Ecovillaggio solare

Solar Ecovillage, a different place where to live

Solar Ecovillage- Where is it? Visit the map
- Why a Solar Ecovillage?
- The philosophy of the project
- Prices
- Are you interested in buying?
- “Ready to sell” houses
- Appendix 1: know exactly what you’re buying
- Appendix 2: The Ecovillage amplifies opportunities
- The Ecological House video
- Notes on ecological housing. The example realized by Alcatraz.

 

Solar Ecovillage Map

Solar Ecovillage Map 

WHY A SOLAR ECOVILLAGE?
Today hundreds of thousands of people throughout the entire world choose to live in Ecovillages,  and for  decades have been experimenting a different quality of life which is definitely superior to living in highly polluted city centers.
After a year of debating, bureaucratic documentation, surveys and projects we’re finally ready to go.
Within 470 hectares of land, the Libera Repubblica di Alcatraz park will finally host an ecological village, its Solar Ecovillage.
It will be one of the most innovative projects regarding ecotechnology, and we will commit ourselves to making it one of the most beautiful and culturally lively villages ever seen.
An extensive valley which opens upon a  breathtaking panorama of green and trees where nothing besides nature is visible to your eyes; no noise, no traffic, no cars. This oasis of true peace is just 12 km  from the closest pharmacy, bank, elementary and middle schools as well as the local supermarket, another 2 km and you can access the E45 Orte – Ravenna clearway. The ecovillage distances 30 km from Umbertide, and 40 km from Perugia.
Valleys and hills where woods cover the land. Here and there you can come across olive groves , meadows and pastures, five groups of houses and bungalows.

The distance between the groups of houses goes from 400 meters to a kilometer, therefore  they are rather close, but the environmental impact is reduced to a minimum because you can barely see the houses on so much surrounding land.

You can choose between a rural stone house with highly efficient energy  installations or a futuristic home entirely  built with class A  insulated  lamellar wood. You can choose between a house constructed on the top of a hill, on a mid-hill position, along the banks of a stream, amid woodlands. Big houses or super insulated 40 SQMT bungalows or even just a pitch for your caravan. Every home has a small garden, a vegetable patch, an olive grove and at least 2000 SQMTS of woodland.

 

Localizzazione Ecovillaggio Solare

Cohousing
Buying a share of the project  you also buy part of the  community shared structures such as the outdoor and indoor swimming pools, the party or ball room, garden irrigation, photovoltaic solar power plant, and the hydraulic plant.
The shared properties  include 200,000 SQMTS of woodland and olive groves.
The idea is that this advanced cohousing not only will allow homeowners to save money and reduce living costs, but it will also enable them to gain a profit that could cover “condominium costs”.
We thought of houses that can be heated using low energy consumption and that can make the owner earn money, instead of spending it.
Here you can produce your own energy with solar panels, cultivate your own vegetable garden and live in a place where you can organize cultural events, courses, shows and exhibitions. 
In the village, living is thought like a social and supportive experience: this concept makes the community willing to plan and organize something together. Obviously, this is an opportunity, not compulsory.
What’s more, Banca Etica is available for financing your project.

 

THE PHILOSOPHY OF THE PROJECT
There’s nothing ideological here. Basically, anybody who buys a house can run it however he/she wants. The only thing we expect is that everybody should respect one another and behave in a polite manner.
All decisions will be taken by the habitants, exactly like in a condominium. Alcatraz contributes to the building and the designing work only; it won’t stay in the village after its completion and, most of all, it won’t get any kind of land revenue.
However, the Ecovillage borders are next to Alcatraz, so residents will have the chance to interact and collaborate with the organization. Obviously, this is something everybody has to agree with and, again, it is not compulsory.

A different economy, a new conception of “house”
Our plan is to create a different kind of house that can reduce energy consumption and condominium costs to the lowest level. What is more, the owner can save money through several activities, like growing fruits and vegetables, gathering wood, salad, medicinal herbs and mushrooms from the surrounding woodlands, and using the shared washing machine.

Further information
HIGH SPEED INTERNET CONNECTION
Telecom (the National provider) has already installed a repeater with 26 high-speed lines. Alternatively, a specialized company can provide a wireless connection.

CONNECTIONS
In Umbertide, 30 km from the village, you can find the closest hospital, cinema, theater and high school; all of them can be reached driving down a no traffic light street.
Perugia, 45 km away, hosts the nearest regional hospital, several high schools, academic faculties and important libraries. If you want to get there you can take the 4 lane clearway.
Within 15 km from the village you find the elementary and the middle school, a bank, a supermarket, a pharmacy, a veterinarian, a farmers’ cooperative, a petrol station, a newspaper agent and tobacco shop, a hairdresser, restaurants, pizzerias, a tennis and a soccer field, the local sport center and a council house.

WEATHER   
The weather is typical of the hills: usually there’s no fog, but, if there’s  foggy weather, you’ll admire a “sea of clouds”,  just like in the traditional Japanese pictures.

WATER
Alcatraz will build a dike in the Resina torrent, a water storage (restoring the one of the mill) and a system that will provide, through sand, carbon and chlorine techniques, filtered and drinkable water.
In order to optimize water consumption, rain will be treated with the chlorine system: it won’t be drinkable, but it can be used for toilet flushes. The fitodepuration, thanks to its 5 different structures, will reuse the water coming from the flushes to irrigate vegetable gardens.

 

PRICES
You can buy either  a turnkey home or a rough construction.
The cost per SQMT can vary from 2000 to 2800 euros and it covers solar and thermal panels, a 2000 SQMT field and the condominium properties (streets, parking area, 200 thousand SQMT field - nice woodlands, olive groves, meadows -, a contribution for the ball room, the laundry, the indoor swimming pool, water systems, shared photovoltaic system – in addition to the individual ones). 
Price depends on the features you choose.
The cost for the notarial deed and the installment payments will be decided individually: price can vary whether the house is a principal or a secondary residence, an individual or a company purchase.
Banca Etica is available for the project financing, as well as to supervise and check the adequacy of the prices. A cooperative will be in charge of the work.
If you’re interested in buying, we’ll provide you with the following information:
detailed description of: single flats, houses, characteristics of tiling, shutters and heating systems;
description of the cooperative work and the individual notarial deed;
about the cooperative statute;
about the loan (in general).
Below you can find the map of the flats, the entire Ecovillage and the local area.

 

ARE YOU INTERESTED IN BUYING?
If you’re interested in the project, please send your address and your preferences to gabriella@alcatraz.it.
Otherwise, if you want to know more about the available buildings, phone this number: +39 075 9229776 or +39 075 9229913.
You can come and visit the Ecovillage whenever you want. You can choose the house you prefer and reserve it paying a deposit; if the project doesn’t start within June 2011, the deposit will be given back.
Once you've decided the building features you prefer (for example the internal division of the flat or the house covering), you can join the cooperative and sign the purchase contract, paying a first installment that covers 20% of the entire sum.

Ecovillage graphic projects and house plans. Click the images to enlarge.

Progetto Borgo Oliveto

 

Progetto e piantine Fattoria Scuola

  

Progetto e piantine Casa Solare

 

Progetto e piantine Casa Rurale

Ecovillaggio Solare

 

 

 

“READY TO SELL” HOUSES

The “Mulino” (Mill) group: 2 big houses, divided into flats, and a little single family house
We named it Mulino because (guess what?) there’s a real mill, with two paddles and two millstones. It’s very small and old, vertical axis, and it used a technology that, according to the History of the Boringhieri Technology, was discovered in the year 100 B.C. The mill was used in poor areas of Umbria and Provence until 1950s, like our Mulino.
During the medieval period, it was run by food smugglers. Nowadays it is still possible to see the ruins of the walls of the ancient furnace, situated behind the big house of the Ecovillage. Here, the no man’s land between Perugia and Gubbio, people didn’t follow any specific law. Residents used to make their own flour and to cook rooftiles, important goods on which people had to pay a lot of taxes.  
The mill, potentially, could be restored and work properly.
There are other facilities too: the water storage (that brings water to the village), a new house, on the other side of the torrent, and two restored buildings (a small stable and a house). A pedestrian bridge will link together the two sides of the torrent.
The constructions are made up of 11 flats, available in a various range of areas.
However, these buildings need energy efficiency improvements (16 cm thermal insulation, new solar and thermal panels) and other modifications that will take 6 months of work from their reservation.
For a better thermal efficiency, it is possible to install three pane gas-filled windows and other specific features.

The “Laghetto” (little lake) houses
They’re situated on a little upland at the top of the hill. In the area, a very cosy place, you can find a big building, two or three smaller houses, and a lake.
Homes, divided into 6 flats, will be made of a particular kind of lamellar insulated wood, daubed and decorated. They’ll be highly thermal efficient, provided with three pane gas-filled windows.
We expect to complete this project within 8 months from the beginning of the work.

