Ecovillaggio solare

Vuoi comprare un appartamento o un intero casale nell’Ecovillaggio Solare di Alcatraz?

Oggi molte persone stanno ripensando il futuro.
Le nuove tecnologie permettono a sempre più famiglie di lasciare le città per vivere in mezzo alla natura.
Io ho fatto questa scelta 40 anni fa, sicuramente una svolta fortunata nella mia vita.
Non ho trovato il paradiso in terra, non è nata una grande famiglia ecologica, non è stato tutto perfetto e le difficoltà sono state molte.
Ma oggi in questa valle, nei dintorni di Alcatraz, vivono più di 200 persone, la metà immigrati come me. Non è una comunità nel senso stretto del termine ma ho trovato grandi amicizie e quando ci sono stati problemi tutti gli abitanti si sono mobilitati dimostrando una notevole capacità di coesione. Tanti anni fa tentarono di costruire qui un inceneritore e a bloccare la strada all’alba ci trovammo tutti, ma proprio tutti, dai neonati ai vecchissimi.
Oggi quella battaglia è ormai vinta e queste colline sono protette in quanto Sito di Interesse Comunitario (SIC) o come Area Agricola di Pregio, dove è interdetta anche l’attività agricola di tipo industriale.
Il fatto che qui si sia sviluppata una collaborazione, anche lavorativa, tra una decina di agriturismi, parchi didattici e scuole d’arte, che ci sia una struttura di coworking, che qui vivano professionisti, agricoltori, artigiani, webmaster, giornalisti e artisti, rende sicuramente questa zona diversa da altre. Un conto è trasferirsi in campagna in un posto qualsiasi, un conto è scegliere una zona dove c’è una popolazione, diciamo così, più vivace e interessata al cambiamento, alla cultura, alla collaborazione e all’ecologia. Non è poco.
Chiarisco subito che la nostra idea di Ecovillaggio non prevede né la convivenza, né l’adesione a particolari comportamenti, fedi o ideologie.
La nostra idea è che sia oggi possibile e necessario sviluppare nuovi paradigmi abitativi, nuovi stili di vita, più in sintonia con la natura, e possibilmente anche qualche (timido) esperimento di economia circolare. Invece di costruire ognuno la sua piscina si potrebbe realizzarne una collettivamente. Forse.
Non siamo in grado di offrire un lavoro a chi si trasferisce qui, ma la vivacità delle iniziative e delle imprese attive in valle offrono alcune opportunità.
Altro vantaggio è il costo della vita, meno cara che in una grande città; se poi hai la passione per l’orto e per il fai da te i tuoi costi diminuiscono ulteriormente, e se ti dà gusto puoi integrare il tuo reddito barattando come qui fanno molti o partecipando al mercatino itinerante che raccoglie molte delle centinaia di persone che abitano la zona tra Gubbio, Assisi e Perugia (siamo al centro di questo triangolo). C’è poi la qualità dei servizi pubblici, dal pulmino che viene a prendere i figli per portarli a scuola, all’inesistenza delle code negli uffici pubblici, alla capillarità dei trasporti al buon funzionamento della sanità pubblica. Siamo in mezzo ai boschi umbri ma non siamo lontani dalla città: venti minuti dall’aeroporto di Perugia e dalla stazione ferroviaria, dodici minuti da posta, farmacia, banca e supermercato, a mezz’ora dal pronto soccorso.

Insomma mi sembra che se hai intenzione di abbandonare la città e stai cercando un posto che faccia al caso tuo potresti prendere in considerazione di acquistare una casa nell’eco villaggio nel parco di Alcatraz (è possibile anche trasferirsi qui affittando un’abitazione, noi non abbiamo questa possibilità, ma in zona ci sono ancora alcuni appartamenti sfitti).

Qual è la nostra idea?

