Ecologia e Ambiente

Notizie sull'Ecologia e sulla salvaguardia dell'Ambiente

Si potrebbero aiutare i gorilla riciclando i cellulari

E' quanto stanno facendo 46 zoo americani, tra cui quello di San Diego, in collaborazione con un'azienda del Kentucky, la Eco-Cell.
Oltre a ridurre le sostanze chimiche contenute nei telefonini (arsenico, antimonio, rame, piombo e zinco), riciclando i cellulari si potrebbe diminuire anche l'utilizzo del tantalio, una polvere ricavata dal Coltan, minerale che si estrae per lo piu' (80%) nelle foreste del Congo. Le attivita' estrattive stanno distruggendo l'habitat degli scimpanze'.

(Fonte: Corriere.it)


Nuovo progetto di Legambiente Turismo in Umbria

La Libera Universita' di Alcatraz e' entrata a far parte del nuovo progetto umbro di Legambiente Turismo (un braccio di Legambiente che si occupa di sostenibilita' delle strutture turistiche). La partecipazione a questo progetto prevede che le strutture abbiano posto e pongano particolare attenzione a risparmio energetico, risparmio idrico, raccolta differenziata dei rifiuti, e scelta dei prodotti alimentari.
Le 5 strutture coinvolte sono, oltre ad Alcatraz, il centro di educazione ambientale ''Panta Rei'' di Passignano,''Il Sentiero'' di Poggiodomo e gli ostelli di Monte Giove e Norcia.


COMUNICATO STAMPA Ansa

(ANSA) - PERUGIA, 17 GEN - E' stato firmato oggi a Perugia l' accordo tra
Legambiente Turismo e cinque strutture turistiche dell' Umbria per l'
adesione all' ecolabel (marchio ambientale sui sistemi di gestione
turistica) di Legambiente. Le strutture umbre che entrano a far parte della
rete nazionale (piu' di 300 imprese ricettive) ''consigliate ai turisti per
l' impegno in difesa dell' ambiente'' sono: il centro di ''Alcatraz'' di
Jacopo Fo, i centri di educazione ambientale ''Panta Rei'' di Passignano,
''Il Sentiero'' di Poggiodomo, gli ostelli di Monte Giove e di Norcia. Esse
avvieranno un percorso volontario, basato sulla qualita' ambientale, molto
pratico, concreto ed efficace, i cui adempimenti specifici verranno
concordati volta per volta fra le parti e controllati dall' associazione
ambientalista. Il progetto prevede: un decalogo con le dieci regole
generali da rispettare, inerenti alla gestione dei rifiuti, dell' acqua,
dell' energia, dell' alimentazione, della gastronomia, del trasporto, della
mobilita' leggera, del rumore, dei beni naturali e culturali e della
comunicazione; attivita' di formazione e sviluppo degli operatori;
controlli di verifica. ''Si tratta - ha detto il presidente di Legambiente
Umbria, Vanessa Pallucchi - oltre che di una scelta etica responsabile
verso l' ambiente, anche di una risposta verso le nuove esigenze del
mercato turistico, che richiede una maggiore trasparenza delle strutture.
Soprattutto in Umbria - ha aggiunto - questo progetto riveste una
particolare importanza vista la sua grande valenza naturalistica e
ambientalista. Il progetto - ha concluso - si basa su un 'decalogo
nazionale' che detta obiettivi su vari fronti della sostenibilita' e del
maggiore comfort per il turista''. ''L' ecolabel di Legambiente Turismo -
ha sottolineato Jacopo Fo - proietta gli operatori e le destinazioni
turistiche in un network europeo. Non e' la solita 'cosa' ecologica - ha
detto - che tutti devono fare, ma rappresenta un modo concreto, per chi si
occupa di turismo, di risparmiare dando anche piu' soddisfazione ai propri
clienti. Quando si parla di successo del turismo umbro - ha aggiunto - in
realta' si nasconde un disastro, dovuto ad un' offerta turistica
qualitativamente bassa, che attira il turista solo per una mezza
giornata''. Alla firma dell' accordo era presente anche il presidente
nazionale di Legambiente Turismo, Luigi Rambelli, che ha sottolineato come
la particolarita' dell' iniziativa stia nel ''non basarsi solo su delle
autocertificazioni, ma nella discussione sulle misure da mettere in atto e
su di un capillare controllo a sorpresa che verra' fatto all' interno delle
strutture aderenti, per verificare che gli esercizi mantengano gli impegni
presi e per sottoporre a costante monitoraggio i risultati dei vari
progetti locali''.(ANSA).