The “Oliveto” (Olive grove) Area
This is the area where you can find the majority of the houses.
At the moment, there’s a ruin with a couple of minor attached buildings (the Capuzzola Houses), a little isolated house (Capuzzolina) and the  structure of a building that will have big windowpanes pointed towards the south.
Between them you can find olive groves and meadows: here we’re going to build 2000 SQMTs of first class efficient lamellar houses, daubed and decorated with big wall paintings.
In the middle of this place we’re going to put a little pedestrian square, a fountain, a 150 SQMT ball room, a shared laundry and a heated indoor swimming pool. All the residents will be the owners of shared facilities, therefore everybody has the right to use them.
What’s more, we committed ourselves to creating a bar, a bazaar, a restaurant and an 8 room hotel. These structures, that require a longer period of work, will be run by an independent company (different from the cooperative). However, everybody will be eligible to buy a part of these buildings.
We expect to complete these highly efficient  energy houses within three years, even though this is only a general estimate. They’ll be provided with three pane gas filled windows, solar and thermal panels. Most of them will have a cellar too.
Around the square, there’ll be 4 single family homes and unconventional houses, made of daubed straw, raw earth, etc., that can offer a high standard of comfort and a very good energy efficiency. 
These houses are already available for purchase. Buy one of them within November, and you’ll decide the subdivision of the interiors without additional cost.

The Capuzzola House (Oliveto Area)
This area is made up of a big house (divided into 5-6 flats and a tower), and two small family homes. The first construction will be made of stone and daubed lamellar wood, while the second one of lamellar wood only. Anyway, both of them will be highly energy efficient, provided with three pane windows, solar and thermal panels.
Work will be completed within 8 months since its beginning.

The Solar House (Oliveto Area)
This building is located at the top of a valley, surrounded by kilometers of green land and 2 hectares of black and white truffle field. Its structure – 2 floors with wide French windows- is made of reinforced concrete and will be completed with highly insulated refurbishments, solar and thermal panels and three pane gas filled windows.
The house, divided into 8 flats of different areas, will be completed within 8 months since the beginning of the work.

The Gnome Houses
We’re also going to build 46 SQMT lamellar wood houses: highly insulated, daubed and decorated. This particular project will take at least 3 years and we can’t provide any further information about it.

Additional condominium features
We planned to build a place for a barbeque, small fireplaces where to have a grill or sterilize food jars, a wood stove and open-air tables where you can either cook or eat.
The 6 vegetable garden areas will be provided with an automatic irrigation system and a small storeroom for the tools.

The Bosco (Woodland) Area (under construction)
The Mayor of Perugia authorized the construction of 16 self-building houses, each one 89 SQMTs wide. The council committed itself to transforming this agricultural area into a building land as facilitation for people with low income (18 – 28 thousand euro per year) and have been living in Perugia for at least 12 months.
The features of these buildings will be decided by the self-building workers.

Technical reports about the first restored structures
Here you can download and find all the information about these 4 buildings.
Mulino House Technical Report
Solar House Technical Report
Rural House (Yellow house) Technical Report
Laghetto House Technical Report

 

Appendix 1: know exactly what you’re buying
We want the people involved to know what we planned to build and how. It’s good to know the terms of the contract, the features of the buildings and the general principles of the company.
Therefore, we scheduled a few meetings where you can visit the Ecovillage and join our conferences about Bio-Architecture, energy efficiency, thermal insulation, heating systems, solar panels, wind turbines and water depuration. During this tour we’re also going to guide you through highly efficient buildings, solar panel systems, fitodepuration structure and the Alcatraz heating systems, which enable us to produce more energy and biomasses than we need.
At the end of the meeting we’ll provide you with further information about our technical solutions, the properties of the materials and the management of our heating system, the water, the electricity, the sewers and the irrigation.
The method we’ll be following to build the Ecovillage is unique. You can also get information about the approvals we obtained; in particular, the one regarding our economic balance, which is regulated by Banca Etica in order to ensure a fair price.

Who’s going to build the Solar Ecovillage? (Is this a safe purchase?)
Banca Etica committed itself to supervising and assisting the project through the direction of a builders’ cooperative. When a person acquires a house, he/she pays a part of the shared properties as well: this means these properties will be managed by a cooperative formed by all the home-owners.
Sergio Los and Natasha Pulitzer have got 40 years of experience of Bio-Architecture. They analyzed our territory and designed the project according to the architectural and the thermal criteria suitable for the Ecovillage weather.
Professor Maurizio Fauri – University of Trento- analyzed the energy efficiency.
The water system was built according to the directions of a famous specialist, Pietro Laureano.
In addition, all the decisions were approved by our Libera Università di Alcatraz, which has 30 years of experience of constructions and restoring.
Service Legno and Safra are two reliable building companies that worked for Alcatraz and other customers. We appreciated how they worked, therefore they’ll be in charge of building the Ecovillage too.
Energia Arcobaleno will be the Ecovillage quality brand.

What is Alcatraz
The Ecovillage is not Alcatraz. The “Libera Università di Alcatraz” is a cultural center where people can sleep, eat (very well), attend courses, etc. Workers don’t live in Alcatraz, but in the surrounding towns. We’re not a sect: we love cooking, polite manners, laughter therapy and, sometimes, even common sense.
We don’t know therapies that give solutions to problematic issues like death and pain, but we firmly believe that united we’re stronger.
We strongly believe in the few relevant points of the Alcatraz statute (unmodified since 1981):
Life is good but spaghetti can be improved.
Violence is useless, but, most of all, tiring.
If someone slaps you, try to dodge it.
Universe loves who sleeps.
Together we’re stronger, alone you’ll get bored.
Even ants have their rights.

If you want to know more about Alcatraz, see the video we show our guests called "Questa casa non e' un albergo" (this house is not a hotel) (http://www.alcatraz.it/questacasa.html).

We ensure, again, that the Ecovillage is an independent structure, with no links to Alcatraz and vice versa.
However, we believe life is the art of meeting people. Therefore, we’ll be happy to collaborate in a friendly and mutual manner, in order to combine together everybody’s qualities.

 

 

APPENDIX 2: The Ecovillage amplifies opportunities
Becoming a good communicator and taking advantage of it.
About condominium rules and regulations.

I think we should try to create a cooperative environment, a community where people have the chance to collaborate voluntarily and with no obligations. Therefore I can’t see the necessity of scheduled homeowner meetings, shared expenses, shared childcare or other services.
What’s more, I believe homeowner meetings may stimulate “leaderism”, conflicts, disagreements and separations.
I’ve been living in Alcatraz for 30 years and, during this long period, I learned people are able to rule themselves spontaneously. I think we tend to collaborate naturally, therefore creating restrictions is a mistake.
I believe in the importance of couples and their work to improve the relation. A group is an amount of couples. This concept stimulates the process of decision making.
For example, in Alcatraz a group of 15 people works together, brings children to school, buys wood, organizes events and parties; all of them without scheduled meetings, restrictions, obligations and shifts.
At the same time, I don’t think people should buy goods together. Obviously, when everybody is using the same washing machine and is having birthday parties in the shared ball room, I think sharing some expenses could become natural too.
As well as having your own little internal trade (cookies vs. tomato sauce).
Anyway, I must say sometimes this kind of trade is confusing and difficult to manage. In Alcatraz we exchange our goods without keeping track of it, and everybody decides the person he/she wants to exchange things with: obviously, who doesn’t behave generously or fairly won’t be asked to join us. As I said, everything is based on couples.
In conclusion, I’m writing these words because I don’t want anybody who buys an ecovillage house to feel obliged to make certain decisions.
In addition, I think that if we rule our behaviour we may risk to share the village with people obsessed by restrictions or with someone who would like to establish a communist society overnight and doesn’t think about everybody’s limits or needs.
It’s too easy to consider this project as a religious and ideological commune, an experience that could cause but pain and resentment.
The Ecovillage is not a commune or a therapeutic community. It’s a VILLAGE, with its fundamental forms of democratic decision making. For example, when homeowners decide which works have to be done every year, then they shouldn’t need scheduled meetings anymore (except for extraordinary repairs): works could start automatically.
I also believe they shouldn’t determine the amount of hours a person has to work on maintenance or other stuff. This method causes obligations, disagreements about the quality of work, arguments: definitely not good!
I suggest following this method: if homeowners decided something has to be done, then they could ask for an estimate; at the same time, if anybody from the Ecovillage was willing to do it, then he/she would be responsible for that, like an independent company working for the village. I think this method could make everything easier.
But, who should be the one asking for the estimate and supervising the work? He/she could be a kind of property manager, paid for this job, and living inside or outside the village.
I believe paying workers is a way to avoid arguments and problematic situations.
It’s easy: if you employ a person, for example the property manager, and you don’t like how he/she works, then you can always hire someone else.
On the other hand, if the manager is a volunteer then he/she could pretend gratitude, while residents could feel a kind of guilty when asking for better work to an unpaid person.
It’s a total mess. You waste time (the most important thing in our life!) and people start arguing and being angry with each other.
However, it’s useful to know that ecovillage people may be paid with either euros or timebank cheques. It doesn’t matter how, but work has to be fairly paid. 