Per Ecovillaggio intendiamo innanzi tutto colline coperte da boschi e oliveti, un parco di 4 milioni e mezzo di metri quadrati, lontani da vie trafficate e attività industriali. In questa valle da 40 anni viviamo e abbiamo creato la Libera Università di Alcatraz. Abbiamo poi restaurato o costruito 4 casali, ci sono una decina di ruderi e l’autorizzazione a costruire alcune altre abitazioni, piccole costruzioni che si inseriscono armonicamente nel verde tutto intorno.
La nostra idea non è quella di dire alle persone come devono vivere o abitare ma di metterci a disposizione di chi ha progetti e sogni.
È possibile acquistare un rudere e ristrutturarlo come si preferisce (nel rispetto ovviamente delle norme vigenti); oppure è possibile acquistare una casa al grezzo, oppure un appartamento in classe energetica A, con materiali ecologici, pronto per essere abitato immediatamente. È possibile essere completamente indipendenti e acquistare oltre alla casa una porzione di boschi e oliveti oppure aderire alla proprietà collettiva di alcuni spazi verdi e strutture sociali.
È possibile comprare un appartamento di 60 metri quadrati oppure spazi più grandi, da 100, 200 fino a 1.000 o più metri quadrati.
I prezzi vanno dai 600 euro al metro quadrato per i ruderi a 1.200 euro al metro quadrato per abitazioni in classe energetica F, che poi l’acquirente potrà elevare migliorando l’efficenza energetica con successivi interventi, fra i 2.500 e i 3.000 euro al metro quadrato per appartamenti in classe A.
Il prezzo dei terreni va, a seconda delle tipologie, pascolo, bosco giovane, alto fusto, oliveto, dai 5.000 ai 10.000 euro a ettaro (diecimila metri quadrati).

Per informazioni info@ecovillaggiosolare.it
oppure visita www.ecovillaggiosolare.it

 


Alcatraz Channel: Jacopo Fo presenta l'Ecovillaggio Solare, Perugia

Contenuto disponibile solo dopo accettazione dei cookie

 

Casa Solare abitata, Capuzzola in costruzione... vicino ad Alcatraz stiamo realizzando un Ecovillaggio Solare! Jacopo ci racconta del progetto.

Clicca qui per vedere tutti i video di Alcatraz Channel

Visita il sito dell'Ecovillaggio Solare di Alcatraz


Vuoi acquistare una quota di case e terreni nella più creativa Città Verde italiana?

Ecovillaggio Solare

Siamo giunti alla fase cruciale della costruzione della nostra Eco Town che è già un centro di produzione culturale e di formazione, una fucina di idee e di possibilità per un modo diverso di vivere e di creare nuove relazioni.
Una città con il 99,99% di alberi e lo 0,01% di costruzioni. Una valle verdissima dove ci sono, oltre alla Libera Università di Alcatraz e all’Ecovillaggio Solare, una decina di altri centri, agriturismi, scuole, luoghi di produzione teatrale e artistica. Un progetto che è il frutto di 35 anni di esperienza e ha una storia di eventi di successo nel settore della comunicazione, della diffusione delle ecotecnologie, dei gruppi d’acquisto e dell’economia etica. Una scommessa generazionale dove tentare soluzioni alternative e concrete.
Ora la costruzione dell’Ecovillaggio è avviata, con una casa restaurata, arredata e già utilizzata, Casa Solare finita e abitata e altre due case quasi ultimate.
È arrivato il momento di completare il progetto continuando anche il recupero degli altri rustici presenti. Abbiamo pertanto deciso di cedere queste proprietà al grezzo, e, per facilitare la partecipazione al nostro progetto abbiamo pensato anche alla formula della cessione di quote: in altre parole cerchiamo persone che vogliano partecipare con il loro denaro a questo progetto di sviluppo, ottenendone un equo vantaggio.
Una volta ristrutturate secondo i criteri della bioedilizia queste proprietà potranno essere rivendute o comunque reimmesse sul mercato.
Proponiamo l’acquisto di quote di un rudere, posto in una splendida posizione, con 20.000 metri quadrati di boschi, oliveti, prati pascolo e seminativi. Questo podere è limitrofo ad Alcatraz e all’Ecovillaggio Solare.
La partecipazione all’investimento avverrà tramite la cessione di quote di proprietà a chi intende partecipare con noi a questa iniziativa, con tutti i crismi di legalità e quindi anche procedendo all’intestazione formale dei diritti che si acquistano.
La quota minima di partecipazione è di 5.000 euro.
Inoltre ora, grazie alla nuova legge regionale è possibile costruire vicino a questo rudere due casette indipendenti di circa 80 mq + 16 mq di serra bioclimatica a sud per un totale di 96 mq.
Abbiamo la possibilità di vendere la cubatura per la costruzione dell'abitazione oltre a 2000 mq di terreno adiacente alla casa.
Qualora chi fosse interessato lo desiderasse possiamo anche fornire i contatti con progettisti e costruttori in bioedilizia per la costruzione di case in classe A.

