Meno traffico grazie a droni, sensori e auto intelligenti

La mobilità del prossimo futuro sarà all’insegna di veicoli elettrici o ibridi, con le stesse case automobilistiche in prima fila contro le emissioni di CO2 e prototipi tutto sommato realistici di auto zero emission. Tutti veicoli che parleranno sempre più il linguaggio dell’hi-tech e saranno sempre più intelligenti. Ma resta il problema del numero di questi veicoli che circolano sulle nostre strade.
Continua su People For Planet

Categorie: 

3ª edizione del Palio dell’Alemanna a Gela

Ritorna per il terzo anno di fila il Palio dell’Alemanna, progetto volto a riscoprire la tradizione medievale tipica gelese. L’evento si terrà l’1 e il 2 settembre nel centro storico di Gela e sarà un’occasione per conoscere il patrimonio artistico, culturale e archeologico della città. Il programma prevede giochi medievali, esibizioni e sfilate ma anche visite guidate gratuite al museo archeologico e alle mura.

Clicca qui per maggiori informazioni.

Categorie: 

Jacopo Fo a Spoltore Ensemble: rassegna stampa

Spoltore Ensemble, il bilancio dell’edizione 2018

Il sindaco Di Lorito: “Un’edizione straordinaria, tutti soddisfatti della proposta artistica. Il progetto ha saputo cogliere nel segno”

SPOLTORE – Il taglio della torta, il pasticciotto salentino preparato dallo Chef Raffaello Carluccio, da parte del sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito e dall’attore e giornalista Jacopo Fo, ha segnato la conclusione, nella serata di ieri, della XXXVI Edizione dello Spoltore Ensemble 2018. Cinque serate di musica, spettacolo, teatro, arte, acrobazie circensi e molto altro che hanno fatto registrare in ogni serata il sold out sulle tre piazze impegnate negli eventi, da piazza Di Marzio a piazza D’Albenzio sino a Largo San Giovanni, per una produzione Spray Records che, dopo essersi aggiudicata la gara d’appalto, ha firmato per il terzo anno consecutivo la kermesse.

Continua a leggere...

Categorie: 

È morto Vincino. Panico in Paradiso

Era il 1976, Gad Lerner mi disse che al quotidiano Lotta Continua serviva un sostituto per Vincino che doveva andare in vacanza. Così arrivai nella sede del giornale con tipografia annessa, la porta vigilata da alcuni compagni del servizio d’ordine. C’era uno strano direttore, Enrico Deaglio, medico che di mattina prima di iniziare a fare il giornalista visitava i redattori malati, facendoli sdraiare sui tavoli e poi prescriveva medicamenti.

Vincino mi venne incontro con quel suo sorrisone, era grande e grosso e mi fu subito simpatico, spettinato con i vestiti raffazzonati, mi invitò quella sera stessa a cena. Abitava in una viuzza fetida nella zona dei Fori Imperiali, l’ingresso della palazzina era buio e sporco e io iniziai a temere di dover mangiare schifezze in un antro putrido. Vincino suonò alla porta del primo piano e quando si aprì restai a bocca spalancata vedendo una ragazza di una bellezza scioccante: Giovanna Caronia, sua moglie, che mi offrì pure una fantastica cena siciliana. Poco tempo dopo fummo chiamati a lavorare ai Quaderni del Sale da Pino Zac, il grande maestro che tornava in Italia dopo anni di fuga in Francia per una serie spaventosa di denunce per oltraggio a qualunque cosa. Fui io a trattare sui soldi con l’editore, anche per Vincino.

Continua a leggere...

Categorie: 

Incendio Bologna, il selfie con l’autocisterna in fiamme non è una mossa intelligente

Incendio Bologna, il selfie con l’autocisterna in fiamme non è una mossa intelligente

Scappare è meglio! Continuo a sentire gente che se la piglia con Renzi, Di Maio o Salvini. Ma ogni tanto mi chiedo se il problema più grosso dell’Italia siano i cattivi e i complotti oppure gli stupidi.
A Bologna, un camion cisterna brucia sul cavalcavia e centinaia di persone invece di scappare fermano le auto e si mettono a fare foto con i telefonini. Per fortuna arrivano alcuni poliziotti dotati di grandioso buon senso che bloccano la strada e si mettono a urlare per fare allontanare i curiosi. Tra questi , il poliziotto Riccardo Muci riporta gravi ustioni quando la cisterna esplode. Senza l’eroismo di questi agenti quanti morti ci sarebbero stati? E come si sentono quegli appassionati di selfie pensando che un poliziotto ha preso fuoco per salvarli dalla loro idiozia?

Ora, mi chiedo, ci vuole una mente superiore per capire che una cisterna in fiamme a un certo punto esplode? Io sarei favorevole a una legge che punisca gli stupidi.

CONTINUA A LEGGERE SUL FATTO QUOTIDIANO