alle tradizioni agricole della propria zona: costruire un orto biologico a scuola. Costo dell'operazione: intorno agli 80 euro per acquistare sementi e qualche attrezzo.
In Italia si contano circa 200 orti scolastici di cui 100 solo nelle Marche.
Se all'esperienza dell'orticoltura si uniscono incontri con anziani agricoltori del luogo che spiegano i ritmi stagionali e raccontano storie, il risultato e' ancora piu' entusiasmante.
Il nome del progetto e' tutto un programma: "Orti di pace. Sentieri della Biodiversita' - contadini custodi" ed e' stato rilanciato alla fiera "Fa' la Cosa giusta".
Per maggiori informazioni www.scuolacreativa.it


GIORNATA MONDIALE DELL'ACQUA (Lavatevi!)

Oggi, 22 marzo, e' una data da celebrare: e' il giorno in cui, ogni anno, l'Onu ci ricorda che l'acqua e' "elemento prezioso e vitale da garantire a tutti i cittadini del pianeta e da rispettare attraverso un uso sostenibile dell'ambiente". E' un bene naturale che tendiamo a considerare inesauribile mentre esso, proprio a causa delle attivita' umane, si e' progressivamente depauperato e inquinato. In realta' e' una fonte rinnovabile ma esauribile.

E infatti oggi, come e' accaduto per le edizioni degli ultimi anni, e' anche il giorno dei numeri e delle denunce: dal Forum Mondiale sull'Acqua, tenutosi a Citta' del Messico in questi giorni, e' emerso il fallimento totale delle politiche idriche nel Primo, Secondo e Terzo mondo.

Si pensi che la superficie terrestre e' ricoperta al 71% da 1400 milioni di chilometri cubi di acqua, eppure il 40% della popolazione mondiale vive in condizioni igieniche difficili per carenza idrica. Piu' esattamente, ancora oggi, nel 2006, un miliardo e cento milioni di persone non ha accesso all'acqua potabile (e di questi, 300 milioni sono africani, vale a dire circa uno su tre), mentre 2,6 miliardi di persone non dispongono di servizi igienico-sanitari di base, prevalentemente in India e Cina. Circa 400 milioni di bambini -un quinto dell'intera popolazione infantile mondiale - sono privi perfino della mera quantita' d'acqua necessaria a vivere (20 litri al giorno - non piu' di due secchi d'acqua potabile - per consentire a un bambino di bere, lavarsi le mani per prevenire malattie infettive e cucinare un semplice pasto). Come ben disse Carol Bellamy, direttore generale dell'Unicef: "la nostra incapacita' di fornire appena due secchi di acqua al giorno ad ogni bambino e' un affronto per la coscienza umana. In troppi stanno morendo a causa della nostra inerzia, e sulla loro morte domina un silenzio assordante". E per migliorare la sola situazione africana l'ONU ha chiesto un investimento di 550 milioni di dollari per i prossimi 5 anni.

Perche' una risorsa che sembra infinita ha in realta' una disponibilita' cosi' limitata da diventare sempre piu' spesso oggetto di discussione sul tavolo degli organismi internazionali?

Il 97,5% dell'acqua presente sulla Terra e' salata e il 2,5% che resta e', per il 69%, contenuto nei ghiacciai e per il 30% nel sottosuolo. Insomma, per bere, irrigare le colture, condurre le attivita' industriali e garantire le necessarie condizioni igieniche alla nostra esistenza ci resta soltanto lo 0,3% di tutta l'acqua esistente, contenuta nei fiumi, nei laghi, nelle bolle e falde idriche superficiali.

E questo 0,3% non e' certo ne' utilizzato con intelligenza ne' ripartito in modo equo: il consumo dell'acqua nel mondo e' aumentato di sei volte negli ultimi anni, in Italia ciascun cittadino consuma 213 litri al giorno, piu' di tutti gli altri Paesi europei (contro, per esempio, la disponibilita' di 435 litri per persona negli Usa, 150 in Francia, 10 litri per un malgascio ...).