The simpler a society is, the better it works.
I believe in very few fundamental rules; for example: you can’t wake me up in the middle of the night because you’re in the mood for loud music, as well as you can’t throw your rubbish in the fields or disturb me anyhow.
In order to be fully respected, restrictions must be made for very few fundamental prohibitions.
We have the right to imagine a perfect village, but we need to act practically, aiming to simple goals, instead of planning homeowner meetings.
Nowadays, nowhere in the world, except for religious sects, it is possible to live with 200 people inside a place like the Ecovillage: ecological, surrounded by nature, with shared essential structures and energy self-production. 
There’s no other condominium that, if well managed, makes you earn some money instead of spending it (for fixed energy expenses, maintenance work), and there’s no other place specifically projected to facilitate human relations and collaboration.
What’s more, we planned to facilitate people with low income through affordable prices,  good conditions of purchase, collaborations.

The community, independently, can decide whatever it wants: it could happen that everybody gets crazy and residents establish that men and women have to wear skirts and pea green clothes. The fundamental thing is that it has to be decided by a unanimous vote. Why? Because there’s no clause in any contract where it’s written that you have to respect the restrictions decided by the majority of the village. Except for the fundamental rules: they won’t be written in the contract, but they’re established by the State law.
Making noise, talking or shouting loudly are not a crime. There’s no need to write this in my group of internal regulations, but it could be useful to reclaim some basic condominium rules. Anyway, these are “natural” one, not special: if I tell you something obvious it doesn’t mean I’m establishing a new rule. It’s completely different.

How should I pay the mortgage back? What should I do for a living?
It’s a very complex issue.
First of all, we have to consider everybody’s skills. We could dream about giving everybody a job, that people from all over Europe (or Papua New Guinea) would come and visit us, that we could organize meetings and parties, publish books and write blogs, sell our windmills and solar panels, make medical herbs and shampoos with woodland flours.
But these are dreams, and people have to consider real things, like tiredness, inexperience, wounds…
If you want to know more about potential jobs, click http://www.jacopofo.com/?q=node/2343 (AAA Progetto autoimpresa rivoluzionaria offresi).
For example, here http://www.jacopofo.com/node/6418 I tried to give some information about working in bio-agriculture. On the other hand, a big part of the responsibility relies on people’s communication and working skills.
Myself, I can talk about this issue during the meetings we scheduled to explain the project.
THE IMPORTANT THING IS THAT HERE A PERSON CAN FIND A HOME. THE VILLAGE COULD HELP TO FIND A JOB, BUT THIS IS NOT THE FIRST AIM OF THE PROJECT. IT COULD POSSIBLY BE ITS “SIDE EFFECT”, ITS CONSEQUENCE, WHEN, FOR EXAMPLE, A PERSON IS ABLE TO WORK ON THE OPPORTUNITIES HE/SHE FINDS INSIDE THE ECOVILLAGE.

Ecovillages are an alternative to metropolitan cities.
Ecovillages offer a life in touch with nature.
Ecovillages facilitate human relations.
Ecovillages are economically convenient.
Ecovillages are clean.
Ecovillages are nicer.

Jacopo Fo

 

 

The Ecological House Video

 

 

Notes about ecological houses. The Alcatraz example.

 

1)This is the basic structure of the new thermal efficient house, built with lamellar wood and covered with short layers of reconstructed stone. It’s thermal insulated and provided with ventilated walls and roof.
You just need a crane and the structure, as you can see from the picture, can be set-up in a few days.

2) This is the new high efficient house hosting Alcatraz. In the background you can see the valley where we’re going to build the Ecovillage.

 

3) The greenhouse is pointed towards the south. Therefore, it facilitates heating, it makes you save money and it offers rooms with breathtaking panoramas.
 

4) Here you can see the inside of an unfinished construction, where we’re going to put 2 cm of insulation, all the wires and the pipes. In the end, everything will be covered by a natural pine wood wall.
The outside will have 16 cm of thermal insulation and it’ll be provided with ventilated gap, panels, wire mesh, concrete, glue and regenerated stones.
 

5) Underfloor heating enables you to cover a wide area. Unlike traditional radiators, where water needs to be warmed up to 60/70 degrees, here you can keep it under 45 °C and save quite a lot of money.

 

Tag: eco villages ecovillages


Sergio Los presenta l'ecovillaggio solare di Alcatraz

Ecovillaggio Solare AlcatrazCarissimi,
questa settimana lasciamo la parola a Sergio Los, il padre della bioarchitettura italiana, che insieme a Natasha Pulitzer e a Pietro Los ci presentano l'Ecovillaggio Solare di Alcatraz e molto altro ancora. Una eccezionale lezione sull'abitare che verrà presentata anche durante i Green Days di Perugia l'11 maggio 2011.
Buona lettura.

PRESENTAZIONE ECOVILLAGGIO SOLARE ALCATRAZ

1 - RIABITARE TERRITORI SVUOTATI DALL’URBANESIMO
L’urbanesimo delle società termo-industriali ha fatto abbandonare grandi territori antropizzati, che ora stanno progressivamente perdendo abitabilità. In Italia, come altrove, tali territori per preservare il loro paesaggio richiedono insediamenti umani continuativi, che possiamo definire come letteratura ambientale. Uno straordinario patrimonio di conoscenza che custodisce la nostra cultura e ci fa condividere un mondo ma che potrebbe diventare, se trascurato, una lingua morta. Questi territori, se lasciati a loro stessi, perderanno quella residua abitabilità e troveranno altri equilibri naturali coi quali sarà comunque necessario stabilire nuove relazioni per la nostra dipendenza dalle risorse primarie in essi contenuti. Eluderne la presenza sarebbe come andare dal fruttivendolo a comprare dell'uva importata da lontano, lasciando disseccare la vigna vicino a casa. Se, al contrario, ce ne prendiamo cura essa darà il massimo aiutandoci a raggiungere un reciproco equilibrio con l'ambiente circostante. Allo stesso modo i territori umbri rappresentano una grande risorsa se collegati alle nostre esigenze, aprendo così la possibilità, non solo di produrre risorse per la nostra sussistenza, ma definire inoltre una lingua condivisa in grado di esplicitarne l'identità - rendendola comunicabile, condivisibile.
Questo processo risponde al principio fondamentale dell'ecologia dove ogni organismo crea sempre i presupposti per la vita di altri organismi (mai solo per se stesso). L'abbandono delle campagne evidenzia quanto stiamo eludendo questa legge vitale: il nostro comportamento auto-referenziale, imprevidente, disconnette la nostra salute da quella delle altre specie vegetali e animali interrompendo le circolarità positive caratteristiche dell'ecosistema. È quindi auspicabile un’etica fondata sulla coesione responsabile tra le varie forme viventi, in contrasto alla coesione rigida o all’assenza di coesione (discoesione), caratteristica delle città termo-industriali. È necessario considerare quei territori abbandonati come sistemi viventi dotati di una dinamica particolare che, mancando di adeguata manutenzione, ne muteranno l'equilibrio ecologico escludendo l'uomo dal loro ciclo vitale. È importante pensare all'ecovillaggio nel suo territorio con le varie specie che vi convivono, per progettarlo in armonia con la logica che sottende il loro equilibrio.
 

2 - POTENZIALITÀ ABITATIVE DEI LUOGHI COME RISORSA
Abbiamo considerato poco questa risorsa, di cui l’Italia è ricchissima, che consiste nelle potenzialità abitative dei luoghi, una risorsa costituita non solo dalle loro proprietà strumentali (clima, case, strade, terrazzamenti, bacini idrici, città, ecc.), ma anche dalla loro potenziale comunicativo, dalla loro memoria, dai monumenti e dalla loro potenzialità simbolica, che rafforza la nostra consapevolezza, la condivisione e la capacità di apprendere e trasferire conoscenza realizzando un territorio pronto per diventare patrimonio comune. Lo studio del paesaggio umbro, topografia, clima, agricoltura, architettura, città e borghi, mira a esplicitare un complesso sistema simbolico da condividere per riabitare l’area della proprietà Fo nei comuni di Perugia e Gubbio. Esso si propone di identificare le potenzialità abitative dei luoghi umbri e cerca di usarne la “lingua” rianimata dalle conoscenze attuali per rinforzarne l'identità valorizzandole. Esplicitare questa letteratura ambientale vuol dire dar voce a tutti i suoi componenti rendendoli in grado di esprimersi.