Scoperte 27 nuove specie animali

27 specie animali finora sconosciute sono state scoperte nelle grotte di due parchi nazionali americani, di Sequoia e del Kings Canyon, in California. Fra le 'new entry' ci sono nuove specie di ragni, millepiedi, scorpioni e un insetto cosi' traslucido che i suoi organi interni sono visibili a occhio nudo. E' stato battezzato TAC.
(Fonte: Ansa)


Non tutti gli infarti vengono per nuocere

In Inghilterra Joyce Urch, una 74enne ipovedente da 25 anni, ha recuperato la vista dopo un arresto cardiaco. Il fatto e' avvenuto 16 mesi fa ma la notizia sembra trapelata solo ora. I medici non riescono a dare nessuna spiegazione scientifica e qualcuno parla gia' di miracolo.
Al prossimo colpo spera di riacquistare l'udito.
(Fonte: Tgcom)


Distributore automatico di latte appena munto

A Roncadella, alle porte di Reggio Emilia, da ottobre e' in funzione presso un'azienda agricola il primo distributore automatico di latte fresco fresco appena munto dell'Emilia Romagna.
Arrivi col tuo contenitore, riempi e paghi. Il latte e' buono per due giorni (tenuto in frigo) e per altri due se viene fatto bollire. Costa un euro al litro, circa 30 centesimi in meno che nei supermercati. Si risparmiano soldi, si ha un prodotto di qualita' che non ha percorso piu' km di voi per arrivare, e si riducono i rifiuti. Peccato che la legge regionale consenta di installare distributori di latte solo nelle aziende agricole e non nei supermercati, negozi e mense.
Secondo Beppe Grillo, e anche secondo noi, le rivoluzioni si fanno anche cosi', con nuove leggi regionali per avere latte fresco, sano e a basso prezzo.
(Fonte: BeppeGrillo.it)

Aggiunta: Molti lettori ci hanno segnalato la presenza di mucche (i distributori automatici di latte si chiamano cosi') in molti supermercati e zone d'Italia (Cremona, Brescia, Ciliverghe (BS)). Sembra siano tutte iniziative che riscuotono successo.


OLED

Non e' un insulto ma il nome di una nuova tecnologia, che promette di rivoluzionare l'illuminazione urbana e domestica. Gli Oled (Organic light emitting diodes) sono composti da polimeri organici in grado di emettere molta luce quando vengono solleticati con una bassa corrente elettrica. Sono leggeri, flessibili e non contengono sostanze dannose per l'ambiente.
Potrebbero essere utilizzati nei semafori, come nelle normali lampadine di casa. In futuro, invece di andare a cambiare le lampadine dei semafori, si dovra' andare a vedere se tutti i polimeri stanno bene di salute.
(Fonte: AcquistiVerdi.it)


L'Arca di Noe' delle sementi

La Norvegia ha deciso di costruire nell'isola di Spitzbergen, a 1000 chilometri dal Polo Nord, una banca del seme (agricolo!), in cui conservare oltre due milioni di sementi, praticamente tutte le varieta' commestibili e utili (officinali) note all'uomo.
La Banca, che sara' una specie di bunker sotto il ghiaccio, servira' in caso di apocalisse. Non stiamo scherzando e le possibilita' sono diverse: l'impatto di un asteroide, una guerra atomica che contamina tutte le sementi attualmente in uso, un anomalo innalzamento dei mari che distrugge le piante, un repentino cambiamento climatico (tipo "The day after tomorrow") o, cosa forse piu' vicina alla realta', una massiccia e incontrollabile contaminazione delle sementi ogm alle colture tradizionali.
I campioni conservati saranno scongelati e fatti germogliare solo se la specie sara' sparita dalla faccia della Terra.
La struttura, che costera' sui 3 milioni di dollari, e' progettata per durare praticamente all'infinito e resistere a qualsiasi fenomeno. Addirittura il custode e' infrangibile.
(Fonte: Peacelink)