Chi fosse interessato ci può contattare via e-mail gabriella@alcatraz.it, Oppure telefonare in orario d’ufficio allo 075/9229776

COONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO


Vuoi abitare in una Green Town?

Vuoi abitare in una Green Town?Carissimi,
come già sapete ormai l'Ecovillaggio Solare ha iniziato a vivere. Da novembre dell'anno scorso i primi abitanti popolano la collina e siamo ormai alla fine del primo anno scolastico a Gubbio per i bimbi di Sara e Gianni e di Barbara e Fabio.
Alessandro ha rimesso in produzione gli alberi di nocciole e in autunno dovremmo aver un gran bel raccolto, Mario ha installato i suoi megaschermi per vedere qualsiasi cosa a 150 pollici, Giulia e Nino vanno e vengono ancora dal Piemonte ma stanno risolvendo le ultime incombenze per riuscire a stabilirsi definitivamente nel loro appartamento al primo piano.
Il cagnolino di Fabio ha già trovato un paio di tartufi senza alcun addestramento e prevediamo che ci darà grandi soddisfazioni.
Risolti un po' di problemi burocratici, stiamo iniziando la costruzione del Rustico A di Capuzzola e in pochi mesi anche quel borgo sarà abitato. Intanto stiamo anche sistemando il Mulino così da avere, in attesa delle nuove costruzioni, la sala comune e la piscina riscaldata immediatamente disponibili. Alla contrada Mulino stiamo anche allestendo le camere da letto per organizzare attività e corsi. 
Insomma, un po' alla volta il tutto comincia a prendere forma.
All'interno della Green Town inoltre sono stati avviati i lavori anche a Vallicelle: si tratta della ristrutturazione di un rudere e non riesco a dirvi l'emozione di vedere quella bellissima casa con le sue vecchie pietre man mano riprendere vita. E' stata anche ripulita la vegetazione intorno al rudere di Boschi, e i vecchissimi ulivi che circondano la casa risplendono. Pare abbiano più di mille anni, non so se sia vero ma posso assicurarvi che sono maestosi, larghi che ci si può dormire dentro, impressionanti nella loro autorevolezza di vecchi alberi saggi. 

A questo punto le possibilità per chi abbia voglia di vivere in mezzo alla natura o di fare un investimento in un progetto ecologico sono molte e permettetemi di riassumerle.

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO


Manuali: costruisci il tuo ecovillaggio! (Funziona)

Che l’idea del gruppo d’acquisto per le case dia enormi vantaggi possiamo affermarlo sulla base non solo delle teorie ma anche dell’esperienza dopo che sono passati sette mesi da quando il primo gruppo di inquilini ha traslocato e dopo che il freddo invernale ha mostrato l’efficienza dei sistemi costruttivi.

Abbiamo dimostrato che unirsi per aggirare le tagliole (e i ricarichi) del mercato immobiliare conviene e si può fare (si risparmia più del 20% del costo di mercato). Nel progetto della cooperativa del gruppo d’acquisto c’era la costruzione di appartamenti in classe energetica A, con bolletta zero, grazie a un impianto fotovoltaico da 20 kw, per 8 appartamenti, e un impianto solare per l’acqua calda. Sono state invece consegnate abitazioni in classe A+ e nelle casse della cooperativa sono restati più di 50 mila euro, economizzati. Il che non è poco visto che in Italia, generalmente, se preventivi di spendere 100 alla fine spendi 120….