3 - STRATEGIE PER RIABITARE RI-TERRITORIALIZZANDO I LUOGHI
Occorre proporre modalità attuali per riabitare quei territori e capacità operative per preservare i loro paesaggi e la loro abitabilità. Non si tratta infatti solo di riabitare in qualche modo quei luoghi, ma di ri-territorializzarli riportando alla consapevolezza quella “lingua” abitativa con la sua identità, fatta di conoscenze e tecniche relative. Non basta raccogliere ciò che resta come insieme di oggetti storici, estetizzati (dal collezionismo museale che ne muta lo statuto sociale), occorre riconoscerli come matrici simboliche generative, come semantiche latenti, lingue -quasi- consce che indirizzano le nostre azioni e i nostri sogni, potenzialità simboliche della nostra civicità.

4 - ECOVILLAGGI SOLARI AUTOSUFFICIENTI E COSMOPOLITI
Necessitiamo di pratiche per costruire ecovillaggi autosufficienti, radicati e cosmopoliti, adatti a un’economia della conoscenza, che risponda attivamente alle risorse più preziose di cui dispone l’Italia: luoghi, ambiti climatici, cibi, città e monumenti, paesaggi e architettura. Crediamo in un regionalismo dei luoghi prima che degli abitanti che, non necessariamente, sono autoctoni. Come nella transizione dalla polis alla civitas, non conta la provenienza, la parentela, la razza delle persone, conta la loro scelta consapevole di condividere programmi, sistemi simbolici, etica, per realizzare visioni comuni. Possiamo definirle comunità intenzionali, che volontariamente adottano un comune statuto, assumendo un ruolo civico.
Quando l’uomo si insedia in territori pendenti, sicuri da inondazioni, antropizza i versanti con l’agricoltura e con l’architettura in una proporzione che consenta l'autosufficienza dei suoi abitanti e l'integrazione civica di componenti umani e naturali. Condividendo le pratiche per organizzare e trasferire i saperi,attraverso sistemi simbolici in grado di comporre mondo comune. La città rappresenta l’intensificazione di queste pratiche relazionali e reticolari codificandole istituzionalmente in un linguaggio “materiale”. Possiamo rispondere attraverso l’architettura alle questioni poste dalle relazioni tra città, ambiente e società, usando una grammatica tipologica capace di integrare coerentemente tutte le altre pratiche insediative.
Lo studio del sistema simbolico umbro libera il progetto dalle ingenuità del restauro filologico, che finisce per nascondersi nel contesto monumentale preesistente come nel suo paesaggio: mimetico camaleonte davanti al predatore. I progetti da noi elaborati evidenziano questa transizione dall’estetica edilizia, come pittoresco travestimento stilistico, privo di contenuti, all’architettura come conoscenza raccontata all'interno di una logica localizzata.
Così è per l’Ecovillaggio Solare Alcatraz che rappresenta una proposta concreta per mostrare come è possibile oggi costruire un sistema insediativo che abbia queste caratteristiche. Esso realizza, attraverso la esplicitazione del sistema simbolico paesaggio-architettura, un ecosistema civico inteso come intensificazione dell’agricoltura nell'insediamento e della conoscenza incorporata, volta a farlo condividere a nuove comunità, convinte della visione offerta dal programma proposto per una nuova cultura stanziale.
Il masterplan, che costituisce la parte centrale dello Studio di Fattibilità, esemplifica questa proposta e offre specifiche soluzioni a problemi insediativi relativi al territorio dell’intervento.

5 – NUOVI STATUTI PER FAR EMERGERE LE POTENZIALITÀ CIVICHE DEL PROGETTO SOSTENIBILE
Distinguendo norme elettive e prescrittive, possiamo definire elettivi gli statuti che presuppongono l’accordo tra cittadini e partono dalla comune volontà di rendere implicite le regole di convivenza, contrariamente a quelli che definiamo prescrittivi (le norme tecnico/burocratiche di attuazione dei PRG) che, partendo dalla reciproca estraneità degli individui, devono stabilire regole esplicite per evitare incomprensioni e conflitti. Gli statuti che presuppongono la civitas non possono che essere elettivi, e ancora elettivamente dovrebbero condividere uno spazio (architettura), una terra (nomos), una lingua (sistema simbolico) e un'etica (diritto). È dunque un’associazione volontaria e aperta, di concittadini che adottano una particolare educazione e si impegnano a un reciproco rispetto con l'obiettivo di uscire dal paradossale stato attuale di reciproca estraneità. Questa comunità intenzionale  lega in un tessuto sociale/spaziale sia persone che luoghi, entrambi considerati per le conseguenze che le loro implicite azioni producono. Definendo il programma di progetto intendiamo proprio comporre questo mondo, la rete civica di questo tessuto sociale che intreccia persone e costruzioni evocando una amabile conversazione tra amici. Tale tessuto viene generato attraverso processi che assomigliando alle regole di un linguaggio, che, come se l'etica, fosse una specie di linguaggio comportamentale con regole analoghe - e reciproche - per coloro che lo condividono. Nei processi che sosteniamo e convalidiamo, quando costruiamo ecovillaggi, spazi pubblici e case, generiamo questo tessuto/conversazione costruendo capitale sociale, migliorando le opportunità di realizzazione vitale.

6 - IL CONCETTO DI STATUTO GENERATIVO
Uno statuto generativo è un sistema di passi espliciti, per creare tale tessuto civico. Più che descrivere lo stato finale esso descrive una istruzione, una ricetta, un protocollo, per realizzare quello stato. Diversamente da quei processi progettuali che definiscono il prodotto finale, il processo attivato da uno statuto generativo garantisce che i suoi prodotti saranno ogni volta unici anche se coerenti con gli obiettivi prefissati. Invece di ordinare a qualcuno un determinato piatto, e poi lasciare le modalità della sua esecuzione nelle mani di qualcun altro, descrivendo gli ingredienti, le quantità e le azioni, gli abitanti usano lo statuto come un protocollo, una ricetta, per costruire e ricostruire l’ecovillaggio, come se usassero un vero e proprio linguaggio. Infatti usano lo statuto per mettere in comune l’ecovillaggio, per comunicare, per comporre mondo comune vi. Lo statuto sarà dunque analogo alle regole lessicali, grammaticali e logiche di un sistema simbolico che ne definisce il potenziale semantico e la correttezza della sintassi, lasciando i contenuti liberi di adattarsi agli usi e ai costumi di chi decide di condividerlo. Esso si mantiene per la volontà di comunicare vivendo nella prossimità e di mettere in comune degli spazi abitati. Non dovrebbe essere solo considerato come il comportamento implicito alla fisiologia di una cellula o di un organismo, ma anche per la modalità con cui essa è in grado di comunicare il suo patrimonio genetico, come una comunità che, parlando un linguaggio codificato, concorda per deliberare sugli obbiettivi che si è prefissata.
Immaginiamo lo sviluppo dell’ecovillaggio come la crescita di una micro città (comunità + costruzioni + ambiente) mediante uno statuto generativo, inteso come sistema simbolico alla base della condivisione e argomentazione delle parti che lo compongono (case, piazze, servizi, agricoltura...). Usando la metafora di una crociera possiamo definire il gruppo seriale come i passeggeri (nel nostro caso gli ospiti e i visitatori) e quello organico come l’equipaggio della nave (gli abitanti) che la rende possibile. Lo statuto/linguaggio che assume anche il paesaggio come integrato nella composizione di un mondo comune, consente di programmare processi che preservano sia forma/contenuti che forma/linguaggi Consentendo la codificazione di quella letteratura ambientale di cui parlavamo in principio.
Questo processo di realizzazione dell’ecovillaggio, che potremmo definire auto poietico, presuppone continue correzioni dovute ai cambiamenti ambientali e funzionali, da effettuare ponendo anche l'insediamento stesso come correzione/miglioramento dell’abitabilità dell’ambiente. Una continua correzione finalizzata alla riduzione della sua vulnerabilità espressa da una manutenzione del luogo che implichi anche il miglioramento della comunità coinvolta in questa relazione architettonica con l’ambiente.

 


Presentazione ufficiale del progetto ECOVILLAGGIO SOLARE

Banca Popolare Etica e la Jacopo Fo srl invitano la stampa alla presentazione del progetto
ECOVILLAGGIO SOLARE
Un borgo sostenibile e autosufficiente nella campagna umbra ospiterà abitazioni, strutture turistiche e servizi comuni gestiti con logica cooperativa e mutualistica

Sabato 12 marzo alle ore 12,00 presso la Libera Università di Alcatraz

 

23 febbraio 2011
Nelle incantevoli valli umbre, tra Gubbio e Perugia sta per nascere un Ecovillaggio solare che ospiterà 56 unità abitative tutte realizzate secondo i più rigorosi criteri di sostenibilità ambientale e di efficienza energetica.
Un vero e proprio borgo che prenderà vita in parte grazie alla ristrutturazione di edifici antichi (tra cui una fattoria e un mulino) in parte grazie alla realizzazione di nuovi fabbricati. Il villaggio – che ospiterà abitazioni e strutture di recezione turistica - sarà “governato” secondo criteri cooperativi e mutualistici e proprio una cooperativa - costituita da tutti coloro che vorranno abitare e investire in questo progetto all’avanguardia - ne assumerà la gestione.
I promotori dell’iniziativa – tra i più innovativi nel settore del social-housing e dell’edilizia sostenibile – sono Banca Popolare Etica che si sta occupando di tutti gli aspetti finanziari e la Jacopo Fo srl, già impegnata nel territorio umbro con le attività della Libera Università di Alcatraz, sui cui terreni in parte nascerà il villaggio.

«Oggi in tutto il mondo centinaia di migliaia di persone vivono negli ecovillaggi e sperimentano da decenni una qualità della vita che e' decisamente superiore a quella offerta dalle città inquinate. Gli ecovillaggi ci permettono di costruire un modo di vivere che sia strutturalmente migliore. Dopo mesi di studi, rilievi e progettazione siamo finalmente pronti. All’interno dei 470 ettari del parco della Libera Repubblica di Alcatraz nasce una città verde, l’Ecovillaggio  Solare. Sarà' uno degli ecovillaggi più innovativi dal punto di vista delle eco-tecnologie. E ci impegneremo perché diventi anche uno degli ecovillaggi più belli e culturalmente vivaci», spiega Jacopo Fo.

«La possibilità di realizzare abitazioni al di fuori dei circuiti dell’edilizia speculativa, coinvolgendo in prima persona gli abitanti e nel pieno rispetto dell’ambiente è una delle sfide che – accanto al turismo responsabile - da sempre appassiona Banca Etica e più in generale la finanza etica europea. La banca si  propone di accompagnare con adeguanti strumenti finanziari  tutte le iniziative che mirano a costruire un modello economico più equo e attento ai diritti di tutti, inclusi quelli delle generazioni future. Per questo è per noi importante partecipare alla nascita dell’ECOVILLAGGIO solare di Gubbio», aggiunge Ugo Biggeri, presidente di Banca Popolare Etica.

Il progetto sarà illustrato alla stampa
Sabato 12 marzo alle ore 12,00
Presso la Libera Università di Alcatraz
Loc.S. Cristina, Gubbio - 06020 Perugia – ITALY

Al termine della presentazione sarà ufficialmente firmato il piano  di sviluppo del progetto tra i promotori e i partner tecnici dell’iniziativa e i giornalisti potranno visitare il luogo in cui sorgerà l’Ecovilaggio, vedere planimetrie e plastici… e assaggiare l’ospitalità di Alcatraz!

I promotori
La società JACOPO FO SRL ha per oggetto l’attività prevalente di produzione e la commercializzazione di prodotti artigianali e manufatti artistici in genere, e la fornitura di alloggio per brevi soggiorni presso affittacamere, case ed appartamenti per vacanze, bed&breakfast, residence ed altri alloggi per brevi vacanze.

Banca Popolare Etica è una realtà unica nel panorama bancario italiano. E' infatti la sola banca che – accanto alla trasparenza in tutti i processi – garantisce una destinazione dei finanziamenti mirata esclusivamente ad ambiti di interesse collettivo: dalla cooperazione sociale (in particolare quella legata ai servizi socio assistenziali) alla cooperazione internazionale, dalla tutela dell’ambiente alla promozione della cultura, dalle energie rinnovabili all’agricoltura biologica. Nata nel 1999 su impulso di 22 organizzazioni del Terzo Settore, Banca Etica opera oggi su tutto il territorio nazionale con 14 filiali e una rete di “banchieri ambulanti” e offre ai propri clienti un’ampia gamma di prodotti e servizi che permettono una completa operatività bancaria. Informazioni dettagliate sull’attività e sui servizi offerti sono consultabili sul sito www.bancaetica.it dove vengono pubblicati anche tutti i finanziamenti concessi.

I partner tecnici
SYNERGIA s.a.s., specializzata nella progettazione architettonica bioclimatica a varie scale (edilizia, urbana e territoriale) di sistemi insediativi eco-logici autosufficienti, ha per oggetto la ricerca, consulenza progettazione e formazione  nel campo delle arti e delle scienze dell’artificiale congruenti con lo sviluppo sostenibile. Essa affianca fin dal 1982 l’attività professionale dei soci fondatori, Sergio Los, docente di Composizione Architettonica all’università IUAV di Venezia e Natasha Pulitzer, architetto libero professionista;

SA-FRA S. C., specializzata in bioarchittetura, ha per oggetto le attivita’ di costruzioni, restauro, ristrutturazione e manutenzione di immobili civili, commerciali ed industriali, scavi ed opere stradali, lavori ed opere edili speciali e di bonifica;

SERVICE LEGNO SRL, specializzata nella costruzione di case in legno ad alta efficienza energetica, ha per oggetto l’attivita’ di falegnameria in genere e carpenteria in legno, l’attivita’ di produzione e di commercio all’ingrosso, al minuto e nelle altre forme tecniche previste dalla legge di legnami da lavoro e da costruzione, di materiali per pavimenti e rivestimenti, di mobili ed altro;

L’ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D’ITALIA, ha come scopo sociale la promozione dello sviluppo e della valorizzazione dei Borghi caratteristici italiani, ovvero dei piccoli e medi Comuni, comprese le loro aree rurali e le loro frazioni, con particolare riferimento ai patrimoni architettonici, urbano, culturali, turistici e sociali, anche tramite la sua struttura tecnica di servizio Sinergheia Gruppo S.r.L. ugualmente partner individuato per il progetto;

SEFEA – Società Europea Finanza Etica ed Alternativa S. C. ha per oggetto sociale quello di: creare e sviluppare strumenti finanziari specifici per gli organismi finanziari etici e solidali europei; assumere partecipazioni negli istituti di credito etici e solidali europei, esistenti o in corso di creazione, o di ogni altra struttura, socia di Sefea, che contribuisca allo sviluppo sostenibile e solidale; fornire consulenza ai suoi membri e promuovere lo sviluppo degli organismi finanziari che si riconoscono ed aderiscono alla carta di Febea sostenendone lo sviluppo.


Una S.p.a. che crea ecovillaggi: abbiamo definito la proposta

L'idea è creare una S.p.a. che raccolga denaro allo scopo di acquistare un grande podere con più di 2.500 mq di fabbricati, vicino a Alcatraz, sistemare strade e infrastrutture, realizzare la progettazione di case ecologiche in classe A, che andranno a costituire un ecovillaggio e poi vendere sulla carta.
Abbiamo lanciato questa proposta in Gennaio, ora abbiamo definito un piano finanziario e siamo pronti a partire.
Se ti può interessare questa proposta scrivi a questo indirizzo e riceverai tutta la documentazione sul progetto.


Trasmissione sull'Ecovillaggio Solare

Il 10 febbraio 2011 alle 21:45 su TEVERE TV andrà in onda uno speciale sull'Ecovillaggio Solare.

La stessa trasmissione andrà in replica su TEF CHANNEL (921 SKY)
il 16 febbraio 2011 alle 20:50 - il 18 febbraio 2011 alle 13:00 - il 21 febbraio 2011 alle 00:15


Investimenti etici: 11 febbraio 2011. Ad Alcatraz per creare nuove imprese.

In questo momento caotico per l’Italia ci sembra importante dar vita a iniziative che creino speranza e che rispondano realmente ai bisogni della gente: lavoro e casa innanzi tutto.
Vogliamo creare nuove imprese che seguano il principio del capitalismo etico di cui parla Mohamad Yunus nel suo ultimo libro: “La fine della poverta'”.
Lo spettacolo agghiacciante della politica ci conferma nell’idea che solo un modo di pensare e affrontare i problemi in modo diverso possa innescare una rivoluzione culturale nel nostro Paese.
Cerchiamo investitori e professionisti che vogliano camminare con noi in questa direzione creando opportunita' che non esistono e al contempo salvaguardare il potere di acquisto del loro denaro oggi pesantemente minacciato da una situazione di drammatica instabilita'.
Le proposte che lanciamo sono due.
La prima riguarda la costituzione immediata di una S.p.a. blindata che per statuto ha l’unico scopo di acquistare un terreno e renderlo disponibile per la costruzione di un ecovillaggio, con interventi di sistemazione delle infrastrutture e di progettazione, vendendo poi gli appartamenti prima di iniziare la fase di costruzione.
La seconda proposta riguarda la creazione di un servizio che metta a disposizione le competenze di centinaia di professionisti aiutando così i cittadini ad affrontare problemi di  lavoro, diritti, formazione, salute, rendendo piu' semplice sfruttare appieno opportunita' che sono disponibili solo in teoria in mancanza delle “dritte” per coglierle.
Nel proseguo di questo articolo chiariro' meglio queste due proposte.
Prima pero' voglio raccontare la modalita' di questo incontro.
Innanzi tutto sara' possibile seguire le presentazioni e il dibattito che si svolgera' a Alcatraz, anche via web su http://www.alcatraz.it.
L’idea e' poi quella di creare un tipo di incontro nuovo, non discutiamo di politica ma di come realizzare concretamente e subito idee imprenditoriali innovative.
Negli Usa esistono da tempo convention che mettono in contatto persone che hanno idee con manager e investitori.
Ci si incontra, si ascoltano le proposte e alla fine chi e' interessato prende accordi operativi e si creano incubatori per i progetti che hanno trovato sostegno.
In Italia non esistono ambiti di questo tipo e si vede. La causa e' la mancanza di dinamismo imprenditoriale e il riproporsi ossessivo di vecchi schemi e vecchi gruppi economici. La scommessa e' notevole: esiste oggi un pubblico interessato concretamente a cambiare modalita', e fondare un sistema nuovo per dare vita a nuove tipologie di “affari”?

Oggi partiamo con due idee ma l’intenzione e' quella di progettare una serie di incontri di questo genere in futuro.

Detto questo passiamo a analizzare in modo piu' dettagliato le proposte che vogliamo far nascere l’11 febbraio.

Investire nella creazione di  ecovillaggi ad alta efficienza energetica, con possibilita' di condivisione di alcuni servizi, qualita' certificata degli immobili, possibilita' di autocostruzione.
E se iniziassimo a creare strumenti per difendere il valore dei nostri risparmi?
Dove li metti i tuoi risparmi?

Non e' elegante parlare di soldi.
Ma la questione del risparmio non possiamo far finta che non esista…
Tanto piu' che i soldi sono anche potere.
Quando metti il tuo denaro in un fondo di investimento o direttamente in azioni, finanzi le imprese che scegli.
E quando scegli di finanziare il mondo delle multinazionali metti anche a rischio i tuoi soldi, perche', come si e' visto negli ultimi anni, oltretutto il sistema e' taroccato.
Il capitalismo non si limita a pagare poco il lavoro di miliardi di persone e a spacciare prodotti di scarsa qualita' e svariate truffe e truffette commerciali. Ti frega anche i risparmi. In questi anni abbiamo assistito a veri massacri economici perpetrati ai danni dei piccoli e dei medi risparmiatori. A volte ci hanno rimesso le penne anche i pesci grossi… E’ un gioco al massacro…

E su questo fronte in Italia si potrebbe fare di piu'.

Particolarmente sarebbe utile in un momento difficile e rischioso come questo.

Chi ha qualche soldo da parte si trova di fronte a un grosso problema: dove metterli?
Ci sono poche alternative per chi non ha voglia di fare il bove nel parco buoi (come i finanzieri chiamano i piccoli risparmiatori, il parco buoi si foraggia nei tempi rosei e si macella appena va giu' il mercato).

In questo momento i prodotti sicuri (fondi etici o obbligazioni di stati con tripla A) pagano poco…

Sappiamo che nel mondo della finanza etica si sta pensando a prodotti di nuovo tipo. Imitando i tedeschi si potrebbero, ad esempio, costruire cooperative di risparmio che investano in eolico e fotovoltaico.
Qualche esperimento e' stato fatto anche in Italia (dal comune di Peccioli ad esempio) ma allo stato attuale non abbiamo la forza di lanciare un’operazione simile.
Mi viene allora la seguente idea: potremmo creare una societa' d’investimento che realizzi una sola impresa: costruire un ecovillaggio. Sarebbe il classico investimento ideale: mettere i soldi in un'attivita' che fa bene all’ambiente, alle persone che ci andranno ad abitare. Un’operazione non speculativa, con ricarichi moderati, che puo' mettere al sicuro il valore del denaro. Molto meglio che mettere i soldi in fondi di investimento classici che magari poi foraggiano le multinazionali piu' cattive del pianeta.
Il successo dell’Ecovillaggio Solare di Alcatraz (http://www.jacopofo.com/ecovillaggio-solare-ambiente) dimostra che esiste una grande domanda di case ecologiche, energeticamente efficienti, all’interno di complessi che offrono l’opportunita' di condividere alcuni spazi condominiali (piscina, sala multifunzionale, lavanderia ecc).
Inoltre in questo momento di crisi economica e' sempre piu' difficile acquistare un appartamento.
Credo che creare ecovillaggi potrebbe essere anche un modo di rendere possibile l'acquisto di una casa con pochi soldi e un finanziamento. Con Banca Etica stiamo lavorando a un progetto e ci siamo resi conto che si potrebbe realizzare una casa veramente economica. Ci stiamo lavorando.
Ma per sviluppare un progetto simile e' necessario che si crei un gruppo di finanziatori iniziali. Potremmo realizzare un ecovillaggio che in parte proponga case chiavi in mano e in parte case da autoscostruire.
Il momento e' propizio anche dal punto di vista dei prezzi.
Abbiamo trovato varie opportunita' che si presterebbero a un simile progetto in modo eccellente. 
Le cubature ci sono gia' (anche se sono praticamente ruderi) quindi non ci sono problemi autorizzativi, in questo caso progetti e pratiche si sbrigano in pochi mesi. 
Inoltre abbiamo gia' fatto una mole di lavoro enorme per l’Ecovillaggio Solare di Alcatraz (studi, progettazioni, preventivi, struttura societaria, modalita' di finanziamento).
L’ipotesi sulla quale vogliamo aprire la discussione e' la seguente: si costituisce una Spa bloccata, che puo' compiere solo quelle specifiche operazioni decise nel progetto approvato dall’assemblea. L’amministratore delegato ha poteri limitati alla realizzazione delle decisioni dell’assemblea, cioe' non ha il potere di decidere qualche tipo di investimento o spesa che non sia nell’elenco delle uscite preventivate.
Si tratta di comprare, realizzare la progettazione, chiedere le autorizzazioni per il restauro, sistemare le strade, portare acqua, luce e telefonia ad alta velocita', e vendere gli appartamenti prima di iniziare i lavori. Cioe' non cerchiamo persone che vogliano poi abitare in questo secondo ecovillaggio ma persone che vogliano finanziare il processo iniziale di realizzazione.
Quindi l’idea riguarda chi e' interessato a investire denaro, senza dover comprare una casa.
Se tutto va bene concludiamo l’operazione in 3 anni, forse meno. Ma potrebbe anche essere che i tempi si allunghino di parecchio... In ogni caso credo che il terreno e le case, quando si compra a prezzo di rudere, in aree non sopravvalutate, mantengano il loro valore rivalutato rispetto all’inflazione. Possono cadere i prezzi nel Chianti, dove in alcune zone si superano, per un rustico ristrutturato, i 5mila euro al metro, non dove si parte da prezzi che per un rudere sono di circa un decimo.
Se ci fosse un gruppo promotore di persone disposte a fondare questa societa' con quote a partire da qualche migliaio di euro, potremmo pensarci.

Nella discussione che si e' svolta nei giorni scorsi su Facebook alcuni hanno proposto di prevedere anche partecipazioni all’investimento rateali (100 euro al mese, ad esempio) e la possibilita' di investire in questo progetto non denaro ma lavoro. Mi sembrano ottime idee.
Evidentemente si tratta di un investimento a medio termine ma potrebbe sortire un buon risultato.

Quindi, come gia' facemmo quando si inizio' a discutere del fotovoltaico, propongo un sondaggio senza nessun impegno, si tratta solo di una manifestazione di interesse per ricevere eventualmente altre informazioni.
(Se, in linea di massima, ti puo' interessare costituire con noi una simile societa', manda una mail a jacopo@alcatraz.it.)

Investire per creare Mamma Service, il primo servizio globale di consulenza esistenziale e lavorativa che ti permette di affrontare la crescente complessita' del mondo e l’enorme mole delle opportunita' che oggi ti offre.
       