Si stima che ogni giorno 270.000 alberi finiscano nelle toilette

Il dato e' emerso da una ricerca del WWF, che denuncia un fatto incredibile: ci puliamo il culo con carta extravergine.
Il volume d'affari annuo del mercato europeo e' pari a 8,5 miliardi di euro. Ogni anno, in Europa, vengono consumati 22 miliardi di rotoli di carta igienica e sono pochissime le aziende produttrici che utilizzano carta riciclata (secondo lo studio contengono "livelli preoccupantemente bassi" di fibre riciclate).
Dobbiamo iniziare a pensare che anche quando facciamo la cacca c'e' un certo impatto ambientale. La carta igienica potrebbe essere sostituita dall'acqua, come fanno in Africa.
(Fonte: AcquistiVerdi.it)


In occasione del Web Corteo di Jacopo Fo, nasce la Webradio di Atlantide.TV

In occasione del Web Corteo, nasce la Webradio di Atlantide.TV

http://www.radio.atlantide.tv:8000/atlantide.m3u

In questa prima fase trasmetteremo soltanto durante le dirette in chat:
prossimo appuntamento giovedì 19 gennaio alle 17

Potete collegarvi in chat su www.jacopofo.com all'indirizzo  http://www.jacopofo.com/?q=chatbox&autolaunch=1  (per poter chattare, se non siete già registrati, dovete prima registrarvi al Blog di Jacopo Fo all'indirizzo http://www.jacopofo.com/?q=user/register )

Buon divertimento.