E poi, li' dove l'acqua c'e', come da noi, questa e' oggetto di sprechi inutili e speculazioni (basti pensare alla terribile prospettiva della sua privatizzazione). Un'agenzia Ansa di ieri riporta che a causa della scarsa manutenzione della rete idrica nazionale (circa 150mila km) venga sprecato il 30% dell'acqua messa in circolo dagli acquedotti, con punte del 40% nel Sud. Milioni e milioni di litri che si perdono in crepe, buchi, dispersioni, tubi che finiscono nel nulla...
A questo vanno aggiunti  i prelievi illegali, l'acqua utilizzata per lavare gli stessi acquedotti e i contenziosi in corso con utenti morosi, per non parlare dello spreco domestico di chi ancora si lava i denti tenendo il rubinetto costantemente aperto o di chi lascia gocciolare per mesi un lavabo.
Insomma, le perdite d'acqua in Italia sarebbero sufficienti a far fronte alle esigenze idropotabili di una nazione come il Belgio o la Grecia. Se riuscissimo a dimezzarle, potremmo soddisfare il fabbisogno nazionale futuro senza ulteriori interventi.

Le buone notizie? Il Lazio avrebbe istituito un Piano per la tutela delle acque da 75 milioni di Euro. Almeno il 10% dovra' essere destinato alla manutenzione straordinaria delle reti idriche per ridurre le perdite dagli acquedotti.
A Ferrara, in collaborazione con Hera, e' invece partita l'Operazione Tappo, ridurre quel 34% di perdite delle citta' e della provincia. Stanziamento: 3 milioni di euro. Verranno lanciate vere e proprie cacce alla perdita, tramite speciali apparecchi chiamati localizzatori acustici, gia' acquistati.
Il tasso di fallanza dovrebbe essere sensibilmente ridotto entro il 2008.

Speriamo: perche' oggi e' assolutamente necessario risparmiare e responsabilizzare sulla gestione dell'acqua.
E' fondamentale capire che l'acqua e' rinnovabile ma il suo uso sconsiderato porta all'esaurimento delle fonti. E' fondamentale capire che l'acqua e' riciclabile e che il suo ciclo di vita e' legato anche alla presenza di alberi e a solide politiche di tutela ambientale.
Ogni persona puo' fare la sua parte cambiando alcune abitudini sbagliate, come fare il bagno nella vasca 4 volte alla settimana o lavare la macchina tutti i week-end.

RISPARMIO IDRICO

Lo spreco del rete idrica italiana non deve comunque deresponsabilizzare il consumatore finale dal risparmiare una risorsa vitale come l'acqua.
Per questo pubblichiamo oggi un decalogo di 21 regole (che potete scaricare da www.commercioetico.it/ecologia/risparmio-energetico-e-idrico.pdf ) di comportamento "risparmino" e sostenibile. Chiudere l'acqua quando ci si lava i denti, riutilizzare l'acqua per gli scarichi, bollire l'acqua con il coperchio sulla pentola e cosi' via.
Per quanto ci riguarda abbiamo anche da comunicarvi un'importante novita': grazie agli straordinari risultati ottenuti con il progetto Bagnacavallo (www.mercidolci.it/acqua.html) e le migliaia di riduttori venduti tramite CommercioEtico.it, Merci Dolci s.r.l. ha stretto un accordo di collaborazione con Legambiente (www.legambiente.it) per promuovere i riduttori di flusso e il risparmio idrico.
Grazie all'esperienza di Legambiente e al suo marchio di qualita', i nostri riduttori di flusso si collocano ufficialmente come la Rolls Royce del risparmio idrico.
E' un lavoro in cui crediamo: l'acqua oggi costa poco ma domani potrebbe valere piu' del petrolio. E la vogliamo garantire a tutti oggi, ai nostri figli domani.

Chi fosse riuscito a comprendere quell'acqua e i suoi segreti, avrebbe compreso anche molte altre cose, molti segreti, tutti i segreti...."
(da "Siddharta" - Herman Hesse)


Per tutta la settimana a chi acquista un filtro a struttura composita su CommercioEtico.it regaliamo una confezione di riduttori di flusso AQ4 (3 da rubinetto+1 speciale da doccia)

22 marzo - Giornata mondiale dell'acqua

Giornata Mondiale dell'acqua (22 marzo 2006)

Per tutta la settimana a chi acquista un filtro a struttura composita su CommercioEtico.it regaliamo una confezione di riduttori di flusso AQ4 (3 da rubinetto+1 speciale da doccia)

 

Numero speciale di Cacao dedicato all'acqua clicca qui


The spirit of John Lennon

E' un documentario sulla vita del cantante, prodotto dalla Associated Television. E' stato definito non convenzionale in quanto il fulcro della trasmissione sembra sia una seduta spiritica in cui si tentera' di mettersi in contatto con l'ex Beatles.
"Ci manchi John..."
"Potevate non spararmi!"

(Fonte: Repubblica)