L’idea parte dalla constatazione che la nostra societa', viaggia verso una crescente complessita'. Continuamente il cittadino si trova di fronte a scelte complesse, dall’acquisto del cellulare al contratto per l’elettricita'. Per non parlare dei problemi tecnici, burocratici, legali e fiscali. E quante difficolta' si potrebbero superare piu' agevolmente se fosse semplice trovare professionisti affidabili, informazioni complete, contatti produttivi?
Le persone che vengono ad Alcatraz hanno negli anni costituito una rete informale capace di produrre proprio questo: informazioni, contatti, referenze, consigli, consulenze.
Ecco che nasce l’idea di un’organizzazione commerciale che seleziona competenze e le offre a prezzi convenienti.
Alcuni spezzoni di questa idea ci sono gia' e funzionano: esistono aziende che offrono decine di consulenti, puoi farti un’idea generale su un problema con una telefonata di mezz’ora, ottenere un parere scritto o uno studio di fattibilita'. C’e' chi offre un ufficio con segretaria che risponde al telefono col tassametro; un ufficio virtuale che ti prenota i biglietti per il teatro o l’aereo, sbriga le commissioni, spedisce la posta. C’e' chi offre un allenatore psicologico, un consulente filosofico, un corso di inglese al telefono o via Skype.
Ma a queste idee ne abbiamo aggiunte molte altre, compresi servizi materiali con persone in carne ed ossa (che all’inizio saranno disponibili solo in alcune citta'. Si tratta di creare un servizio globale capace di indirizzare l’utente verso le consulenze che gli servono cullandolo e supervisionando il suo percorso. Cioe' parlarci, ascoltarlo, capirlo. Tutte cose che sappiamo fare benissimo… Chiacchierare…
Ma ecco altre idee:
A Milano c’e' il marito in affitto (ti aggiusta veramente il lavandino e la tapparella e ti cambia le lampadine. E non ti chiede niente di complicato in cambio).
Ma potremmo anche creare servizi analoghi in altri settori: il Professore da Viaggio che ti fa il ripasso di architettura durante la mezz’ora che passi in pullman prima dell’esame, via telefono, il servizio Mamma d’Emergenza che ti mette in contatto con un pool di mamme esperte e all’occorrenza con un pediatra. Il servizio Un Papa' Presentabile per le Grandi Occasioni (ne abbiamo di sinistra, di destra e di centro). 
E poi un consulente finanziario che da' solo consigli, non ti propone nessun prodotto, pero' ti sa dire se paghi troppo di assicurazione o di commissione. Ti dice anche dove trovi l’auto al prezzo migliore e quali hanno un buon odore.
Poi c’e' Emergenza Burocratica, un aiuto e consulenti affidabili nei rapporti con la pubblica amministrazione, la giustizia, le tasse. Spesso se sai le leggi li freghi. E se si mette brutta c’e' il servizio: Mi Incateno per Te, vengo io e mi lego ai cancelli di qualunque entita' sub umana ti rompa i santissimi immotivatamente.
E ancora abbiamo pensato al servizio Sveglia allegra. Ti telefona Eleonora alle 6,30 e ti racconta 20 buone notizie del suo club di Ottimiste Estreme su Facebook. Se non basta veniamo in 20 a chiedere al tuo capoufficio che cosa gli rode. Due opzioni: gruppo allegro di claun, oppure vestiti da operai della Breda cattivi con le macchie di grasso e di sugo sulla tuta blu. Tremendi!
Consigli culinari, tutoraggio telefonico, Cuoca Fantasma a domicilio (c’e' ma non sapresti dire dove).
Proposte di itinerari di vacanza.
Segnalazione di libri, film, musica, eventi artistici.
Lettura di un racconto per farti addormentare meglio (o non farti dormire MAI PIU’).
Realizzazione di qualunque tipo di oggetto stampato, biglietto da visita, maglietta, pannello, carta da parati, fotomontaggio, formaggio, decorazione o altro.
Realizzazione della tua biografia nella quale fai veramente la figura della grandissima eminenza dell’eccelsita' totale. La biografia e' correlata con le foto di te che incontri il Dalai Lama, il Lama, il Papa, Barbara Streisand, Obama, Gandhi, lo Spettro dell’Opera. Abbiamo pronta anche l’edizione in inglese, bosniaco e cinese.
Animazione per feste e funerali (funerali claun, si muore una volta sola, divertitevi!).
Ci sono poi una serie di servizi improbabili ma divertenti che possono servire per far parlare i media dell’iniziativa: ad esempio l’Ingelositore a Noleggio, l’Amica da Shopping e la Baby Sitter per Neo Divorziati e (essenziale) dove noleggiare un cammello per una gita a Cesenatico.
Ovviamente alcuni servizi che potremmo proporre sono solo un gioco ottimo per far parlare i giornali di questa impresa… L’importante e' che passi l’informazione che esiste un nuovo servizio che aiuta i cittadini a affrontare i problemi quotidiani in modo efficiente, creativo e professionale.
Come cominciare
Il primo passo dell’impresa e' quello di attivare numero di telefono a pagamento, simile ai vari 1240 o 1288, dove una cortese persona ti da' informazioni di tutti i tipi. Le differenze sostanziali con i servizi di informazione gia' esistenti sono 2.
1) Mamma Service ti dice quali sono i ristoranti buoni secondo le migliori guide sul mercato, i servizi esistenti invece ti dicono generalmente solo quali soni i ristoranti che hanno pagato per essere segnalati, comunque ti danno informazioni senza fornirti nessuna delucidazione sulla qualita'. A me non interessa sapere quali ristoranti nel raggio di 5 km sono clienti di un servizio di informazioni, voglio sapere dove si mangia veramente bene. Mamma Service entra nel merito della qualita': ti racconta dei migliori prodotti per rapporto qualita' prezzo traendo queste informazioni dalla rete e da guide cartacee (utilizzeremo tutti i servizi come Ciao.com che raccolgono recensioni dei consumatori).
2) Mamma Service non si limita a fornirti numeri telefonici e indirizzi. I nostri operatori hanno a disposizione una banca dati indicizzata che spazia in tutti i campi: hai a disposizione ogni momento un operatore capace di fare una ricerca sul web in qualsiasi direzione e fornirti subito qualunque servizio che sia acquistabile via internet. E se il tuo problema e' piu' complesso (ad esempio una consulenza legale) il nostro operatore ti fornisce il prezzo di quel particolare servizio, offerto da uno dei professionisti selezionati. 
Nella costruzione di questo progetto abbiamo investito gia' parecchio lavoro: e' operativo ormai da un anno il sito www.adomandarisponde.it che offre un servizio di consulenze di avvocati, commercialisti, notai, ingegneri, architetti, tecnici, esperti di varie discipline capaci di realizzare pareri e ricerche di qualita'. Si tratta di un punto di partenza che puo' rivelarsi prezioso nella fase iniziale fornendo gia' una massa critica di competenze selezionate, verificate e organizzate.
Ovviamente per realizzare un simile progetto servono manager in grado di coordinare il tutto, persone capaci di costruire modalita' di verifica della qualita' dei servizi e sistemi di garanzia per i clienti.
Si tratta di costruire per gradi una macchina capace di mettere in rete e promuovere le competenze di un numero sufficiente di persone, dotandosi di ufficio stampa, promotori, sito web, mailing list, sistema di pagamento via web o via telefono.
E per farlo serve un capitale iniziale che abbiamo valutato in 400.000 euro. Ovviamente si tratta di un investimento con un livello di rischio molto piu' alto del progetto “S.p.a. Ecovillaggio” in quanto non si tratta di investire in immobili e migliorie degli stessi, puntando sull’aumento di valore legato alla rivalutazione del patrimonio. Qui si tratta di credere alla possibilita' di successo di un’impresa commerciale come Mamma Service, che deve poi fare i conti con la risposta del pubblico.
L’obiettivo e' ambizioso, con un costo di gestione minimo a regime di 50.000 euro al mese.

 


Tesi di laurea sulla Casa Ecologica di Alcatraz

Tesi di laurea sulla casa ecologica di AlcatrazAnalisi, confronto e applicazione delle metodologie di
certificazione energetica degli edifici

Facoltà di Ingegneria
Corso di Laurea in Ingegneria Civile
 

Relatore: Prof. Maurizio Fauri
Laureando: Stefano Andreotti

Per leggere la tesi, formato PDF, clicca qui


CONFESSIONI MIE PERSONALI INTIME.

Non so se tu condividi la mia visione un po’ romantica e guerresca del mondo. Probabilmente no, ed e' meglio, perche' il mio modo di raccontarmi quel che mi succede e' ingombrante e probabilmente leggermente paranoide.
Ma io vedo le cose tipo film epico.
In questo momento la grande armata dei pescatori Tzaziki occupa tutto il fronte delle colline. Hanno divise di panno e feltrocolor pastello sabbiato, azzurrine, verdine, grigine. I loro cavalli sono nervosi. Un leggero vento sostiene le bandiere, strisce lunghe di seta dipinta.

