Vacanze estive alla Libera Università di Alcatraz

fatto quotidiano

Sicurezza, misure antiterrorismo o prese in giro?

Sicurezza, misure antiterrorismo o prese in giro?Chi ha l’avventura di prendere il treno alla stazione Centrale di Milano o a Roma Termini sperimenta da alcuni mesi l’istituzione del controllo dei biglietti per poter accedere ai binari. Paratie trasparenti e schieramento di personale di sicurezza che controlla il biglietto anche con l’ausilio di lettori che emettono una fantascientifica luce blu. Il che provoca un notevole rallentamento in entrata e in uscita dall’area dei binari e ritardatari che vedono il treno partirgli sotto il naso perché bloccati dalla coda per i controlli.

Il personale addetto spiega che si tratta di misure di sicurezza contro il pericolo di attentati. Il sito delle Fs dice che il provvedimento, “in collaborazione con le Forze dell’Ordine… mira ad aumentare la sicurezza dei passeggeri e a prevenire i fenomeni di evasione, accattonaggio, attività illecite e vendite abusive in prossimità e a bordo dei treni”.
Ora, io vorrei sapere cosa c’entra il controllo dei biglietti con la sicurezza dei cittadini?

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Attentati Parigi: su Facebook rissa sul terrore e la pace

Attentati Parigi: su Facebook rissa sul terrore e la pace

Discorsi da bar che senti in televisione.
E discorsi da tv che senti al bar.
E anche la sindrome da panico fa le sue vittime. C’è quello che scrive sul suo profilo:
“Ho visto 35 volte il terrorista dell’Isis in fuga. È grave?”
Ci sono i pacifisti del “Mi piace”, mettono like ovunque.
E ci sono quelli che si incazzano:
“Cosa metti a fare ‘sto like? Ti piacciono le stragi”?
Ci sono quelli preoccupati di non avere abbastanza armi:
“Ma se chiudiamo le fabbriche di armamenti poi con cosa ci difendiamo dal terrorismo?!?”
E ci sono quelli che hanno una visione d’insieme:
“I terroristi di Parigi avevano la cittadinanza francese o belga. Erano emarginati, condannati per piccoli reati… Alla radice del terrorismo c’è la miseria economica e quella non meno grave, culturale… Investire meno soldi in armi e più in istruzione e sviluppo”.

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


La sinistra va abolita. Fa solo confusione!

La sinistra va abolita. Fa solo confusione!

Innanzitutto toccherebbe rendersi conto che la gente non sa proprio dov’è la sinistra. Ti dicono di girare a sinistra e intanto con la mano ti indicano la destra.
E poi c’è la storia del portafoglio. “Ha il cuore a sinistra e il portafoglio a destra”. Cazzata mostruosa: nessuno ha il cuore a sinistra! Sarebbe ora di dirlo a scuola che il cuore dal punto di vista meramente anatomico, sta al centro! Ed è logico che sia così, sta per lo più dietro lo sterno che lo protegge! Se non ci credi guardati una radiografia!
Certo si potrebbe obiettare che dire che il cuore sta a sinistra sia un bene perché così si depistano gli assassini! Chissà quanta gente in più sarebbe morta se i criminali sapessero dove si trova il cuore esattamente!
Ma il più grosso problema della sinistra è che manca il senso delle priorità!
Con la crisi che c’è in giro mi spiegate perché la sinistra non si sbatte per creare gruppi d’acquisto globali? I lavoratori della Volkswagen ce l’hanno e risparmiano dal 20 al 30% su tutto quello che comprano. Sarebbe una cosa di sinistra aumentare il potere d’acquisto della gente. Invece no, perché se fai un gruppo d’acquisto del genere danneggi la Coop e allora i gruppi d’acquisto sono di destra!
Perché la Coop sei tu!
E poi adesso che la Volkswagen è stata beccata con le mani nel sacco non è più di sinistra parlare bene dei sindacati tedeschi