A questo punto speriamo che altri abbiano voglia di intraprendere iniziative analoghe. E come contributo solidale offriamo tutto il nostro lavoro di progettazione. Speriamo che possa essere utile e che faccia risparmiare ad altri tempo e denaro. Eccovi una guida sintetica con i link a tutta l’esperienza e la progettazione ormai realizzata (siamo parecchio open source).

CONTINUA A LEGGERE SUL BLOG DEL FATTO QUOTIDIANO


Ecovillaggio Solare di Alcatraz e Green Town

Ecovillaggio Solare di Alcatraz e Green Town

Questa settimana torniamo a parlare di Ecovillaggio e di Green Town per invitarvi al prossimo incontro per visitare, parlare, confrontarci, toccare con mano le nostre ecotecnologie e le nuove costruzioni e i nuovi cantieri all'Ecovillaggio Solare. Ci vediamo dall'8 al 10 maggio. Per info e prenotazioni potete chiamare Alcatraz allo 075/9229938-39 oppure scrivere a info@alcatraz.it.
Se in quelle date siete impegnati potete comunque venire a visitare l'Ecovillaggio quando volete telefonando per un appuntamento ad Alcatraz. 

Perché un Ecovillaggio e una Green Town?
Qui di seguito riproponiamo un articolo di Jacopo Fo che parla del progetto della Green Town, buona lettura!

Si può guadagnare usando il denaro per salvare il mondo?
Il movimento progressista italiano ha sempre avuto grossi problemi con i soldi.
La moralità cattolica si è fusa con quella comunista creando un mix micidiale: il cattocomunismo.
Uno degli assunti di questa sub filosofia è che chi ha denaro è sempre cattivo.
Questo perché il cattocomunismo è fermo alla struttura economica di un secolo fa, i ricchi sono unicamente i padroni col cappello a cilindro e le mani sporche del sangue operaio.
Questa visione del mondo non tiene conto che vi sono oggi molti ricchi e ricchissimi che non hanno mai sfruttato il lavoro altrui. Artisti, inventori, sportivi... Dove sta la colpa se sono riusciti a far fruttare il proprio ingegno? A chi hanno nuociuto?
E ci sono anche molti imprenditori che hanno scelto di avere un rapporto di rispetto ed equità verso i lavoratori. Non si può equiparare un Cucinelli, che dà 6 milioni di euro di partecipazione agli utili ai suoi dipendenti, con il padrone delle ferriere ottocentesco.
A causa di questo razzismo culturale in Italia non hanno avuto fortuna giganti come Olivetti, che solo recentemente si comincia a considerare...

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO


28-30 novembre 2014, Incontro sul progetto Ecovillaggio Solare di Alcatraz

Ecovillaggio Solare di Alcatraz

Vieni a conoscere i primi abitanti dell'Ecovillaggio Solare, visiteremo insieme Casa Solare, la prima struttura terminata e il rudere di Capuzzola, il prossimo cantiere in programma.
Jacopo, Gabriella e Stefano illustreranno i progetti, le piantine, le rifiniture, gli impianti, i capitolati, abbiamo migliaia di fogli!!! Assolutamente da non perdere Jacopo che mostra fiero il plastico di Capuzzola smontabile!
Tutto questo assaporando la leggendaria cucina di Alcatraz, con la possibilità di fare massaggi in acqua calda o shiatsu a terra.

Per maggiori informazioni sull'incontro clicca qui

Per maggiori informazioni sul progetto dell'Ecovillaggio Solare clicca http://www.ecovillaggiosolare.it


Le nostre buone notizie: Ecovillaggio Solare, Comitato Nobel Disabili, Alcatraz...

Ecovillaggio Solare, Comitato Nobel Disabili, Alcatraz...