Non vedo nessun esercito avversario comunque. La mia e' una guerra simbolica, con un esercito che si schiera non per combattere ma per dare inizio a una grande coreografia simbolica. Non e' guerra, e' cinema.
Forse prima o poi girero' questo film disconnesso.
Nel mondo reale le cose che succedono sono meno roboanti ma io le vedo come un insieme di grandi imprese e (magari mi illudo) mi sembra che potremmo veramente riuscire a dare una gran svolta alla situazione.

Si', perche' io non immagino che il prossimo futuro vada avanti cosi', liscio. Io immagino che ci saranno svolte epocali, insurrezioni mediatiche e altre delizie. Da sempre aspetto questi momenti e in effetti nella mia lunga vita ne ho visti parecchi.

E quando succede e' mistico. Mi ricordo l’energia fremente che si respirava nell’aria dell’universita' Statale di Milano occupata, con la polizia fuori e noi dentro a resistere.
Eravamo totalmente entusiasti di vivere la potenza del cambiamento, di esserci dentro.
Adesso e' un periodo di smorta. Vedo tonnellate di demotivazione e spossatezza.
Ma noi siamo qui schierati sulle colline e abbiamo iniziato ad attaccare.
La scommessa e' che sparati i primi colpi verso l’essenza dell’assenza di senso del Mondo, un numero sufficiente di Senza Terra si aggreghi alla Falange Fantasma.
Allora colpiremo via etere…

E’ partito l’Ecovillaggio, con la vendita ufficiale della prima casa, Vania e Claudia sono tornate dall’America con le interviste ai Seminole, stiamo raccogliendo volontari disposti a tutto per fare un romanzo nei prossimi 10 giorni. Se siamo ancora vivi domenica prossima lo potrai leggere. Questa sera, domenica, alle 18, mi collego via chat tv su www.alcatraz.it. Procedono i preparativi per la festa delle ecotecnologie demenziali con Fuori Orario di Reggio Emilia e anche per questo Super Flash Mob stiamo arruolando Costruttori di Marchingegni Energetici Improbabili.
Vieni a disselciare le strade con noi. Sotto i sampietrini c’e' la spiaggia.

(Puoi trovarmi su Facebook a tutte le ore del giorno e della notte.)


Jacopo Fo: "Ecco la casa del futuro"

dal sito http://www.avoicomunicare.it

È un mix di alta tecnologia e materiali biologici, costruirla costa un po' di più, circa il 30%, rispetto a una casa che non sia ideata con criteri ecologici, ma una volta realizzata le spese dei consumi scendono fino all'80% in meno rispetto a quello che siamo abituati a spendere in bollette e utenze varie; e in più migliora la qualità del tempo passato in casa grazie a materiali che non sono tossici e vi proteggono dai rumori esterni. Merito di un modo di pensare l'edilizia che massimizza l'isolamento termico e acustico, sfrutta fonti rinnovabili e materiali che non danneggiano la salute di chi abita queste case e razionalizza ogni utilizzo grazie anche a tecnologie avanzate, come la domotica, che consente la gestione a distanza degli impianti.
Sembra la casa del futuro? E invece esiste, una di queste l'ha costruita Jacopo Fo ad Alcatraz, nel cuore dell'Appennino umbro; hanno iniziato trent'anni fa e oggi hanno pareggiato il conto con l'ambiente: l'energia se la producono da soli, utilizzano metodi ad alto rendimento delle risorse e finora hanno rimboscato un'area di oltre 370mila mq. Qui stanno progettando un villaggio ecologico; ve la immaginate una città fatta di queste case?

 


6 progetti per rendere piu' sexy e rivoluzionario il tuo meraviglioso inverno!

Sicuramente ce n’e' almeno uno che ti fara' impazzire.
(Da quanto tempo dicevi che volevi collaborare con Alcatraz? Questo e' il momento per farlo. Subito.)

Questa estate ci ha portato un vento nuovo, i lettori di Cacao ci sono venuti a trovare in gran numero e sono nate decine di discussioni su sogni e progetti.
La sensazione che ne ho tratto e' che siamo in un momento nel quale tutto si gioca intorno alla capacita' di aprire una nuova epoca incentrata sulla collaborazione. Per anni abbiamo dovuto lavorare a testa china per far sopravvivere le fragole che avevamo piantato. E ora, magia della sincronicita' universale, Alcatraz si trova a essere pronta a connettersi con il resto del mondo e nel contempo ci sono decine di altre iniziative strepitose che potrebbero danzare con noi. La conclusione a cui siamo arrivati in tanti e' che questo e' il momento di investire le nostre energie nello sviluppo della rete che oggi puo' moltiplicare per cento le nostre potenzialita'.
Questo numero di Cacao e' quindi un appello a tutti i singoli e alle associazioni che hanno voglia di connettersi con noi su progetti concreti.
E questa intenzione e' rafforzata dalla grande opportunita' che Il Fatto Quotidiano ci sta mettendo a disposizione, con la presenza del mio blog (http://www.ilfattoquotidiano.it/blog/jfo/). Abbiamo moltiplicato per 10 volte almeno le persone che riusciamo a raggiungere quotidianamente.
Alcuni articoli hanno ottenuto piu' di mille condivisioni su Facebook (un sostegno enorme) e sono stati letti da piu' di 50.000 persone.
Questo ci ha portato a un cambiamento, ora possiamo parlare a tutto il movimento progressista sui temi che ci stanno a cuore, dalla rifondazione della politica, alla strategia dei gruppi di acquisto, del sorriso, dei piccoli passi (http://www.jacopofo.com/?q=node/4 e della Spinta Gentile (http://www.jacopofo.com/node/6611)
E possiamo anche comunicare attraverso il Fatto con altre associazioni, il che rende possibili iniziative completamente nuove come la festa con Fuori Orario sulle ecotecnologie (vedi sotto).
Infine, ancora con magnifico sincronismo, una serie di progetti sui quali stiamo lavorando da tempo e' arrivata a maturazione.
E sono diventati una possibilita' concreta.

Percio' questo numero di Cacao e' talmente pieno di proposte che devo fare un indice, senno' non si capisce niente.

INDICE
Vuoi vivere in modo completamente diverso abitando una casa ad alta efficienza energetica in un posto meraviglioso? E’ partita la vendita dei primi 30 appartamenti nell’Ecovillaggio Solare di Alcatraz (http://www.jacopofo.com/ecovillaggio-solare-ambiente).

Vuoi scrivere con noi un romanzo, una canzone, un pezzo teatrale, un fumetto? C’e' il laboratorio sui Seminole con Dario, Franca, Stefano Benni, Toni Esposito, Milo Manara http://www.jacopofo.com/seminole_america_storia_indiani_guerre_guerrieri_matriarcato)

Sei un insegnante o uno studente? Abbiamo lanciato la proposta di un laboratorio per progetti didattici (su ecologia, unita' d’Italia e storia delle rivolte degli schiavi e possiamo organizzare gite scolastiche incentrate sulla produzione di materiali multimediali su questi temi. (http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/09/07/gentile-prof-hai-voglia-di-collaborare-con-me/57582/ e http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/08/01/cara-gelmini-ti-scrivo/46581/)

Hai la fissa delle fonti energetiche rinnovabili? Per te c’e' la possibilita' di collaborare con video, immagini e macchine alla creazione della festa ecotecnologica con invenzioni pazzesche e diretta tv tra Alcatraz e Fuori Orario di Reggio Emilia. Ti basta un cellulare per collegarti al piu' grande evento ambientale del nuovo millennio (clicca qui)

Sei stufo di lavorare per le Multinazionali Antipatiche? Ecco un nuovo esaltante lavoro per tutti, vogliamo costruire la nostra allegra multinazionale che vende un “Servizio Globale di Semplificazione Esistenziale”.

Adori ballare, suonare, ascoltare musica travolgente? A ottobre c’e' il nuovo festival della musica di Imad Zebala e Nando Citarella (http://www.alcatraz.it/festival-autunno-2010.html),

PROMEMORIA
Il governo ha prorogato i finanziamenti per il fotovoltaico, l'eolico e le biomasse. Il che vuol dire che puoi realizzare un impianto di pannelli solari fotovoltaici a costo zero grazie al nostro gruppo d’acquisto e al prefinanziamento di Banca Etica. Abbiamo gia' costruito piu' di 200 impianti. Funzionano!!!
Diamoci dentro con le fonti rinnovabili! http://www.energiaarcobaleno.com/fotovoltaico/index.html