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Festival EcoFuturo 2015: l’economia verde ci può salvare! Ma…

 

Festival EcoFuturo 2015: l’economia verde ci può salvare! Ma…Anni di sforzi per diffondere le ecotecnologie hanno ottenuto risultati notevoli. C’è però una questione di tempi: mentre nazioni come la Germania e gli Usa corrono a velocità pazzesca verso il futuro verde gran parte dell’Italia si muove tanto lentamente che andando di questo passo raggiungeremo l’efficienza energetica che oggi premia i tedeschi nell’anno 2115. Cioè tra 100 anni.

La causa di questa lentezza è una specie di “complotto” culturaleche coinvolge milioni di italiani, a partire dagli scienziati da bar che pontificano pessimisti che il fotovoltaico non funziona, salendo su su per la scala sociale fino ai baroni universitari che ancora non si curano di chiedere notizie sull’efficienza energetica degli immobili che fanno progettare ai loro allievi. Partecipano all’orribile complotto migliaia di nonne che temono che le lampadine a ledrovinino gli occhi ai loro nipotini, medici che consigliano ai loro pazienti afflitti da problemi polmonari di farsi delle belle corsette lungo la circonvallazione nelle ore di punta (footing estremo), per non parlare delle mamme che consigliano alle loro bimbe di spalmarsi tutte col deodorante occlusivo dei pori all’alluminio, quello che ti cementa talmente le ascelle che puzzi solo dopo 6 mesi.

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Cosa ci manca per cambiare il mondo?

Stefano Benni sta parlando in palestra dell’immaginazione.
Racconta che secondo recenti ricerche neurologiche ogni volta che ti viene in mente un’idea fantastica subito il tuo cervello produce uno sciame di pensieri repressivi che cercano di fermarti: non si può fare; stai con i piedi per terra; non volare alto; già qualcun altro ci avrà pensato; se ci provi fai farai brutta figura; ti daranno addosso, eccetera.
Nella testa abbiamo neuroni atavici che adorano la sicurezza del già visto, del conosciuto. Circuiti neurali che vivono qualunque cambiamento come una minaccia potenziale. Modalità emotive figlie della vita nella foresta primordiale dove qualunque mutamento poteva nascondere l’arrivo della tigre con i denti a sciabola. Per questo siamo così bravi a identificare e incasellare, quando tutto quel che ci circonda è conosciuto il cervello gode e secerne dopamina. Per questo il cambiamento repentino crea reazioni di malessere: il cervello ci nega il piacere della dopamina.
La mente non solo mente, è pure reazionaria!

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Finanziamenti europei: la supercazzola


Dopo anni di tentativi infruttuosi sono giunto alla conclusione che tutto il sistema dei finanziamenti europei è un delirio zdanoviano.
Solo persone dotate di facoltà che rasentano il paranormale burocratico, la metempsicosi modularistica e la chiaroveggenza bandistica possono aspirare a ricevere soldi dell’Unione Europea.
Soldi che peraltro non finiscono nelle tasche di astuti corrotti visto che l’Italia perde ogni anno miliardi perché non ci sono abbastanza progetti decenti!!!
È chiaro che esiste un grave deficit di professionalità se gli spagnoli riescono a ricevere quasi tutti i soldi a loro destinati e noi no…
Ma non tutta la colpa può essere data alla nostra munifica ignavia.
È la logica che sta dietro alle modalità di erogazione che è perversa. Oserei dire sessualmente malata.
La valutazione di chi deve avere i soldi avviene sulla base di quanto si è bravi a descrivere il proprio progetto. Un principio che in alcuni casi va anche bene ma che non dovrebbe essere il solo preso in considerazione. Si dovrebbe creare un meccanismo parallelo di accesso ai finanziamenti sulla base non solo di quel che voglio fare ma anche di quel che ho già fatto.

CONTINUA SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO