Una pizza e passa la paura

Causa maltempo molti voli negli Usa sono stati dirottati o cancellati. E’ successo anche ai passeggeri dell’America Airlines che da Los Angeles doveva arrivare a Dallas. A causa del temporale l’aereo ha dovuto fare uno scalo forzato a Falls, in Texas. Il pilota Jeff Raines ne ha approfittato ordinando 40 pizze da asporto che hanno sfamato lui e tutti i passeggeri.
Un bel gesto che ha placato animi e stomaci di tutti.
(Fonte: Repubblica)

(...) Continua a leggere CACAO di oggi

Perché tutti vogliono salvare queste profughe?

 La storia di un gruppo di immigrate fortunate arrivate sulle coste italiane. Perché tutti vogliono salvare queste profughe?
Come possiamo parlare alle persone che sono convinte che il primo problema dell’Italia siano i profughi extracomunitari neri?
Hai voglia a dirgli che forse la nostra emergenza sono le mafie, la burocrazia, la lentezza della giustizia, la corruzione e la stupidità. Hanno la mente chiusa come il cuore. Basta leggere certi post che inondano lo spazio dei commenti agli articoli che forniscono numeri indiscutibili e che fanno appello alla solidarietà umana e al buon senso. 
Per cercare di sciogliere i blocchi emotivi che stanno dietro questa cultura della paura non ci resta che usare l’antica arma del ribaltone comico e smascherare così il razzismo, a volte inconscio, che alimenta questa cultura.
E allora proviamo a cambiare l’immagine dei gommoni e mettiamoci sopra delle povere extracomunitarie di un’altra razza: le norvegesi. La Norvegia in effetti è fuori dall’Unione Europea, quindi sono extracomunitarie...
La speranza è quella di riuscire a far riflettere per un istante sui preconcetti: se fossero belle, bionde e in bikini le vorremmo?
Aiutaci a far circolare questo video! Una risata forse li porterà a farsi qualche domanda.

Categorie: 

Incontro con l'autore: Jacopo Fo a Milano il 24 settembre

Lunedì 24 settembre – ore 18.30
la Feltrinelli piazza Duomo, Milano
IL ’68 DI JACOPO FO E SERGIO PARINI
C’era una volta la rivoluzione.  Il Sessantotto e i dieci anni che sconvolsero il mondo 
(Chiarelettere) è la testimonianza di due protagonisti di una stagione irripetibile,
il racconto sincero, autocritico e ironico di Jacopo Fo e Sergio Parini.
Gli autori hanno raccolto le storie di quegli anni e ne parlano insieme a Gad Lerner.

Io vorrei il Partito dei Migranti

(Raniero Virgilio, fisico cibernetico, dopo Irlanda e Svezia ora vive a Berlino e lavora a Praga)
Perché migranti siamo in tanti. Quelli disperati dal Nord Africa. Ma migrante sono anche io da dieci anni. Dieci anni in cui produco, come altre centinaia di migliaia, assai più di chi non è emigrato, generando profitto per tasse che paghiamo in molti paesi diversi, pur non usufruendo dei relativi servizi. Io pago le scuole ceche anche se i miei figli non le frequentano, pago gli ospedali tedeschi in cui non vado e le strade italiane in cui non vivo.
(…) Continua su People For Planet

Categorie: 

Sì, ma dove?!?

Sia sul sito di Repubblica che su quello de La Stampa appare un video in cui si vede una balena sbucare davanti a una barca di pescatori e mangiarsi metà del branco di pesci che stava inseguendo. Il video è spettacolare ma in entrambi i siti non è specificato dove sia successo, contravvenendo così a una delle regole base del giornalismo. Qualcuno di voi ci sa dire la località in cui è accaduto questo fatto straordinario?
Video

(...) Continua a leggere CACAO di oggi

Jacopo Fo: 'Su ILVA nessuno ha detto niente per decenni tranne gli ecologisti, dei morti non fregava a nessuno'

Lo scrittore e regista Jacopo Fo nel dibattito con il leader ambientalista Paolo Cento e il giornalista Roberto Arditti dopo la chiusura della trattativa ILVA con ArcelorMittal siglata ieri da da Di Maio.
www.la7.it

Le smorfie dietro a Trump

E’ diventato virale un video dove si vede il presidente Donald Trump che fa un comizio a Billing, in Montana, e dietro di lui un ragazzo che attraverso la mimica facciale fa chiaramente capire che è in disaccordo con quanto viene detto o almeno ne è sorpreso. Identificato come Tyler Linfesty, il ragazzo è diventato una star.
Ci sono voluti alcuni minuti prima che la regia si rendesse conto di quello che stava accadendo e un’addetta dello staff del presidente raggiungesse il ragazzo chiedendogli di spostarsi.
Ma ormai il guaio era fatto.
Vedi qui il video

(...) Continua a leggere CACAO di oggi