BOGOTA' la Citta' di tutti e per tutti

La storia che stiamo per raccontarvi ha dell'incredibile, ma e' vera, verissima.
Il protagonista e' un certo Antanas Mockus, matematico e filosofo professore all'Universita' di Bogota', capitale della Colombia.
Tutto ebbe inizio durante una lezione davanti a un pubblico di studenti distratti:  per attirare l'attenzione, infatti, l'insigne professore decise di salire in piedi sulla cattedra, di calarsi i pantaloni e di mostrare il sedere.
Lo scopo venne raggiunto e la lezione terminata con successo, tuttavia Antanas Mockus venne espulso dall'ateneo per comportamento disdicevole.
Trovatosi cosi' disoccupato, l'ex professore fondo' il Partito Visionario e, candidatosi alle elezioni, nel 1994 le vinse e venne proclamato sindaco.
La citta' di Bogota' (oggi 7-8 milioni di abitanti) e' stata fondata nel 1538 in un punto strategico, esattamente al centro del paese sud-americano. Nel corso del tempo ha assunto la forma di una farfalla, lungo il corpo centrale si sviluppano le attivita' amministrative, il commercio, i servizi, le industrie, mentre le due ali costituiscono la zona residenziale nord e sud.
Densamente popolata, trafficata e con alti tassi di criminalita', la Bogota' di fine millennio e' un caso esemplare di cio' che una citta' non deve rappresentare. Poverta', indigenza, disoccupazione e ignoranza isolano alcune zone della citta', che, soprattutto nelle ore serali, risultano infrequentabili. Nel corso del 1993, a fronte di una popolazione di poco piu' di 5 milioni di persone, Bogotá registra 7.144 morti violente, all'incirca 20 al giorno, e 16.151 delitti contro il patrimonio, un ritmo di 44 al giorno.
E' fra le citta' piu' pericolose del mondo.
Nel 1994 le cose iniziano a cambiare: tre sindaci tecnocrati (Jaime Castro, Antanas Mockus, Enrique Peñalosa), anche grazie all'appoggio dei cittadini, danno vita - per usare il linguaggio tanto caro ai nostri politici - a una serie di riforme strutturali che rendano vivibile l'intero territorio cittadino.
Qualche esempio?
Tra i piu' belli vi e' certamente l'invenzione della "Notte delle donne". E' la notte del venerdi', ogni settimana: agli uomini e' addirittura vietato farsi vedere per strada, la citta', in quella sera,  appartiene solo alle donne. Non basta: viene istituita anche la "Notte dell'aranciata", una sera alla settimana in cui e' vietato bere alcolici. E ancora: al semaforo rosso la sosta in attesa del verde non e' piu' cosi' irritante o noiosa, perche' presso i semafori stazionano mimi e claun che con scenette, scherzi e volantini invitano i cittadini a rispettare i limiti di velocita' e il codice della strada.
Radicali sono poi state le riforme sul territorio: grazie al POT  (Plan de Ordenamiento Territorial), un progetto di riqualificazione delle zone degradate della citta', vengono costruiti nuovi parchi verdi -  al punto che la superficie di verde pubblico della citta' si e' moltiplicata di ben 4,5 volte in soli cinque anni, dal 1997 al 2002 -,  viene inoltre sistemata la rete idrica e sono recuperati alcuni fiumi e canali della zona, abbandonati a se stessi.
Un occhio alla cultura: si costruiscono 4 grandi biblioteche e 16 piu' piccole, e nei quartieri periferici della citta' trovano spazio 52 nuove scuole.
Grazie al  Plan Maestro de CicloRuta nel giro di una decina d'anni viene realizzato un sistema di piste ciclabili e pedonali di 297 km che attraversa la maggior parte del tessuto urbano. E' la rete ciclabile piu' grande dell'America latina e nei prossimi dieci anni ne e' previsto un ampliamento per ulteriori 300 km. Campagne pubblicitarie promuovono ovviamente l'uso della bicicletta e ogni giorno aumentano le persone che la utilizzano per gli spostamenti. Dal 2000 al 2003 si e' passati dall'1 al 4% della popolazione.
Sempre a proposito di spostamenti all'interno del tessuto cittadino va menzionato anche il Sistema Integrato di Trasporto di Massa TransMilenio. Si tratta di un sistema che integra due diverse tipologie di autobus, uno ad alta capacita', che collega le zone centrali della citta' e viaggia su corsie preferenziali e uno a bassa capacita' che collega i quartieri periferici. Entro il 2015 la rete TransMilenio avra' una lunghezza di 388 km e coprira' l'80% della superficie della citta'.
A 5 anni dall'inaugurazione del servizio, e con soli 60 km in funzione, i primi risultati sono sorprendenti. Gia' ora il risparmio in termini di tempo impiegato dai cittadini negli spostamenti raggiunge il 25% e il processo innesca tutta una serie di reazioni a catena: aumentano gli spostamenti, l'economia della citta', il benessere degli abitanti. Fino a qualche anno fa molti residenti al nord non si sognavano nemmeno di recarsi nella zona sud della loro citta'. Oggi si tratta di un tragitto che si puo' fare in breve tempo, spendendo poco e in tutta sicurezza.
L'aver cambiato volto alla citta' ha infatti avuto un effetto fondamentale, la diminuzione della criminalita'. Fra il 1993 e il 2002 il numero di morti violente in citta' si e' ridotto di tre volte.

Attualmente il sindaco di Bogota' e' Luis Eduardo "Lucho" Garzón, un ex sindacalista di umili origini. Le precedenti amministrazioni indipendenti hanno lavorato per dare un nuovo volto alla citta'. Il lavoro che ora attende Lucho e' molto gravoso: riuscire, con le risorse disponibili, a rendere vivibile la citta' anche a quel 50% di popolazione che ancora soffre miseria e poverta'.

Le informazioni di questo articolo sono tratte soprattutto dalla straordinaria tesi di laurea di Simone Grobberio e Guido Robazza.

Abbiamo raccontato la storia di Antanas Mockus anche nel giugno del 2005 su Cacao (clicca qui)

Allegati:

  • Bogota' D.C. una rivoluzione urbana (clicca qui)
  • Il sistema integrato di trasporto di massa (di Simone Grobberio e Guido Robazza) (clicca qui)

Link: www.esperienzeurbane.org/