Carissimi,
questo Cacao del sabato è dedicato alle nostre buone notizie e alle nostre iniziative che sono mille e più di mille. 
E, come dice il nostro premio Nobel: iniziamo senz’altro!

Ecovillaggio Solare
Ragazzi miei, che periodo!
Come già sapete i primi abitanti sono arrivati a Casa Solare nei primi giorni di settembre e i bimbi hanno iniziato ad andare a scuola, uno si è iscritto a rugby, un altro dopo il primo allenamento ha deciso di darsi alla danza classica.
Ma non è finita qui, agli abitanti si è aggiunto al primo piano sempre di Casa Solare, Alessandro, esperto di permacultura e nell’appartamento in fianco arriveranno Giulia e Nino, lei appassionata di giardinaggio e orti, una combinazione esplosiva.
E poi arriva anche Federica, e anche lei non vede l’ora di avere a che fare con la terra e le piante.
Wow!
Entro un mese inizieranno i lavori a Capuzzola, e avanti così!

Comitato Nobel per i Disabili
Come diceva il poeta brasiliano Vinicius de Moraes che cito sempre: “La vita è l’arte dell’incontro” e noi di incontri belli ne abbiamo fatti parecchi; l’ultimo è davvero eccezionale, si chiama Paola e vive a Roma, ha un bel cuore grande, e mani straordinarie che fanno mille lavoretti bellissimi.
Ha creato dei segnalibro-portafortuna, tantissimi ciondoli, e poi gatti di pezza...


Ecovillaggio Solare di Alcatraz, ci siamo!

Ecovillaggio Solare di Alcatraz, ci siamo!

I primi bambini che vanno a scuola, il pulmino che da Gubbio li porta praticamente sotto casa, un caffè tra i migliori che io abbia mai bevuto!

Beh, che emozione, carissimi.
Martedì mattina sono stata a Casa Solare e mi hanno accolto Mamma Chimica, Barbara e Fabio mentre Mario mi salutava dalla sua terrazza al primo piano.
Casa Solare è abitata!
Pochi giorni prima mi era preso un colpo, tornando a casa di notte avevo buttato l'occhio alla collina di fronte e avevo visto una luce! Oddio, e che cos'era, sono vent'anni che abito qui e quella collina l'avevo sempre vista buia. Stefano che guidava si è messo a ridere e mi ha detto: "E' casa Solare, ci sono le famiglie, sono arrivate oggi". Urca. Maddai, sul serio?!?
E il giorno dopo, ripasso con la luce del giorno, guardo meglio e vedo una striscia arancione, è proprio lei, abitata, colorata, finita.
E martedì ho visto gli appartamenti arredati, la piccola Claudia che giocava con i sassolini del retro (con la mamma che si preoccupa perché li metteva in disordine), Barbara che rientrava con le buste della spesa che il martedì a Gubbio c'è il mercato. E poi il caffè insieme, seduti in salotto intanto che parliamo di prese elettriche, l'arrivo di internet satellitare per mercoledì, e sentiamo le voci degli operai che stanno sistemando l'esterno.
Che caffè! Non so se era veramente buono ma a me è sembrato paradisiaco.
Non so quante volte ho detto: quando sarà abitata... e adesso lo è! Sì, scusate, sono un po' esaltata, martedì ho fatto fatica a non scoppiare in lacrime dalla gioia.
E a metà ottobre arriva pure Alessandro che ha acquistato un appartamento al primo piano, lui si occupa di permacultura e di giardini... ci sarà da divertirsi.
Ragazzi, non avete più scuse, dovete venire a trovarci!

CONTINUA A LEGGERE CACAO DEL SABATO


Ecovillaggio di Alcatraz: un tocco di colore a Casa Solare

Pitture esterne Casa Solare Ecovillaggio di Alcatraz

Molti degli ultimi lavori di Casa Solare procedono contemporaneamente: è stato montato l'impianto fotovoltaico ed è arrivato in cantiere quello solare termico per l'acqua calda. Sono stati montati tutti gli infissi e in queste ultime foto potete vedere le pitture esterne.